Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Costipazione

ESTRATTI

immagine

Una soluzione europea per i disturbi digestivi.

Anon

Rivista 1999 del prolungamento della vita ottobre; 5(9). Piede. Lauderdale, FL: Fondamento del prolungamento della vita.

Pratica cambiante di igiene dell'intestino con successo: un programma per ridurre uso lassativo in un ospedale cronico di cura.

Benton JM; PA di O'Hara; Chen H; Harper DW; Sorelle di Johnston SF di carità dell'ospedale di Ottawa (SCO), Ontario, Canada.

Geriatr Nurs (Stati Uniti) gennaio-febbraio 1997, 18 (1) p12-7

L'uso lassativo è stato ridotto significativamente nella nostra struttura di assistenza a lungo termine quando un programma interdisciplinare basato su una filosofia della prevenzione e della promozione della salute è stato implementato. Specificamente, l'assunzione aumentata della fibra e del liquido, le abitudini tempestive di evacuazione e l'attività/esercizio regolari hanno condotto a dimezzare del numero dei pazienti che ricevono i lassativi come richiesto, riguardante preprogrammi i livelli e riguardante un'unità di controllo che non riceve il programma.

Calcio e completamento della fibra nella prevenzione della ricorrenza colorettale dell'adenoma: una prova randomizzata di intervento. Gruppo di studio europeo di organizzazione di prevenzione del cancro.

Bonithon-Kopp C, Kronborg O, Giacosa A, Rath U, DES Tumeurs Digestives, Faculte de Medecine de Digione, Francia di Faivre J. Registre Bourguignon.

Lancetta 2000 14 ottobre; 356(9238): 1300-6

FONDO: Alcuni studi epidemiologici hanno suggerito che l'alta ingestione dietetica di calcio e di fibra riducesse la carcinogenesi colorettale. I dati disponibili non sono sufficienti da servire da base per consiglio dietetico costante. Abbiamo deciso una prova randomizzata multicentrata per verificare l'effetto del completamento di dieta con calcio e fibra sulla ricorrenza dell'adenoma. METODI: Abbiamo assegnato a caso 665 pazienti con una storia degli adenomi colorettali a tre gruppi del trattamento, in una progettazione parallela: gluconolactate del calcio e carbonato (calcio elementare di 2 g quotidiano), fibra (buccia di ispaghula di 3,5 g), o placebo. I partecipanti hanno avuti colonoscopia dopo 3 anni di seguito. Il punto finale primario era ricorrenza dell'adenoma. Le analisi erano tramite l'intenzione di trattare. RISULTATI: 23 pazienti sono morto, 15 sono stati persi per continuare, colonoscopia di ripetizione rifiutata 45 e cinque hanno sviluppato le controindicazioni severe alla colonoscopia. Fra i 552 partecipanti che hanno completato l'esame di seguito, 94 hanno fermato presto il trattamento. Almeno un adenoma si è sviluppato in 28 (15,9%) di 176 pazienti nel gruppo del calcio, in 58 (29,3%) di 198 nel gruppo della fibra ed in 36 (20,2%) di 178 nel gruppo del placebo. Il rapporto di probabilità di regolato per la ricorrenza era 0,66 (ci 0.38-1.17 di 95%; p=0.16) per il trattamento e 1,67 del calcio (1.01-2.76, p=0.042) per il trattamento della fibra. Il rapporto di probabilità connesso con il trattamento della fibra era significativamente più alto in partecipanti con l'assunzione dietetica del calcio della linea di base sopra la mediana che in quelle con assunzione sotto (prova di interazione, p=0.028) l'INTERPRETAZIONE mediana: Il completamento con fibra come buccia di ispaghula può avere effetti contrari sulla ricorrenza colorettale dell'adenoma, particolarmente in pazienti con l'alta assunzione dietetica del calcio. Il completamento del calcio è stato associato con una riduzione modesta ma non significativa del rischio di ricorrenza dell'adenoma.

Gli effetti del 5HT specifico (4) agonista del ricevitore, prucalopride, su motilità colica in volontari sani.

De Schryver AM, GI di Andriesse, Samsom m., Smout AJ, HG di Gooszen, Akkermans LM. Dipartimento di gastroenterologia, unità di ricerca gastrointestinale, centro medico, Utrecht, Paesi Bassi. a.deschryver@digd.azu.nl

Alimento Pharmacol Ther 2002 marzo; 16(3): 603-12

FONDO: Prucalopride è 5 un hydroxytryptamine selettivo e specifico (4) agonista del ricevitore che è conosciuto per aumentare la frequenza delle feci e per accelerare il transito colico. AIM: Per studiare l'effetto del prucalopride su alto-ampiezza ha propagato le contrazioni e la pressione segmentale ondeggia in volontari sani. METODI: Dopo 1 settimana di dosaggio (prucalopride o placebo di prova alla cieca, randomizzata, di modo dell'incrocio), le pressioni coliche sono state registrate in 10 individui sani che per mezzo di un catetere semi conduttore di pressione con sei sensori hanno spaziato 10 cm a parte. Gli oggetti hanno registrato del diario le loro abitudini dell'intestino (frequenza, consistenza e sforzare). le contrazioni propagate Alto-ampiezza sono state analizzate visivamente, confrontanti i loro numeri totali ed usando 10 finestre minime di tempo. Le onde segmentali di pressione sono state analizzate facendo uso degli algoritmi del computer, quantificanti l'incidenza, l'ampiezza, la durata e l'area sotto la curva di tutti i picchi individuati. RISULTATI: Nel prendere il prucalopride, la frequenza aumentata, consistenza delle feci è diminuito e gli oggetti hanno sforzato di meno. Prucalopride non è riuscito appena ad aumentare il numero totale delle contrazioni propagate alto-ampiezza (P=0.055). Il numero di 10 finestre minime di tempo che contengono le contrazioni propagate alto-ampiezza è stato aumentato dal prucalopride (P=0.019). Prucalopride ha aumentato l'area sotto la curva per 24 h (P=0.026). CONCLUSIONI: Il hydroxytryptamine 5 (4) il prucalopride dell'agonista del ricevitore stimola le contrazioni propagate alto-ampiezza ed aumenta le contrazioni segmentali, che è probabile essere il meccanismo di fondo del suo effetto sulle abitudini dell'intestino in volontari sani.

Un multi-centre, confronto di medicina generale della buccia di ispaghula con lattulosio ed altri lassativi nel trattamento di costipazione semplice.

Dettmar PW, Sykes J. Reckitt & Colman Products Ltd, guscio, Regno Unito.

Curr Med Res Opin 1998; 14(4): 227-33

Uno studio aperto e multicentrato nella medicina generale ha paragonato ad efficacia, alla velocità di azione ed all'accettabilità della buccia di ispaghula (arancia di Fybogel, Reckitt & Colman Products, Regno Unito), del lattulosio e di altri lassativi nel trattamento dei pazienti con costipazione semplice. Complessivamente 65 GPs hanno reclutato 394 pazienti, di cui 224 (56,9%) sono stati assegnati al trattamento con il ispaghula e 170 (43,1%) ad altri lassativi (pricipalmente lattulosio) per fino a quattro settimane. Tredici pazienti si sono ritirati prima del trattamento iniziati, di modo che 381 hanno entrato nello studio. I pazienti sono stati valutati dal loro GP prima dell'entrata e dopo due e quattro settimane del trattamento. I pazienti inoltre hanno registrato quotidiani i loro movimenti di intestino. Dopo il trattamento di quattro settimane, la buccia di ispaghula è stata valutata dai GPs per essere superiore agli altri trattamenti nel miglioramento della funzione dell'intestino e nell'efficacia, nel sapore gradevole e nell'accettabilità globali. Le relazioni dei pazienti di tempo al primo movimento di intestino hanno evidenziato poca differenza fra i trattamenti. Più di 60% dei pazienti in ogni trattamento gruppo ha passato un primo moto in 24 ore e più di 80% in 36 ore. La buccia di Ispaghula ha prodotto un'più alta percentuale dei panchetti normali e ben formati e di meno panchetti duri che altri lassativi. Le incidenze di sporcizia, di diarrea e di dolore addominale erano più basse nel gruppo che riceve la buccia di ispaghula. In generale, la buccia di ispaghula era un efficace trattamento per costipazione semplice ed è stata associata con migliore consistenza delle feci e un'incidenza più bassa degli eventi avversi rispetto a lattulosio o ad altri lassativi.

Il meccanismo di azione dell'olio di menta piperita sul muscolo liscio gastrointestinale. Un'analisi facendo uso di elettrofisiologia del morsetto di toppa e di farmacologia isolata del tessuto in coniglio ed in cavia.

