CALCIO



Indice
immagine Regolamento del calcio dell'espressione del ricevitore dell'androgeno nella linea cellulare umana LNCaP del carcinoma della prostata
immagine Il ruolo di calcio, di pH e di proliferazione delle cellule nella morte (apoptotica) programmata delle cellule tumorali prostatiche dell'androgeno-indipendente incitate dal thapsigarin
immagine Morte programmata delle cellule come nuovo obiettivo per la terapia prostatica del cancro
immagine Eccesso di calcio nel sangue nel carcinoma della prostata: Rapporto di caso e rassegna della letteratura
immagine Escrezione del calcio nel carcinoma prostatico metastatico
immagine Chemoprevention dei tumori colorettali: ruolo di lattulosio e di altri agenti.
immagine [Panoramica--l'effetto di soppressione degli oligoelementi essenziali sullo sviluppo arteriosclerotico e su è meccanismo]
immagine Effetti differenti di PTH su afflusso del calcio dell'eritrocito
immagine Eccesso di calcio nel sangue dovuto attività costitutiva del ricevitore paratiroidale del peptide dell'ormone (PTH) /PTH-related: Confronto con iperparatiroidismo primario
immagine Osteoclasto cytomorphometry in pazienti con la frattura femorale del collo
immagine La curva di relazione del PTH-calcio nell'iperparatiroidismo secondario, in un indice della sensibilità e in suppressibility delle ghiandole paratiroidi
immagine Ruolo del peptide in relazione con l'ormone paratiroidale (PTHrP) nell'eccesso di calcio nel sangue di malignità e nello sviluppo delle metastasi osteolitiche
immagine Studio sperimentale da su osteoporosi indotta da glucocorticoide del coniglio
immagine 24,25 il completamento di dihydroxyvitamin D corregge gli equilibri del calcio di Intradialytic con differenti livelli del dializzato del calcio. Effetti sulla funzione cardiovascolare del paratiroide e di stabilità
immagine Effetti biochimici di calcio e del completamento di vitamina D in anziano, istituzionalizzati, pazienti D-carenti della vitamina
immagine Calcio, fosfato, vitamina D ed il paratiroide
immagine Il polimorfismo di lunghezza di frammento di restrizione del ricevitore di vitamina D di BsmI (bb) influenza l'effetto dell'assunzione del calcio su densità minerale ossea
immagine Cambiamenti di densità minerale ossea durante la lattazione: Componenti materne, dietetiche e biochimiche
immagine Risposta paratiroidale postprandiale dell'ormone a quattro di derrate alimentari ricche di calcio
immagine Trattamento medico complementare per la frattura di Colles: Uno studio comparativo, randomizzato, longitudinale
immagine Trattamento di osteoporosi postmenopausale: Guastato per la scelta? Parte 1 - Fondamenti per un concetto individualmente adattato della gestione
immagine Calcio e vitamina D nella prevenzione e nel trattamento di osteoporosi
immagine Assunzione del calcio e rischio di frattura: Risultati dallo studio delle fratture osteoporotiche
immagine Perdita e volume d'affari dell'osso dopo trapianto cardiaco
immagine Che cosa è anca nella dieta e nell'osteoporosi?
immagine Un'alta assunzione dietetica del calcio è necessaria per un effetto positivo su densità ossea in donne postmenopausali svedesi
immagine Miglioramento del osteopenia emiplegia-collegato più di 4 anni dopo il colpo da 1alpha-hydroxyvitamin D3 e dal completamento del calcio
immagine L'utilità del volume d'affari dell'osso nella predizione della risposta alla terapia transcutanea dell'estrogeno nell'osteoporosi postmenopausale
immagine Fratture vertebrali osteoporotiche in donne postmenopausali
immagine Proteine e salute dell'osso
immagine Osteoporosi: Prevenzione, diagnosi e gestione
immagine Collegamenti fra metabolismo ed il volume d'affari fosfocalcici dell'osso. Studio epidemiologico su osteoporosi (seconda parte)
immagine Regolamento del calcio e perdita di massa dell'osso dopo la gastrectomia totale in maiali
immagine Gestione di osteoporosi negli anziani
immagine Effetto di misurazione della densità minerale ossea sull'assunzione del calcio
immagine Osteoporosi: Le sue cause ed opportunità pediatriche di prevenzione
immagine Fonti dietetiche stimate dell'assunzione e dell'alimento del calcio per le femmine adolescenti: 1980-92
immagine La patogenesi della frattura osteoporotica relativa all'età: Effetti di privazione dietetica del calcio
immagine Prevenzione e trattamento di osteoporosi. Implicazioni farmacologiche di trattamento e della gestione
immagine Metabolismo del calcio negli anziani
immagine Terapia di osteoporosi: Calcio, vitamina D ed esercizio
immagine Patofisiologia di osteoporosi
immagine Rischio per osteoporosi in donne di colore
immagine Le considerazioni dell'età in sostanza nutriente ha bisogno di per salute dell'osso: Adulti più anziani
immagine Assunzione dietetica del calcio e la sua relazione a densità minerale ossea in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie
immagine Armonizzazione delle linee guida di pratica cliniche per la prevenzione ed il trattamento di osteoporosi e del osteopenia in Europa: Una sfida difficile
immagine Linee guida di pratica cliniche per la diagnosi e la gestione di osteoporosi
immagine Trattamenti farmacologici futuri correnti e potenziali per osteoporosi
immagine Nutrizione ed osteoporosi del calcio
immagine Osteoporosi del morbo di Crohn: Una recensione
immagine La preparazione e la stabilità delle compresse attive composte del calcio
immagine Immunosoppressione: Passeggiata di Tightrope fra gli effetti collaterali e la terapia iatrogenici
immagine Osteoporosi secondaria nelle malattie reumatiche
immagine L'intolleranza al lattosio predispone a densità ossea bassa? Uno studio basato sulla popolazione delle donne finlandesi perimenopausal
immagine da osteoporosi indotta da glucocorticoide
immagine Opzioni correnti di trattamento per osteoporosi
immagine Trattamenti per il oestoporosis
immagine La sostituzione dell'estrogeno può essere un'alternativa ad ambulatorio paratiroidale per il trattamento di osteoporosi in donne postmenopausali anziane che presentano con l'iperparatiroidismo primario: Un rapporto preliminare
immagine L'effetto del completamento e di Tanner Stage del calcio su densità ossea, sul contenuto e sull'area in donne adolescenti
immagine Osteoporosi
immagine L'osteoporosi ed il calcio ingeriscono
immagine La vitamina D ed il calcio nella prevenzione del corticosteroide hanno indotto l'osteoporosi: Seguito di 3 anni
immagine Le novità e le edizioni nella droga commercializzano 1995
immagine Influenza di stile di vita nello studio di MEDOS
immagine Ruoli della dieta e dell'attività fisica nella prevenzione di osteoporosi
immagine Il problema: Impatto di salute di osteoporosi
immagine Profilassi di osteoporosi con calcio, estrogeni e/o eelcatonin: Studio longitudinale comparativo sulla massa dell'osso
immagine Prevenzione nutrizionale di osteoporosi di invecchiamento
immagine Fratture osteoporotiche: Strategie di prevenzione e del fondo
immagine Energia e assunzione degli elementi nutritivi in pazienti con i CF
immagine L'attuale e nonhormonal futuro si avvicina a al trattamento di osteoporosi
immagine Osteoporosi transitoria dell'anca. Rapporto di caso e rassegna della letteratura
immagine Osteomalacia ed osteoporosi in una donna con la spondilite anchilosante
immagine Fabbisogno alimentare di vitamina D e del calcio delle donne anziane
immagine Calcio heated dell'SHELL-alga dell'ostrica (AAA Ca) su osteoporosi
immagine Carenza del calcio in pazienti osteoporotici fluoruro-trattati malgrado il completamento del calcio
immagine Endocrinologia
immagine Massa assiale dell'osso in donne più anziane
immagine Densità minerale ossea nelle paia della madre-figlia: Relazioni all'esercizio di vita, al consumo del latte di vita ed ai supplementi del calcio
immagine Massa riduttrice dell'osso in donne con la sindrome premestruale
immagine ormoni diregolamento attraverso il ciclo mestruale: Prova di un iperparatiroidismo secondario in donne con il PMS
immagine Completamento del calcio nella sindrome premestruale: Una prova randomizzata dell'incrocio
immagine Sclerosi a placche: vitamina D e calcio come fattori determinanti ambientali di prevalenza (un punto di vista). I.: Luce solare, fattori dietetici ed epidemiologia
immagine Le assunzioni del calcio, del fosforo e del magnesio correlano con il tenore di minerale dell'osso in donne postmenopausali
immagine Effetto dei glucocorticoidi e assunzione del calcio su densità ossea e minerali dell'osso, del fegato e del plasma in cavie
immagine Relazione fra il tasso di mortalità di cirrosi epatica ed i fattori nutrizionali in 38 paesi
immagine Profilassi dei calcoli urinarii di ricorso: acqua minerale dura o molle
immagine Studio prospettivo dei fattori nutrizionali, della pressione sanguigna e dell'ipertensione fra le donne degli Stati Uniti.
immagine Associazione dei macronutrienti e dell'apporto energetico con ipertensione.
immagine Relazioni fra magnesio, calcio ed i pazienti ipertesi di attività di renina di plasma in bianco e nero
immagine Effetto di pressione renale di aspersione su escrezione di calcio, di magnesio e di fosfato nel ratto.
immagine Trattamento di Nonpharmacologic di ipertensione.
immagine Effetti del micronutriente sul regolamento di pressione sanguigna.
immagine Ruolo di magnesio e calcio dall'nell'ipertensione indotta da alcool e colpi come sondati in vivo da microscopia della televisione, da microscopia di immagine digitale, dalla spettroscopia ottica, da 31P-NMR, dalla spettroscopia e da un elettrodo ione-selettivo del magnesio unico.
immagine Conseguenze della carenza di magnesio sul potenziamento delle reazioni di sforzo; implicazioni preventive e terapeutiche (una rassegna).
immagine Effetto del completamento dietetico del magnesio su calcio e su magnesio liberi intralymphocytic spontaneamente in ratti ipertesi colpo-inclini.
immagine Impatto di calcio aumentante nella dieta su consumo, sui lipidi del plasma e sulle lipoproteine nutrienti in esseri umani
immagine Elettroliti ed ipertensione: risultati dagli studi recenti.
immagine Aumento dell'attività dopaminergica tubolare renale dal completamento orale del calcio in pazienti con ipertensione essenziale.
immagine La patogenesi di eclampsia: “l'ipotesi di ischemia del magnesio„.
immagine Mg2+, Ca2+, Na2+ e K+ intracellulari in piastrine ed in eritrociti dei pazienti di ipertensione essenziale: relazione a pressione sanguigna.
immagine Uno studio prospettivo dei fattori nutrizionali e dell'ipertensione fra gli uomini degli Stati Uniti
immagine Elettroliti nell'epidemiologia, nella patofisiologia e nel trattamento di ipertensione.
immagine Minerali e pressione sanguigna.
immagine L'effetto del completamento di mg e di Ca ed il ruolo del sistema opioidergic sullo sviluppo di ipertensione del DOCA-sale.
immagine Modulatori dietetici di pressione sanguigna nell'ipertensione
immagine Assunzione quotidiana della macro e degli oligoelementi nella dieta. 4. Sodio, potassio, calcio e magnesio
immagine Assunzione del calcio: covariate e confounders
immagine Nutrizione e gli anziani: una panoramica generale.
immagine Pressione sanguigna e assunzione degli elementi nutritivi negli Stati Uniti.
immagine Calcio, magnesio, rame e zinco e rischio del siero di morte cardiovascolare.
immagine Funzione endoteliale nell'ipertensione deoxycorticosterone-NaCl: effetto del completamento del calcio.
immagine Prevenzione di preeclampsia con il completamento del calcio e della sua relazione con l'L-arginina: via dell'ossido di azoto.
immagine [Linee guida sul trattamento di ipertensione negli anziani, 1995--un piano sperimentale per i progetti di ricerca completi su invecchiamento e su salute-- Membri del gruppo di ricerca per “le linee guida sul trattamento di ipertensione nei progetti di ricerca anziani„ e completi su invecchiamento e su salute, nel ministero della sanità e nel benessere del Giappone]
immagine Gestione di infarto miocardico acuto negli anziani
immagine Tachicardia sopraventricolare dopo il bypass coronarico che innesta le variabili della chirurgia e del liquido e dell'elettrolito
immagine Gli effetti dei calci-antagonista su fluidità del sangue.
immagine Concentrazioni di magnesio, di calcio, di potassio e di sodio in muscolo del cuore umano dopo infarto miocardico acuto.
immagine Assunzione nutriente ed utilizzazione alimentare in una comunità del Ojibway-Cree in Ontario nordico valutato dal richiamo dietetico 24h
immagine Mgsup 2sup +-Casup 2sup + interazione nella contrattilità del muscolo liscio vascolare: Mgsup 2sup + contro i calci-antagonista organici sul tono myogenic e dalla sulla risposta indotta da agonista dei vasi sanguigni
immagine Droghe degli antiacidi: Multiplo ma proprietà farmacologiche troppo spesso sconosciute
immagine Oligoelementi nella prognosi di infarto miocardico e della morte coronaria improvvisa
immagine Assunzioni delle vitamine e dei minerali dalle donne incinte con i sintomi clinici selezionati.
immagine [Sclerosi laterale amiotrofica--ruolo causativo degli oligoelementi]
immagine Deposito di alluminio in sistema nervoso centrale dei pazienti con la sclerosi laterale amiotrofica dalla penisola di Kii del Giappone
immagine [Carenza di determinati oligoelementi in bambini con iperattività]
immagine L'afflusso aumentato di Ca2+ è compreso nel meccanismo di proliferazione migliorata delle cellule di muscolo liscio vascolari coltivate dai ratti spontaneamente diabetici di GOTO-Kakizaki
immagine Il ruolo centrale di calcio nella patogenesi della malattia cardiovascolare
immagine Calcio dietetico, vitamina D ed il rischio di cancro colorettale a Stoccolma, Svezia
immagine Prodotti naturali ed i loro derivati come agenti chemopreventive del cancro
immagine Nuovi agenti per il chemoprevention del cancro
immagine Beta agonisti frequentemente nebulized per asma: effetti sugli elettroliti del siero.
immagine Effetto del albuterol nebulized sul potassio del siero e ritmo cardiaco in pazienti con asma o la malattia polmonare ostruttiva cronica.
immagine Il trattamento a lungo termine con calcio-alfa-chetoglutarato corregge l'iperparatiroidismo secondario
immagine Vitamina D o carbonato di calcio orale nella prevenzione della malattia renale dell'osso?
immagine Confronto degli effetti del carbonato di calcio e di calcitriol sulla secrezione di interleukin-1beta e dell'fattore-alfa di necrosi del tumore dalle cellule mononucleari del sangue periferico uremico
immagine L'effetto di calcio dietetico sull'escrezione urinaria dell'ossalato dopo l'ossalato carica
immagine La mancanza di influenza di citrato di potassio a lungo termine ed il calcio citratano il trattamento nel carico di alluminio dal corpo intero in pazienti con i reni di funzionamento

