Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti












INFEZIONI DEL CANDIDA (LIEVITO, FUNGOSI)
(Pagina 2)


Stampa? Usi questo!
Indice

barra

libro [Infezione del candida dei genitali femminili. Reclami e risultati clinici]
libro L'integratore alimentare di neosugar altera la flora fecale e fa diminuire le attività di alcuni enzimi riduttori nei soggetti umani.
libro Utilizzazione di fructooligosaccharide ed inibizione in vitro di speci della salmonella. dai batteri selezionati.
libro Il fructooligosaccharide, il xylooligosaccharide e la gomma arabica dietetici hanno effetti variabili su proliferazione delle cellule epiteliali e di microbiota cecal e colico in topi ed in ratti.
libro Un confronto tra suscettibilità e cinque agenti antifungini delle culture del lievito dai pazienti dell'ustione.
libro [Prova di A dell'uso di diflucan (fluconazolo) in pazienti con candidosi vaginale]
libro [Fluconazolo--un nuovo agente antifungino]
libro [Endofitalmite endogena del candida: una nuova terapia]
libro “Valutazione di prospettiva di candidosi dilagante di Candida Antigen Detection Test For e dei pazienti adulti immunocompromessi con Cancro„
libro “Patogenesi di candidosi: Immunosoppressione dai cataboliti del mannano della parete cellulare„
libro Vaginitus e consumo del yogurt
libro Aglio
libro “Aglio: Un esame della sua relazione alla malattia maligna„
libro “Potenziali di Anticarcinogenic e di Anticandidal per aglio„
libro “Vaginal Flora e infezioni delle vie urinarie„
libro Candida Albicans
libro “Regolamento della risposta immunitaria a Candida Albicans da monocito e da progesterone„
libro Perossido di idrogeno producendo gli organismi
libro “Organismi producenti perossido dell'idrogeno tossici a Vaginal Bacteria„
libro Vaginal Ecosystem
libro “Vaginal Ecosystem„
libro Candida Vaginitis, lactobacillus acidophilus e yogurt


barra



[Infezione del candida dei genitali femminili. Reclami e risultati clinici]

Lachenicht P
Med Klin (Germania, ad ovest) 31 gennaio 1969, 64 (5) p203-6

Non estratto.



L'integratore alimentare di neosugar altera la flora fecale e fa diminuire le attività di alcuni enzimi riduttori nei soggetti umani.

Buddington RK; Williams CH; Sc di Chen; Witherly SA
Dipartimento delle scienze biologiche, università di Stato del Mississippi, stato 39762-5759, U.S.A. del Mississippi.
J Clin Nutr (Stati Uniti) maggio 1996, 63 (5) p709-16

L'influenza del fructooligosaccharide dietetico (neosugar) sulla flora e sulle attività fecali degli enzimi riduttori è stata studiata in 12 sani, i soggetti umani adulti hanno alimentato una dieta controllata per 42 d e 4 dati il g neosugar/d fra i giorni 7 e 32. I campioni fecali sono stati raccolti prima che, durante e dopo che il completamento con neosugar per enumerare gli anaerobi, gli aerobi, il bifidobacteria e gli enterobatteri totali e per analizzare per beta-glucuronidase, il nitroreductase e l'idrossilasi acida glycocholic. Sebbene la dieta controllata causi un aumento in anaerobi e in bifidobacteria totali, le più alte densità si sono presentate durante il completamento con neosugar. Gli aerobi e gli enterobatteri totali più di meno sono stati colpiti dalla dieta e neosugar. Neosugar ha causato beta-glucuronidase ed attività acide glycocholic dell'idrossilasi fare diminuire 75% e 90%, rispettivamente; entrambi aumentati dopo il completamento con neosugar sono stati fermati. L'attività di Nitroreductase ha diminuito 80% dopo che la dieta di controllo è stata iniziata, ma non è stata colpita da neosugar. Questi risultati indicano che 4 il g neosugar/d alterano la flora fecale in un modo percepito come utile facendo diminuire le attività di alcuni enzimi riduttori.



Utilizzazione di fructooligosaccharide ed inibizione in vitro di speci della salmonella. dai batteri selezionati.