Colline JM, Aaronson pi. Smith Kline Beecham Pharmaceuticals Ltd. , Welwyn, Herts, Inghilterra.

Gastroenterologia 1991 luglio; 101(1): 55-65

Un'indagine sul meccanismo di azione dell'olio di menta piperita è stata realizzata facendo uso delle preparazioni farmacologiche isolate dalle tecniche dell'elettrofisiologia dell'intestino crasso della cavia e del morsetto di toppa sul digiuno del coniglio. Tenia carbachol-contratta rilassata coli (IC50, 22,1 micrograms/mL) della cavia dell'olio di menta piperita ed attività spontanea inibita in due punti della cavia (IC50, 25,9 micrograms/mL) e digiuno del coniglio (IC50, 15,2 micrograms/mL). L'olio di menta piperita contrassegnato ha attenuato le risposte contrattili nella tenia coli della cavia ad acetilcolina, ad istamina, al hydroxytryptamine 5 ed alle contrazioni ridutrici dell'olio di menta piperita della sostanza P. evocate dalle contrazioni della depolarizzazione e del calcio del potassio evocate nella depolarizzazione delle soluzioni di Krebs in tenia coli. le correnti Potenziale-dipendenti del calcio registrate facendo uso di intera configurazione del morsetto delle cellule in cellule di muscolo liscio del digiuno del coniglio sono state inibite dall'olio di menta piperita in un modo dipendente dalla concentrazione. L'olio di menta piperita sia ha ridotto l'ampiezza del picco di corrente che ha aumentato il tasso di decadimento corrente. L'effetto dell'olio di menta piperita ha somigliato a quello dei calcioantagonisti di diidropiridinico. È concluso che l'olio di menta piperita si rilassa il muscolo liscio gastrointestinale riducendo l'afflusso del calcio.

I meccanismi osmotici ed intrinsechi dell'azione lassativa farmacologica delle dosi elevate orali del solfato di magnesio. Importanza del rilascio dei polipeptidi e dell'ossido di azoto digestivi.

Izzo aa; ST di Gaginella; Dipartimento di Capasso F di farmacologia sperimentale, università di Napoli Federico II, Italia.

Magnes ricerca (Inghilterra) giugno 1996, 9 (2) p133-8

Un uso comune per le dosi elevate dei sali orali del magnesio è di produrre un effetto lassativo per trattare la costipazione. Nel lume intestinale gli ioni male assorbibili del magnesio (ed altri ioni quale solfato) esercitano un'acqua osmotica di causa e di effetto da conservare nel lume intestinale. Ciò aumenta la fluidità dei contenuti e dei risultati intraluminali in un'azione lassativa. Sebbene l'azione lassativa di magnesio sia probabilmente dovuto un effetto locale nel tratto intestinale, è inoltre possibile che gli ormoni liberati quali colecistochinina o l'attivazione della sintasi costitutiva dell'ossido di azoto potrebbero contribuire a questo effetto farmacologico. In circostanze normali l'amministrazione farmacologica delle dosi elevate dei sali orali del magnesio è sicura ed alcuna sala--quale l'idrossido di magnesio--inoltre abbia un effetto dell'antiacido per neutralizzare l'acido di stomaco. Tuttavia, le dosi elevate di magnesio o di uso prolungato possono permettere che l'assorbimento sufficiente nella circolazione sistemica causi tossicità renale o altra dell'organo.

La prevalenza dei fecaliths appendiceal in pazienti con e senza appendicite. Uno studio comparativo dal Canada e dal Sudafrica.

SEDERE di Jones, Demetriades D, Segal I, DP di Burkitt.

Ann Surg 1985 luglio; 202(1): 80-2

L'appendicite è più comune in sviluppato in che nelle società di sviluppo e in fecaliths appendiceal sono pensati per avere un ruolo eziologico nella malattia. La ripartizione geografica dei fecaliths appendiceal è stata studiata dalla palpazione di intraoperatorio e sistematica dell'appendice in pazienti a Toronto, dal Canada e da Johannesburg, Sudafrica. Le incidenze dei fecaliths trovati sulla divisione patologica dell'appendice nei pazienti dell'appendicite in entrambe le società sono state confrontate. Nella popolazione canadese, la prevalenza dei fecaliths in pazienti di cui le appendici sono state palpate fortuito era 32% contro 52% per quelli con l'appendicite (p di meno di 0,01). Nella popolazione africana, la prevalenza dei fecaliths in pazienti di cui le appendici sono state palpate fortuito era quattro per cento contro 23% per quelli con l'appendicite (p = 0,04). La differenza nella prevalenza dei fecaliths appendiceal fortuiti nelle due popolazioni era statisticamente significativa (p di meno di 0,005). La prevalenza dei fecaliths è più alta in paesi sviluppati, quale il Canada, che in paesi in via di sviluppo, quale l'Africa ed è inoltre più alta in pazienti con che in quelle senza appendicite. Questi dati sostengono la teoria che le diete della basso fibra consumate in paesi sviluppati conducono a fecalith la formazione, che poi predispone all'appendicite.

Decontaminazione gastrointestinale per la dose eccessiva enterico-rivestita di aspirin: che cosa fare dipende da cui chiedete.

Juurlink DN, McGuigan mA. Divisione di farmacologia e di tossicologia cliniche, università di Toronto, Ontario, Canada. david.juurlink@ices.on.ca

J Toxicol Clin Toxicol 2000; 38(5): 465-70

CONTESTO: Le dosi eccessive con la preparazione enterico-rivestita sono comuni. I mezzi ottimali da cui limitare l'assorbimento della droga in tali casi è discutibile.

OBIETTIVO: Per descrivere le raccomandazioni per decontaminazione gastrointestinale ha pubblicato dai centri antiveleni nordamericani per un paziente ipotetico, (un maschio adulto con le funzioni vitali normali), presentante 1 ora dopo l'ingestione dei 500 mg/kg di aspirin enterico-rivestito.

PROGETTAZIONE: Un'indagine del telefono di 76 centri antiveleni in Nord America. Sette tossicologi che hanno contribuito all'accademia americana di tossicologia clinica/associazione europea dei centri di veleno e delle dichiarazioni di posizione cliniche dei tossicologi su decontaminazione gastrointestinale inoltre sono stati esaminati per il confronto informale.

RISULTATI: La maggior parte dei centri antiveleni (99%) e tutti tossicologi (100%) hanno partecipato all'indagine. Quattro centri (5%) hanno raccomandato lo sciroppo di ipecac e di 38 (51%) hanno raccomandato il lavaggio gastrico, rispetto a 0% e a 0% dei tossicologi, rispettivamente. Settantatre centri (97%) hanno raccomandato almeno una dose di carbone attivo, rispetto a 6 tossicologi (86%). Ventuno centro di veleno (28%) ha raccomandato l'irrigazione dell'intero-intestino, rispetto a 3 tossicologi (43%). Complessivamente 36 linee di condotta differenti sono state suggerite dai dichiaranti ai centri di veleno. Alcune di queste raccomandazioni erano potenzialmente nocive.

CONCLUSIONI: La considerevole variabilità esiste nelle raccomandazioni dei centri antiveleni nordamericani per la decontaminazione gastrointestinale dei pazienti con le grandi, dosi eccessive acute di aspirin enterico-rivestito.

Chitosano ed assorbimento del grasso

Kanauchi O; Deuchi K; Imasato Y; Shizukuishi m.; Centro applicato di Bioresearch di Kobayashi E, Kirin Brewery Co. Srl, Gunma, Giappone. Biosci Biotechnol biochimica (GIAPPONE) maggio 1995, 59 (5) p786-90 abbiamo studiato il meccanismo per l'inibizione di digestione grassa dal chitosano e l'effetto sinergico dell'ascorbato. Le caratteristiche importanti di inibizione di digestione grassa dal chitosano dalle osservazioni dei contenuti ileali erano che si è dissolto nello stomaco e poi è cambiato ad una forma gelificata, intrappolante il grasso nell'intestino. L'effetto sinergico dell'ascorbato (asa) sull'inibizione di digestione grassa dal chitosano è pensato per non essere acido-dipendente ma dovuto la specificità di asa stessa, secondo i dati derivando dal usando le preparazioni completate con l'ascorbato di sodio (AsN). Il meccanismo per l'effetto sinergico è considerato come 1) riduzione della viscosità dello stomaco, che implica che il chitosano misto con un lipido sia migliore del chitosano da solo, 2) un aumento nella capacità della petrolio-tenuta del gel del chitosano e 3) il gel chitosano-grasso che è più flessibile e meno probabile da colare il grasso intrappolato nel tratto intestinale.

Aiuto di salute. Liquido + fibra = frequenza.