barra



Regolamento del calcio e perdita di massa dell'osso dopo la gastrectomia totale in maiali

Annali di chirurgia (U.S.A.), 1997, 225/2 (181-192)

Obiettivo: La gastrectomia totale provoca spesso la malattia postgastrectomy dell'osso con la massa in diminuzione dell'osso ed il rischio aumentato di frattura. Per più ulteriormente delucidare i meccanismi della malattia postgastrectomy dell'osso, gli autori hanno studiato il metabolismo e la densità minerale ossea del calcio dopo la gastrectomia totale in maiali. Dati sommari del fondo: La malattia dell'osso di Postgastrectomy può presentare come l'osteomalacia, l'osteoporosi al di sopra di invecchiamento normale, o combinazione di entrambi. I meccanismi di fondo insufficientemente sono capiti ed hanno bisogno dell'indagine successiva. Metodi: Le cavie crescenti gastrectomized e paragonato state all'alimentato i maiali abbinati e falsità-azionati di controllo per 1 anno. Assorbimento del calcio, calcio del siero, ormone paratiroidale, 25- (l'OH) - vitamina D, 1,25 - (l'OH) 2-vitamin D, fosfatasi alcalina e densità minerale ossea di tomografia computerizzata sono stati misurati negli intervalli trimestrali. Risultati: La gastrectomia totale ha provocato l'assorbimento alterato del calcio, calcio riduttore del siero e 25- (l'OH) - vitamina D, ormone paratiroidale aumentato e 1,25- (l'OH) 2-vitamin e la densità minerale ossea riduttrice ha paragonato all'alimentato i maiali abbinati e falsità-azionati di controllo. Conclusioni: I dati degli autori indicano che un calcio riduttore del siero attiva i meccanismi contro-regolatori, con conseguente mobilizzazione del calcio dall'osso. Possibilmente, calcio e completamento di vitamina D dopo che la gastrectomia totale potrebbe impedire la perdita postgastrectomy della massa dell'osso.



Gestione di osteoporosi negli anziani

Giornale della terapia farmacologica geriatrica (U.S.A.), 1996, 11/1 (5-16)

L'osteoporosi è la patologia ossea più comune degli anziani. Questa malattia paralizzante causa ogni anno 1,5 milione fratture, con i costi annuali al sistema sanitario degli Stati Uniti di $10 miliardo. Le fratture osteoporotiche causano il dolore, l'inabilità e, in alcuni casi, la morte. La diagnosi precoce di osteoporosi è possibile con le misure accurate e non invadenti di densità ossea, miranti a quelle al più grande rischio di sviluppare le fratture osteoporotiche. Il trattamento con calcio, estrogeno, la calcitonina, o un bifosfonato stabilizza la densità ossea negli anziani e può ridurre il rischio di fratture. Questo articolo esamina le strategie correnti per la valutazione, la diagnosi e la gestione di osteoporosi.



Effetto di misurazione della densità minerale ossea sull'assunzione del calcio

Giornale giapponese di geriatria (Giappone), 1996, 33/11 (840-846)

La dieta nel Giappone è migliorato, ma l'assunzione del calcio non è aumentato per i dieci anni scorsi e rimane insufficiente. Per impedire l'osteoporosi, l'istruzione in nutrizione è diretta all'assunzione aumentante del calcio. Abbiamo studiato l'effetto di misurazione della densità minerale ossea sull'assunzione del calcio nella gente che riceve l'educazione alimentare. L'assunzione di altre sostanze nutrienti inoltre è stata misurata. Gli oggetti erano 87 donne in buona salute che vivono in una regione agricola (prefettura di Yamanashi). Erano membri di un gruppo formato per migliorare la dieta della gente nella loro area. Per i tre giorni nell'ottobre 1992 e nell'agosto 1994 le annotazioni del alimento-peso sono state ottenute. Complessivamente 76 delle 87 donne hanno scelto di avere loro densità minerale ossea misurata. Le misure prima della prima valutazione di nutrizione nel 1992. L'assunzione di quasi tutte le sostanze nutrienti ha teso nel 1994 ad essere maggior che nel 1992. L'assunzione del calcio ha superato il requisito quotidiano di minimo (600mg). L'assunzione del calcio è aumentato fra 1992 e 1994 soltanto negli oggetti di cui la densità minerale ossea era stata misurata. Assunzione del calcio in diminuzione negli altri oggetti. Di conseguenza, i programmi educativi di nutrizione puntati su impedendo l'osteoporosi possono essere più efficaci se la densità minerale ossea è misurata. Inoltre, un equilibrio appropriato di altre sostanze nutrienti può essere mantenuto come l'assunzione di calcio è aumentato.



