Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Guarigione arrotolata

ESTRATTI

immagine

Gli aumenti nella formazione del callo e nella forza meccanica di fratture curative in vecchi ratti hanno trattato con l'ormone paratiroidale.

Andreassen TT, Fledelius C, Ejersted C, Oxlund H. Department di biologia del tessuto connettivo, istituto di anatomia, università di Aarhus, Danimarca. tta@ana.au.dk

Acta Orthop Scand. 2001 giugno; 72(3): 304-7.

Abbiamo studiato gli effetti dell'amministrazione intermittente dell'ormone paratiroidale (PTH (1-34)) su formazione del callo e su forza meccanica di fratture tibiali in ratti di 27 mesi dopo 3 e 8 settimane di guarigione. 200 il microg PTH (1-34) /kg è stato amministrato giornalmente durante gli entrambi i periodi di guarigione e gli animali di controllo con le fratture sono stati dati il veicolo. A 3 settimane, il trattamento di PTH ha aumentato il carico massimo ed il volume del callo di esterno di 160% e di 208%; a 8 settimane, entro 270% e 135%. Inoltre ha migliorato il tenore di minerale dell'osso del callo (BMC) da 190% e da 388% (3 e 8 settimane). la settimana 3 - la settimana 8, il callo BMC sono aumentato di 60% negli animali veicolo-iniettati e di 169% negli animali PTH-trattati. Nella tibia intatta controlaterale, il trattamento di PTH ha aumentato BMC di 18% e di 21% (3 e 8 settimane). Nessuna differenza nel peso corporeo è stata trovata fra gli animali veicolo-iniettati e PTH-trattati durante l'esperimento. In conclusione, il trattamento di PTH migliora la forza di frattura, il volume del callo ed il callo BMC dopo 3 e 8 settimane di guarigione.

Il ruolo di zinco nella guarigione arrotolata.

Andrews m., Gallagher-Allred C. Geriatric e servizi a lungo termine di cura, Ross Products Division, Abbott Laboratories, Columbus, OH, U.S.A.

L'adv ferisce la cura 1999 aprile; 12(3): 137-8

La carenza di zinco è stata associata con la guarigione arrotolata in ritardo. Poiché la carenza di zinco può essere comune negli Stati Uniti, alimenti ricchi in zinco come pure tutte le altre sostanze nutrienti essenziali, dovrebbe essere promosso nella dieta dei pazienti che sono senza alimenti o a rischio di malnutrizione.

Effetti di acido pantotenico supplementare sulla guarigione arrotolata: studio sperimentale in coniglio.

Aprahamian m., Dentinger A, azione-Damge C, Kouassi JC, Grenier JF.

J Clin Nutr 1985 marzo; 41(3): 578-89

L'effetto del completamento e della carenza dell'acido pantotenico sulla guarigione arrotolata è stato studiato su un periodo postoperatorio di un mese in conigli. Il gruppo completato è stato iniettato con pentothenate (20 mg/kg del corpo weight/24 h) per tre settimane e confrontato ad un gruppo del placebo (0,5 ml di acqua distillata). Gli animali carenti sono stati alimentati con un pantotenato liberamente sono a dieta inoltre per tre settimane. Questi tre gruppi sperimentali sono stati abbinati contro un gruppo di controllo. Il grado di guarigione arrotolata è stato determinato attraverso la media di resistenza alla rottura postoperatoria e la popolazione del fibroblasto della ferita cambia. L'escrezione urinaria dell'acido pantotenico misurata da gascromatografia ha servito da controllo del consumo del pantotenato. Riguardo a questi tre parametri nessuna differenza significativa è stata trovata fra placebo e comandi. L'eliminazione urinaria media nel gruppo dell'acido pantotenico era significativamente più alta per quanto il gruppo completato pantotenato, mentre il gruppo carente non ha mostrato diminuzione significativa una volta confrontato ai comandi. Il completamento pre- e postoperatorio cronico dell'acido pantotenico ha aumentato significativamente la forza dell'aponeurosi dopo chirurgia; è migliorato leggermente, ma non significativamente la forza della pelle. Ancora, il contenuto del fibroblasto della cicatrice è diventato significativamente maggior durante la fase di proliferazione del fibroblasto dopo il completamento pantotenico. Questi dati suggeriscono che l'acido pantotenico induca un effetto accelerante del processo di guarigione normale. Il meccanismo responsabile di questo miglioramento sembra essere un aumento nella moltiplicazione cellulare durante il primo periodo postoperatorio. Ma il meccanismo intimo esatto dell'effetto benefico di pantotenato rimane poco chiaro.

