Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti

Disordine affettivo stagionale (TRISTE)

ESTRATTI

immagine

Terapia leggera in bulimia nervosa: una prova alla cieca, studio controllato con placebo.

Blouin AG; Blouin JH; Iversen H; Carter J; Goldstein C; Zona aurifera G; Dipartimento di Perez E di psichiatria, ospedale civico di Ottawa, SOPRA, il Canada.

Psichiatria ricerca (Irlanda) 28 febbraio 1996, 60 (1) p1-9

Gli effetti della terapia leggera sull'ingestione di cibo ed i sintomi affettivi della bulimia nervosa (BN) sono stati esaminati in uno studio di prova alla cieca. Diciotto donne che hanno risposto ai criteri di DSM-III-R per i BN sono state assegnate a caso per ricevere o 2500 lux di luce intensa (stato sperimentale) o < 500 lux di luce tenue (stato del placebo) quotidiani nel prima serata per un periodo di una settimana. La guida strutturata di intervista per la lista di controllo affetta da bulimia di sintomi di Hamilton Depression Rating Scale-Seasonal Affee è stata amministrata agli oggetti prima di esposizione alla luce, dopo 1 settimana di esposizione alla luce e dopo i 7 giorni di ritiro di esposizione alla luce. In tutto lo studio, il profilo degli stati dell'umore e l'annotazione quotidiana di baldoria sono stati completati giornalmente. Rispetto agli oggetti nella condizione di luce tenue, gli oggetti nello stato della luce intensa hanno mostrato un miglioramento significativo nell'umore depresso durante l'esposizione alla luce, come misurato sia dal BDI che dal SIGH-SAD. C'era un ritorno ai livelli di pretrattamento di depressione dopo ritiro di esposizione alla luce. Nessun cambiamento nella depressione è stato notato nel gruppo del placebo. Nessun effetto della terapia leggera è stato trovato sulla frequenza, sulla dimensione, o sul contenuto degli episodi del baldoria-cibo. I risultati sono discussi in termini di processi fisiologici connessi con la terapia leggera ed il disordine affettivo stagionale che possono essere alla base dei sintomi di cibo ed affettiva dell'ingestione dei BN.

Trattamento della luce intensa della depressione di inverno: una prova controllata con placebo

Ci di Eastman; Giovane mA; Fogg LF; Liu L; Dipartimento di Meaden PM di psicologia, centro medico della Attività -Presbiteriano-st Luke, Chicago, Ill 60612, U.S.A. ceastman@rush.edu

Incurvi Gen Psychiatry (Stati Uniti) ottobre 1998, 55 (10) p883-9,

FONDO: La terapia della luce intensa è il trattamento raccomandato per disordine affettivo stagionale dell'inverno (TRISTE). Tuttavia, gli studi con i migliori comandi del placebo non hanno potuti dimostrare che il trattamento della luce ha un beneficio oltre il suo effetto del placebo.

METODI: Novantasei pazienti con TRISTE hanno terminato lo studio. I pazienti sono stati assegnati a caso a 1 dei 3 trattamenti per 4 settimane, ogni 1,5 ore al giorno: luce di mattina (tempo di avviamento medio circa le 6 di mattina), uguagliando luce (inizio medio circa le 9 di sera), o il placebo di mattina (inizio medio circa le 6 di mattina). La luce intensa (circa 6000 lux) è stata prodotta dalle scatole leggere e dai placebi era generatori finti dello negativo-ione. Le valutazioni della depressione facendo uso della guida strutturata di intervista per Hamilton Depression Rating Scale, versione TRISTE (SIGH-SAD) sono state eseguite settimanalmente.

RISULTATI: Non c'erano differenze fra i 3 gruppi nelle valutazioni di aspettativa o la depressione media segna dopo 4 settimane del trattamento. Tuttavia, i criteri rigorosi di risposta hanno rivelato statisticamente le differenze significative; dopo 3 settimane della mattina del trattamento la luce ha prodotto più del completo o quasi completa le remissioni che il placebo. Da 1 criterio (i punteggi di 24-item SIGH-SAD <50% della linea di base e < o =8), 61% dei pazienti ha risposto alla luce di mattina, 50% ad uguagliare la luce e 32% a placebo dopo 4 settimane del trattamento.

CONCLUSIONI: La terapia della luce intensa ha avuta un effetto antidepressivo specifico oltre il suo effetto del placebo, ma ha richiesto almeno 3 settimane affinchè un effetto significativo si sviluppasse. Il beneficio di luce sopra placebo era nella produzione dei più delle remissioni complete.

Efficacia di luce contro la terapia del triptofano nel disordine affettivo stagionale.

Ghadirian, Murphy È, dipartimento di Gendron MJ della psichiatria, università McGill, Victoria Hospital reale, Montreal, Quebec, Canada.

Influenza Disord 1998 di J luglio; 50(1): 23-7

FONDO: Sebbene la terapia leggera si sia trasformata nel trattamento accettato per i pazienti che soffrono dal disordine affettivo stagionale (TRISTE, depressione di inverno), quasi 40% di questi pazienti non rispondono e richiedono un trattamento alternativo.

METODI: Gli effetti terapeutici di luce contro triptofano su TRISTE sono stati studiati nelle misure ripetute progettano in 13 pazienti TRISTI (11 donna, 2 uomini). La terapia leggera per 2 settimane o triptofani per 4 settimane è stata data, separato entro un periodo di interruzione di una settimana. Tutti sono stati valutati con la scala modificata di Hamilton Depression Rating (SIGH-SAD) all'inizio e alla fine di ogni trattamento.

RISULTATI: Quattro (31%) dei pazienti non hanno risposto a qualsiasi terapia. Quattro pazienti triptofano-resistenti hanno risposto alla terapia leggera, mentre un paziente terapia-resistente leggero ha risposto a triptofano. La ricaduta si è presentata rapidamente dopo la fermata della terapia leggera ma non dopo la fermata della terapia del triptofano.

CONCLUSIONI: C'erano effetti terapeutici significativi sia di luce (p = 0,012) che di triptofano (p = 0,014) su TRISTI, che non erano significativamente differenti l'uno dall'altro. Ci può essere una differenza di tempo fra gli effetti farmacocinetici residui dopo la fermata della terapia.

LIMITAZIONI: I gruppi studiati erano piccoli. Ciò era uno studio aperto.

RILEVANZA CLINICA: Il triptofano era ugualmente efficace accendere la terapia nel trattamento TRISTE, ma la ricaduta dopo che il ritiro di triptofano probabilmente accade più lentamente.

aumento del L-triptofano della terapia leggera in pazienti con disordine affettivo stagionale.