Osteoporosi: Le sue cause ed opportunità pediatriche di prevenzione

Aggiornamento di pronto intervento per Ob/Gyns (U.S.A.), 1997, 4/1 (15-20)

L'osteoporosi è la malattia dell'osso metabolica più comune nelle società occidentali ed è caratterizzata da una riduzione della massa dell'osso che conduce alla suscettibilità aumentata alle fratture. Con gli aumenti nella speranza di vita e nel numero degli anziani, la perdita e le fratture dell'osso stanno diventando più comuni negli Stati Uniti e nel mondo intero. Di conseguenza, un'epidemia delle fratture fra gli anziani è preveduta. A tale riguardo, è ovvio che l'enfasi dovrebbe essere sullo sviluppo delle strategie per l'elevazione del guadagno dell'osso ed impedire la perdita dell'osso e l'osteoporosi successiva. Questa carta discute i concetti che sono il fondamento per la prevenzione primaria di osteoporosi: le misure che dovrebbero essere implementate durante l'infanzia e l'adolescenza, con lo scopo della massa d'ottimizzazione dell'osso nella giovane età adulta. Alcuni concetti importanti, quale la soglia di punta dell'assunzione della massa e del calcio dell'osso come pure gli studi originali delle femmine adolescenti e la loro acquisizione della massa dell'osso sono presentati. È evidente che l'osteoporosi potrebbe avere sue radici durante la crescita e dovrebbe essere trattata come tale. Gli adolescenti dovrebbero quindi essere mirati a come popolazione a rischio e le misure preventive dovrebbero essere implementate per mezzo di assunzione adeguata del calcio, dieta adeguata e programmi di esercizio puntati su aumentando la massa di punta dell'osso.



Fonti dietetiche stimate dell'assunzione e dell'alimento del calcio per le femmine adolescenti: 1980-92

Giornale di salute adolescente (U.S.A.), 1997, 20/1 (20-26)

Scopo: per stimare un'assunzione dietetica del calcio di tre gruppi di età adolescenti delle femmine 11-12 anni, 13-14 anni e 15-18 anni durante i quattro periodi di tempo di due anni separati a partire dagli anni 1980-92; e per identificare le loro fonti dell'alimento di calcio. Metodi: L'indagine nutriente dell'assunzione basata su 14 annotazioni del consumo alimentare del giorno si è raccolta da quattro campioni rappresentativi nazionali di 4.000 famiglie degli Stati Uniti. Risultati: Il consumo dietetico del calcio è diminuito significativamente (p < .01) durante il periodo di dieci anni per 15-18 anni. L'assunzione del calcio era significativamente più bassa per 13-14 anni confrontati al più giovane gruppo d'età e per 15-18 anni una volta confrontata alle due più giovani fasce d'età per tutti e quattro i periodi di studio (p < .01). Più di 90% di tutte le femmine adolescenti ha consumato < 100% del RDA per calcio durante tutti i periodi della raccolta di dati. La percentuale delle femmine adolescenti che hanno consumato più di meno di due terzi del RDA è aumentato con l'età. Settantasette per cento di 15-18 anni consumati sotto questo livello dal 1990-92. Il latte ed i prodotti lattiero-caseari erano le migliori fonti dell'alimento di calcio che contribuiscono oltre a metà del calcio alla dieta. Questa percentuale in diminuzione col passare del tempo e con l'età a 44% per le femmine di 15-18 anni nel 1990. Questo calo può essere attribuito ad un declino 7-12% nel consumo del latte fluido per 11-12 anni e 15-18 anni, rispettivamente. Conclusioni: Le stime indicano che le assunzioni dietetiche del calcio cadono a corto di lontano sia l'indennità dietetica raccomandata (RDA) che istituti nazionali delle raccomandazioni di salute (NIH). Le assunzioni sono diminuito col passare del tempo, con l'età e sembrano essere collegate con un declino nel consumo del latte fluido. Gli sforzi per aumentare il consumo del calcio fra le femmine adolescenti sembrano critici. Le chiare raccomandazioni consumare un minimo di tre servizi di ogni giorno dei prodotti lattier-caseario a bassa percentuale di grassi o senza grassi quali latte e yogurt sono necessarie aiutare questa popolazione a soddisfare le richieste quotidiane del calcio.



La patogenesi della frattura osteoporotica relativa all'età: Effetti di privazione dietetica del calcio

Giornale di endocrinologia e di metabolismo clinici (U.S.A.), 1997, 82/1 (260-264)

La patogenesi della frattura osteoporotica dopo la menopausa è incerta. Abbiamo studiato gli effetti di una dieta bassa di quattro giorni del calcio su 17 oggetti con la frattura osteoporotica vertebrale e su 17 comandi di pari età con una densità ossea all'interno di giovane gamma normale ed al di fuori della frattura. Alla linea di base, i pazienti osteoporotici sono stati abbinati bene agli oggetti normali in termini di assunzione del calcio ed assorbimento e funzione renale, ma hanno avuti il più alto volume d'affari dell'osso e iperparatiroidismo secondario relativo. Dopo che la dieta bassa del calcio, l'aumento in calcitriol era carente in oggetti osteoporotici. Questi dati sono coerenti con la patogenesi suggerita di tipo II o di osteoporosi relativa all'età ed indicano che in questi oggetti con la frattura osteoporotica ci sia stato un difetto primario nella produzione di calcitriol che ha provocato l'iperparatiroidismo secondario. Questo difetto può essere la causa di alto volume d'affari dell'osso e può svolgere un ruolo importante nello sviluppo di perdita dell'osso in questi oggetti.



Prevenzione e trattamento di osteoporosi. Implicazioni farmacologiche di trattamento e della gestione

Droghe e invecchiamento (Nuova Zelanda), 1996, 9/6 (472-477)

Nel clima economico corrente, l'osteoporosi è un'edizione di salute pubblica importante a causa del tasso alto di fratture connesse con la malattia. La prevenzione di osteoporosi è un approccio redditizio, particolarmente nelle popolazioni di invecchiamento. L'esercizio moderato incoraggiante ed il completamento dietetico con calcio e la vitamina D, particolarmente in anziani istituzionalizzati, sono le misure nonpharmacological principali della gestione usate per impedire e trattare l'osteoporosi. Le misure farmacologiche sono state sviluppate durante gli ultimi anni e l'estesa ricerca è in corso. I risultati di terapia ormonale sostitutiva in massa aumentata dell'osso, particolarmente in pazienti postmenopausali ed il suo effetto attualmente sta studiando nella popolazione anziana. I bifosfonati, particolarmente alendronati, stanno promettendo ed hanno pochi effetti contrari, ma l'emissione di costo deve essere affrontata. Gli agenti farmacologici che stimolano la formazione dell'osso, quale il fluoruro di sodio, ormone della crescita ed altri fattori trofici, stanno ricercandi.



Metabolismo del calcio negli anziani

Giornale di Gerontologia (Italia), 1996, 44/2 (91-96)

Il processo di invecchiamento è caratterizzato tramite parecchie alterazioni nel metabolismo del calcio e da un equilibrio negativo del calcio. Il calcio dal corpo intero è ridotto negli anziani. Poiché 99% di calcio dal corpo intero è localizzato nell'osso questa riduzione è associata con una riduzione in massa progressiva dell'osso, fragilità aumentata dello scheletro e con il rischio aumentato di fratture. La riduzione in calcio con invecchiamento è associata paradossalmente con un'accumulazione di calcio all'interno delle cellule e dei tessuti molli. Da un punto di vista metabolico, il processo di invecchiamento è associato con parecchie alterazioni nell'omeostasi del calcio. L'assunzione del calcio, l'assorbimento del calcio e la conservazione renale tutta del calcio sono ridotti in invecchiati. I livelli di ormone di Calciotropic subiscono le alterazioni con l'età. 25 (l'OH) 2 livelli tendono a diminuire con l'età dovuto l'assunzione riduttrice di vitamina D e come conseguenza di una riduzione dell'esposizione al sole. I livelli di PTH in risposta allo stato della privazione del calcio e della riduzione di calcio ionizzato siero tendono progressivamente ad aumentare con l'età. L'invecchiamento inoltre è associato con un aumento nel volume d'affari dell'osso, come documentato dai livelli aumentati del siero e degli indicatori urinarii di formazione dell'osso e di riassorbimento dell'osso. Questo aumento in osso che ritocca direttamente è collegato con la riduzione della massa dell'osso e del rischio aumentato di fratture. I supplementi del calcio insieme alle droghe capaci di ridurre il volume d'affari dell'osso, possono contribuire alla normalizzazione dell'equilibrio del calcio ed a ridurre il rischio di fratture negli anziani.