Kurgan A

Cure domiciliari Provid (Stati Uniti) gennaio-febbraio 1996, 1 (1) p30

Non estratto.

Incontinenza fecale in bambini.

Dipartimento di Loening-Baucke V di pediatria, università di ospedali dello Iowa e cliniche, Iowa City 52242-1083, U.S.A.

Fam medico (Stati Uniti) 1° maggio 1997, 55 (6) p2229-38

La costipazione funzionale è la causa dell'incontinenza fecale in 95 per cento dei bambini colpiti e le cause anatomiche o neurologiche rappresentano fino a 5 per cento delle casse. La storia e l'esame fisico (con l'enfasi sugli esami addominali, rettali e neurologici) sono più utili nell'identificazione della malattia organica. In alcuni bambini, la manometria anorettale, un esame radiografico del clistere del bario e una biopsia rettale sono necessaria da determinare l'eziologia. La maggior parte dei bambini con l'incontinenza fecale traggono giovamento da un piano rigoroso del trattamento che include le prove di defecazione, di una dieta ricca di fibra ed i farmaci lassativi. L'ambulatorio seguito da trattamento medico è richiesto in pazienti con la malattia di Hirschsprung ed in alcuni pazienti con stenosi anale o una storia della riparazione chirurgica di una malformazione anorettale.

[Magnesio: concetti correnti della suoi fisiopatologia, aspetti clinici e terapia]

Mancinella A, Bartolucci E.

Acta Vitaminol Enzymol (Italia) 1982, 4 (1-2) p87-97

La costipazione funzionale non è una malattia pericolosa, ma poichè uno stato cronico preoccupa il paziente e lo causa disagio e spesso non lo conduce ad automedicazione con le droghe potenzialmente pericolose. Il Ro 01-4709 contiene come dexpanthenol del principio attivo, che è l'alcool di acido pantotenico, una vitamina del complesso B. Nelle cellule, il dexpanthenol è ossidato prontamente ad acido pantotenico, che stimola la peristalsi una volta amministrato dal punto di vista terapeutico nelle dosi efficaci. Il Ro 01-4709 già ha provato la sua efficacia nella prevenzione e nel trattamento del ileo adynamic. Recentemente, parecchi di prova alla cieca due ed aperti studi sono stati effettuati, studianti l'efficacia del Ro orale 01-4709 nel trattamento di costipazione funzionale cronica. I due studi di prova alla cieca hanno mostrato il Ro 01-4709 per essere superiori a placebo in tutti i parametri misurati. Gli studi con una progettazione aperta inoltre hanno dimostrato un effetto favorevole del Ro 01-4709 nel trattamento di costipazione funzionale cronica. A causa del suo fisiologico azione-che è in un contrasto favorevole a quello dei lassativi normali. Il Ro 01-4709 può essere raccomandato per il trattamento di costipazione funzionale in donne incinte, in bambini e negli anziani.

Costipazione cronica--è l'elaborazione degno il costo?

Junior del PC di Rantis; Vernava terzo; Daniel GL; Longo NOI dipartimento di chirurgia, san Louis University School di medicina, Mo 63110-0250, U.S.A.

DIS colon retto (Stati Uniti) marzo 1997, 40 (3) p280-6

FONDO: La costipazione cronica può essere una circostanza disattivante che può richiedere la colectomia. La valutazione è stata inclusa come un modo selezionare i pazienti appropriati per la colectomia e può anche essere estesa, unrevealing e costosa.

OBIETTIVI: Questo studio è stato intrapreso per determinare il costo e l'uso della valutazione ed il risultato dei pazienti con costipazione cronica.

METODI: I pazienti con costipazione cronica sono stati esaminati per la severità dei sintomi, degli studi di sistema diagnostico svolti, del trattamento e del risultato. I costi degli studi diagnostici erano risoluti alla nostra istituzione. Cinquantuno paziente è stato identificato con costipazione cronica; tutti sono stati fatti riferimento da altri medici. L'età media era di 54 (gamma, 21-81) anni; 59 per cento erano femmine. Il numero medio dei movimenti di intestino alla settimana era due (gamma, 0-4) e la durata media dei sintomi era di cinque anni (gamma, 1-20). Quarantatre di 51 (colonoscopia di 84 per cento) o i clisteri del bario era normali. Tredici di 51 (25 per cento) studio colico di transito erano anormali. Ventisei di 51 (paziente di 51 per cento) ha subito il defecography; 12 (46 per cento) erano anormali. Trentasette di 51 (74 per cento) ha subito la manometria anale; 5 (14 per cento) erano anormali. Una di 18 (6 per cento) biopsie rettali ha dimostrato la malattia di Hirschsprung. In generale, 8 pazienti (16 per cento) sono stati diagnosticati con l'ostruzione dello sbocco, 12 (24 per cento) con inerzia colica e 31 (61 per cento) con costipazione dell'eziologia poco chiara. Il costo di media generale della diagnosi era $2.752 (gamma, $1,150-$4,792). La fibra, i catartici, o la terapia di biofeed-back riuscivano in 33 di 51 (paziente di 65 per cento). Fra i 18 pazienti rimanenti, 12 hanno subito la chirurgia, di cui 10 riuscivano. Gli otto pazienti rimanenti sono stati costipati, malgrado il trattamento.

CONCLUSIONE: Un costo di $140.369 è stato speso negli estesi test diagnostici, da quali 12 di 51 (paziente di 23 per cento) si sono avvantaggiati. La valutazione diagnostica esauriente di costipazione è costosa ed i suoi benefici sono poco chiari.

Raccoglitore grasso: uno studio su sicurezza in pazienti obesi.

Rossner S, Abelin J:

MATS Medical ab, Stoccolma, Svezia, 1995.

Riassunto: L112 il biopolimero (stampo grasso L112) è una droga d'investigazione estratta dai crostacei. Il biopolimero L112 ha properities unici nella sua abilità di grasso legante dall'alimento nello stomaco e negli intestini. Ciò conduce ad una correzione e ad una normalizzazione dei livelli del colesterolo e del trigliceride di LDL nel sangue. Il livello del HDL-colesterolo negli aumenti del sangue. Il grasso succhiato dall'alimento e dal resti nel canale di digestional. Così il sangue prende meno grasso che conduce ai depositi meno grassi nel corpo. Il corpo assorbe meno calorie dal grasso ed i livelli del trigliceride e del colesterolo nel sangue sono ridotti, tutti in un processo naturale. Lo stampo grasso L112 è fatto di una sostanza del tipo di fibra speciale derivata dalle coperture dei gamberetti, dei granchi e di altri crostacei. Dopo che chimico l'estrazione le sostanze ha le proprietà elettrostatiche ed ha proprietà obbligatorie grasse uniche. È stato provato da un laboratorio di ricerca norvegese. Una volta dato oralmente immediatamente insieme all'alimento diffusione nelle particelle minuscole. Questi hanno la grande affinità a grasso ed inizio che si legano alle particelle grasse nello stomaco e negli intestini superiori. Con l'aumento di pH negli intestini più bassi il grippaggio si presenta probabilmente attraverso precipitazione ed il corpo non può affatto più lungamente assorbire il grasso tramite la parete intestinale o dispensare nella circolazione sanguigna. Le sostanze è stata provata nei test clinici e che mostra un effetto notevole nella riduzione del colesterolo totale mentre permettono che il HDL-colesterolo aumenti. In uno studio di prova alla cieca randomizzato con placebo-control la perdita di peso era 2,5 volte meglio della dieta da solo. Un esame preliminare sul biopolimero L112 è stato pubblicato altrove. Quando i contenuti di grassi nell'intestino aumenta, rende le feci molli e liscie. Ciò può essere particolarmente positiva per coloro che soffre dalla costipazione. In questa prova del unicentre il contenuto di grassi in feci e nei parametri del laboratorio, durante il trattamento con L112 due volte al giorno, sarà studiato.

Costipazione negli anziani.

CC di Schaefer, Cheskin LJ. Scuola di medicina dell'università John Hopkins, Baltimora, Maryland, U.S.A.