L'estrogeno attuale accelera la guarigione arrotolata cutanea negli esseri umani invecchiati connessi con una risposta infiammatoria alterata.

Ashcroft GS, T Greenwell-selvaggio, Horan mA, Wahl MP, infezione di Ferguson Mw e ramo orale di immunità, istituto nazionale di ricerca dentaria e Craniofacial, istituti della sanità nazionali, Bethesda, Maryland 20892, U.S.A. gashcroft@ydir.nidcr.nih.gov

J Pathol 1999 ottobre; 155(4): 1137-46

Gli effetti di invecchiamento intrinseco sul processo di guarigione arrotolato cutaneo sono profondi ed il risultato la morbosità arrotolata acuta e cronica impone un carico sostanziale ai servizi sanitari. Abbiamo studiato gli effetti di estrogeno attuale sulla guarigione arrotolata cutanea negli uomini e nelle donne anziani in buona salute ed abbiamo riferito questi effetti ai livelli infiammatori dell'elastasi del locale e di risposta, un enzima conosciuto su-per essere regolato negli stati arrotolati alterati di guarigione. Diciotto femmine stato-definite salute (età media, 74,4 anni) e diciotto maschi (età media, 70,7 anni) sono stati randomizzati in uno studio di prova alla cieca alla toppa attiva dell'estrogeno o alla toppa identica del placebo allegata per 24 ore al braccio interno superiore, tramite cui due biopsie della perforazione da 4 millimetri sono state fatte. Le ferite sono state asportate al giorno 7 o al giorno 80 cheferisce. Confrontato a placebo, il trattamento dell'estrogeno ha aumentato le dimensioni di guarigione arrotolata in entrambi i maschi e femmine con una diminuzione nella dimensione arrotolata al giorno 7, ai livelli aumentati del collagene ad entrambi i giorni 7 e 80 ed ai livelli aumentati di fibronectin del giorno 7. Inoltre, l'estrogeno ha migliorato la forza delle ferite del giorno 80. Il trattamento dell'estrogeno è stato associato con una diminuzione nei livelli arrotolati dell'elastasi secondari ai numeri riduttori del neutrofilo ed ha fatto diminuire la degradazione di fibronectin. Gli studi in vitro facendo uso dei neutrofili umani isolati indicano che un meccanismo che è alla base della risposta infiammatoria alterata comprende sia un'inibizione diretta di chemiotassi del neutrofilo da estrogeno che un'espressione alterata delle molecole di adesione del neutrofilo. Questi dati dimostrano che i ritardi nella guarigione arrotolata negli anziani possono essere diminuiti significativamente di estrogeno attuale sia nei soggetti di sesso maschile che femminili.

Svuotamento della vitamina C del plasma ma non della vitamina E in risposta alle operazioni cardiache.

PE di Ballmer, Reinhart WH, Giordania P, Buhler E, Moser Regno Unito, Gey KF. Dipartimento di medicina, Inselspital, università di Berna, Svizzera.

J Thorac Cardiovasc Surg 1994 agosto; 108(2): 311-20

La risposta infiammatoria al corpo intero prodotta dall'esclusione cardiopolmonare è una causa importante della morbosità perioperatoria dopo le operazioni cardiache. Questa risposta infiammatoria produce le specie reattive dell'ossigeno ed altre sostanze citotossiche, quali le citochine. La generazione di specie reattive dell'ossigeno ha potuto vuotare i micronutrienti antiossidanti principali, cioè, le vitamine C ed E ed i carotenoidi. Di conseguenza, abbiamo studiato il corso di tempo delle concentrazioni nel plasma delle vitamine C ed E ed i carotenoidi in 18 pazienti che subiscono le operazioni del bypass coronarico dopo la casualizzazione per il completamento precedente della vitamina E (il DL-alfa-acetile-tocoferolo 3 di mg 300 cronometra il quotidiano per 4 settimane) o il placebo. Il completamento con l'alfa-tocoferolo ha raddoppiato la concentrazione lipido-standardizzata nella vitamina E del plasma a 63,7 +/- 14,5 mumol/L in paragone a quella degli oggetti di controllo (31,2 +/- 9,0 mumol/L) prima dell'operazione. Le concentrazioni nel plasma di mumol/L della vitamina C (36,0 +/- 19,0 e di 44,0 +/- 21,7 mumol/L, rispettivamente) e dei carotenoidi non erano statisticamente differenti fra i due gruppi alla linea di base. Le concentrazioni assolute nel plasma sia della vitamina E che dei carotenoidi sono diminuito durante e dopo l'esclusione cardiopolmonare, ma dopo la correzione per hemodilution le concentrazioni nel plasma della vitamina E e dei carotenoidi non hanno mostrato diminuzione. Le concentrazioni nella vitamina E negli eritrociti non sono cambiato neanche. Al contrario, la concentrazione nel plasma di vitamina C è diminuito in tutti gli oggetti in 24 ore dopo l'operazione da approssimativamente 70%. La correzione per hemodilution ancora ha rivelato una diminuzione significativa nella vitamina C del plasma che ha persistito nella maggior parte dei pazienti fino a 2 settimane. In conclusione, la vitamina E e le concentrazioni del plasma del carotenoide sono di nessuna preoccupazione principale durante e dopo le operazioni cardiache. Al contrario, lo svuotamento serio di vitamina C può deteriorare la difesa contro dalla la lesione indotta da specie dell'ossigeno reattivo durante le operazioni cardiache.