Terapia di osteoporosi: Calcio, vitamina D ed esercizio

Giornale americano delle scienze mediche (U.S.A.), 1996, 312/6 (278-286)

Il completamento del calcio lungamente è stato considerare come una parte fondamentale della prevenzione e del trattamento di osteoporosi postmenopausale, ma è soltanto negli ultimi anni che la chiara prova è emerso dimostrando il suo impatto sulla massa dell'osso. Il completamento del calcio completamente non arresta la perdita postmenopausale dell'osso ma rallenta il tasso di declino da 30 - 50%. L'effetto del completamento del calcio sull'incidenza di frattura in donne postmenopausali non è stato stabilito. La carenza di vitamina D è comune negli anziani delicati, specialmente in paesi in cui la fortificazione o l'alimento con questa vitamina non è praticata. Il trattamento della carenza di vitamina D è stato associato con le riduzioni significative del numero delle fratture dell'anca. Il ruolo dei metaboliti potenti di vitamina D, calcitriol e alphacalcidol, in gestione di osteoporosi postmenopausale non è chiaro. Sebbene alcuni studi mostrino i benefici sostanziali nella densità ossea o fratturino il tasso dall'uso di questi composti, i dati pubblicati sono contradditori. Generalmente la terapia ormonale sostitutiva ed i bifosfonati potenti producono i maggiori effetti su densità ossea e c'è una maggior consistenza fra i risultati degli studi pubblicati su questi altri interventi. Le prove controllate degli interventi di esercizio in donne postmenopausali indicano che l'esercizio può influenzare positivamente la densità ossea da alcune percentuali. Gli interventi di esercizio negli anziani sono stati riferiti a frequenza di caduta di diminuzione da 10%. Questo effetto posteriore può avere un maggior impatto su frequenza di frattura che i benefici modesti dell'esercizio su densità ossea.



Patofisiologia di osteoporosi

Giornale americano delle scienze mediche (U.S.A.), 1996, 312/6 (251-256)

Come con molte malattie croniche che si esprimono tardi nella vita, l'osteoporosi è distintamente multifattoriale sia in eziologia che in patofisiologia. Le fratture osteoporotiche si presentano a causa di una combinazione di lesione e di fragilità ossuta intrinseca. La lesione viene il più spesso da una combinazione di cadute, di riflessi posturali difficili che non riescono a proteggere le parti ossute da impatto e di tessuto molle riduttore che riempie sopra le protuberanze ossute. La fragilità ossuta stessa è un composto della geometria, densità della messa bassa, separazione dei collegamenti microarchitectural in strutture trabecular e danno accumulato di affaticamento. La massa riduttrice dell'osso, a sua volta, è causata variando le combinazioni di carenza gonadica dell'ormone, le assunzioni insufficienti di calcio e della vitamina D, l'attività fisica in diminuzione, la morbilità concomitante e gli effetti delle droghe usate per trattare le varie condizioni mediche indipendenti. Per concludere, il risultato spesso difficile dalla frattura dell'anca negli anziani è causato parzialmente da malnutrizione collegata di caloria della proteina. Un programma preventivo adeguato per la frattura osteoporotica deve indirizzare l'altrettanto di questi fattori come possibile, lo IE, deve essere complesso come la malattia è multifattoriale.



Rischio per osteoporosi in donne di colore

Internazionale calcificata del tessuto (U.S.A.), 1996, 59/6 (415-423)

I modelli di perdita dell'osso di involutional e le strategie per la prevenzione di osteoporosi sono stati sviluppati per le donne bianche. Le donne di colore hanno più alte densità ossee che le donne bianche, ma come le età nere della popolazione ci sarà una popolazione sempre più più alta delle donne di colore con osteoporosi. Le strategie dovrebbero essere sviluppate per ridurre il rischio di donne di colore per le fratture di fragilità. Le misure absorptiometry dei raggi x doppi di energia del dal corpo intero, del femore, della spina dorsale e del raggio sono state realizzate su 503 donne in bianco e nero in buona salute di 20-80 anni. Gli indici del volume d'affari dell'osso, degli ormoni calcitrophic e dell'efficienza di assorbimento del calcio del radioisotopo inoltre sono stati misurati per confrontare i meccanismi di perdita dell'osso. Le donne di colore hanno avute più alti valori del BMD ad ogni sito provato che le donne bianche in tutto il ciclo di vita adulto. Le donne di colore hanno una massa dell'osso dell'più alto picco e un tasso leggermente più lento di perdita adulta dell'osso dal femore e dalla spina dorsale, che sono siti scheletrici formati principalmente dall'osso trabecular. Gli indici del volume d'affari dell'osso sono più bassi in donne di colore come sono i livelli di calcidiol del siero e l'escrezione urinaria del calcio. I livelli elevati dell'ormone di calcitriol e del paratiroide del siero sono in donne di colore e l'efficienza di assorbimento del calcio è le stesse in bianco e nero donne, ma l'assunzione dietetica del calcio è più bassa in donne di colore. Le donne in bianco e nero hanno un simile modello di perdita dell'osso, con perdita sostanziale dell'osso dal femore e dalla spina dorsale prima di menopausa e una perdita accelerata dell'osso dallo scheletro totale ed il raggio dopo menopausa. Gli più alti valori per densità ossea in donne di colore rispetto alle donne bianche sono causati da una massa dell'osso dell'più alto picco e da un tasso più lento di perdita dai siti scheletrici formati principalmente dall'osso trabecular. Le strategie a basso rischio per migliorare la massa di punta dell'osso e per abbassare la perdita dell'osso, quali calcio e l'aumento di vitamina D della dieta, dovrebbero essere esaminate per le donne di colore. Il rischio contro i benefici di terapia sostitutiva ormonale dovrebbe essere risoluto, particolarmente in donne più anziane.



Le considerazioni dell'età in sostanza nutriente ha bisogno di per salute dell'osso: Adulti più anziani

Giornale dell'istituto universitario americano di nutrizione (U.S.A.), 1996, 15/6 (575-578)

Le conoscenze attuali della relazione fra nutrizione e salute dell'osso negli anziani sono sufficienti, se applicate, per condurre ad una riduzione di fratture in invecchiati di 30-60%. Le sostanze nutrienti critiche sono calcio e vitamina D e possibilmente fosfatizzano pure. Ulteriormente, le misure nutrizionali, particolarmente replezione della proteina, migliorano drammaticamente i risultati dalla frattura dell'anca. Gli interventi indicati hanno fortunatamente una relazione dei costi e dei redditi favorevole, particolarmente quando il latte scremato è usato come la fonte delle sostanze nutrienti necessarie.



Assunzione dietetica del calcio e la sua relazione a densità minerale ossea in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie

Giornale di medicina interna (Regno Unito), 1996, 240/5 (285-292)

Obiettivi. per studiare l'assunzione del calcio e la sua associazione con densità minerale ossea (BMD) ed il tipo e le dimensioni della malattia in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie (IBD). Regolazione. Clinica dell'ospedale universitario, oggetti. Complessivamente 152 pazienti non selezionati di IBD e 73 comandi sani. Misure. L'assunzione dietetica del calcio è stata valutata con un questionario di frequenza dell'alimento ed il BMD della spina lombare e del femore prossimale è stato misurato. Risultati. I pazienti di IBD hanno avuti assunzione dietetica più bassa del calcio (1034 (deviazione standard 493) mg) che i comandi (1334 (514) mg, P < 0,001). La differenza era significativa nei maschi (1047 (552) mg e 1575 (586) mg, rispettivamente, P < 0,001), ma non nelle femmine (1020 (422) mg e 1112 (303) mg). L'assunzione quotidiana dietetica del calcio era inferiore a mg 1000 in 53% dei pazienti e in 27% dei comandi (P = 0,0004) ed inferiore a 400 mg in 9,2% dei pazienti e di nessuno dei comandi (P = 0,007). L'assunzione del calcio non è stata associata con la severità o il tipo di IBD. Settantuno pazienti (di 47%) ed otto comandi (di 11%) hanno evitato il lattosio nella loro dieta (P < 0,001). Nei pazienti di IBD, nessun'associazione fra l'assunzione del calcio ed il BMD sono stati individuati, mentre nei comandi una correlazione positiva fra l'assunzione del calcio ed il BMD del femore prossimale è stata trovata. Le conclusioni, assunzioni del calcio sotto le raccomandazioni sono vedute più spesso nei pazienti di IBD che nei comandi sani, ma nei pazienti di IBD l'assunzione del calcio non è associata con il BMD in uno studio rappresentativo. Una dieta del basso lattosio è comune fra i pazienti di IBD. Per ridurre il rischio di assunzione insufficiente del calcio, le restrizioni dietetiche inutili riguardo a, per esempio prodotti lattiero-caseari, dovrebbero essere evitate per questi pazienti.