Fam medico 1998 15 settembre; 58(4): 907-14

La costipazione colpisce l'altrettanto come 26 per cento degli uomini anziani e 34 per cento delle donne anziane ed è un problema che è stato collegato con la percezione diminuita di qualità della vita. La costipazione può essere il segno di un problema grave quali una lesione di massa, la manifestazione di un disordine sistemico quale ipotiroidismo o un effetto collaterale dei farmaci quali gli analgesici narcotici. Il paziente con costipazione dovrebbe essere interrogato circa l'ingestione di cibo e del liquido, i farmaci, i supplementi ed i rimedi omeopatici. L'esame fisico può rivelare le masse locali o gli emorroidi trombizzati, che possono contribuire alla costipazione. L'ispezione visiva dei due punti è utile quando nessuna causa ovvia di costipazione può essere risoluta. Il trattamento dovrebbe indirizzare l'anomalia di fondo. L'uso cronico di determinati trattamenti, quali i lassativi, dovrebbe essere evitato. La terapia prima linea dovrebbe comprendere il corso di aggiornamento dell'intestino, fibra dietetica aumentata e assunzione fluida ed esercizio una volta possibile. I lassativi, gli emollienti delle feci e le soluzioni non assorbibili possono essere necessari in alcuni pazienti con costipazione cronica.

[Studio clinico di A sull'uso di una combinazione di glucomannan con lattulosio nella costipazione della gravidanza]

Signorelli P; Croce P; Dede un Divisione di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale di Codogno, Regione Lombardia, USL N. 25, Lodi.

Minerva Ginecol (Italia) dicembre 1996, 48 (12) p577-82

RAZIONALE: La costipazione è un problema incontrato frequentemente durante la gravidanza come è l'eccessiva obesità. I trattamenti di uso comune controllare la costipazione sono dotati d'alcuni svantaggi e non sono attivi nell'aumento di peso di controllo. Una preparazione di lattulosio e un glucomannan negli studi precedenti hanno provato molto efficace e tollerati bene in pazienti colpiti dallo stypsis e evidentiated inoltre l'attività sia nel controllo dell'ingestione di cibo eccessiva che nella correzione degli alcuni squilibri metabolici per quanto riguarda i lipidi e l'urea.

MATERIALE E METODI: 50 femmine incinte colpite da costipazione sono state curate con le bustine che contengono una preparazione di glucomannan (g) 1,45 e lattulosio (4,2 g) in posologia di 2 bustine (di 1-4) un il giorno per 1-3 mesi.

RISULTATI: Il trattamento ha indotto un ritorno a frequenza normale del numero settimanale delle evacuazioni (4.9-5.8/week) e di un controllo parallelo di obesità (all'interno di 20% del peso corporeo iniziale). L'individuazione degli ultimi sembra essere collegata con controllo di fame indotto da glucomannan al livello gastrico che impedisce un'eccessiva ingestione di cibo.

Effetti del prucalopride su transito colico, abitudini anorettali dell'intestino e di funzione in pazienti con costipazione cronica.

CE di Sloots, CA di Poen, Kerstens R, Stevens m., De Pauw M, Van Oene JC, SG di Meuwissen, feltro-Bersma RJ. Dipartimento di gastroenterologia, ospedale accademico Vrije Universiteit, Amsterdam, Paesi Bassi.

Alimento Pharmacol Ther 2002 aprile; 16(4): 759-67

FONDO: C'è una necessità per le migliori droghe tollerate di normalizzare la funzione dell'intestino nella costipazione cronica. Prucalopride è altamente un selettivo, specifico, agonista del ricevitore serotonin4 con le proprietà enterokinetic. AIM: Per valutare gli effetti del prucalopride sull'intestino funzioni, transito colico e funzione anorettale in pazienti con costipazione cronica.

METODI: Ventotto pazienti sono stati iscritti in questa prova alla cieca, controllata con placebo, lo studio dell'incrocio (prucalopride: 1 mg, n=12; 2 mg, n=16). I pazienti hanno tenuto un diario di funzione dell'intestino. I tempi di transito colici e la funzione anorettale (manometria anale, sensibilità rettale e conformità rettale) sono stati valutati.

RISULTATI: Prucalopride (1 mg) confrontato a placebo ha aumentato significativamente di numero di movimenti completi, spontanei e tutti i di intestino spontanei medi alla settimana. Prucalopride (1 mg) ha fatto diminuire significativamente la percentuale dei movimenti di intestino con duro/panchetti grumosi e la tensione ed ha aumentato lo stimolo a defecare. Prucalopride (1 e 2 mg) ha fatto diminuire il tempo di transito colico totale medio dalla h 12,0 (prucalopride 42,8 h contro placebo 54,8 h; P=0.074). Nessun effetto statisticamente significativo è stato trovato in c'è ne dei parametri anorettali di funzione. Prucalopride è stato tollerato bene. Non c'erano cambiamenti clinicamente pertinenti nei parametri standard della sicurezza.

CONCLUSIONI: Prucalopride migliora significativamente la frequenza e la consistenza delle feci e lo stimolo defecare e può fare diminuire i tempi di transito colici in pazienti con costipazione cronica.

Costipazione. Diagnosi e trattamento.

Sweeney m. Catholic Services per i bambini e la gioventù, St. Louis, Mo, U.S.A.

Cure domiciliari Provid (Stati Uniti) ottobre 1997, 2 (5) p250-5

La costipazione cronica, il reclamo gastrointestinale di numero uno negli Stati Uniti, è uno stato serio di cui colpisce la qualità della vita paziente e rappresenta la spesa annuale di milioni di dollari dagli individui colpiti, molti cui tentativo auto-di dirigere il loro stato. Poiché la costipazione ha variato le eziologie ed i modi del trattamento, è di importanza fondamentale affinchè il professionista dell'infermiere della famiglia conosca le opzioni per i pazienti. I reclami di costipazione possono indicare le malattie multiple e tali pazienti possono essere fra i problemi diagnostici e terapeutici più difficili nella pratica clinica. Due delle funzioni del fornitore di pronto intervento a questi pazienti sono di istruirli circa le abitudini dell'intestino e di spiegare come i farmaci differenti possono aiutare o esacerbare i loro sintomi. La costipazione è un'afflizione universale della civilizzazione occidentale. Negli Stati Uniti, questo male rappresenta più di 2,5 milione visite del medico all'anno, è fra le ragioni più frequenti per automedicazione ed è particolarmente importuno nella popolazione anziana. Gli Americani spendono annualmente più di $725 milioni sull'auto-ossequio non quotato in borsa dei lassativi (di OTC) nel tentativo d'il reclamo gastrointestinale più comune nel paese. (7 Refs.)

Un'analisi di due classi novelle di proteine antifungine della pianta dai semi del ravanello (Raphanus L. sativus).

Terras franco, HM di Schoofs, De Bolle MF, Van Leuven F, SB di Rees, Vanderleyden J, Cammue BP, Broekaert WF. F.A. Janssens Laboratory della genetica, università cattolica di Lovanio, Heverlee, Belgio.

J biol Chem 1992 5 agosto; 267(22): 15301-9

Due classi novelle di proteine antifungine sono state isolate dai semi del ravanello. La prima classe consiste di due proteine omologhe (Rs-AFP1 e Rs-AFP2) che sono state purificate ad omogeneità. Sono proteine oligomeriche altamente fondamentali composte di piccoli polipeptidi (5-kDa) che sono ricchi in cisteina. Sia Rs-AFPs ha un vasto spettro antifungino che è fra le proteine antifungine più potenti fino ad ora caratterizzate. In confronto a molte altre proteine antifungine della pianta, l'attività del Rs-AFPs è meno sensibile alla presenza di cationi. Inoltre, la loro attività antibiotica mostra un alto livello di specificità ai funghi filamentosi. Le regioni del amminico-terminale del Rs-AFPs mostrano l'omologia con le sequenze aminoacidiche derivate di due geni del pisello specificamente indotti sopra l'attacco fungoso, a gamma-thionin'ed agli inibitori dell'alfa amilasi del sorgo. Le albumine di stoccaggio del ravanello 2S sono state identificate come la seconda classe novella di proteine antifungine. Tutte le isoforme inibiscono la crescita dei funghi patogeni della pianta differente e di alcuni batteri. Tuttavia, le loro attività antimicrobiche si contrappongono a forte dai cationi.

Il trattamento di costipazione cronica in adulti. Una rassegna sistematica

Tramonte MP; MB di marca; CD di Mulrow; Amato MG; O'Keefe ME; Ospedale metodista metropolitano di Ramirez G, università di Texas Health Science Center a San Antonio, U.S.A.

J Gen Intern Med (Stati Uniti) gennaio 1997, 12 (1) p15-24

OBIETTIVO: per valutare se i lassativi e le terapie della fibra migliorano i sintomi e la frequenza del movimento di intestino in adulti con costipazione cronica.

FONTI DEI DATI: Gli studi di lingua inglese sono stati identificati da MEDLINE automatizzato (1966-1995). Gli estratti biologici (1990-1995) e Micromedex cerca; bibliografie; manuali; il lassativo fabbrica; ed esperti.

SELEZIONE DI STUDIO: Prove randomizzate delle terapie della fibra o del lassativo che durano più di 1 settimana che ha valutato i risultati clinici in adulti con costipazione cronica.