Oyarzabal OA; Conner DE
Dipartimento di scienza del pollame, università castana dorata, Alabama 36849-5416, U.S.A.
Pollo giovane Sci (Stati Uniti) settembre 1995, 74 (9) p1418-25

Gli esperimenti in vitro sono stati eseguiti per determinare:

1) capacità inibitorie dei batteri microbici di diretto-federazione di potenziale contro i sierotipi della salmonella; e

2) l'abilità del bifidum di Bifidobacterium, degli sp. di enterococcus faecium, del lactobacillus casei, di lactococcus lactis, del pediococco e delle speci della salmonella. per svilupparsi in media che contengono i fructooligosaccharides (formulazione pura del fos o di FOS-50) come la sola fonte del carboidrato.

Tredici batteri (due sforzi del bacillus coagulans, bacillus licheniformis, bacillus subtilis, bifidum del B., faecium del E., due sforzi del lactobacillus acidophilus, L. casei, sp. del pediococco, acidopropionici del propionibatterio, jensenii del P. e sp. del propionibatterio) sono stati analizzati ad inibizione di sei sierotipi della salmonella (enteritidis dello S. California, dello S., missione dello S. Heidelberg, dello S., S. Senftenberg e S. typhimurium) facendo uso di una tecnica del punto--prato inglese. Bifidum di Bifidobacterium, faecium del E., tutti i lattobacilli e sp. del pediococco. crescita chiaramente inibita di tutti i sierotipi della salmonella. Negli esperimenti di crescita, in faecium del E., nel del latte del L. e negli sp. del pediococco. si è sviluppato in media con FOS-50 o la formulazione pura di fos come la sola fonte del carboidrato. Tutta la salmonella analizzata classifica secondo il sierotipo FOS-50 utilizzato per la crescita; tuttavia crescita diversa fra i sierotipi. Al contrario, nessuno dei sierotipi della salmonella si sono sviluppati in media che contengono la formulazione pura di fos come la sola fonte del carboidrato.



Il fructooligosaccharide, il xylooligosaccharide e la gomma arabica dietetici hanno effetti variabili su proliferazione delle cellule epiteliali e di microbiota cecal e colico in topi ed in ratti.

MD di Howard; Distacco di Gordon; KA di Garleb; Ms di Kerley
Dipartimento di zootecnica, università di Missouri, Colombia 65211, U.S.A.
J Nutr (Stati Uniti) ottobre 1995, 125 (10) p2604-9

Due esperimenti sono stati eseguiti per determinare se completando la fibra solubile (fructooligosaccharide, xylooligosaccharide o gomma arabica) ad una dieta semi-elementare favorevolmente cambierebbero le popolazioni cecal e coliche di microbiota e migliorerebbero la proliferazione delle cellule epiteliali. Gli esperimenti 1 e 2 hanno usato i regimi dietetici identici; i topi ed i ratti sono stati dati il libero accesso ad una dieta semi-elementare in polvere. Gli animali sono stati assegnati ad uno dei quattro gruppi seguenti del trattamento: controllo, fibra, fructooligosaccharide, xylooligosaccharide e gomma arabica dietetici non supplementari. La fibra dietetica è stata fornita via acqua potabile a 30 g/l. Nelle popolazioni di esperimento 1 di Bifidobacteria e della flora anaerobica totale sono stati enumerati dal contenuto dell'intestino cieco e dei due punti dei topi appena svezzati. Il consumo di fructooligosaccharide ha aumentato (P < 0,05) le concentrazioni di Bifidobacteria ed il rapporto di Bifidobacteria alla flora anaerobica totale. Nel tessuto di esperimento 2 dall'intestino cieco e nei due punti distali dei ratti appena svezzati è stato esaminato per i cambiamenti morfologici della mucosa. Il consumo di xylooligosaccharide ha aumentato (P < 0,05) la profondità cecal della cripta e l'indice d'etichettatura riguardante gli altri tre trattamenti. Il consumo di gomma arabica ed il controllo sono a dieta (P < 0,01) la zona cecal aumentata di proliferazione. Il consumo di xylooligosaccharide ed il controllo sono a dieta (P < 0,01) la densità cecal aumentata delle cellule (numero delle cellule in una verticale-metà della cripta). La profondità colica distale della cripta era più grande (P < 0,05) nei comandi ed i ratti hanno alimentato il fructooligosaccharide, intermedio in quelli gomma arabica ed il più piccolo alimentati in quelle xylooligosaccharide alimentato. Questi risultati indicano che il fructooligosaccharide efficacemente stimola la crescita di Bifidobacteria e il xylooligosaccharide sostiene un potenziamento modesto di proliferazione cecal delle cellule epiteliali.