Fuga RW; Levitan RD; EM di Tam; Yatham LN; Lamoureux S; Dipartimento di Zis AP di psichiatria, università di Columbia Britannica, Vancouver rlam@unixg.ubc.ca

Può J la psichiatria (Canada) aprile 1997, 42 (3) p303-6

OBIETTIVO: Fino a un terzo dei pazienti con disordine affettivo stagionale (TRISTE) non ha una risposta completa alla terapia leggera. Dato la prova per i disturbi della fisioregolazione serotonergic in TRISTE, abbiamo esaminato il ruolo possibile di l-triptofano come strategia di aumento affinchè i nonresponders ed i radar-risponditore parziali accendiamo la terapia.

METODO: I pazienti senza droga ammissibili che rispondono ai criteri di DSM-IV per TRISTE sono stati curati per 2 settimane facendo uso di un regime standard di terapia della luce di mattina (una luce fluorescente bianca fresca di 10.000 lux per 30 minuti). Parziale e nonresponders sono stati trattati per 2 settimane con il l-triptofano dell'aperto etichetta (1 g 3 cronometra il quotidiano) mentre la terapia leggera è stata continuata. Le valutazioni alla linea di base ed a seguito hanno compreso la guida di intervista strutturata 29 oggetti per Hamilton Depression Rating Scale, la versione TRISTE (SIGH-SAD) e la scala globale clinica dell'impressione (cgi).

RISULTATI: Sedici pazienti hanno cominciato la fase di aumento del l-triptofano. Due pazienti hanno interrotto i farmaci all'interno del trattamento della DG 3, l'aggiunta di l-triptofano hanno provocato la riduzione significativa dei punteggi medi della depressione. Nove di 14 pazienti (64%) hanno mostrato le risposte cliniche molto buone al trattamento combinato ed agli effetti collaterali minimi.

CONCLUSIONE: Questo studio dell'aperto etichetta suggerisce che il l-triptofano possa essere un'efficace strategia di aumento per quei pazienti con TRISTE chi la manifestazione ha limitato o risposta difficile alla terapia luminosa del ligh. Ulteriori studi controllati con placebo sono autorizzati per dimostrare l'efficacia.

Il vitamina D3 migliora l'umore negli individui sani durante l'inverno.

Lansdowne A, dipartimento di psicologia, l'università dello Sc del prevosto di Newcastle, Callaghan NSW, Australia.

Psicofarmacologia (Berl) 1998 febbraio; 135(4): 319-23

I cambiamenti dell'umore sincronizzati alle stagioni esistono su un continuum fra gli individui, con ansia e la depressione che aumentano durante i periodi invernali. Una forma estrema di stagionalità è manifestata come la sindrome clinica di disordine affettivo stagionale (TRISTE) con bisogno, ipersonnia, la letargia ed i cambiamenti del carboidrato nei ritmi circadiani anche evidenti. È stato suggerito che la stagionalità ed i sintomi di TRISTE potessero essere dovuto i livelli di cambiamento di vitamina D3, l'ormone di luce solare, conducente ai cambiamenti in serotonina del cervello. Quarantaquattro individui sani non sono stati dati 400 IU, 800 IU, o vitamina D3 per i 5 giorni durante l'inverno tardo in uno studio di prova alla cieca casuale. I risultati su un auto-rapporto misurano indicato che il vitamina D3 ha migliorato significativamente l'influenza positiva e c'era una certa prova di una riduzione dell'influenza negativa. I risultati sono discussi in termini di loro implicazioni per stagionalità, TRISTE, serotonina, la preferenza dell'alimento, il sonno ed i ritmi circadiani.

Mattina contro il trattamento della luce di sera dei pazienti con la depressione di inverno.

Lewy AJ, Bauer VK, coltellinaio nl, sacco RL, Ahmed S, Thomas KH, sangue ml, dipartimento di Jackson JM di psichiatria, scienze università, Portland 97201-3098, U.S.A. di salute dell'Oregon.

Arco Gen Psychiatry 1998 ottobre; 55(10): 890-6

FONDO: Secondo l'ipotesi dello sfasamento per la depressione dell'inverno, la luce di mattina (che causa un avanzamento di fase circadiano) dovrebbe essere più antidepressiva della luce di sera (che causa un ritardo). Sebbene nessuno studio abbia indicato uguagliare la luce per essere più antidepressivo della luce di mattina, le indagini non hanno indicato differenza o la luce di mattina per essere superiori. Lo studio presente valuta questi programmi dell'luminoso esposizione sia nell'incrocio che nei confronti a gruppi paralleli.

METODI: Cinquantuno paziente e 49 comandi abbinati sono stati studiati per 6 settimane. Dopo che una valutazione di prebaseline e una settimana leggera/di buio e di sonno/risveglio adattamento della linea di base, oggetti è stata esposta a luce intensa a 6 alle 8 di mattina o a 7 alle 9 di sera per 2 settimane. Dopo una settimana di ritiro dal trattamento leggero, sono stati attraversati all'altro programma leggero. gli inizi della melatonina della Tenue-luce sono stati ottenuti 7 volte durante lo studio valutare la posizione circadiana di fase.

RISULTATI: Fase-avanzato leggero di mattina l'inizio della melatonina della tenue-luce ed era più antidepressivo della luce di sera, che fase-lo ha ritardato. Questi risultati erano statisticamente significativi per sia incrocio che i confronti a gruppi paralleli. gli inizi della melatonina della Tenue-luce sono stati ritardati generalmente nei pazienti rispetto ai comandi.

CONCLUSIONI: Questi risultati dovrebbero contribuire a stabilire l'importanza (mattina o sera) di periodo circadiano di esposizione alla luce nel trattamento della depressione dell'inverno. Raccomandiamo che l'esposizione alla luce sia preveduta immediatamente sul risveglio nel trattamento della maggior parte dei pazienti con disordine affettivo stagionale.

Effetti di svuotamento del triptofano sui pazienti senza droga con disordine affettivo stagionale durante la risposta stabile alla terapia della luce intensa.

Neumeister A; Praschak-Rieder N; Besselmann B; Rao ml; Gluck J; Dipartimento di Kasper S di psichiatria generale, università di Vienna, Austria alexn@box-a.nih.gov

Incurvi Gen Psychiatry (Stati Uniti) febbraio 1997, 54 (2) p133-8

FONDO: Una disfunzione del sistema della serotonina può svolgere un ruolo principale nella patogenesi di disordine affettivo stagionale. La terapia della luce intensa è stata indicata per essere efficace nel trattamento della depressione dell'inverno in pazienti con disordine affettivo stagionale. Dalla la remissione indotta da terapia leggera dalla depressione può essere associata con i cambiamenti nella funzione della serotonina del cervello.

METODI: Dopo almeno 2 settimane della remissione clinica, 12 pazienti senza droga che avevano avuti depressione con disordine affettivo stagionale hanno subito lo svuotamento in una prova alla cieca, studio del triptofano di progettazione controllato con placebo e equilibrato dell'incrocio.