MISURE E RISULTATI DELLA CONDUTTURA: Due critici indipendenti hanno valutato le caratteristiche di ogni prova compreso qualità metodologica. C'erano 36 prove che fanno partecipare 1.815 persone da varie regolazioni compreso le cliniche, gli ospedali e le case di cura. Ventitre prove erano di 1 mese o di meno nella durata. Parecchio i preparati della fibra ed il lassativo sono stati valutati. Venti prove hanno avute un placebo, una cura usuale, o una sospensione del gruppo di controllo lassativo e di 16 agenti differenti direttamente confrontati. lassativi e frequenza aumentata fibra del movimento di intestino da una media pesata del camice di 1,4 (intervallo di confidenza di 95% [ci] 1.1-1.8) movimenti di intestino alla settimana. I lassativi alla rinfusa e della fibra hanno fatto diminuire il dolore addominale ed hanno migliorato la consistenza delle feci rispetto a placebo. La maggior parte dei dati lassativi del nonbulk riguardo a consistenza addominale delle feci e di dolore erano inconcludenti, comunque cisapride, lattulosio e consistenza migliore lattitolo. I dati riguardo a superiorità di vari trattamenti erano inconcludenti. Nessun effetto collaterale severo per c'è ne delle terapie è stato riferito.

CONCLUSIONI: Sia la fibra che i lassativi hanno migliorato modestamente la frequenza del movimento di intestino in adulti con costipazione cronica. C'era prova insufficiente per stabilire se la fibra fosse superiore ai lassativi o una classe lassativa era superiore ad un altro.

Ruolo fisiologico di fibra dietetica: una rassegna di dieci anni.

Trowell H, Burkitt D.

Bambino 1986 dell'ammaccatura di ASDC J novembre-dicembre; 53(6): 444-7

È al giorno d'oggi accettato che la fibra dietetica è un costituente importante della dieta. Sta coltivando la prova che le diete occidentali della fibra bassa ed il consumo basso di interi prodotti del grano sono fattori importanti in parecchie malattie comuni di grande intestino. La fibra del cereale differisce da quella presente in verdure e frutta. Un'assunzione bassa della fibra del cereale è stata implicata nel cancro di grande intestino, della malattia diverticolare del colon e della coronaropatia. Le alte diete della fibra sono prescritte spesso per il diabete. Sebbene il consumo della fibra dai consumatori britannici ed americani sia diminuito durante il secolo passato, il consumo di pani integrali e di di cereali da prima colazione ricchi di fibra ha ricevuto la nuova attenzione durante i dieci anni scorsi.

Risposta clinica al trattamento dietetico della fibra di costipazione cronica.

Voderholzer WA; Schatke W; Muhldorfer È; Klauser AG; Birkner B; Muller-Lissner SA Medizinische Klinik, Klinikum Innenstadt, università di Monaco di Baviera, Germania.

J Gastroenterol (Stati Uniti) gennaio 1997, 92 (1) p95-8

OBIETTIVI: per determinare il risultato clinico della terapia dietetica della fibra in pazienti con costipazione cronica.

METODI: Cento, quarantanove pazienti con costipazione cronica (l'età 53 anni, varia 18-81 l'anno, donne di 84%) a due instituti della gastroenterologia a Monaco di Baviera, Germania, sono stati trattati con i semi di plantago ovata, g/giorno 15-30, per un periodo almeno di 6 settimane. La valutazione ripetuta di sintomo, la misura oroanal di tempo di transito (indicatori radiopaque) e la valutazione funzionale di rectoanal (proctoscopy, manometria, defecography) sono state eseguite. I pazienti sono stati classificati in base al risultato del trattamento dietetico della fibra: nessun effetto, n = 84; migliorato, n = 33; e senza sintomi, n = 32.

RISULTATI: Ottanta per cento dei pazienti con transito lento e 63% dei pazienti con un disordine di defecazione non hanno reagito al trattamento dietetico della fibra, mentre 85% dei pazienti senza un'individuazione patologica migliore o non sono diventato senza sintomi.

CONCLUSIONE: Il transito lento di GI e/o un disordine di defecazione possono spiegare un risultato difficile della terapia dietetica della fibra in pazienti con costipazione cronica. Una prova dietetica della fibra dovrebbe essere condotta prima delle indagini tecniche, che sono indicate soltanto se la prova dietetica della fibra viene a mancare.

LETTURA SUGGERITA

L'ossido di azoto endogeno modula dalla la costipazione indotta da morfina.

Calignano A, Moncada S, Di Rosa M Department di farmacologia sperimentale, università di Napoli Federico II, Italia.

Biochimica Biophys ricerca Commun 1991 16 dicembre; 181(2): 889-93

L'amministrazione di morfina in topi causa l'inibizione del transito gastrointestinale di un pasto del carbone. da costipazione indotta da morfina in topi sembra dipendere principalmente dalle azioni sul sistema nervoso centrale da morfina n-metilica, un derivato quaternario, inibisce il transito intestinale soltanto una volta amministrata intracerebroventricularly (i.c.v.). L- ma non D-arginina, data intraperitonealmente, invertita la costipazione indotta sia da morfina che dal suo analogo quaternario. l'L-arginina era inefficace quando i.c.v dato. e non ha invertito dalla la costipazione indotta da atropina. Questi risultati indicano che l'L-arginina modula preferenziale dalla la costipazione indotta da oppioide con un'azione stereospecific e periferica. È possibile che l'effetto di L-arginina sia raggiunto aumentando la quantità di ossido di azoto liberata dai nervi non adrenergici e non colinergici nell'intestino. Quindi, l'L-arginina può rappresentare un agente utile per il trattamento di costipazione indesiderabile connesso con l'uso degli analgesici narcotici.

Valutazione dell'effetto dell'assunzione dietetica aumentata della fibra sulla funzione dell'intestino in pazienti con la lesione del midollo spinale.

Cameron kJ; Nyulasi IB; Collier GR; Lesioni spinali unità, Austin Hospital, Heidelberg, Victoria, Australia di Brown DJ.

Midollo spinale (Inghilterra) maggio 1996, 34 (5) p277-83

È comune affinchè la costipazione accada lesione severa seguente del midollo spinale (SCI). Sebbene un programma della gestione dell'intestino compreso un'alta dieta della fibra sia una parte integrante di riabilitazione, l'effetto di alta dieta della fibra sulla grande funzione dell'intestino in SCI non è stato esaminato. Gli obiettivi di questo studio erano di valutare l'assunzione nutriente dei pazienti di SCI, di determinare il tempo di transito della linea di base, il peso delle feci ed il tempo dell'evacuazione e per valutare l'effetto dell'aggiunta di crusca sulla grande funzione dell'intestino. Undici oggetti, invecchiati 32 +/- 10,5 anni hanno partecipato allo studio. Il livello di lesione ha variato da C4 a T12; soltanto un paziente ha avuto una lesione incompleta. L'apporto energetico medio della linea di base era 7823 +/- 1443 kJ/d, g/d delle assunzioni 93 +/- 21 della proteina, g/d delle assunzioni 209 +/- 39 del carboidrato e g/d. dietetico medio delle assunzioni 25 +/- 8 della fibra. Il peso medio delle feci della linea di base era 128 +/- 55 g/d ed il tempo dell'evacuazione dell'intestino era 13 +/- 7,4 min/d. Tre oggetti che hanno consumato < 18 il g fibre/d dietetico hanno avuti pesi bassi delle feci di di 60-70 g/d e due hanno avuti tempi di transito molto in ritardo che erano troppo lenti per permettere alla quantificazione. La bocca media a tempo di transito dell'ano era 51,3 +/- 31,2 h, i tempi di transito colico medio 28,2 +/- 3,5 h, i giusto tempi di transito colico 5,9 +/- 4,5 h, i tempi di transito colico sinistro 14,5 +/- 5,2 h ed i tempi di transito colico rettosigmoideo 7,9 +/- 5,6 H. A seguito dell'aggiunta di crusca, l'assunzione dietetica della fibra ha aumentato significativamente 25 g/d - 31 g/d (< 0,001). Tuttavia, il tempo di transito colico medio è aumentato da 28,2 h a 42,2 h (< 0,05) e tempo di transito rettosigmoideo dei due punti aumentato da 7,9 a 23,3 h (< 0,02). defechi il peso, bocca all'ano, tempo di transito destro e sinistro dei due punti ed il tempo dell'evacuazione non è cambiato significativamente. I risultati di questo studio indicano che quello fibra dietetica aumentare nei pazienti di SCI non ha lo stesso effetto sulla funzione dell'intestino di precedentemente è stato dimostrato in individui con “gli intestini normalmente di funzionamento„. Effettivamente l'effetto può essere l'opposto a quello desiderato. Questo studio preliminare evidenzia la necessità per ulteriore ricerca di esaminare il livello ottimale di assunzione dietetica della fibra nei pazienti di SCI.