Un confronto tra suscettibilità e cinque agenti antifungini delle culture del lievito dai pazienti dell'ustione.

Ancora junior della JM; Legge EJ; Belcher KE; Spencer SA
Augusta Regional Medical Center, Georgia, U.S.A.
Ustioni (Inghilterra) maggio 1995, 21 (3) p167-70

I pazienti con i gradi significativi di immunocompromise, quale cancro, AIDS e grandi ustioni, che hanno ricevuto le quantità significative di antibiotici, possono sviluppare le infezioni con gli organismi del lievito. Sopra un periodo di tre anni, tutti i pazienti con le emocolture fungose positive e la maggior parte delle ferite dei pazienti con le grandi ustioni considerate come un rischio di infezione di lievito sono stati selezionati e provato stati a loro suscettibilità a cinque agenti antifungini, ad amfotericina B, al ketoconazolo, al miconazolo, a diflucan e fluorocytosine 5. In tutto, 244 esemplari di lievito sono stati provati: 142 candida albicans, 52 candida parapsilosis, beigelii della candida tropicalis 26 e del Trichosporon 13. Un numero limitato di altri isolati del candida (12) inoltre è stato incontrato. Tutto l'organismo del candida era sensibile ad amfotericina B. C'era l'ampia variazione riguardo alla suscettibilità agli altri quattro agenti, con i albicans del C. ed essere tropicalis del C. in gran parte resistente al miconazolo ed al ketoconazolo. Il beigelii del T. è stato recuperato in 13 pazienti. A metà di questi organismi era resistente ad amfotericina B. Awareness delle variazioni in specie e la suscettibilità è utile nella selezione degli agenti antifungini terapeutici appropriati.



[Prova di A dell'uso di diflucan (fluconazolo) in pazienti con candidosi vaginale]

Dmitrieva NV, en di Sokolova, Makhova EE, Petukhova DENTRO
Antibiot Khimioter 1993 dicembre; 38(12): 39-41

Cinquanta femmine con vaginite dovuto il candida albicans sono state curate con il fluconazol (diflucan) in un d'una sola dose di 150 mg amministrati per os. Un'eliminazione completa del clinico firma dentro 42 su 50 pazienti (84 per cento) e un miglioramento significativo del quadro clinico in 4 su 50 pazienti (8 per cento) è stato registrato. Le culture delle sbavature non hanno prodotto formazione di muffa riguardo a 31 su 36 pazienti (86,1 per cento), mentre la presenza del fungo con i segni del pathomorphosis è stata individuata microscopicamente. Tali cellule hanno potuto essere una fonte della reinfezione fungosa. Di conseguenza, diflucan rivelato essere una droga altamente efficiente nel trattamento della candidosi vaginale ed ha potuto essere considerato come agente supplementare per la terapia della malattia.



[Fluconazolo--un nuovo agente antifungino]

Dobloug JH
Infeksjonsmedisinsk che avdeling, sykehus di Ulleval, Oslo.
Tidsskr né Laegeforen 1992 10 giugno; 112(15): 1961-3

Il fluconazolo (Diflucan) è un nuovo agente antifungino del triazolo che è efficace contro una vasta gamma di funghi ed ha un profilo farmacocinetico favorevole. Il fluconazolo è assorbito bene dopo l'indipendente dell'assunzione orale dall'ingestione di cibo. Il fluconazolo è dato una volta giornalmente, in una dose di mg 50-400. Il dosaggio è lo stesso per orale e la somministrazione parenterale. La penetrazione del tessuto è buona, come è la concentrazione in liquido cerebrospinale. Il fluconazolo non dovrebbe essere dato ai bambini al di sotto di 16 anni, né alle donne di allattamento al seno o incinte. In Norvegia, il fluconazolo è indicato per il trattamento di vaginite del candida che è resistente all'altri trattamento, infezione dilagante del candida, stomatite del candida in ospiti immunocompromessi e cryptococcalmeningitis.



[Endofitalmite endogena del candida: una nuova terapia]

Mistlberger A, Graf B
Der Landeskrankenanstalten Salisburgo di Augenabteilung.
Klin Monatsbl Augenheilkd 1991 dicembre; 199(6): 446-9

Un paziente di trenta anni ha subito un'estesa chirurgia addominale a causa di un precancerosis dovuto un ulcerosa di colite. Un panuveitis di fuoco senza fiamma accompagnante ha condotto nell'ambito della terapia immunosopressiva alla perdita di vista di un occhio. Soltanto un vitritis aumentante del secondo occhio ha permesso la diagnosi di un'endofitalmite endogena del candida (ECE) che segue una vitrectomia. Un'amministrazione sistemica dei farmaci antifungini comuni era impossibile a causa dell'sangue-immagine patologica e di un colestasi severo del paziente. Riferiamo il riuscito uso di Fluconazol (Diflucan), un agente che antimicotico non abbiamo usato mai prima di a questo proposito.