RISULTATI: Lo svuotamento a breve termine del triptofano ha indotto una diminuzione significativa in plasma libero e nei livelli totali del triptofano (P < .001 per entrambi, analisi di misure della varianza ripetuta), con gli effetti di punta che accadono 5 ore dopo che ingestione di una bevanda senza triptofano dell'aminoacido. È emerso che lo svuotamento del triptofano conduce ad una ricaduta depressiva transitoria, che era la più pronunciata il giorno dopo la prova di triptofano-svuotamento. Nessun cambiamento clinicamente pertinente dell'umore è stato osservato nella prova di controllo.

CONCLUSIONI: Il mantenimento dalla della remissione indotta da terapia leggera dalla depressione in pazienti con i cicli stagionali dell'umore sembra dipendere dall'integrità funzionale del sistema della serotonina del cervello. I nostri risultati indicano che il sistema della serotonina potrebbe partecipare al meccanismo di azione della terapia leggera.

Effetti di svuotamento del triptofano in pazienti completamente rimessi con disordine affettivo stagionale durante l'estate.

Neumeister A, Praschak-Rieder N, Hesselmann B, Vitouch O, Rauh m., Barocka A, dipartimento di Kasper S di psichiatria generale ed istituto di psicologia, università di Vienna, Austria.

Med 1998 di Psychol marzo; 28(2): 257-64

FONDO: Le carenze nella funzione della serotonina del cervello sono credute per svolgere un ruolo importante in patofisiologia del tipo stagionale inverno/di disordine affettivo (TRISTE). Tuttavia, nessuna prova diretta è stata riferita finora che l'attività abbassata della serotonina del cervello causa i sintomi di TRISTE.

METODI: Abbiamo studiato 11 paziente TRISTE che avevano sofferto gli episodi depressivi dell'inverno ricorrente di TRISTE e completamente sono stati recuperati e fuori dal trattamento durante l'estate. In un randomizzato, equilibrato, i pazienti di progettazione di incrocio della prova alla cieca hanno ricevuto due bevande dell'aminoacido, un triptofano contenente e l'altro che non contiene triptofano ma altrimenti identico. Le valutazioni comportamentistiche e le concentrazioni totali e libere del plasma del triptofano sono state valutate in seguito alla linea di base prima dell'amministrazione delle bevande dell'aminoacido ed a parecchi intervalli di tempo.

RISULTATI: La bevanda senza triptofano dell'aminoacido ha indotto le diminuzioni significative di plasma totali e livelli liberi del triptofano ed entrambi i livelli aumentati durante lo svuotamento finto (interazione di volta di circostanza x: P < 0,001). Lo svuotamento del triptofano, ma non lo svuotamento di falsità ha causato un ritorno transitorio dei sintomi depressivi (interazione di volta di circostanza x: P < 0,001).

CONCLUSIONI: Lo studio presente dimostra che i pazienti TRISTI nella remissione durante l'estate sono vulnerabili ad un ritorno della depressione una volta vuotati di triptofano. Ciò che trova sostiene l'importanza dei meccanismi serotonergic in patofisiologia di TRISTE.

Disordine affettivo stagionale.

Partonen T, dipartimento di Lonnqvist J di psichiatria, università di Helsinki, istituto nazionale di salute pubblica, Finlandia timo.partonen@ktl.fi

Lancetta 1998 24 ottobre; 352(9137): 1369-74

Il disordine affettivo stagionale (TRISTE) è una forma di depressivo ricorrente o di disturbo bipolare, con gli episodi che variano nella severità. I modelli stagionali degli episodi depressivi sono comuni, ma TRISTE sembra essere meno comune che tali modelli suggeriscono. TRISTE era inizialmente creduto per essere collegato con il metabolismo anormale della melatonina, ma i risultati successivi non hanno sostenuto questa ipotesi. Gli studi sulla funzione della serotonina del cervello sostengono l'ipotesi di attività di disturbo. Il polimorfismo dell'breve allele per il trasportatore della serotonina è più comune in pazienti con TRISTE che in gente in buona salute. I sintomi depressivi atipici precedono comunemente il funzionamento alterato ed i sintomi somatici sono frequentemente il reclamo di presentazione durante le visite ai medici di famiglia. I migliori regimi terapeutici includono 2500 IX di esposizione alla luce artificiale di mattina. Quando i pazienti sembrano non avere risposta o preferire un altro trattamento, gli antidepressivi dovrebbero essere considerati.

Una prova controllata della terapia leggera per il trattamento di disordine affettivo stagionale pediatrico.

Se di Swedo; Allen AJ; Glod CA; Clark CH; Teicher MH; Richter D; Hoffman C; Deviazione standard dell'hamburger; Dow S; Brown C; Dipartimento del Ne di Rosenthal di psichiatria, ospedale di McLean, Belmont, mA, U.S.A.

J Acad bambino Adolesc psichiatria (Stati Uniti) giugno 1997, 36 (6) p816-21

OBIETTIVO: per valutare l'efficacia della terapia leggera per il trattamento di disordine affettivo stagionale pediatrico (TRISTE).

METODO: 28 bambini (invecchiati 7 - 17 anni) a due siti geograficamente distinti sono stati iscritti ad una prova alla cieca, controllata con placebo, prova dell'incrocio del trattamento della luce intensa. Gli oggetti inizialmente hanno entrato in un periodo lungo una settimana della linea di base durante cui hanno indossato i vetri scuri per un'ora al giorno. Poi sono stati assegnati a caso per ricevere il trattamento attivo (1 ora della terapia della luce intensa più 2 ore di simulazione di alba) o il placebo (1 ora di chiari occhiali di protezione più 5 minuti di simulazione a bassa intensità di alba) per 1 settimana. La fase del trattamento è stata seguita da una seconda fase dei vetri scuri che dura 1 - 2 settimane. Dopo questa fase, i bambini hanno ricevuto il trattamento alterno. La risposta è stata misurata facendo uso delle versioni del bambino e del genitore della guida strutturata per Hamilton Depression Rating Scale, versione stagionale di disordini affettivi (SIGH-SAD) di intervista.

RISULTATI: I dati sono stati analizzati come cambiamento dalla linea di base. SIGH-SAD-P ammontano ai punteggi della depressione significativamente sono stati diminuiti dalla linea di base durante la terapia leggera rispetto a placebo (analisi unidirezionale della varianza, del Rho = .009) e nessuna differenza è stata trovata fra il placebo e controlla le fasi. I sottopunteggi della depressione atipica e tipica inoltre sono stati diminuiti significativamente durante il trattamento attivo (Rho = .004 e .028, rispettivamente). Una simile tendenza è stata notata con il SIGH-SAD-C, ma questa non ha raggiunto il significato. Alla conclusione dello studio, 78% dei genitori messi in discussione e 80% dei bambini hanno messo in discussione la terapia leggera stimata come la fase durante cui il bambino “ha ritenuto la cosa migliore.„

CONCLUSIONE: La terapia leggera sembra essere un efficace trattamento per TRISTE pediatrico.