I meccanismi di costipazione in persone più anziane e di effetti di fibra hanno paragonato a placebo.

Cheskin LJ, Kamal N, MD di Crowell, Schuster millimetro, Whitehead NOI divisione delle malattie digestive, centro medico di Johns Hopkins Bayview, Baltimora, MD 21224, U.S.A. J Geriatr Soc 1995 giugno; 43(6): 666-9

OBIETTIVO: Per studiare i meccanismi di costipazione e dell'effetto del completamento della fibra sulla fisiologia, i meccanismi, defecano i parametri ed i tempi di transito colici in un gruppo di pazienti più anziani costipati.

PROGETTAZIONE: Intervento a singolo-cieco, randomizzato, controllato con placebo della fibra con incrocio.

REGOLAZIONE: Un centro d'origine universitaria del paziente esterno.

PAZIENTI: Dieci uomini più anziani e donne comunità-viventi, in buona salute eccezione fatta per costipazione cronica.

INTERVENTI: I pazienti sono stati dati 24 fibre dello psyllium di g o la fibra del placebo quotidiana per 1 mese, quindi sono stati attraversati all'altro braccio per un mese supplementare. La prova strutturata, compreso il tempo di transito totale dell'intestino e la manometria rettale e colica, è stata eseguita alla fine di ogni mese di intervento. I pazienti registrati defecano la frequenza, la consistenza ed i pesi quotidiani.

RISULTATI: Il meccanismo predominante per costipazione in questi pazienti era ritardo dello sbocco causato dalla dissinergia pelvica. La fibra ha fatto diminuire il tempo di transito totale dell'intestino a partire da 53,9 ore (stato del placebo) a 30,0 ore (< .05). i pesi e la consistenza delle feci non sono stati migliorati significativamente da fibra, sebbene ci fosse una tendenza verso un aumento nella frequenza delle feci (1,3 contro 0,8 movimenti di intestino al giorno.) La dissinergia pelvica del pavimento non è stata rimediata a da fibra, anche quando la costipazione è stata migliorata clinicamente.

CONCLUSIONI: Il completamento della fibra è sembrato avvantaggiare clinicamente i pazienti più anziani costipati ed ha migliorato il tempo di transito colico, ma non ha rettificato l'anomalia di fondo più frequente, dissinergia pelvica del pavimento.

[Assunzione di fibra dietetica e di altre sostanze nutrienti dai bambini con e senza costipazione cronica funzionale]

de Morais MB; SIG. di Vitolo; Aguirre; Potenziale d'ossido-riduzione di Medeiros; EM di Antoneli; Fagundes-Neto U Departamento de Pediatrica da Universidade Federal de Sao-Paulo-Escola Paulista de Medicina (UNIFESP-EPM).

Arq Gastroenterol (Brasile) aprile-giugno 1996, 33 (2) p93-101

Lo scopo di questo studio era di valutare l'assunzione dietetica della fibra e le abitudini dietetiche dei bambini con e senza costipazione cronica funzionale. Abbiamo iscritto 58 bambini con costipazione cronica funzionale e 58 comandi senza costipazione abbinata per il sesso e l'età. L'assunzione della fibra e dell'alimento è stata valutata da 24 richiami dietetici di ora e una storia clinica completa è stata eseguita. L'età dell'inizio di costipazione si è presentata durante il primo anno di vita in 55,4% dei pazienti mentre l'età media della valutazione era di 78 mesi. La sporcizia è stata trovata in 41,7% dei pazienti. Il periodo mediano di allattamento al seno esclusivo era più breve (P = 0,002) nel gruppo di costipazione (un mese) che nel gruppo di controllo (di tre mesi). La proporzione di costipazione era simile per le madri dei bambini di entrambi i gruppi come pure per i fratelli germani in entrambi i gruppi. I padri dei bambini con costipazione hanno presentato il più alta frequenza di costipazione (12,3%) che i padri dei bambini nel gruppo di controllo (1,8%), ma la differenza non ha raggiunto il significato statistico (P = 0,06). La quantità di alimento misurata da 24 richiami di ora era simile in entrambi i gruppi. L'assunzione di caloria dei bambini costipati (1526 +/- 585 calorie/giorno) era più bassa (P = 0,07) che nel gruppo di controllo (1712 +/- 513 calorie/giorno) ma nella differenza non ha raggiunto il significato statistico. L'assunzione di proteina, di grasso e di ferro era più bassa nel gruppo di costipazione che nel gruppo di controllo. Il volume di assunzione del latte della mucca era simile in entrambi i gruppi. La mediana dell'assunzione dietetica totale della fibra nel gruppo di costipazione (g/giorno 13,5) era statisticamente (P = 0,009) più bassa di nel gruppo di controllo (g/giorno 16,8). L'assunzione quotidiana di fibra dietetica insolubile era statisticamente inoltre più bassa (P = 0,001) nel gruppo di costipazione (6,3 g) che nel gruppo di controllo (9,4 g). L'assunzione di fibra dietetica solubile era simile in entrambi i gruppi. L'assunzione di fibra dietetica per 1.000 calorie della dieta era 10,3 g nel gruppo di costipazione e 10,4 nel gruppo di controllo (P = 0,41). C'era una considerevole intersezione di diversi valori nell'assunzione della fibra della costipazione ed i gruppi di controllo, suggerenti che l'assunzione bassa della fibra agisca in collaborazione con altre scompone sulla genesi di costipazione in bambini. Tuttavia, l'assunzione bassa di fibra insolubile, suggerisce che svolga un ruolo importante sulla patogenesi di costipazione cronica in bambini.

Efficacia del supplemento della crusca sulla gestione dell'intestino dei pazienti anziani di riabilitazione.

Gibson CJ; PC di Opalka; Moore CA; Brady RS; Mion LC

J Gerontol Nurs (Stati Uniti) ottobre 1995, 21 (10) p21-30

1. La costipazione è un problema comune negli anziani che colpisce fino a 20% di quegli 65 anni e più vecchio.

2. I pazienti che ricevono il supplemento della fibra hanno avuti un numero significativamente più basso degli agenti dell'intestino al giorno rispetto ai pazienti di referenza.

3. Gli effetti collaterali dalla fibra supplementare si sono presentati in un sottogruppo di pazienti; quindi, l'istituzione di fibra supplementare alle diete dei pazienti malati e fisicamente dipendenti è il meglio fatto gradualmente e con monitoraggio vicino.

Confronto degli effetti dell'idrossido di magnesio e di un lassativo in serie sui lipidi, sui carboidrati, sulle vitamine A ed E e sui minerali nei pazienti ricoverati geriatrici nel trattamento di costipazione.

Kinnunen O, dipartimento di Salokannel J di medicina interna, ospedale di centro sanitario, Oulu, Finlandia.

J Int Med Res 1989 settembre-ottobre; 17(5): 442-54

In uno studio dell'incrocio gli effetti dell'idrossido di magnesio sui lipidi del siero, sui carboidrati, sulle vitamine A ed E, sull'acido urico e sui minerali dell'intero sangue sono stati paragonati a quelli di una scorza contenente lassativa in serie del plantago ed il sorbitolo in 64 ha costipato, pazienti anziani di a lungo soggiorno, 55 di chi stavano ricevendo il diuretico. L'ipomagnesemia si è presentata in 11 paziente (di 17%) dopo il lassativo in serie ed in due pazienti (di 2%) dopo il trattamento dell'idrossido di magnesio. C'era una leggera riduzione dei valori bassi del colesterolo della lipoproteina ad alta densità e dei valori alti dei trigliceridi dopo il trattamento dell'idrossido di magnesio. Non c'erano differenze significative in lipidi del plasma, minerali dell'intero sangue o vitamine A ed E facendo uso di qualsiasi lassativo. Le correlazioni negative di p sono state trovate fra l'aumento nelle concentrazioni nel siero di magnesio e di emoglobina glicosilata A1 (P di meno di 0,02) ed il livello del siero di acido urico (P di meno di 0,01). Questi risultati indicano che gli effetti a lungo termine dell'idrossido di magnesio e del lassativo alla rinfusa sull'assorbimento delle sostanze nutrienti non possono essere significativamente differenti. L'idrossido di magnesio, tuttavia, può avere effetti benefici sui disordini del lipido, sulla tolleranza al glucosio alterata e sull'iperuricemia nella carenza di magnesio dovuto il diuretico e così può essere un lassativo favorevole per uso in pazienti geriatrici costretti a letto che ricevono il diuretico.

