FOSFATIDILCOLINA

INDICE

Gli effetti ipocolesterolemici e antiatherogenic della fosfatidilcolina attuale applicata in conigli con ipercolesterolemia ereditabile.

Un rapporto sulla terapia della fosfatidilcolina in un bambino di sindrome di Down.

Uso di colina fosfatidilica poli-insatura nell'epatite attiva cronica negativa di HBsAg: Risultati della prova controllata della prova alla cieca futura


FOSFATIDILCOLINA

Gli effetti ipocolesterolemici e antiatherogenic della fosfatidilcolina attuale applicata in conigli con ipercolesterolemia ereditabile.

 Hsia SL; Lui JL; Nie Y; Fong K; Milikowski C

 Dipartimento di dermatologia e di ambulatorio cutaneo, scuola di medicina dell'university of miami, Florida 33101, U.S.A.

 Arteria (STATI UNITI) 1996, 22 (1) p1 ‑ 23

 

Per verificare gli effetti ipocolesterolemici e antiatherogenic possibili della fosfatidilcolina transdermally amministrata (PC), ci siamo applicati una soluzione di 33% di PC in etanolo che contiene 0,01% idrossitolueni butilati come antiossidante, alla parte posteriore rasa di uno sforzo dei conigli innati che hanno sviluppato spontaneamente l'ipercolesterolemia (colesterolo nel siero superiore a 110 mg/dl) e le lesioni aterosclerotiche severe particolarmente in Arch. aortico. Dopo l'applicazione topica del PC, gli aumenti del ‑ della colina che contengono i fosfolipidi nel sangue sono stati osservati, raggiungenti un plateau in 24 ‑ 48 ore. C'erano riduzioni significative in colesterolo nel siero ed il colesterolo di LDL in thesions nell'arco aortico era chiaramente meno severo negli animali trattati ripetutamente con il PC attuale. Gli effetti ipocolesterolemici e antiatherogenic del PC attuale hanno potuto essere il risultato del deflusso aumentato del colesterolo dai tessuti extraepatici e dal trasporto inverso migliorato del colesterolo.

 

Un rapporto sulla terapia della fosfatidilcolina in un bambino di sindrome di Down.

 Volume psicologico di febbraio di rapporti 1986 58(1) 207-217

 

Presenta il caso di un ragazzo di sindrome dei bassi 21/2-yr-old (DS) che è stato dato un supplemento della fosfatidilcolina (150 mg/kg, giorno) su un periodo di 7 Mo. Le misure dell'elettroencefalogramma indicano una normalizzazione durante il periodo del trattamento con la ricaduta secondaria delle anomalie durante il periodo del placebo. La S ha mostrato che un aumento definitivo nelle abilità di lingua e di discorso come pure nelle capacità motorie generali che hanno ecceduto stesso-ha invecchiato i pari di DS che sperimentano come i programmi di formazione. I dati suggeriscono che la terapia della fosfatidilcolina possa essere utile per il miglioramento del funzionamento neurofisiologico ed intellettuale di alcuni bambini di DS.

 

Uso di colina fosfatidilica poli-insatura nell'epatite attiva cronica negativa di HBsAg: Risultati della prova controllata della prova alla cieca futura

 FEGATO (DANIMARCA), 1982, 2/2 (77-81)

 

In uno studio in doppio cieco futuro, la terapia fosfatidilica poli-insatura della colina (g/giorno 3) è stata data oltre alla terapia immunosopressiva di manutenzione normale a 15 pazienti con epatite attiva cronica negativa di HBsAg. La prova istologica di attività di malattia è stata ridotta significativamente nel gruppo fosfolipide-trattato. I risultati indicano che la colina fosfatidilica poli-insatura è utile come trattamento supplementare in gestione dei pazienti con epatite attiva cronica negativa di HBsAg di cui la malattia è controllata insufficientemente con le dosi convenzionali della terapia immunosopressiva.