“Valutazione di prospettiva di candidosi dilagante di Candida Antigen Detection Test For e dei pazienti adulti immunocompromessi con Cancro„

Escuro, Ruben S., M.D., ed altri
La rivista di medicina americana, dicembre 1989; 87 (621-627)

Non estratto.



“Patogenesi di candidosi: Immunosoppressione dai cataboliti del mannano della parete cellulare„

Podzorski, Raymond P., Ph.D., ed altri
Archivi di chirurgia, novembre 1989; 124:1290-1294

Non estratto.



Vaginitus e consumo del yogurt

[Nessun autore elencato]

Tredici pazienti femminili, con la candidosi cronica del lievito, hanno finito uno studio in cui hanno ingerito 8 once di yogurt con una cultura in tensione del lattobacillo per 6 mesi. Le specie di lactobacillus acidophilus sono state notate per produrre il perossido di idrogeno. C'era una diminuzione tripla delle infezioni in pazienti che consumano il yogurt che contenente il lactobacillus acidophilus. Il numero medio delle infezioni per 6 mesi era 2,54 nel gruppo di controllo, contro .38 in quelli che contengono il yogurt. La colonizzazione di lievito è diminuito da 3,23 a 6 mesi nel braccio di controllo a .84 nel braccio del yogurt. È concluso che l'ingestione quotidiana di yogurt che contenente il lactobacillus acidophilus ha fatto diminuire la colonizzazione e l'infezione candidal.



Aglio

[Nessun autore elencato]

Ciò è un'estesa recensione sugli aspetti fisiologici di aglio per quanto riguarda prevenzione del cancro ed il trattamento. Questo articolo elenca circa 30 studi dal 1949 al 1986 su aglio e su cancro. Il consumo della cipolla ed epidemiologicamente dell'aglio è associato con la mortalità riduttrice da cancro. L'aglio è ricco in composti solforati e può essere importante in parecchie vie di disintossicazione. L'aglio ha proprietà del cancro ed antitumorali di inibizione. Non ci sono attualmente dati dal programma nazionale di tossicologia per quanto riguarda la tossicità di aglio comunque nei modelli che dell'animale gli effetti sulla salute negativi alle dosi elevate molto sono stati riferiti. Altri effetti documentati di aglio comprendono l'inibizione antiobiotic e antifungina di attività, di fibrinolisi e dell'aggregazione della piastrina. Gli oligoelementi selenio ed il germanio, antiossidanti nel loro diritto, sono costituenti di aglio giapponese. Ulteriori studi in esseri umani su aglio e su cancro sono incoraggiati.



“Aglio: Un esame della sua relazione alla malattia maligna„

Dausch, Judith G., Ph.D., RD e Nixon, Daniel W., M.D.
Medicina preventiva, maggio 1990; 19(3): 346-361

Stati di questa rassegna che l'estratto dell'aglio di Kyolic ha migliorato l'eliminazione del candida albicans in animali infettati. Kyolic può inibire l'aflatossina o la mutagenesi indotta benzopirene. Può anche inibire l'aflatossina dal legare a DNA. L'aglio riduce la formazione di metaboliti organosolubili ed aumenta la formazione di metaboliti solubili in acqua che facilitano l'eliminazione dell'agente cancerogeno.



“Potenziali di Anticarcinogenic e di Anticandidal per aglio„

Tadi, Padma P., ms, ed altri
Rassegna clinica internazionale di nutrizione, ottobre 1990; 10(4): 423-429.