[Melatonina e depressione stagionale]

Tarquini B; Perfetto F; Tarquini R Istituto di Clinica Medica IV, Universita, Firenze.

Med di Recenti Prog (Italia) luglio-agosto 1998, 89 (7-8) p395-403

L'ipotesi della melatonina (MEL) nei disordini affettivi stagionali (TRISTI) è sostenuta vicino: a) suggerimento storico; b) periodicità circadiana e stagionale di MEL con prova che il TRISTE è collegato con il fotoperiodo; c) relazione fra l'incidenza e la severità di TRISTE e della latitudine; d) la risposta a luce artificiale luminosa (inefficace nella depressione) che imita l'ora legale; e) L'amministrazione di MEL può indurre alcuni sintomi del TRISTE; f) parecchi livelli del plasma di MEL di aumento delle droghe antidepressive. alcuni di questi risultati sono confutati: gli atti della luce indipendente dai MEL, alcuni agenti antidepressivi agiscono senza livelli di modificazione di MEL; un'alterazione coerente nella secrezione di MEL all'interno di TRISTE non è stata dimostrata in modo convincente. La relazione fra l'incidenza e la severità di TRISTE e della latitudine suggerisce una nuova implicazione potenziale dei MEL in TRISTE. Gli indici di giorno della melatonina riflettono i cambiamenti lungo la scala di un anno in sole. Di conseguenza, la periodicità circa-annuale, molto più grande nell'ampiezza che la componente semestrale, rende i rapporti più piccoli dell'unità. Al contrario durante l'oscurità una componente circa-metà-annuale è più prominente. Mentre la zona dell'aurora si avvicina a, l'intensità delle perturbazioni magnetiche aumenta. Quindi, l'intensità di queste relazioni inverse di manifestazioni di due variabili con la latitudine ed il campo geomagnetico fa diminuire i livelli del plasma di MEL ed inibisce la funzione di MEL. (38 Refs.)

Una prova controllata di luce intensa cronometrata e di ionizzazione negativa dell'aria per il trattamento della depressione di inverno.

Terman m., Terman JS, dipartimento di CC di Ross di psichiatria, università di Columbia, istituto psichiatrico dello Stato di New York, New York 10032, U.S.A. mt12@earthlink.com

Arco Gen Psychiatry 1998 ottobre; 55(10): 875-82

FONDO: La luce intensa artificiale presenta un trattamento nonpharmacological di promessa per disordine affettivo stagionale. Dopo gli studi, tuttavia, hanno mancato dei comandi adeguati del placebo o del potere sufficiente individuare le differenze del gruppo. L'importanza dell'ora del trattamento--specificamente, superiorità leggera di mattina--è rimanere discutibile.

METODI: Questo studio ha usato una progettazione di incrocio leggera uguagliante di mattina x equilibrata tramite i comandi a gruppi paralleli, oltre ad un controllo nonphotic, ionizzazione negativa dell'aria. Gli oggetti con disordine affettivo stagionale (N = 158) sono stati assegnati a caso a 6 gruppi per 2 periodi consecutivi del trattamento, ogni 10 - 14 giorni. Le sequenze leggere del trattamento erano mattina-sera, sera-mattina, mattina-mattina e sera-sera (10.000 lux, 30 min/d). La densità dello ione era 2,7 x 10(6) (livello) o 1,0 x 10(4) ioni (di minimo) per centimetro cubico (sequenze alto alte e basso basse, 30 min/d di mattina).

RISULTATI: L'analisi della modifica percentuale della scala della depressione segna la risposta a bassa densità indicata dello ione per essere inferiore a tutti i altri gruppi, senza altre differenze del gruppo. La risposta ad uguagliare la luce è stata ridotta una volta preceduta dal trattamento con la luce di mattina, il solo effetto di sequenza. I criteri rigorosi della remissione, tuttavia, hanno mostrato la risposta significativamente più alta alla mattina che la luce di sera, indipendentemente dalla sequenza del trattamento.

CONCLUSIONI: La luce intensa e la ionizzazione negativa ad alta densità entrambe dell'aria sembrano fungere da antidepressivi specifici in pazienti con disordine affettivo stagionale. Se il miglioramento clinico più ulteriormente sarebbe migliorato tramite il loro uso in associazione, o come adiuvanti al farmaco, attende la ricerca.

LETTURA SUGGERITA

Le stanze di ospedale soleggiate accelerano il recupero dalle depressioni severe e refrattarie.

Beauchemin chilometro; Università dei fieni P di alberta, 1E7.31 Mackenzie Health Sciences Centre, Edmonton, Alberta, Canada.

J colpisce Disord (Paesi Bassi) il 9 settembre 1996, 40 (1-2) p49-51

La terapia della luce intensa è un efficace trattamento per disordine affettivo stagionale, uno stato raro segnato dalla depressione delicata dell'inverno. Le luci intense sono state utilizzate come aggiunte nel trattamento farmacologico di altri tipi di malattie depressive. Le stanze nella nostra unità psichiatrica del ricoverato così sono disposte che la metà è luminosa e soleggiata ed il resto non è. Ragione per cui alcuni pazienti stavano ottenendo involontariamente la terapia leggera, abbiamo paragonato le durate del soggiorno dei pazienti depressi nelle stanze soleggiate a quelle dei pazienti nelle stanze smussate. Quelli nelle stanze soleggiate hanno avuti un soggiorno medio dei 16,9 giorni confrontati ai 19,5 giorni per quelli nelle stanze smussate, una differenza dei 2,6 giorni (15%): P < 0,05.

5-Hydroxytryptophan: un clinico-efficace precursore della serotonina.

Birdsall TC. 73541.2166@compuserve.com

Altern Med Rev 1998 agosto; 3(4): 271-280

5-Hydroxytryptophan (5-HTP) è il metabolita intermedio del L-triptofano dell'aminoacido essenziale (LT) nella biosintesi di serotonina. L'assorbimento intestinale di 5-HTP non richiede la presenza di molecola del trasporto e non è colpito dalla presenza di altri aminoacidi; quindi può essere preso con i pasti senza ridurre la sua efficacia. A differenza di LT, 5-HTP non può essere messo da parte in produzione della proteina o della niacina. L'uso terapeutico di 5-HTP esclude la conversione di LT in 5-HTP dall'idrossilasi del triptofano degli enzimi, che è il punto dilimitazione nella sintesi di serotonina. 5-HTP è assorbito bene da una dose orale, con circa 70 per cento che finiscono nella circolazione sanguigna. Attraversa facilmente la barriera ematomeningea e efficacemente aumenta la sintesi del sistema nervoso centrale (SNC) di serotonina. Nello SNC, i livelli della serotonina sono stati implicati nel regolamento di sonno, della depressione, dell'ansia, dell'aggressione, dell'appetito, della temperatura, del comportamento sessuale e della sensazione di dolore. L'amministrazione terapeutica di 5-HTP è stata indicata per essere efficace nel trattamento dell'ampia varietà di termini, compreso la depressione, la fibromialgia, il cibo di baldoria connesso con l'obesità, le emicranie croniche e l'insonnia.