Costipazione in bambini

Leung A.K.C.; Chan P.Y.H.; Cho H.Y.H. L'ospedale di Alberta Children, Richmond Rd 1820. S.W., Calgary, Alta. Medico di famiglia americano di T2T 5C7 Canada (U.S.A.), 1996, 54/2 (611-630)

La costipazione è uno stato comune di infanzia, stimato per accadere in 5 - 10 per cento dei bambini. Nella maggior parte dei casi, la causa è funzionale. Tuttavia, la costipazione può indicare occasionalmente un disordine organico significativo, che può essere determinato solitamente mediante una storia accurata e un esame fisico. La costipazione che è presente dalla nascita o che comincia nel periodo neonatale è più probabile da essere congenita in origine. La costipazione acuta ha solitamente una causa organica, mentre la costipazione cronica ha solitamente una causa funzionale. L'omissione di prosperare e la distensione lorda dell'addome suggeriscono la diagnosi della malattia di Hirschsprung. L'esame rettale di un bambino con costipazione rivela solitamente un retto dilatato che è pieno delle feci. In pazienti con la malattia di Hirschsprung, il retto è solitamente vuoto e strettamente. Le indagini del laboratorio non sono necessarie solitamente in pazienti con costipazione delicata. Il trattamento dovrebbe essere diretto alla causa fondamentale. La costipazione funzionale può essere diretta dai cambiamenti nella dieta, nelle abitudini regolari dell'intestino e, se necessario, nell'addestramento farmacologico di biofeed-back e di terapia.

Mancanza di influenza di transito intestinale su stato ossidativo in donne premenopausa.

Lewis S; Bolton C; Dipartimento di università di Heaton K di medicina, Bristol Royal Infirmary. EUR J Clin Nutr (Inghilterra) agosto 1996, 50 (8) p565-8

OBIETTIVO: Ci sono ragioni per credere che la dieta possa alterare il rischio di malignità tramite l'alterazione dello stato ossidativo del corpo. I contenuti intestinali e le sostanze enterohepatically diffuse sono influenzati dal tasso intestinale di transito. Una dieta bassa della fibra è stata collegata all'aumento nella costipazione veduta in paesi che consumano una dieta occidentalizzata come pure all'eziologia di molte malattie. Abbiamo studiato gli effetti di alterazione dei tassi intestinali di transito e di crusca di frumento su stato ossidativo.

PROGETTAZIONE: 40 donne premenopausa sono state randomizzate per ricevere gli integratori alimentari di crusca di frumento, della senna o del loperamide per la lunghezza di due cicli mestruali. Le annotazioni dietetiche, l'intero tempo di transito dell'intestino (WGTT) e perossidi del lipido del plasma, misurati come TBARS (specificamente malondialdeide) erano risolute all'inizio e alla fine di ogni intervento.

REGOLAZIONE: Dipartimento di università di medicina, Bristol Royal Infirmary.

RISULTATI: 36 volontari hanno terminato lo studio. WGTT è aumentato di quelli che ricevono il loperamide ed è diminuito in quelli che ricevono la senna. La diminuzione in WGTT non era significativa in quelle che ricevono la crusca di frumento. Le diete non sono cambiato. Non c'erano cambiamenti in TBARS, in colesterolo, in trigliceride o in regolato di TBARS per colesterolo e trigliceride, durante il tutto l'intervento.

CONCLUSIONI: Il completamento dietetico con crusca di frumento e l'alterazione farmacologica di transito intestinale non ha avuto influenza su stato ossidativo o sul colesterolo o sui trigliceridi del plasma.

Il collegamento fra l'assunzione dietetica della fibra e la costipazione cronica in bambini

Mooren G.C.A.H.C.M.; Van Der Plas R.N.; Bossuyt P.M.M.; Taminiau J.A.J.M.; Buller H.A. Academisch Medisch Centrum, AMC più gentile, Afd. Ing di Kindergastroenterologie/Voed, Meibergdreef 9, 1105 AZ Amsterdam Paesi Bassi

Voor Geneeskunde (Paesi Bassi), 1996, 140/41 di Nederlands Tijdschrift (2036-2039)

Obiettivo. Valutazione dei modelli d'alimentazione dei bambini con costipazione cronica, in particolare fibre dietetiche, energia e assunzione fluida e la loro influenza su tempo di transito colico. Inoltre, l'effetto delle raccomandazioni dietetiche per quanto riguarda le fibre è stato valutato.

Progettazione. Studio randomizzato futuro.

Regolazione. Dipartimento di gastroenterologia e di nutrizione pediatriche, centro medico accademico, Amsterdam, Paesi Bassi.

Metodo. I bambini con almeno 2 mesi dei reclami relativi a costipazione sono stati iscritti e sia l'ingestione dietetica che il tempo di transito del colonico sono stati valutati. Dopo che il trattamento dietetico e lassativo, in alcuno combinato con addestramento di biofeed-back e seguito di 6 mesi, un campione randomizzato sono stati valutati di nuovo per quanto riguarda i loro tempi di transito e modelli dietetici.

Risultati. In 73 bambini consecutivi l'assunzione media della fibra era la stessa di nei comandi sani, sebbene l'energia e l'assunzione fluida fossero più basse. Il tempo di transito colico è stato aumentato ha paragonato ai comandi sani e nessuna relazione è stata stabilita fra l'assunzione della fibra ed il tempo di transito. A 6 mesi nessun importante crescita nell'assunzione media della fibra è stato osservato e nessuna relazione è stata trovata fra qualsiasi tempo di transito e cambiamento nell'assunzione o cura della fibra e cambiamento nell'assunzione della fibra. Nei pazienti curati nessun aumento della loro assunzione media della fibra ha potuto essere osservato.

Conclusione. La quantità di fibre dietetiche non ha fatto parte patogena nella costipazione cronica. Il consiglio dietetico non ha cambiato il contenuto medio della fibra della dieta. Inoltre, i cambiamenti nell'assunzione della fibra non hanno avuti effetto su tempo o sulla cura di transito colico.

Prodotti per indigestione

Nathan A. Department della farmacia, l'College Londra, Londra Regno Unito di re

Giornale farmaceutico (Regno Unito), 1996, 256/6892 (678-682)

L'indigestione, dopo l'emicrania, è il disturbo molto probabilmente da trattare con una medicina senza ricetta medica. Nel 1994, le vendite dei rimedi di indigestione hanno aumentato di 11,7 per cento nei termini del volume (16,1 per cento da valore), alcuni di cui erano dovuto il POM al commutatore di P degli antagonisti di H2-receptor. I prodotti di P rappresentano soltanto 8,5 per cento delle vendite totali del rimedio di indigestione.

Fibra e laxation dietetici nei pazienti ortopedici del postop.

Ouellet LL; Turner TR; Stagno S; McLaughlin H; Knorr S Clin Nurs ricerca (Stati Uniti) novembre 1996, 5 (4) p428-40

L'aggiunta della fibra del grano nella dieta dei pazienti ortopedici post-chirurgici al fine dell'impedire la costipazione è stata studiata facendo uso di una progettazione quasi sperimentale. È stato supposto che un supplemento del gm 20 di tutta la crusca e di crusca naturale promuovesse i movimenti di intestino spontanei, riduce l'incidenza di costipazione e così fa diminuire l'esigenza degli interventi di eliminazione. I risultati indicano che il gruppo di studio ha avuto movimenti di intestino più spontanei ed hanno richiesto meno interventi di eliminazione del gruppo di controllo.

Hypermagnesemia acuto dopo uso lassativo

Qureshi T.I.; Melonakos T.K. 15268 Monroe Street del sud, Monroe, annali di MI 48161 U.S.A. della medicina di emergenza (U.S.A.), 1996, 28/5 (552-555)

Presentiamo il caso di un paziente in cui l'ipotensione, l'arresto cardiopolmonare improvviso ed il coma si sono sviluppati dopo una dose massiccia di un agente catartico apparentemente inoffensivo. La diagnosi del hypermagnesemia è stata fatta 9 ore dopo l'ammissione del paziente, quando la concentrazione nel magnesio del siero era di 21,7 mg/dL (8,9 mmol/L). Lo stato del paziente è migliorato con IV calcio, l'infusione della soluzione salina ed il supporto cardiorespiratorio. L'emivita di eliminazione di magnesio in questo caso era di 27,7 ore. Pochi casi sono stati riferiti in cui i pazienti sono sopravvissuto a con i livelli del siero i maggiori di 18 mg/dL (7,4 mmol/L). Questo caso fornisce la prova che il hypermagnesemia può accadere in pazienti con la funzione normale del rene. La diagnosi del hypermagnesemia dovrebbe essere considerata in pazienti che presentano con i sintomi dell'iporeflessia, della letargia, dell'ipotensione refrattaria, della scossa, dell'intervallo QT prolungato, della depressione respiratoria, o dell'arresto cardiaco.