Vaginal Flora

Questo articolo esamina il ruolo della flora vaginale e la patogenesi e la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie. È notato che gli agenti e gli spermacides antimicrobici possono interrompere la flora vaginale che rende il paziente più suscettibile della vescica e delle infezioni vaginali. Il completamento degli sforzi del lattobacillo ha certo potenziale clinico. Inoltre le immunizzazioni hanno indicato una certa promessa pure. I lattobacilli dominano la flora vaginale delle donne in buona salute. Contribuiscono a mantenere il pH vaginale basso dalla produzione di acido lattico, a competere per spazio sull'epitelio vaginale, sul perossido di idrogeno dei prodotti e sulle sostanze antimicrobiche ed a stimolare la funzione immune. L'amministrazione antibiotica sistemica può definitivamente alterare la flora vaginale. Gli studi recenti sul trattamento antimicrobico profilattico hanno indicato una suscettibilità aumentata a reinfezione. L'induzione nei modelli della scimmia di colonizzazione di ecoli da uso dell'amoxicillina è stata corretta con il completamento indigeno dell'organismo compreso i lattobacilli. L'uso a lungo termine degli antibiotici per prostatite è stato trovato per distruggere la flora uretrale normale che interferirebbe altrimenti con gli organismi virulenti. Lo spermicida nonoxynol-9 può anche colpire negativamente la flora urogenitale. I uropathogens ed il candida albicans sono stati trovati per sopravvivere a nella concentrazione in fino a 25% di questo prodotto e per svilupparsi meglio ed aderire alle cellule una volta esposti a nonoxynol-9. I pazienti che usano gli spermacides possono essere più suscettibili delle infezioni ripetute da lievito e dai batteri. Può essere che l'estrogeno abbia un effetto sulla flora normale e che la suscettibilità all'infezione è aumentata durante le fluttuazioni degli ormoni femminili. Un legame diretto con gli ormoni non è stato provato ancora. L'applicazione per impedire le infezioni delle vie urinarie con i lattobacilli è relativamente un nuovo concetto. Nel lattobacillo commerciale del lavoro 16 degli autori i prodotti sono stati esaminati; 11 sono stati trovati per essere contaminati con gli agenti patogeni e soltanto 4 hanno contenuto il lactobacillus acidophilus come dichiarato sull'etichetta. C'è prova dalla letteratura che i lattobacilli possono impedire le infezioni urogenitali come pure intestinali. In uno studio le supposte liofilizzate dei lattobacilli sono state date intravaginale una volta settimanalmente per 1 anno - 8 pazienti con UTI ricorrenti. I risultati hanno mostrato un rapporto di riproduzione impressionante di 78% dell'incidenza dell'infezione. È possibile che la stimolazione degli anticorpi di IgA possa contribuire ad impedire le infezioni delle vie urinarie pure. Ciò è stata tentata usando un prodotto chiamato Urovac (Solco-Basilea, Svizzera) che è compreso i batteri uccisi, interi, uropathogenic. Questa terapia è stata data intramuscolarmente 3 volte un la settimana con seguito a 12 mesi. C'era una riduzione di pazienti immunizzati che sviluppano UTI confrontato ai comandi. Questa protezione è stata correlata più successivamente con gli anticorpi urinarii aumentati di IgA. È non noto come le iniezioni dei uropathogens potrebbero causare gli anticorpi di IgA della vescica. L'uso delle vaccinazioni orali facendo uso del E. domande di aumenti delle membrane di coli simili. Gli autori concludono che c'è un potenziale affinchè la vaccinazione impedisca le infezioni delle vie urinarie come pure la candidosi vaginale cronica. Un vaccino sottocutaneo per i ribosomi del candida ed i proteoglicani ausiliari per polmonite della klebsiella è stato somministrato oralmente nella forma della capsula a 22 donne ad una dose di 2 - 9 capsule un il giorno per i 4 giorni su un periodo di 3 settimane e poi per i 4 giorni consecutivi un mese per 5 mesi. La vulvovaginite è stata ridotta 3,6 - .6 attacchi a 6 mesi.



“Vaginal Flora e infezioni delle vie urinarie„

Reid, Gregor, Ph.D., ed altri
Opinione corrente nella malattia infettiva, 1991; 4:37-41

Non estratto.



Candida Albicans

[Nessun autore elencato]

È sospettato che nella vaginite ricorrente di candida albicans c'è una risposta immunitaria cellulare in diminuzione. Questo studio ha valutato il ruolo dei progesteroni di circolazione e l'effetto sulla risposta immunitaria al candida albicans. C'era approssimativamente una diminuzione di 50% dalla nella proliferazione dei linfociti indotta albicans del candida osservata in presenza dei livelli di fase luteale di progesterone 25 mg/ml, rispetto alla fase proliferativa di .15 mg/ml. Sembra che il progesterone inibisca la proliferazione dei linfociti attraverso un meccanismo del dipendente del monocito. Inoltre sembra essere diverse differenze in qualità di monociti di una persona da scolarsi regola la risposta del cyte del lympho- al candida albicans. Gli autori concludono che le fluttuazioni nell'attività del monocito di una donna, in risposta a genetico, fattori ormonali ed ambientali, possono colpire la sua risposta immunitaria comunicata per cellule al candida albicans. L'identificazione delle femmine altamente suscettibili con l'aumento della risposta immunitaria cellulare al candida albicans può essere del beneficio nell'impedire la vaginite ricorrente del candida.