Armonizzazione delle linee guida di pratica cliniche per la prevenzione ed il trattamento di osteoporosi e del osteopenia in Europa: Una sfida difficile

Internazionale calcificata del tessuto (U.S.A.), 1996, 59/SUPPL. 1 (S24-S29)

Europa è una rappezzatura di varie culture e risorse finanziarie mediche. Le variazioni abbondano riguardo ad accessibilità di finanziamento ai sistemi di salute pubblica, spese di salute, registrazione e risarcimento del farmaco, la prescrizione dei farmaci e le applicazioni cliniche come pure la percezione di osteoporosi stessa. Tuttavia, ci sono possibilità per l'armonizzazione dei servizi medici fra i vari paesi all'interno di Europa. L'agenzia europea di l$valutazione dei l$medicinali (EAEMP) sta assistendo alle procedure centralizzate o decentralizzate per la registrazione delle droghe. Il gruppo per il rispetto dell'etica e l'eccellenza nella scienza (GREES) sta studiando le linee guida per la registrazione della droga come pure sta riunendo e facendo i riferimenti medici disponibili. Il fondamento europeo per osteoporosi ed il malattie delle ossa (EFFO) sta aumentando la consapevolezza della prevalenza della malattia e l'esigenza della prevenzione e del trattamento. Per concludere, la federazione internazionale delle società sulle malattie scheletriche (IFSSD) è la ricerca epidemiologica, clinica e sociale di coordinazione. C'è un'esigenza di consapevolezza aumentata di osteoporosi in tutto Europa. I servizi sanitari sono necessitante i rapporti beneficio/di costo che conducono alla registrazione ed al risarcimento degli agenti. I medici di pronto intervento hanno bisogno delle informazioni su osteoporosi e devono essere implicati nella diagnosi e nella scienza della malattia. La consapevolezza deve essere generata fra gli specialisti: devono essere istruiti nelle ultime tecniche per la diagnosi ed il trattamento. Per concludere, la popolazione in genere deve diventare cosciente di osteoporosi ed essere incoraggiata per partecipare alla prevenzione ed al trattamento di questa malattia. La selezione e la rilevazione correnti in Europa sta facenda da densitometria. Tuttavia, altre tecniche sull'orizzonte includono l'ultrasuono e gli indicatori biochimici. La prevenzione primaria, cioè, massimizzante la massa di punta dell'osso, include l'esame della genetica di osteoporosi per determinare la popolazione ad alto rischio e la promozione l'esercizio fisico ragionevole ed abitudini dietetiche/stile bugia (per esempio, calcio aumentato ed evitare tabacco). La prevenzione secondaria comprende l'identificazione dei gruppi ad alto rischio con i fattori di rischio, indicatori biochimici e densitometria ed aderenza alla definizione dell'organizzazione mondiale della sanità di osteopenia-osteoporosi (adattata alle preoccupazioni finanziarie dalle linee guida di GREES). Altre terapie includono gli agenti della sostituzione dell'ormone (sebbene ci siano rischi per cancro e preoccupazioni circa la durevolezza), il calcio ed altri inibitori di riassorbimento dell'osso, di attività fisica e della profilassi di vitamina D negli anziani. Il trattamento di osteoporosi stabilita o severa include le droghe sopra disponibilità (inibitori di riassorbimento dell'osso e gli stimolatori di formazione dell'osso), chirurgia e gli approcci sperimentali.



Linee guida di pratica cliniche per la diagnosi e la gestione di osteoporosi

Giornale medico canadese di associazione (Canada), 1996, 155/8 (1113-1129)

Obiettivo: per raccomandare le linee guida di pratica cliniche per la valutazione della gente a rischio di osteoporosi e per l'efficaci diagnosi e gestione della circostanza. Opzioni: Schermatura e metodi diagnostici: valutazione di fattore di rischio, valutazione clinica, misura di densità minerale ossea, indagini del laboratorio. Terapie profilattiche e correttive: il calcio ed il completamento di vitamina D, l'attività fisica e le tecniche nutrizionali dell'caduta-evitare, terapia ormonale ovarica, bifosfonato droga, altre terapie farmacologiche. farmaci e tecniche della Dolore-gestione. Risultati: Prevenzione di perdita di densità minerale ossea e di frattura; massa aumentata dell'osso; e qualità della vita migliore. Prova: Gli studi ed i rapporti epidemiologici e clinici sono stati esaminati, con l'enfasi sulle prove controllate randomizzate recenti. La pratica clinica nel Canada ed altrove è stata esaminata. La disponibilità dei prodotti del trattamento e delle attrezzature diagnostiche nel Canada è stata considerata. Valori: I metodi redditizi ed i prodotti che possono essere adottati attraverso il Canada sono stati considerati. Un valore alto è stato dato alla valutazione accurata del rischio e dell'osteoporosi di frattura ed a densità minerale ossea aumentante, ridurrsi frattura: e rischio di frattura e effetti collaterali di minimizzazione di diagnosi e di trattamento. I benefici, nuoce a e costa: La diagnosi e la gestione adeguate di osteoporosi minimizzano la lesione e l'inabilità, migliorano la qualità della vita per i pazienti e riducono i costi alla società. I metodi razionale mirati a di selezione e di diagnosi sono sicuri e redditizi. Gli effetti collaterali ed i costi nocivi delle terapie raccomandate sono minimo rispetto al nuoce a e costa di osteoporosi non trattata. Le terapie alternative forniscono una gamma di scelte per i medici ed i pazienti. Raccomandazioni: Gli insiemi della popolazione ad ad alto rischio dovrebbero essere identificati e poi la diagnosi essere confermati con densitometria dell'osso. i raggi x di Doppio-energia absorptiometry sono la tecnica di misura preferita. La radiografia può essere un'aggiunta una volta indicata. Il calcio ed il completamento nutrizionale di vitamina D dovrebbero essere ai livelli attualmente raccomandati. I pazienti dovrebbero essere consigliati nelle tecniche e negli esercizi dell'caduta-evitare. L'immobilizzazione dovrebbe essere evitata. Le linee guida per gestione di dolore acuto sono elencate. La terapia ormonale ovarica è la terapia della scelta per la prevenzione di osteoporosi e del trattamento nelle donne della menopausa della posta. I bifosfonati sono una terapia alternativa per le donne con osteoporosi stabilita che non può o preferire non prendere la terapia ormonale ovarica. Convalida: Queste linee guida sono state esaminate ed approvato state dal comitato consultivo scientifico della società di osteoporosi del Canada, in consultazione con la diversi famiglia e medici di famiglia.



Trattamenti farmacologici futuri correnti e potenziali per osteoporosi

Annali delle malattie reumatiche (Regno Unito), 1996, 55/10 (700-714)

C'è stato una massima interesse nel trattamento farmacologico di osteoporosi ed in un aumento nel numero delle droghe disponibili nella maggior parte dei paesi. La droga ideale (una che aumenta o ristabilisce la densità ossea e la connettività trabecular) non è ancora disponibile. Tuttavia, in pazienti con la connettività trabecular relativamente conservata e la densità ossea moderatamente riduttrice, parecchi agenti hanno indicato il beneficio clinico sostanziale. Gli estrogeni sono ancora il sostegno di trattamento farmacologico, ma i rischi di cancro al seno contro i benefici cardiovascolari e scheletrici con uso a lungo termine devono essere valutati nell'individuo. Gli estrogeni specifici del più nuovo tessuto mostrano una certa promessa a tale riguardo. I bifosfonati e possibilmente fluoruro sono probabili essere le alternative principali agli estrogeni a medio termine. I più nuovi bifosfonati, alendronati ed in futuro risedronate, sono probabili sostituire il etidronate. Calcitriol probabilmente ha un ruolo limitato, limitato a quei pazienti in cui la terapia ormonale sostitutiva o i bifosfonati non è appropriati. Il completamento del calcio, o un aumento nell'ingestione dietetica se carenti, indipendentemente da cui l'agente è usato, è inoltre del beneficio. In pazienti più anziani c'è considerevole contributo a usando una combinazione di calcio e di vitamina D. Se il trattamento di combinazione, per esempio estrogeni, bifosfonati e calcio insieme, provocherà la maggior efficacia resta indicare conclusivamente, ma può essere un'opzione attraente in più giovani pazienti con il più alto volume d'affari dell'osso. Oltre a fluoruro, gli stimolatori di formazione dell'osso sono improbabili da avere un ruolo principale fino al secolo venturo, sebbene possa essere possibile usare i fattori di crescita come componente di un regime di ADFR (A = attiva il ritocco, D diminuisce il riassorbimento, la F = formazione libera e la R = la ripetizione). Ciò è ancora un approccio teorico importante ed ha bisogno di ulteriore lavoro con i più nuovi agenti di vedere se l'efficacia aumentata può essere trovata. Inoltre il trattamento sequenziale può essere necessario in considerazione dei periodi di tempo limitati sopra cui gli agenti particolari, quale fluoruro intermittente (quattro anni), hanno Ben esaminato e questo dovrà essere adattato individualmente.



Nutrizione ed osteoporosi del calcio

Giornale medico canadese di associazione (Canada), 1996, 155/7 (935-939)

Obiettivo: per raccomandare i livelli appropriati di assunzione del calcio alla luce degli studi più recenti. Opzioni: Assunzione del calcio, completamento del calcio, calcio e completamento dietetici di vitamina D; terapia ormonale ovarica in donne postmenopausali. Risultati: Frattura e perdita di densità minerale ossea nell'osteoporosi; la massa aumentata dell'osso, la prevenzione delle fratture e la qualità della vita migliore si sono associate con la prevenzione di osteoporosi. Prova: Gli studi ed i rapporti clinici pertinenti sono stati esaminati, in particolare quelli pubblicati dalla società 1988 di osteoporosi del documento programmatico del Canada su nutrizione del calcio. Soltanto gli studi in esseri umani sono stati considerati, compreso controllato, prove randomizzate e gli studi prospettivi, facendo uso della massa dell'osso e delle fratture come punti finali. Gli studi dentro presto e le fasi più tarde di crescita scheletrica sono stati notati. L'analisi è stata destinata per eliminare la menopausa come variabile di confusione. Valori: Impedire l'osteoporosi e massimizzare la qualità della vita sono stati dati un valore alto. I benefici, nuoce a e costa: La nutrizione adeguata del calcio aumenta la densità minerale ossea durante la crescita scheletrica ed impedisce la perdita dell'osso e le fratture osteoporotiche negli anziani. I rischi connessi con l'alta assunzione dietetica del calcio sono bassi e uno studio recente estende questa conclusione fino il rischio di calcoli renali. I pazienti carenti di lattasi possono sostituire il yogurt ed il latte lattasi-trattato per il latte della mucca. La vera allergia del latte è probabilmente rara; la sua promozione del diabete mellito in gente suscettibile sta studianda. Raccomandazioni: La corrente ha raccomandato le assunzioni di calcio è troppo bassa. Le linee guida rivedute dell'assunzione destinate per ridurre la perdita dell'osso e per proteggere dalle fratture osteoporotiche sono suggerite. I canadesi dovrebbero tentare di soddisfare le loro richieste del calcio principalmente con le fonti dell'alimento. I supplementi farmaceutici del calcio ed il consiglio di un dietista dovrebbero essere considerati dove le preferenze o la carenza dietetiche della lattasi limitano il consumo di latticini. Ulteriore ricerca è necessaria prima della raccomandazione dell'uso generale dei supplementi del calcio dagli adolescenti. Il suplementation del calcio non può sostituire terapia ormonale nella prevenzione di perdita postmenopausale e delle fratture dell'osso. Gli importi adeguati della vitamina D sono necessari per salute ottimale di assorbimento e dell'osso del calcio. Gli anziani e coloro che utilizza gli schermi di sole pesanti dovrebbero avere un'ingestione dietetica di 400 - 800 IU della vitamina D al giorno.