Previsione delle risposte acute e recenti alla terapia leggera dall'attivazione vocale (passo) ed auto-stimata nel disordine affettivo stagionale.

ANNUNCIO di Boenink; AL di Bouhuys; DG di Beersma; Dipartimento di Meesters Y di psichiatria biologica, ospedale universitario di Groninga, Paesi Bassi.

J colpisce Disord (Paesi Bassi) febbraio 1997, 42 (2-3) p117-26

È stato supposto che l'attivazione di pretrattamento svolgesse un ruolo nella risposta alla terapia leggera nel disordine affettivo stagionale (TRISTE). In 55 pazienti TRISTI (DSMIII-R) energetici e nell'attivazione tesa è stato valutato prima della terapia leggera via la auto-valutazione (AD-ACL) e le caratteristiche sane di voce (passo e variazione medi nel passo). Queste variabili sono state studiate relativamente alla risposta “acuta„ ai 4 giorni della terapia leggera (30 min, 10000 lux) e ad una risposta “recente„ (11 (10) i giorni dopo che la terapia leggera si era fermata). La risposta acuta è stata definita come le percentuali cambiano giornalmente nell'umore depresso auto-stimato di 3 volte (AMS) riguardo alla media dei 4 giorni della linea di base. “Tardi„ la risposta è stata definita come le percentuali cambiano in HRSD o l'AMS segna fra la linea di base e 11 (10) giorni dopo la terapia leggera. È stato trovato che i pazienti che hanno voci acute con la piccola variazione in questo passo hanno tratto giovamento più dalla terapia leggera che i pazienti con il tono basso e la grande variazione nei livelli del passo. Questo effetto era soltanto significativo dopo il primo giorno di esposizione alla luce. Non altre relazioni significative sono state trovate fra l'attivazione della linea di base e le risposte acute o recenti alla terapia leggera. Quindi, la terapia leggera sembra dare il conforto extra in pazienti “tesi„, che diventano radar-risponditore rapidi per accendere la terapia.

Mal di testa a grappolo e malattia affettiva periodica: caratteristiche cronobiologiche comuni.

Costa A; Leston JA; Cavallini A; Centro universitario di Nappi G per i disordini adattabili ed emicrania (UCADH), sezione di Pavia I, Italia.

Funct Neurol (Italia) luglio-settembre 1998, 13 (3) p263-72

Molti dei cambiamenti stagionali che accadono in animali sembrano essere associati con le modifiche photoperiodic e specialmente con la durata delle fasi di esposizione a leggero ed a scuro. L'integrazione di questi processi è permessa dal funzionamento normale degli oscillatori o dei sincronizzatori biologici, presumibilmente situato al livello ipotalamico. Il mal di testa a grappolo (CH), il disordine affettivo stagionale (TRISTE) ed i disturbi dell'umore bipolari sono circostanze che sopportano le numerose analogie, specialmente per quanto riguarda lo schema temporale delle perturbazioni, la natura della predisposizione o dei fattori scatenante, la relazione peculiare con sonno, i risultati neuroendocrini e la risposta clinica ai trattamenti della corrente. La secrezione di melatonina, che è influenzata ciclo leggero/scuro, visualizza un modello bimodale, che è probabile essere dettato dall'attività dei sincronizzatori distinti per leggero e scuro. I cambiamenti nel modello secretivo di questo neurormone inoltre sono stati documentati sia nel CH che TRISTE. La possibilità di normalizzazione il ritmo secretivo di melatonina per mezzo di fototerapia in TRISTE e dell'uso terapeutico dell'ormone impedire la ricorrenza delle fasi attive nel CH, rappresenta ulteriori similarità interessanti fra questi due disordini. La melatonina, fungente da transductor neuroendocrino unico degli input photic, può quindi essere osservata come indicatore della malattia dyschronic da utilizzare in pazienti che soffrono dal CH e dalla malattia affettiva, per entrambi gli scopi diagnostici e valutare la risposta ai trattamenti farmacologici e non farmacologici. (47 Refs.)

L'importanza di remissione di estate completa come criterio per la diagnosi di disordine affettivo stagionale.

Danilenko chilovolt; Istituto di Putilov aa di fisiologia, ramo siberiano dell'accademia delle scienze mediche russa, Novosibirsk, Russia.

Psicopatologia (Svizzera) 1996, 29 (4) p230-5

Dal 1987 al 1994, il disordine affettivo stagionale (TRISTE) è stato diagnosticato facendo uso dei criteri di DSM-III-R o di Rosenthal. Nessuna differenza principale fra loro è stata trovata, salvo che i criteri di DSM-III-R erano più rigorosi e difficili da implementare. Poca attenzione è stata pagata alle differenze nel criterio della qualità di miglioramento di estate. Questo studio ha confrontato due gruppi di depressives dell'inverno caratterizzati dalla remissione completa o incompleta dell'estate. La remissione incompleta dell'estate è associata con eterogeneità aumentata del profilo demografico e clinico del disordine e di uno spostamento di questo profilo a quello della depressione classica. I dati sostengono l'uso clinico del criterio “la remissione completa„ di DSM-IV nella diagnosi di TRISTE.

[Fototerapia in psichiatria: aggiornamento ed esame clinici delle indicazioni]

F lorda; Gysin F Clinique de Psychiatrie II, universitaires de Psychiatrie, Geneve, Suisse delle istituzioni.