“Regolamento della risposta immunitaria a Candida Albicans da monocito e da progesterone„

Kalo-Klein, Aliza, Ph.D. e Witkin, Steven S.
Giornale americano di ostetricia e della ginecologia, 1991; 164:1351-4

Non estratto.



Perossido di idrogeno producendo gli organismi

[Nessun autore elencato]

Il lattobacillo nel tratto vaginale produce il perossido di idrogeno. È presente in 96% delle vagine normali ma è assente in donne che soffrono dalla vaginosi cronica. È notato che la produzione del perossido di idrogeno dai lattobacilli può essere tossica ai vaginalis di Gardenerella. Il perossido di idrogeno, gli alogenuri quali i cloruri e la perossidasi degli enzimi sono tossici alla riproduzione dei batteri, dei virus e delle cellule di mammiferi. Il cloruro e la perossidasi sono trovati nel muco cervicale ed a determinati livelli nel liquido vaginale. Il perossido di idrogeno è prodotto dai lattobacilli. Gli stati dell'autore che ci può essere una procedura semplice del recolonization della vagina, facendo uso del perossido producendo i batteri e quindi eliminando la vaginosi.



“Organismi producenti perossido dell'idrogeno tossici a Vaginal Bacteria„

Notizie della malattia infettiva, l'8 agosto 1991; 5

Non estratto.



Vaginal Ecosystem

[Nessun autore elencato]

Le cose che possono cambiare la flora vaginale includono:

1) antibiotici, corticosteroidi, antivirale e agenti antifungini, irradiamento,
2) douching vaginale,
3) malformazione e deformità anatomica dopo chirurgia o radiazione,
4) cisti, imene, polipi,
5) termini immunosopressivi quale l'AIDS,
6) cambiamenti ormonali, uso dei contraccettivi orali o terapie medicinali,
7) diabete incontrollato,
8) oggetti stranieri, cioè.
9) dispositivi intrauterini o tampone o diaframma conservato
10) e spermicidi.

La flora vaginale è altamente suscettibile di numerose influenze endogene ed esogene. È notato che la credenza corrente è il tratto intestinale è un bacino idrico per gli organismi trovati nella vagina delle donne con la vaginosi batterica.



“Vaginal Ecosystem„

Mardh, Per-Anders, M.D.
Mardh, Per-Anders, M.D., giornale americano di ostetricia e ginecologia, ottobre 1991; 165(4): Parte II: 1163-1168.

Non estratto.



Candida Vaginitis, lactobacillus acidophilus e yogurt

[Nessun autore elencato]

In 33 pazienti con vaginite ricorrente del candida, là è stato trovato una diminuzione tripla nelle infezioni quando i pazienti hanno consumato il yogurt che contenente il lactobacillus acidophilus per un periodo di 6 mesi. Il numero medio delle infezioni a 6 mesi era 2,54 nel gruppo di controllo e .38 a 6 mesi nel yogurt ha curato il gruppo. La colonizzazione del candida è diminuito da una media di 3,23 a 6 mesi nel gruppo di controllo a .84 per 6 mesi nel gruppo del yogurt. Gli autori concludono che un'ingestione quotidiana di 8 once di yogurt che contenente il lactobacillus acidophilus ha fatto diminuire sia il candida colonizzazione che l'infezione. È pensato che il candida autoinoculated poiché gli sforzi identici sono veduti nella bocca, nell'ano e nelle aree vaginali. Altri studi hanno indicato che la colonizzazione gastrointestinale non ha molto da fare con le ricadute vaginali. C'era un'associazione fra la presenza di specie del lattobacillo nel retto e la vagina. L'ingestione del yogurt ha avuta un profondo effetto sull'incidenza dell'infezione del candida nella vagina e nel retto. Gli sforzi del lattobacillo in yogurt sono stati trovati per produrre il perossido di idrogeno. Gli autori ritengono che uno sforzo gastrointestinale del lactobacillus acidophilus abbia colonizzato il tratto vaginale dei loro pazienti.