Osteoporosi del morbo di Crohn: Una recensione

Giornale canadese di gastroenterologia (Canada), 1996, 10/5 (317-321)

L'osteoporosi lungamente è stata una complicazione riconosciuta del morbo di Crohn (CD), con un'incidenza documentata che varia da 31% a 65%. La causa di osteoporosi nei pazienti di Crohn è probabilmente multifattoriale; i corticosteroidi, le citochine infiammatorie, la piccola resezione dell'intestino e le carenze risultanti di vitamina D e del calcio, il ipogonadismo, la malnutrizione e la cachessia di infiammazione tutti svolgono un ruolo. Tuttavia, il meccanismo responsabile di osteoporosi connessa con il CD rimane poco chiaro. Il trattamento di densità ossea in diminuzione nei pazienti del CD è stato limitato a calcio ed alla sostituzione di vitamina D. La comprensione attuale della patofisiologia, del meccanismo e del trattamento di osteoporosi in CD è esaminata, con il fuoco sul ruolo da di osteoporosi indotta da steroide e sull'uso dei bifosfonati.



La preparazione e la stabilità delle compresse attive composte del calcio

Giornale farmaceutico cinese (Cina), 1996, 31/8 (474-477)

Obiettivo: per preparare le compresse attive composte del calcio e valutare la loro stabilità. Metodo: La formulazione ottimale delle compresse è stata trovata con progettazione ortogonale di esperimento. La stabilità delle compresse è stata studiata da durata di inutilizzo e dall'esperimento accelerato. Risultati: Le compresse pronte rapidamente disentigrated nel min 15 ed hanno mostrato la buona stabilità nelle varie circostanze sperimentali. Conclusione: Le compresse attive composte del calcio faranno una parte importante nella prevenzione e nel trattamento del medio evo recente o di più vecchia osteoporosi.



Immunosoppressione: Passeggiata di Tightrope fra gli effetti collaterali e la terapia iatrogenici

Schweizerische Medizinische Wochenschrift (Svizzera), 1996, 126/38 (1603-1609)

L'effetto terapeutico della maggior parte dei immunosoppressori è inspecific e quindi limitato spesso da un rischio aumentato di infezione dagli organismi virali, batterici o fungosi come pure da un'incidenza aumentata dei neoplasma maligni. Questo breve esame include i immunosoppressori più comunemente usati quali i corticosteroidi, l'azatioprina, il metotrexato, la ciclofosfamide e la ciclosporina. I rischi più comuni di trattamento a lungo termine dei corticosteroidi sono cambiamenti del tipo di Cushing, tolleranza al glucosio in diminuzione ed il diabete steroide solitamente benigno. Inoltre importante è clinicamente l'osteoporosi, poiché può essere impedita da addestramento fisico, dal completamento del calcio e dal trattamento con la vitamina D se necessario. Sebbene non ci sia ancora prova di un rischio significativamente aumentato di ulcera peptica durante la terapia steroide, i pazienti possono sviluppare l'emorragia e perfino la perforazione gastrointestinali senza produrre il dolore mentre sono trattato con i corticosteroidi. Gli effetti del mineralcorticoide, quali sale e ritenzione idrica, sono veduti soltanto con l'idrocortisone e prednisone, mentre con gli steroidi sintetici quale desametasone, la conservazione del sodio è assente malgrado la loro forte attività antiphlogistic. L'effetto collaterale più importante dell'azatioprina degli agenti, del metotrexato e della ciclofosfamide citotossici è soppressione del midollo. dovuto l'alto volume d'affari dei neutrofili, pazienti il più delle volte soffra la neutropenia piuttosto che la trombocitopenia o l'anemia. La neutropenia come pure i meccanismi immuni umorali e cellulari alterati, sono responsabili di suscettibilità aumentata alle malattie batteriche, virali o parassitarie durante la terapia immunosopressiva. L'epatotossicità è stata riferita fra i pazienti che ricevono l'azatioprina (epatite colestatica) ed il metotrexato (livelli di AST e, raramente, fibrosi del fegato o cirrosi elevata). La ciclofosfamide causa la cistite emorragica in una percentuale sostanziale di pazienti come pure un'incidenza aumentata dei neoplasma urothelial. Entrambi questi effetti collaterali possono essere impediti da Mesna. Gli effetti collaterali più importanti di ciclosporina sono nefrotossicità acuta e cronica connessa solitamente con i livelli significativamente elevati del plasma della droga. Deve essere considerato che la nefrotossicità severa può accadere in pazienti che ricevono insieme la ciclosporina ed il ketoconazolo, poiché gli ultimi possono aumentare inadeguato il livello di ciclosporina del plasma.



Osteoporosi secondaria nelle malattie reumatiche

Ceska Revmatologie (repubblica Ceca), 1996, 4/2 (51-57)

Nell'introduzione gli autori presentano la definizione contemporanea di osteoporosi (OP) e un conto sulle cause di osteoporosi secondaria. Nell'artrite reumatoide (RA) (ed in altri tipi infiammatori di reumatismi), l'osteoporosi juxtraarticular e diffusa è incontrata. La presenza di OP diffuso in pazienti con RA, non trattata mai con gli steroidi, è stata confermata in un'indagine sui paia monozygotic dei gemelli da Sambrook et al. Le cause di OP diffuso in pazienti con RA includono: a) effetto sistemico dei mediatori infiammatori (IL-1, IL-6 e TNFalpha), dei cambiamenti nei livelli di ormone di circolazione, dei cambiamenti nel metabolismo del calcio e dell'attività fisica riduttrice. Una frequente causa di OP è l'amministrazione degli steroidi (da OP indotto da Cs). Nel meccanismo dello sviluppo formazione riduttrice di CS-OP in particolare di nuova di osso è implicato, mentre il riassorbimento dell'osso è solitamente normale. Può, tuttavia, essere aumentato di iperfunzione paratiroidale secondaria come conseguenza di ipocalcemia dall'nell'assorbimento riduttore indotto da Cs del calcio. Nella conclusione gli autori discutono i principi di prevenzione e di trattamento da di osteoporosi indotta da Cs.



L'intolleranza al lattosio predispone a densità ossea bassa? Uno studio basato sulla popolazione delle donne finlandesi perimenopausal

Osso (U.S.A.), 1996, 19/1 (23-28)

La relazione tra malassorbimento della lattasi e osteoporosi è poco chiara. Abbiamo esaminato la relazione tra intolleranza al lattosio auto-riferita (LI) e densità minerale ossea (BMD) in donne finlandesi perimenopausal. Una popolazione casuale un campione di 2025 donne ha invecchiato 48-59, che ha subito la misura spinale e femorale del BMD con i raggi x doppi absorptiometry a Kuopio, che la Finlandia durante il 1989-1991 ha formato la popolazione di studio. Da queste donne, 162 donne hanno riferito LI. L'assunzione media del calcio della latteria era 558 mg/giorno in donne con LI e 828 mg/giorno in altre donne (p < 0,0001). Il BMDs spinale medio era 1,097 e 1,129 g/cm2 (- 2,8%) (p = 0,016) e il BMDs femorale medio erano 0,906 e 0,932 g/cm2 (- 2,8%) (p = 0,012) per il LI ed altre donne, rispettivamente. Dopo avere registrato per ottenere il peso, l'età, gli anni da menopausa e la storia di terapia ormonale sostitutiva, queste differenze sono cambiato a -2,7% (p = 0,016) per lo spinale e a -2,4% (p = 0,012) per il BMD femorale, rispettivamente. L'assunzione del calcio della latteria era un determinante dell'indipendente del BMD femorale. L'aggiunta delle variabili dell'assunzione del calcio nel modello a più variabili non ha colpito la differenza spinale del BMD, ma ha indebolito la differenza femorale del BMD a -1,9% (p = 0,075). I nostri risultati indicano che LI leggermente riduce il BMD perimenopausal, possibilmente attraverso l'assunzione riduttrice del calcio.



da osteoporosi indotta da glucocorticoide

Medicina et igiene (Svizzera), 1996, 54/2127 (1490-1495)

I corticosteroidi inducono pricipalmente la perdita trabecular dell'osso che conducono all'osteoporosi responsabile delle fratture e un tasso alto di morbosità. Così i pazienti che iniziano un trattamento a lungo termine con i corticosteroidi dovrebbero essere valutati per densità ossea e gli indicatori biochimici. Tutti trarranno giovamento dalle misure preventive con calcio e supplementi di vitamina D come pure trattamento ormonale se necessario. In pazienti con la massa bassa dell'osso ed in ancora di più per quelle con le fratture, i trattamenti remineralising con fluoruro o i bifosfonati vogliono il belp riducono la perdita dell'osso e possono anche aumentare la massa dell'osso.



