BIOTINA



Indice

immagine Un'alta dieta della biotina migliora spontaneamente la tolleranza al glucosio alterata dei ratti hyperglycemic di lungo termine con i diabeti melliti non insulino-dipendenti
immagine Test di tolleranza al glucosio orale dopo i.v ad alta dose. amministrazione della biotina nei pazienti di emodialisi normoglucemic
immagine Regolamento trascrizionale della carbossichinasi del fosfoenolpiruvato del fegato da biotina in ratti diabetici
immagine Effetto di biotina sul regolamento del glucokinase nel ratto intatto
immagine Il completamento della biotina migliora le tolleranze dell'insulina e del glucosio nei topi geneticamente diabetici di KK

barra




Un'alta dieta della biotina migliora spontaneamente la tolleranza al glucosio alterata dei ratti hyperglycemic di lungo termine con i diabeti melliti non insulino-dipendenti

Zhang H.; Osada K.; Maebashi M.; Ito M.; Komai M.; Furukawa Y.
H. Zhang, laboratorio di nutrizione, chimica biologica di Dept. Applied,
Facoltà di agricoltura, Sendai 981 Giappone
Giornale di scienza nutrizionale e di Vitaminology (Giappone), 1996, 42/6
(517-526)

Il ratto grasso di Otsuka A lungo Evans Tokushima (OLETF), servente da modello spontaneamente diabetico con il diabete mellito non insulino-dipendente (NIDDM), esibisce la tolleranza al glucosio alterata (IGT) a circa 16 settimane dell'età. In questo studio, abbiamo studiato indipendentemente da fatto che la biotina, una vitamina solubile in acqua, ha migliorato il IGT dei ratti di OLETF. A questo scopo, abbiamo amministrato le diete che contengono uno di tre livelli di biotina, di dieta della alto-biotina (BH), di dieta della normale-biotina (BN) e di dieta della basale-biotina (BB), ai ratti di OLETF fino a 24 settimane dell'età. Un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) è stato eseguito quattro volte fra 13 e 22 settimane dell'età. L'amministrazione del BH correggeva il IGT dei ratti di OLETF. Sopra indagine successiva, abbiamo trovato che la secrezione dell'insulina nei ratti di OLETF-BH è stata diminuita in gran parte, segnalante che il hyperinsulinemia tipico ai ratti di OLETF-BH era migliorato chiaramente. I peso corporei erano significativamente più bassi nel gruppo di OLETF-BH che negli altri gruppi di OLETF, anche se i ratti di OLETF-BH hanno mostrato un'ingestione di cibo quotidiana di media significativamente più alta. L'obesità del corpo dei ratti di OLETF-BH ha seguito la stessa tendenza dei ratti di controllo-LETO (Evans Tokushima Otsuka lungo) (LETO-BB e LETO-BN). Questi risultati dimostrano che una dieta ad alto livello della biotina può migliorare l'handicap del glucosio nei ratti di NIDDM.




Test di tolleranza al glucosio orale dopo i.v ad alta dose. amministrazione della biotina nei pazienti di emodialisi normoglucemic

Koutsikos D.; Fourtounas C.; Kapetanaki A.; Agroyannis B.; Tzanatos H.;
Rammos G.; Kopelias I.; Bosiolis B.; Bovoleti O.; Darema M.; Sallum G.
Ospedale universitario di Aretaieon, 76, Vas. Viale di Sofias, 115 28 Atene Grecia
Insufficienza renale (U.S.A.), 1996, 18/1 (131-137)

Il metabolismo anormale del glucosio nell'uremia può derivare da un'interazione complessa fra la secrezione dell'insulina e l'insulino-resistenza in diminuzione. Gli studi recenti riferiscono l'effetto benefico dell'amministrazione della biotina nel metabolismo del glucosio in animali diabetici ed in un piccolo numero di pazienti con i diabeti melliti. Lo scopo dello studio presente era di valutare la risposta del test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) al i.v. amministrazione di grandi dosi di biotina nei pazienti di emodialisi. Undici pazienti di emodialisi invecchiati 56,90 più o meno 11,20 (32 - 76) anni su emodialisi regolare tre volte una settimana per 2,72 più o meno 1,79 anni (di 1-7) sono stati studiati. Glucosio venoso a digiuno del plasma, emoglobina glucosylated (%GH) e concentrazione 2 h nel glucosio del plasma dopo che l'amministrazione di un carico del glucosio di 75 g è stata misurata prima e 2 settimane e 2 mesi dopo amministrazione di 50 mg di biotina i.v. postdialysis e dopo un periodo di due mesi di interruzione. Durante lo studio, il programma di dialisi ed il farmaco dei pazienti, la dieta ed il peso a secco sono stati tenuti immutato. OGTT era anormale in 4 pazienti prima dell'amministrazione della biotina ed è diventato normale in 3 pazienti (75%). I nostri risultati offrono il supporto ai risultati di altri studi circa l'effetto benefico di biotina in diabete mellito sperimentale o clinico e parlano a favore della partecipazione di biotina nel metabolismo del glucosio.