Encephale (Francia) marzo-aprile 1996, 22 (2) p143-8

La fototerapia introdotta nel 1984 da Rosenthal come trattamento per TRISTE (disordine affettivo stagionale) è la prima risposta terapeutica a psicopatologia in relazione con lo stagione. I risultati in cronobiologia in gran parte hanno contribuito alle teorie patofisiologiche dei disordini nel sistema circadiano interno. Reale ricerca sull'eziologia dei giacimenti TRISTI delle coperture come carenza retinica (cioè disordine dei fotoricettori), sulla perturbazione di fase dei ritmi circadiani interni dati dagli oscillatori interni e sui disordini neuroendocrinologically drived, ammesso che la melatonina è il mediatore principale dei sistemi circadiani umani nello SNC. I disordini dei neurotrasmettitori sono un'altra indicazione esplorata. Gli studi longitudinali recenti mostrano una prevalenza dei sintomi depressivi stagionali in popolazione in genere fino ad un massimo di 10%. In popolazioni curate per la depressione la prevalenza di TRISTE è fino a 20%. Il rapporto dei sessi TRISTE (donne/uomini) di 3/1 è trovato ripetutamente. Superiore TRISTE a 55 anni ottenga raro. L'efficacia della fototerapia è indicata in quasi tutti gli studi controllati. La luce intensa per i pazienti con TRISTE delicato sembra essere più efficace come è inoltre l'impressione clinica degli autori con la pratica della fototerapia a Ginevra dal 1991. Un placebo vero per luce intensa deve ancora essere trovato secondo permette alla valutazione di impatto potenzialmente importante che i fattori terapeutici non specifici possono avviare nella fototerapia. Le nuove indicazioni realmente possibili per la fototerapia stanno esplorande: la luce intensa per la depressione non stagionale è stata provata con le caratteristiche con TRISTE; l'efficacia nella bulimia è stata suggerita e recentemente i disturbi del sonno in PN sono stati migliorati. I disordini circadiani di Nonseasonal quale il jet lag hanno potuto essere sensibili a luce. (37 Refs.)

Esposizione naturale della luce intensa di estate e di inverno negli oggetti con e senza i reclami delle variazioni stagionali di umore.

Guillemette J; Hebert m.; Paquet J; Dumont m. Laboratoire de chronobiologie, Hopital du Sacre-Coeur de Montreal, Quebec, Canada.

Biol psichiatria (Stati Uniti) 1° ottobre 1998, 44 (7) p622-8

FONDO: Tenendo conto del successo della terapia della luce intensa nei disordini affettivi stagionali, è stato suggerito che i disturbi dell'umore stagionali fossero avviati tramite l'esposizione in diminuzione a luce intensa nell'inverno; tuttavia, nessuno studio precedente ha usato le misure obiettive per valutare i modelli stagionali dell'illuminazione della luce intensa negli oggetti con le variazioni stagionali dell'umore.

METODI: Undici oggetti che riferiscono le variazioni stagionali dell'umore e 8 oggetti di controllo hanno avuti loro livelli di esposizione naturale della luce intensa (BL) misurata per i 5-6 giorni con un monitor ambulatorio durante sia l'estate che l'inverno, ad una latitudine di 45 gradi 31' N.

RISULTATI: Entrambi i gruppi hanno ricevuto significantly more BL di estate che nell'inverno, ma non c'era differenza fra i due gruppi per il modello dell'esposizione di BL, compreso la durata totale, la distribuzione quotidiana e l'ampiezza della variazione stagionale.

CONCLUSIONI: Questi risultati indicano che i reclami delle variazioni stagionali dell'umore non sono causati da un modello differenziale nell'esposizione della luce intensa confrontata ai normali. È possibile, tuttavia, che alcuni individui sono più sensibili di altri alle variazioni nella luce intensa naturale. Se una vulnerabilità aumentata è dovuto uno stato affettivo più fragile o ad una sensibilità più bassa a luce resta determinare.

Trattamento farmacologico di disordine affettivo stagionale - il ruolo dell'estratto di iperico

Kasper S. Prof. S. Kasper, Klin. Abt. Allgemeine Psychiatrie, pelliccia Psychiatrie, Wahringer Gurtel 18-20, A-1090 Wien Austria di Universitatsklinik

Psychopharmakotherapie, supplemento (Germania) 1998, 5/8 (21-25)

Il disordine affettivo stagionale (TRISTE) è un sottogruppo della depressione principale e caratterizzato da un avvenimento regolare dei sintomi in autunno/inverno e la remissione o hymonia piena in primavera/estate. La terapia leggera (LT) e recentemente farmacoterapia con gli antidepressivi specifici è stata indicata per essere utile. All'interno della matrice dell'iperico di farmacoterapia l'estratto inoltre è stato trovato per essere efficace in uno studio a singolo-cieco. In questo 4 studi 900 del settimana-trattamento mg di estratto LI 160 di iperico è stato associato con una riduzione significativa del punteggio totale di Hamilton Depression Rating Scale. Non c'era differenza significativa quando la terapia della luce intensa si è combinata con l'estratto di iperico, confrontata alla situazione senza terapia della luce intensa. In generale, l'estratto di iperico è stato tollerato bene e quindi i dati suggeriscono che il trattamento farmacologico con l'iperico possa essere una terapia efficiente in pazienti con TRISTE, che deve essere convalidato in ulteriori studi controllati.

Effetti collaterali della terapia a breve termine della luce di 10.000 lux.

Kogan AO, centro medico di Guilford PM Borgess, Kalamazoo, Mich., U.S.A.

Psichiatria 1998 di J febbraio; 155(2): 293-4

OBIETTIVO: I rapporti precedenti degli effetti collaterali dalla terapia leggera principalmente sono stati basati su un'amministrazione dei trattamenti di 2.500 lux. Ha pratica comune diventata usare più luminoso, l'esposizione di 10.000 lux quando tratta il disordine affettivo stagionale. Gli autori hanno studiato gli effetti collaterali prodotti tramite la terapia a breve termine della luce di 10.000 lux.

METODO: Settanta oggetti con disordine affettivo stagionale che ha subito il riassunto terapia della luce di 10.000 lux sono stati chiesti di riferire gli effetti collaterali.

RISULTATI: Dei 70 oggetti, 32 (45,7%) hanno avvertito gli effetti collaterali e nove (12,9%) hanno riferito due o più per uno. Le emicranie e l'occhio o i problemi della visione erano il più comune. Quasi tutti erano delicati, erano transitori e non hanno interferito con il trattamento.

CONCLUSIONI: La terapia a breve termine della luce di 10.000 lux produce spesso gli effetti collaterali presto nel trattamento. Questi non sono seri o prolungati, tuttavia, i risultati di conferma dagli studi più iniziali che hanno usato la luce più tenue.

Trattamento leggero per la depressione di nonseasonal: velocità, efficacia e trattamento combinato.

Dipartimento di Kripke DF di psichiatria, università di California, San Diego, La Jolla 92093-0667, U.S.A. dkripke@ucsd.edu

J colpisce Disord (Paesi Bassi) maggio 1998, 49 (2) p109-17

FONDO: Facendo uso di luce intensa per il trattamento dei disturbi depressivi importanti che non sono la rivalutazione stagionale di bisogni.

METODI: I test clinici del trattamento leggero per i disturbi depressivi di maggiore di nonseasonal sono stati paragonati alle prove selezionate del trattamento leggero della depressione dell'inverno ed ai test farmaceutici clinici antidepressivi.

RISULTATI: Il trattamento leggero della depressione di nonseasonal produce i benefici netti nell'ordine di 12-35%, spesso in 1 settimana.