Opzioni correnti di trattamento per osteoporosi

Giornale di reumatologia (Canada), 1996, 23/SUPPL. 45 (11-14)

Gli scopi del trattamento per i pazienti con osteoporosi sono di mantenere l'osso normale e di impedire il deterioramento dell'osso normale all'osso osteoporotico. Il risultato di questi scopi, combinato con un riuscito approccio alla prevenzione delle cadute, può fare diminuire sostanzialmente l'incidenza ed il rischio di fratture. Le strategie per la terapia di osteoporosi includono le strategie pazienti (per esempio, amministrazione di calcio, dell'esercizio), la terapia farmacologica per stimolare la formazione dell'osso (per esempio, fluoruro, steroidi anabolizzanti) e le droghe per inibire il riassorbimento dell'osso (per esempio, terapia sostitutiva dell'estrogeno, calcitonina, bifosfonati).



Trattamenti per il oestoporosis

Revue Francaise de Gynecologie et d'Obstetrique (Francia), 1996, 91/6 (329-334)

La terapia preventiva per osteoporosi dovrebbe essere raccomandata teoricamente alle donne a cessazione delle mestruazioni ed agli individui anziani di qualsiasi sesso. Tuttavia, le decisioni terapeutiche dipendono molto dai diversi fattori, soprattutto massa dell'osso valutata facendo uso di mezzi absorptiometry o altri. La terapia ormonale sostitutiva (terapia ormonale sostitutiva) con le combinazioni del estrogeno-progestinico è il trattamento più efficace per le donne a menopausa ma è controindicata in alcuni pazienti; i risultati di alcuni studi che hanno trovato un piccolo aumento nel rischio di cancro al seno in pazienti che ricevono la terapia ormonale sostitutiva sono esposti alle critiche. La terapia del fluoruro ha generato la considerevole controversia ma può continuare ad essere usato secondo le regole ragionevoli. La terapia profilattica della calcitonina è costosa e richiede le modalità del trattamento che i pazienti siano riluttanti ad accettare. Il calcio supplementare e la terapia di vitamina D è innegabilmente efficaci, almeno negli oggetti molto anziani. Altri trattamenti inoltre sono discussi. Viste correnti tenute dai pazienti e forse da alcuni medici, per quanto riguarda il valore del trattamento preventivo affinchè necessità di osteoporosi siano cambiati.



La sostituzione dell'estrogeno può essere un'alternativa ad ambulatorio paratiroidale per il trattamento di osteoporosi in donne postmenopausali anziane che presentano con l'iperparatiroidismo primario: Un rapporto preliminare

Internazionale di osteoporosi (Regno Unito), 1996, 6/4 (329-333)

L'ambulatorio paratiroidale è indicato in pazienti che presentano con iperparatiroidismo primario (PHPT) ed osteoporosi (definita come densità minerale ossea più di 2 deviazioni standard sotto il normale). Molte sono donne anziane con i problemi di salute complessi, poco disposti o considerati inadatti per chirurgia. La terapia sostitutiva dell'estrogeno (ERT) può potenzialmente essere una forma alternativa di terapia in questo gruppo. Abbiamo studiato 15 donne postmenopausali consecutive che presentano con PHPT e l'osteoporosi. Raggruppi 1 ha compreso 5 donne che hanno eletto per essere curate con ERT (estrogeno equino coniugato, 0.3-0.625 mg/giorno). Le altre 10 donne hanno subito riuscito parathyroidectomy. Questi 10 pazienti sono stati suddivisi a caso nel gruppo 2 (5 pazienti che hanno ricevuto il calcitriol 0,25 microg b.i.d. per 12 mesi che seguono chirurgia) e gruppo 3 (5 pazienti che hanno ricevuto il calcio elementare 1 g/giorno per 12 mesi che seguono la chirurgia). Il tratto lombare della colonna vertebrale e la densità minerale ossea femorale del collo (BMD) sono stati misurati prima di e dopo 12 mesi della terapia, facendo uso di un assorbimetro dei raggi x di doppio-energia (DPX-L lunare). I tre gruppi non hanno differito riguardo alle loro età (media del gruppo 71,8 anni), o al calcio del siero della linea di base (media del gruppo 2,77 mmol/l), ormone paratiroidale del siero (media del gruppo 11,0 pmol/l), BMD del tratto lombare della colonna vertebrale (media 0,93 g/cm2 del gruppo) e BMD femorale del collo (media 0,73 g/cm2 del gruppo). Il calcio del siero normalizzato in tutti i pazienti che hanno subito la chirurgia ed in nessuno ha sviluppato l'ipoparatiroidismo. Una diminuzione non significativa in calcio del siero è stata veduta in pazienti curati con ERT soltanto. Tratto lombare della colonna vertebrale (+5,3% all'anno; Ci di 95%, 1,1% a 9,6%) e BMD femorale del collo (+5,5% all'anno; Ci di 95%, -2,1% a 13,2%) aumentato significativamente dopo 12 mesi di ERT (p < 0,001 rispetto ai valori di pre-terapia). Questi aumenti nel BMD non hanno differito significativamente da quelli in pazienti che hanno subito riuscito parathyroidectomy seguito dalla terapia di calcitriol o dalla sostituzione del calcio (un aumento del BMD del tratto lombare della colonna vertebrale di +6,2% all'anno, ci 3,1% - 9,4% di 95%; e un aumento femorale del BMD del collo di +3% all'anno, ci 0 di 95% a 6%). Riassumendo, gli aumenti in tratto lombare della colonna vertebrale e nel BMD femorale del collo si presentano dopo il trattamento di PHPT. ERT è sembrato efficace quanto parathyroidectomy (combinato con i supplementi del calcio o di calcitriol) per il trattamento di osteoporosi in donne postmenopausali anziane che presentano con PHPT



L'effetto del completamento e di Tanner Stage del calcio su densità ossea, sul contenuto e sull'area in donne adolescenti

Internazionale di osteoporosi (Regno Unito), 1996, 6/4 (276-283)

Cento dodici ragazze caucasiche, 11,9 + o - 0,5 anni all'entrata, sono state randomizzate in una prova per determinare l'effetto del completamento del calcio sul tenore di minerale dell'osso, in un'area dell'osso ed in una densità ossea di 24 mesi, doppio mascherate, controllate con placebo. Il completamento era calcio di mg 500 come malato del citrato del calcio (CCM) al giorno. I comandi hanno ricevuto le pillole del placebo e la conformità di entrambi i gruppi ha stato in media 72%. Disossi il tenore di minerale, area dell'osso e la densità minerale ossea del tratto lombare della colonna vertebrale e dal corpo intero minerali è stata misurata dai raggi x doppi di energia absorptiometry (DXA). L'assunzione del calcio dalle fonti dietetiche ha stato in media 983 mg/giorno per l'intero gruppo di studio. Il gruppo completato ricevuto, in media, un 360 calcio/giorni supplementari di mg dal CCM. Alla linea di base e dopo 24 mesi, i due gruppi non hanno differito riguardo alle misure antropometriche, ai livelli di ormone riproduttivi urinarii o ad alcuna misura di progressione puberale. Il gruppo completato ha avuto maggiori aumenti delle misure dal corpo intero dell'osso: contenuto 39,9% contro 35,7% (p = 0,01), area 24,2% contro 22,5% (p = 0,15) e densità 12,2% contro 10,1% (p = 0,005). le analisi di Regione-de-interesse hanno indicato che il gruppo completato ha fatto i maggiori rispetto guadagni al gruppo di controllo per densità minerale ossea, il contenuto e l'area. In particolare, nel tratto lombare della colonna vertebrale e nel bacino, i guadagni fatti dal gruppo completato erano 12%-24% maggior degli aumenti fatti dal gruppo di controllo. I tassi di acquisizione dell'osso nei due gruppi di studio erano più ancora rispetto suddividendo i gruppi in quelli ai valori sotto o sopra-mediani per il punteggio di Tanner e l'assunzione dietetica del calcio. Negli oggetti con i punteggi sotto-mediani di Tanner, l'acquisizione dell'osso non è stata colpita dal completamento del calcio o dal livello dietetico del calcio. Tuttavia, gli oggetti completati calcio con Tanner sopra-mediano hanno avuti più alti tassi di acqusition dell'osso che il gruppo del placebo con i punteggi sopra-mediani di Tanner. Riguardante il gruppo del placebo, il gruppo completato aveva aumentato i guadagni annuali del contenuto, dell'area e della densità dell'osso che hanno rappresentato circa 1,5% dei valori della femmina adulta. Tale aumenta, se maturità scheletrica tenuta del toadult, potrebbe assicurare la protezione contro il rischio futuro di fratture osteoporotiche.