Sfide nel trattamento dei disordini colici di motilità

Reynolds J.C. Gastroenterology e divisione di epatologia., Allegheny università. di vaste e della vite di salute vie di scienze, Filadelfia, PA 19102 U.S.A.

Giornale americano della farmacia del Salute-sistema (U.S.A.), 1996, 53/22 di supplemento. (S17-S26)

La patofisiologia ed il trattamento dei disordini colici di motilità sono esaminati. La disfunzione colica è una ragione comune per i pazienti ad assistenza medica di ricerca, sebbene le percezioni dei pazienti non possano riflettere la funzione anormale. Le anomalie nella funzione colica possono derivare da un disordine primario dell'intestino crasso o da metabolico, da neurologico, collagene vascolare, neoplastico, o le malattie infettive. La sindrome di intestino irritabile, un disordine comune di motilità colica, può essere causata tramite le alterazioni nelle funzioni neuromuscolari coliche, nella funzione neurale afferente, o nei fattori psicosociali. Il dysmotility colico può anche derivare da malassorbimento dei carboidrati. La forma più severa di motilità colica alterata è pseudo-ostruzione colica acuta. Gli studi diagnostici dovrebbero essere limitati alle prove appropriate per i sintomi e la severità evidente del paziente della malattia. La maggior parte dei disordini di motilità sono disturbi funzionali e non provocano gli studi anormali. La farmacoterapia dovrebbe essere diretta dalle misure obiettive, il più utile di quale sono misura di intero tempo di transito dell'intestino e quantificazione del contenuto idrico dei panchetti. Il trattamento dovrebbe essere determinato dalla natura del disordine e dei sintomi in questione. Per costipazione, il trattamento dovrebbe cominciare con i cambiamenti nella dieta, assunzione della fibra e del liquido e farmaci concorrenti. I lassativi irritanti possono avere effetti offensivi e non dovrebbero essere usati abituale; tuttavia, a purganti basati a glicol del polietilene possono essere utili. I più nuovi agenti prokinetic, quale il cisapride, sono stati indicati per promuovere la motilità colica. Per i pazienti selezionati con costipazione intrattabile, l'ambulatorio ha un buon indice di successo. Per i pazienti con diarrea funzionale, gli analoghi dell'oppioide possono aumentare l'assorbimento fluido e ritardare il transito.

Heartburn che richiede il frequente uso dell'antiacido può indicare la malattia significativa.

Robinson m., D seria, Rodriguez-Stanley S, Bosco verde e frondoso-Van Meerveld B, Jaffe P, la TA d'argento, CS di Kleoudis, Wilson LE, fondamento per ricerca digestiva, università di Oklahoma di RH di Murdock di centro di scienze di salute di Oklahoma, Oklahoma City 73109-5022, U.S.A.

Arco interno Med 1998 23 novembre; 158(21): 2373-6

FONDO: Molti individui altrimenti in buona salute con bruciore di stomaco episodico auto-medicano con gli antiacidi non quotati in borsa. Abbiamo valutato le caratteristiche cliniche degli oggetti che non erano stati diagnosticati mai medicamente come avendo alcun disordine superiore del tratto gastrointestinale e che hanno usato gli antiacidi per sollievo sintomatico di bruciore di stomaco.

OGGETTI E METODI: Gli oggetti con almeno 3 mesi di frequente bruciore di stomaco alleviati dagli antiacidi e con bruciore di stomaco almeno su 4 dei 7 giorni durante la settimana prima dell'entrata di studio, hanno avuti la loro anamnesi e caratteristiche patologiche gastrointestinali registrate. Le prove hanno compreso gli studi esophagogastroduodenoscopy e esofagei della sensibilità e di motilità ed il monitoraggio di 24 ore di pH.

RISULTATI: Di 178 oggetti schermati, 13 si sono esclusi in base ad altre malattie gastrointestinali alla linea di base, compreso lo spasmo esofageo diffuso, la malattia dell'ulcera peptica, il metaplasia colonnare displastico dell'esofago (l'esofago di Barrett) e l'adenocarcinoma. Dieci oggetti erano ineleggibili a causa del bruciore di stomaco insufficiente della linea di base. I 155 oggetti ammissibili rimanenti hanno avuti bruciore di stomaco per una media di 11 anno. Quarantasette per cento hanno avuti sintomi quotidiani e 70% ha descritto la severità del bruciore di stomaco come moderato, anche se sull'endoscopia più (53%) ha avuto mucosa esofagea normale-apparente (gradi 0 o 1). La sensibilità acida esofagea era presente in 86% degli oggetti. Le pressioni esofagee più basse medie dello sfintere e le ampiezze contrattili esofagee erano ai limiti inferiori di normale ed il tempo acido esofageo totale del contatto leggermente è stato aumentato.

CONCLUSIONI: Il bruciore di stomaco cronico può riflettere una vasta gamma di risultati diagnostici, compreso le caratteristiche patologiche stanti alla base importanti e può autorizzare un esame medico completo per individuare tali circostanze anormali e per permettere la selezione della terapia appropriata.

Costipazione ed incontinenza fecale nella popolazione anziana.

Romero Y; Evans JM; Fleming KC; Divisione di "phillips" SF di gastroenterologia e di medicina interna, Mayo Clinic Rochester, Minnesota 55905, U.S.A.

Mayo Clin Proc (Stati Uniti) gennaio 1996, 71 (1) p81-92

OBIETTIVO: per descrivere la valutazione e la gestione di costipazione e dell'incontinenza fecale in pazienti anziani.

PROGETTAZIONE: Abbiamo esaminato le pubblicazioni pertinenti nella letteratura medica recente ed abbiamo delineato le efficaci strategie della gestione per costipazione e l'incontinenza fecale nella popolazione geriatrica.

RISULTATI: La costipazione può essere classificata in due sindromi--costipazione funzionale e ritardo rettosigmoideo dello sbocco. La valutazione consiste dell'ottenimento di una storia dettagliata, di un esame fisico diretto e delle prove di laboratorio selezionate. La gestione comprende le misure nonpharmacologic (quali l'esercizio e la fibra) e farmacologiche. L'incontinenza fecale in pazienti anziani può essere dovuto compressione delle feci, i farmaci, la demenza, o la disfunzione neuromuscolare. Le opzioni della gestione comprendono la modifica dei disordini di contributo, della terapia farmacologica e delle tecniche comportamentistiche.

CONCLUSIONE: La costipazione e l'incontinenza fecale sono termini comuni e spesso debilitanti in pazienti anziani. La gestione dovrebbe altamente essere individualizzata e dipendente su causa, sulle morbosità di coesistenza e sullo stato conoscitivo. (73 Refs.)

Costipazione idiopatica cronica: patofisiologia e trattamento.

Velio P; Bassotti G Cattedra di Gastroenterologia, Di Milano, Di Milano, Italia di Studi di degli di Universita di IRCSS-Ospedale Maggiore. J Clin Gastroenterol (Stati Uniti) aprile 1996, 22 (3) p190-6

La costipazione cronica è comune nella popolazione in genere, particolarmente in donne, nella sua forma idiopatica. Tuttavia, la confusione ancora circonda la sua definizione, malgrado gli sforzi recenti per standardizzarla. La costipazione può essere divisa nel grande transito sottogruppo-normale due e nel transito lento. Le basi patofisiologiche differenti di ancora non completamente capite. La maggior parte dei pazienti rispondono alle misure terapeutiche semplici puntate su correggendo l'assunzione e lo stile di vita dietetici della fibra. Altri, tuttavia, hanno bisogno del trattamento più aggressivo, compreso i lassativi, la terapia psicologica e la biofeed-back. In alcuni pazienti con costipazione intrattabile, l'ambulatorio ha potuto essere indicato per dare il sollievo.

Costipazione pediatrica.

Giovane RJ Gastroenterol Nurs (Stati Uniti) maggio-giugno 1996, 19 (3) p88-95

Lo scopo di questo articolo è di presente una panoramica di costipazione pediatrica. La discussione sulla definizione da un punto di vista di infermieristico e medico è inclusa. La patofisiologia intestinale come pure le teorie eziologiche di costipazione pediatrica sono esaminate. La ricerca corrente fin qui ed il trattamento e l'esperienza clinici di area sono presentati. Una spiegazione razionale per ulteriore ricerca di professione d'infermiera in questa area è descritta. (93 Refs.)