CONCLUSIONI: Il valore della luce per il nonseasonal e la depressione stagionale sono comparabili. La luce sembra produrre i benefici antidepressivi più veloci che il trattamento psychopharmacologic.

LIMITAZIONI: I confronti randomizzare diretti fra luce ed i farmaci per la depressione di nonseasonal non sono disponibili.

RILEVANZA CLINICA: La luce intensa può combinarsi con le terapie standard per il trattamento delle depressioni di nonseasonal e sembra sinergica.

Simulazione di alba contro il trattamento del lightbox nella depressione di inverno: uno studio comparativo.

Lingjaerde O, promontorio AR, dipartimento di Dankertsen J di ricerca e istruzione, ospedale di Gaustad, Oslo, Norvegia.

Acta Psychiatr Scand 1998 luglio; 98(1): 73-80

La simulazione dell'alba, con la luce gradualmente aumentante del lato del letto di mattina, ha indicato i risultati di promessa come alternativa al trattamento della luce intensa per la depressione dell'inverno. Per paragonare questi trattamenti, 61 paziente esterno alla depressione dell'inverno (20-70 anni, le donne di 80%) è stato randomizzato per ricevere il trattamento del lightbox con la luce bianca di lux 1500-2500 per 2 h di mattina per i 6 giorni su una base del paziente esterno (n=34), o il trattamento di simulazione dell'alba nelle loro case, con il min 60 o 90 di tempo leggero di aumento al lux 100-300, per 2 settimane (n=27). Le valutazioni dei pazienti di miglioramento su una scala di analogo visivo (che correla forte con la riduzione di percentuale di un punteggio esteso della scala di valutazione di depressione di Montgomery-Asberg (MADRS)) alla conclusione del trattamento hanno mostrato una media di 40,0% (deviazione standard 27,7%) nel gruppo di simulazione dell'alba e di 57,4% (deviazione standard 29,9%) nel gruppo del lightbox (P=0.02). La maggior parte dei pazienti in entrambi i gruppi ha mantenuto il loro miglioramento durante il seguito di nove settimane. L'età, il sesso, la depressione principale corrente o l'uso corrente degli antidepressivi non hanno predetto il risultato in qualsiasi gruppo. Nessun effetto collaterale serio è stato osservato.

Melatonina di Extrapineal e serotonina esogena nel disordine affettivo stagionale

Partonen T.T. Partonen, dipartimento di psichiatria, università di Helsinki, Tukholmankatu 8 C, FIN-00290 Helsinki Finlandia

Ipotesi mediche (Regno Unito) 1998, 51/5 (441-442)

La luce visibile inibisce il legame della melatonina e della serotonina ai leucociti mononucleari coltivati del sangue periferico umano (PBMLs) nell'inverno. I commutatori obbligatori in diminuzione il metabolismo in PBMLs verso la sintesi della serotonina, con conseguente produzione riduttrice di melatonina. L'ingestione di L-triptofano durante il giorno è supposta per aumentare i livelli di melatonina, liberati dal tratto gastrointestinale, in pazienti con disordine affettivo stagionale dell'inverno (TRISTE). dovuto la scarsità relativa di luce, coincidente con un errore metabolico propenso, non ci sarebbe commutatore verso la sintesi della serotonina fra i pazienti TRISTI dell'inverno nell'inverno. Il tasso di sintesi della serotonina potrebbe così rimane insufficientemente basso mantenere l'umore ottimale nei pazienti TRISTI dell'inverno.

Maggior miglioramento di estate che con il trattamento leggero nell'inverno in pazienti con disordine affettivo stagionale.

Postolache TT; TUM di Hardin; Myers FS; Potenziale d'ossido-riduzione di Turner; Yi LY; Barnett RL; JUNIOR di Matthews; Ramo clinico di psicobiologia del Ne di Rosenthal, NIMH, Bethesda, MD 20892, U.S.A. postolache@nih.gov

J psichiatria (Stati Uniti) novembre 1998, 155 (11) p1614-6

OBIETTIVO: Gli autori hanno cercato di paragonare il grado di miglioramento dell'umore dopo il trattamento leggero a miglioramento dell'umore di estate successiva in pazienti a disordine affettivo stagionale.

METODO: Usando la versione stagionale di disordine affettivo di Hamilton Depression Rating Scale, pazienti stimati degli autori i 15 con disordine affettivo stagionale in tre occasioni: durante l'inverno in cui i pazienti erano depressi, durante l'inverno che segue 2 settimane della terapia leggera e durante la seguente estate. Hanno confrontato le tre circostanze usando l'analisi di Friedman della varianza e della prova di truppa firmata di Wilcoxon.

RISULTATI: I punteggi dei pazienti sulla scala della depressione erano significativamente più alti dopo 2 settimane della terapia leggera nell'inverno che durante la seguente estate.

CONCLUSIONI: Il trattamento leggero per 2 settimane nell'inverno è soltanto parzialmente efficace una volta confrontato all'estate. Ulteriori studi saranno necessari da valutare se la luce o altri fattori dell'estate è i contributori principali a questa differenza.

Disordini del ciclo di sonno-risveglio in adulti.

Dipartimento di Sedgwick PM di comportamento inducente al vizio, facoltà di medicina dell'ospedale di St George, Londra, Regno Unito.

Postgrad Med J (Inghilterra) marzo 1998, 74 (869) p134-8

Gli adulti hanno un orologio di corpo intrinseco che regola una serie complessa di ritmi compresi sonno e veglia, affaticamento ed abilità conoscitiva. Questo orologio endogeno funziona naturalmente più lentamente del giorno solare ed è trascinato ai 24 ritmi di h soprattutto tramite l'alternativa di luci ed ombre. Il jet lag, i disturbi del sonno di turno ed alcuni dei insomnias cronici sono causati da una discrepanza temporale dell'orologio di corpo riguardante l'ambiente e la rete sociale circostanti. I meccanismi di fondo e la gestione generale sono descritti. Sia la luce intensa che la terapia della melatonina hanno potenziale in gestione di questi disordini. Tradizionalmente, la terapia della luce intensa è stata usata per alleviare la depressione connessa con disordine affettivo stagionale. La melatonina ha ricevuto molta pubblicità deformata, che è reclamato che è una panacea e un trattamento “antinvecchiamento„. Entrambi approcci del trattamento sono esaminati. (30 Refs.)

Funzioni serotonergic della piastrina e terapia leggera nel disordine affettivo stagionale.

Macchia-Malmgren R; BF di Kjellman; Aberg-Wistedt un dipartimento di psichiatria, istituzione di scienza clinica, istituto di Karolinska, ospedale della st Goran, Stoccolma, Svezia.