Osteoporosi

Cliniche di riabilitazione e della medicina fisica di Nord America (U.S.A.), 1996, 7/3 (583-599)

La gestione di osteoporosi è provocatoria. I medici possono guardare in avanti ad un numero crescente dei farmaci per il trattamento e la prevenzione. La gestione di riabilitazione comprende il miglioramento di dolore, prescrizione di attività fisica ed esercizio come pure l'uso appropriato delle modalità e del orthotics. È inoltre essenziale per consigliare il paziente sulla dieta, compreso le esigenze di calcio e la vitamina D. Assessment ed il trattamento dei fattori emozionali e psicosociali è necessaria inoltre. La prevenzione dell'inabilità con particolare rilievo sulla prevenzione di caduta contribuirà a ridurre l'incidenza delle fratture. L'intervento di riabilitazione può contribuire a migliorare la qualità della vita per i molti pazienti con osteoporosi.



L'osteoporosi ed il calcio ingeriscono

En Obstetricia y Ginecologia (Spagna), 1996, 39/4 di Progresos (289-292)

L'osso che relativi al contenuto minerali a calcio ingeriscono è analizzato in 200 donne con una progettazione di caso-control. 75 sono stati diagnosticati di osteoporosi e i 125 rimanenti hanno avuti tenore di minerale normale dell'osso. L'età ha variato fra 48 e 55 anni, con mesi più bassi di periodo climateric i di 18. La determinazione di massa dell'osso è stata effettuata con il doppio densitomerty fotonic di absortion. Il calcio ingerisce lo studio è stato compiuto con 24 ore prima ricorda a, con l'intervista personale. È stato ripetuto 4 volte negli anni un. C'erano differenze significative ed inoltre una correlazione positiva in massa dell'osso relativa a calcio ingerisce anche in osso trabecular o corticale.



La vitamina D ed il calcio nella prevenzione del corticosteroide hanno indotto l'osteoporosi: Seguito di 3 anni

Giornale di reumatologia (Canada), 1996, 23/6 (995-1000)

Obiettivo. Per determinare l'efficacia e la sicurezza della vitamina D 50.000 unità/settimana e calcio 1.000 mg/giorno nella prevenzione del corticosteroide hanno indotto l'osteoporosi. Metodi. I doppi ciechi minimizzati, prova controllata placebo in corticosteroide hanno trattato gli oggetti in un ospedale affiliato dell'università terziaria di cura. Il campione era 62 oggetti con il rheumatica della polimialgia, l'arterite temporale, l'asma, la vasculite, o i lupus eritematosi sistemici. La misura primaria di risultato era la modifica percentuale nella densità minerale ossea (BMD) del tratto lombare della colonna vertebrale nei 2 gruppi del trattamento dalla linea di base a seguito di 36 Mo. Risultati. I BMD del tratto lombare della colonna vertebrale nella vitamina D e nel calcio trattati raggruppano in diminuzione attraverso una media (deviazione standard) di 2,6% (4,1%) a 12 Mo, di 3,7% (4,5%) a 24 Mo e di 2,2% (5,8%) a 36 Mo. Nel gruppo del placebo c'era una diminuzione di 4,1% (4,1%) a 12 Mo, di 3,8% (5,6%) a 24 Mo e di 1,5% (8,8%) a 36 Mo. Le differenze osservate fra i gruppi non erano statisticamente significative. La differenza a 36 Mo era -0,693% (ci -5,34, 3,95 di 95%). Conclusione. La vitamina D ed il calcio possono contribuire ad impedire la perdita iniziale di osso veduta nel tratto lombare della colonna vertebrale come misurato da densitometria del tratto lombare della colonna vertebrale. La vitamina D ed il calcio a lungo termine in quelli che subiscono la terapia estesa con i corticosteroidi non sembra essere utili.



Le novità e le edizioni nella droga commercializzano 1995

Ricerca e Pratica (Italia), 1996, 12/68 (63-71)

Undoubtly i dati più pertinenti redatti in questo periodo considerano il trattamento di ipercolesterolemia. Lo studio S4 in effetti ha dimostrato conclusivamente l'efficacia delle statine nella prevenzione secondaria degli eventi coronari. L'ovest del gruppo di studio coronario di prevenzione della Scozia ha indicato forte un ruolo per le statine inoltre nella prevenzione primaria, sebbene con un beneficio meno favorevole/rischi e benfit/profilo costato. L'alendronato è l'efficace indicato quarta droga nella riduzione delle fratture in donne in post-menopausa, dopo gli estrogeni, la calcitonina ed il calcio più la vitamina D. Mentre gli estrogeni rimangono prima scelta quando la terapia è considerata nell'immediato post-menopausa-perché del loro più alto effetto protettivo e dei loro benefici cardiovascolari aggiunti - i dati disponibili non sono sufficienti a ha scelto fra le alternative per le donne più anziane o per quelli poco disposti a prendere gli estrogeni. Il calcio più la vitamina D rimane la scelta più economica. Formoterol è il primo beta-2-agonist sostituto lungo da venire sul mercato dopo il successo del salmeterolo. Il suo inizio rapido di azione è stato considerato un buon motivo consigliarlo anche per il sollievo degli attacchi di asma. È il nostro parere che l'uso di breve alternativa sostituta (come il salbutamolo) deve ancora essere preferito per motivi di sicurezza. L'interferone beta è stato studiato in pazienti con la sclerosi a placche recidivante-remittente. Sebbene sembri capace da ridurre le ricorrenze, la droga non ha effetto dimostrabile sull'inabilità. Le edizioni metodologiche ed i forti interessi acquisiti, consigliano la cautela con il reguard ad un'accettazione non critica di questa opzione terapeutica.



Influenza di stile di vita nello studio di MEDOS

Giornale scandinavo di reumatologia, supplemento (Norvegia), 1996, 25/103 (112)

MEDOS è uno studio di caso-control dove 9.000 persone sono state intervistate con un esteso questionario, a periodo della frattura o nei comandi di pari età. Sia uomini che assunzione di ium nella dieta, escrezione urinaria di calcio, calcio del siero, fosfato del siero, paratormone del siero e calcitonina. In bambini (10-14 anni) con la carenza e l'osteoporosi della lattasi il valore medio dell'assunzione del calcio era più piccolo (mg 540-670 al giorno) che in pazienti del gruppo lattasi-normale (in media mg 820 al giorno). In bambini l'osteoporosi ha sviluppato 2-10 anni dopo la diagnosi di hypolactasia. Nel gruppo di donne postmenopausali (50-60 anni) l'assunzione del calcio era più piccola nel gruppo carente di lattasi con osteoporosi (mg di essere in media 630 al giorno), nel gruppo lattasi-normale in donne postmenopausali l'assunzione del calcio che era normale (mg circa 1200 al giorno). Escrezione urinaria di calcio (per 24 h) ed altre analisi del laboratorio non ha differito in pazienti con il hypolactasia dai pazienti del gruppo lattasi-normale. La carenza della lattasi sembra essere uno di parecchi fattori che predispongono lo sviluppo di osteoporosi, probabilmente attraverso l'assunzione diminuita del calcio.



Ruoli della dieta e dell'attività fisica nella prevenzione di osteoporosi

Giornale scandinavo di reumatologia, supplemento (Norvegia), 1996, 25/103 (65-74)

Negli ultimi anni, molta attenzione è stata orientata verso la prevenzione di osteoporosi, poiché questa malattia si è trasformata in in una causa principale della morbosità e della mortalità in donne anziane. La ricerca ha dimostrato che la prevenzione di osteoporosi e delle fratture in relazione con l'osteoporosi può essere raggiunta il più bene iniziando i comportamenti sani di salute presto nella vita e continuandoli durante vita. La prova suggerisce che l'osteoporosi sia più facile da impedire che trattare. Infatti, le pratiche iniziali sane di vita, compreso il consumo adeguato di maggior parte di sostanze nutrienti, attività fisica regolare ed altri comportamenti sani, contribuiscono alle misure minerali del maggior osso ed alla massa di punta ottimale dell'osso entro la quarta decade di vita delle femmine e, forse, anche dei maschi. Parecchi rapporti hanno indicato che il consumo adeguato di sostanze nutrienti, calcio in particolare, durante gli anni post-puberali pre-puberali ed in anticipo di femmine contribuisce alla massa di punta aumentata dell'osso. Effettivamente, i benefici scheletrici dal completamento a lungo termine del calcio sono stati riferiti per le femmine a praticamente ogni periodo del ciclo di vita. La vitamina D, che possono essere consumate o prodotte in modo endogeno con l'azione di luce solare, promuove l'assorbimento del calcio e quindi migliora la mineralizzazione dell'osso. Quindi, il consumo adeguato di calcio, insieme con la vitamina D, nella vita in anticipo probabilmente ottimizzerà la massa di punta dell'osso e le assunzioni adeguate di queste due sostanze nutrienti dovrebbero continuare con il resto di vita a contribuire a mantenere la massa dell'osso. D'altra parte, il consumo in eccesso del fosforo può trattenere la maturazione minerale dell'osso a causa dell'elevazione risultante dei livelli di ormone paratiroidali del siero. Ulteriormente, le alte assunzioni di proteina, il sodio e la caffeina possono fare diminuire la massa del minerale dell'osso attraverso escrezione urinaria aumentata di calcio. La vitamina K può anche avere un effetto positivo importante sullo sviluppo e sulla manutenzione dell'osso con il suo ruolo nella promozione delle carbossilazione della proteina della matrice, osteocalcin. In conclusione, la prevenzione di osteoporosi deve cominciare durante gli anni pre--ubertal e dovrebbe essere continuata durante vita. La massa dell'osso può essere mantenuta meglio più successivamente nella vita attraverso consumo adeguato di parecchie sostanze nutrienti con i ruoli specifici nel metabolismo dell'osso e del calcio, nell'attività fisica regolare e nella pratica di uno stile di vita sano. Meccanismi attraverso cui le sostanze nutrienti e la massa dell'osso di influenza di esercizio saranno esplorate.

immagine