Regolamento trascrizionale della carbossichinasi del fosfoenolpiruvato del fegato da biotina in ratti diabetici

Dakshinamurti K.; Servizio di biologia di Li W. Biochemistry /Molecular, università di Manitoba, Winnipeg,
Uomo. R3E OW3 Canada
Mol. CELLULA. Biochimica. (U.S.A.), 1994, 132/2 (127-132)

L'attività della carbossichinasi del fosfoenolpiruvato del fegato del ratto (PEPCK) è stata seguita su un periodo di tempo di 5 h dopo l'amministrazione di biotina dai ai ratti diabetici indotti streptozotocin. In parallelo con la diminuzione in fegato PEPCK di attività enzimatica il mRNA è diminuito da 85% a 3 h dopo l'iniezione di biotina ai ratti diabetici. Non c'era cambiamento significativo nell'accumulazione del rene PEPCK mRNA. Il parallelo studia con insulina ha indicato che la biotina ha avuta un effetto regolatore simile a quello di insulina su fegato PEPCK mRNA. L'amministrazione di biotina non ha cambiato lo stato dell'insulina del ratto diabetico che indica che la biotina non ha agito via insulina. L'attività trascrizionale del gene epatico di PEPCK, come misurata da nucleare eseguire-sull'analisi; è stato diminuito da 57% nel min 30 dell'amministrazione della biotina. I risultati indicano che la biotina regola epatico, ma non renale, concentrazione di PEPCK mRNA al livello trascrizionale in ratti diabetici.




Effetto di biotina sul regolamento del glucokinase nel ratto intatto

Hsieh Y.T.L.; Mistry S.P.
Dipartimento di pollame/di scienze aviarie, istituto di scienza dell'alimentazione, Cornell
Università, Ithaca, NY 14853-5601 U.S.A.
NUTR. Ricerca. (U.S.A.), 1992, 12/6 (787-799)

L'attività di Glucokinase è stata colpita dagli ormoni, dallo stato dietetico e dalle fonti dietetiche (per esempio, glucosio). Di conseguenza, i vari fattori (quali glucosio, insulina e biotina) colpire l'attività di glucokinase nel fegato del ratto sono stati studiati. L'attività del glucokinase era bassa in diabetico, nel digiuno e/o in ratti biotina-carenti. Nello studio presente, la sintesi de novo del glucokinase indotto dall'insulina e la biotina nel ratto intatto sono state proposte. La prima induzione del glucokinase è stata attivata da insulina. La seconda fase di attività enzimatica ha potuto essere indotta da biotina. Inoltre, il completamento di cGMP con glucosio ed insulina ai ratti carenti della biotina completamente ha ristabilito l'attività enzimatica come ha fatto biotina, indicante che l'induzione del cGMP del glucokinase dipendeva dallo stato della biotina dell'animale.




Il completamento della biotina migliora le tolleranze dell'insulina e del glucosio nei topi geneticamente diabetici di KK

Reddi A.; DeAngelis B.; O. franco; Lasker N.; Panettiere H.
Dipartimento di medicina, divisione di nefrologia, università di medicina
ed odontoiatria di nuova - jersey - nuova facoltà di medicina del Jersey, Newark, NJ
07107-3006 U.S.A.
SCI DI VITA. (U.S.A.), 1988, 42/13 (1323-1330)

Poiché il trattamento della biotina può abbassare la glicemia in diabete insulino-dipendente, abbiamo scelto di studiare un tal effetto in diabete di tipo II. Ventisei topi diabetici di KK, moderatamente hyperglycemic ed insulina resistente, sono stati trattati per 10 settimane: 9 animali con 2 mg di biotin/Kg, di 8 con 4 mg di biotin/Kg e di 9 con salino (comandi). I livelli della glicemia, la tolleranza al glucosio orale, la risposta dell'insulina a glucosio orale e la diminuzione della glicemia in risposta ad insulina sono stati quantificati. Confrontato ai comandi, il trattamento della biotina ha abbassato i livelli postprandiali del glucosio ed ha migliorato la tolleranza a glucosio e ad insulino-resistenza. I livelli immunoreactive dell'insulina del siero in topi biotina-trattati erano come i comandi.