Psichiatria ricerca (Irlanda) 8 maggio 1998, 78 (3) p163-72

Abbiamo studiato l'assorbimento della piastrina 14C-serotonin e piastrina [3H] lsd e paroxetina [3H] che lega in 11 paziente con disordine affettivo stagionale (TRISTE). I pazienti sono stati reindagati dopo la terapia leggera, applicata a 07.00-09.00 h per i 10 giorni consecutivi. Il grado di depressione era stimato prima e dopo la terapia leggera facendo uso della scala di valutazione psicopatologica completa (CPRS). I dati della linea di base in pazienti sono stati paragonati ai dati volontario sano sesso-abbinato consistenti dell'età da un 11 del gruppo di controllo e. Sette pazienti hanno risposto alla terapia leggera con a > rapporto di riproduzione di 50% dei punteggi di CPRS. In non radar-risponditore, la riduzione di CPRS era 24,7 +/- 5,5%. C'era una correlazione inversa significativa (P = 0,014) fra il chilometro per l'assorbimento della piastrina 14C-serotonin ed i punteggi di CPRS. I pazienti hanno avuti Bmax significativamente più alto per il grippaggio della piastrina [3H] lsd (P = 0,04) e Bmax significativamente più basso per il grippaggio di paroxetina della piastrina [3H] (P = 0,016). C'era una forte, correlazione multipla fra Bmax per [3H] il lsd, come la variabile dipendente e chilometro, Vmax e Bmax per la paroxetina [3H] che lega nei pazienti (P < 0,0001) ma non nei comandi. I radar-risponditore per accendere la terapia hanno avuti il chilometro significativamente più alto (P = 0,023) e Bmax significativamente più basso per il grippaggio di paroxetina [3H] (P = 0,028) che i non radar-risponditore. Bmax per il grippaggio di paroxetina [3H] è aumentato significativamente ai livelli normali dopo la terapia leggera. I risultati indicano che TRISTE è associato con le aberrazioni nel meccanismo di assorbimento della serotonina. La densità migliorata 5-HT2-receptor può riflettere un su-regolamento conseguente.

Preannunciatori della risposta e della mancanza di risposta al trattamento leggero per la depressione di inverno.

Terman m.; Amira L; Terman JS; Dipartimento di CC di Ross di psichiatria, università di Columbia, New York, U.S.A.

J psichiatria (Stati Uniti) novembre 1996, 153 (11) p1423-9

OBIETTIVO: Lo scopo degli autori era di determinare se il modello e la severità dei sintomi depressivi predicono la risposta al trattamento leggero per disordine affettivo stagionale.

METODO: Gli oggetti con la depressione dell'inverno (N = 103) sono stati dati il trattamento della luce intensa. Settantuno sono stati classificati come radar-risponditore, 15 come nonresponders e 17 come radar-risponditore parziali. Facendo uso dei dati della scala di valutazione di depressione ed analisi di più variabili correlativa e, gli autori cercati preannunciatori della risposta nel sintomo della linea di base e nei punteggi della scala.

RISULTATI: I radar-risponditore sono stati caratterizzati dai sintomi atipici, particolarmente ipersonnia, crollo di sera o di pomeriggio, la variazione giornaliera dell'inverso (sere peggio) e bisogno del carboidrato. Al contrario, i nonresponders sono stati caratterizzati pricipalmente dai sintomi malinconici, ritardo, suicidio, depersonalizzazione, la variazione giornaliera tipica (mattine peggio), ansia, presto ed insonnia, perdita di appetito e colpevolezza recenti. Il rapporto di atipico ai sintomi classici della depressione, piuttosto che la severità di per sé, il meglio ha predetto il risultato del trattamento per il gruppo complessivamente. le aspettative del trattamento sono state correlate positivamente con miglioramento su Hamilton Depression Rating Scale ma non su una scala supplementare dei sintomi atipici.

CONCLUSIONI: il disordine affettivo stagionale Luminoso rispondente è distinto da un profilo atipico dominante di sintomo connesso molto attentamente con l'umore depresso. Nonresponders da un gruppo clinicamente distinto con le caratteristiche malinconiche. Il profilo del sintomo del paziente, quindi, dovrebbe essere considerato quando diagnostica il disordine affettivo stagionale e selezionando il trattamento.

Disordine affettivo stagionale ed anomalie stagione-dipendenti di soppressione della melatonina da luce.

Thompson C, Stinson D, Smith un dipartimento di psichiatria, università di Southamptom, ospedale del sud reale di Hants, Regno Unito.

Lancet (22 settembre 1990) 336(8717): 703-6

Dodici pazienti con disordine affettivo stagionale (TRISTE) ed undici comandi normali sono stati esposti a 2000 lux e a 300 lux della luce artificiale di interamente spettro sulle notti consecutive durante l'inverno. La soppressione della secrezione della melatonina nell'ambito delle due intensità della luce della luce è stata misurata e la differenza fra i loro effetti è stata presa come misura della sensibilità leggera. La prova è stata ripetuta di estate in entrambi i gruppi, quando gli oggetti TRISTI erano bene. Il TRISTE ma non il gruppo normale ha mostrato una variazione stagionale significativa nella sensibilità a luce. C'era prova del supersensitivity nell'inverno ma anche del subsensitivity da accendersi di estate.

Trattamento leggero “naturale„ di disordine affettivo stagionale.

Wirz-giustizia A; Graw P; Krauchi K; Sarrafzadeh A; J inglese; Arendt J; Sabbia L clinica psichiatrica dell'università, Basilea, Svizzera.

J colpisce Disord (Paesi Bassi) il 12 aprile 1996, 37 (2-3) p109-20

I pazienti con disordine affettivo stagionale (TRISTE) sono stati curati per 1 settimana l'uno o l'altro con una passeggiata di mattina del quotidiano 1 h all'aperto (luce naturale) o una luce artificiale a basse dosi (0,5 lux di h@2800). Il trattamento posteriore (dato negli stati della prova alla cieca) può essere considerato pricipalmente placebo e non ne ha migliorato c'è ne delle auto-valutazioni della depressione, mentre l'esposizione alla luce naturale ha migliorato tutte le auto-valutazioni. Secondo il punteggio della depressione di Hamilton, 25% hanno rimesso dopo luce artificiale a basse dosi e 50% dopo la passeggiata. La durata o la sincronizzazione di sonno non era cruciale per la risposta terapeutica. La passeggiata di mattina fase-avanzata l'inizio e/o il contrappeso della secrezione salivaria della melatonina, ma il singolo miglioramento clinico non ha potuto essere correlato con gli sfasamenti specifici. Il cortisolo di mattina è stato diminuito. La luce artificiale a basse dosi non ha modificato i modelli del cortisolo o della melatonina. Ciò è il primo studio per fornire la prova per l'uso di esposizione alla luce all'aperto come alternativa potenziale o dell'adiuvante alla terapia leggera convenzionale in TRISTE.