Aspetti biomeccanici ed istologici della frattura che guariscono, stimolati con protein-1 osteogeno.

Blokhuis TJ, boero FC, Bramer JA, Jenner JM, Bakker FC, Patka P, Haarman HJ della tana. Dipartimento di chirurgia/di traumatologia, ospedale accademico Vrije Universiteit, Amsterdam, Paesi Bassi. tj.blokhuis@azvu.nl

Biomateriali 2001 aprile; 22(7): 725-30

La frattura che guarisce potrebbe essere stimolata con le proteine morfogenetiche dell'osso osteoinduttivo (bmp), quale protein-1 osteogeno (OP-1), ma piccolo è conosciuto circa la sua efficacia nella stimolazione di guarigione di frattura. In questo studio, gli aspetti biomeccanici ed istologici della frattura che guariscono dopo un'iniezione di OP-1 nella lacuna di frattura sono stati studiati. In 40 capre, una frattura chiusa è stata creata nella tibia sinistra. Le fratture sono state stabilizzate con un fixator esterno e gli animali sono stati assegnati a quattro gruppi differenti: nessun'iniezione, un'iniezione di 1 mg OP-1, un'iniezione di 1 mg OP-1 con il materiale collageno del trasportatore ed iniezione del materiale del trasportatore da solo. Ventuno animale è stato sacrificato dopo 2 settimane e 19 dopo 4 settimane. La prova biomeccanica perfomed su entrambe le tibie espiantate. Quattro campioni longitudinali della frattura sono stati segati, elaborato stati per l'istologia e sono esaminato stati da due osservatori. La valutazione biomeccanica ha mostrato un'più alta rigidezza e una forza a 2 settimane dopo l'iniezione di OP-1. La valutazione istologica ha mostrato a frattura normale i modelli curativi in tutti gli animali senza effetti contrari delle iniezioni fatte. Questi dati indicano finalmente che la frattura che guarisce può essere accelerata con una singola iniezione di OP-1, con conseguente osso normalmente curativo.

Effetti del completamento esogeno dello zinco sulla riparazione epiteliale intestinale in vitro.

Cario E, Jung S, D'Heureuse più duro J, Schulte C, Sturm A, Wiedenmann B, Goebell H, AU di Dignass. Università di Essen, Essen, Germania; Scuola-città universitaria medica Virchow, Berlino, Germania di Charite.

L'EUR J Clin investe 2000 maggio; 30(5): 419-28

FONDO: La sostituzione di zinco modula le capacità antiossidanti all'interno della mucosa intestinale e migliora la guarigione arrotolata intestinale nei pazienti zinco-carenti con le malattie intestinali infiammatorie. Lo scopo di questo studio era di caratterizzare gli effetti di modulazione di zinco sulla funzione intestinale delle cellule epiteliali in vitro.

MATERIALI E METODI: Gli effetti di zinco sulla morfologia intestinale delle cellule epiteliali sono stati valutati da contrasto di fase e da microscopia elettronica di trasmissione facendo uso di piccola linea cellulare epiteliale intestinale non trasformata IEC-6. da apoptosi indotti da zinco sono stati valutati dall'analisi di frammentazione del DNA, rilascio e citometria a flusso di dehydrogluase del lattato (LDH) con la macchiatura dello iodio di propidium. Ancora, gli effetti di zinco su proliferazione delle cellule IEC-6 sono stati valutati facendo uso di un'analisi blu di thiazolyl colorimetrico (MTT) e sulla restituzione delle cellule IEC-6 facendo uso di un modello di ferita in vitro.

RISULTATI: Le concentrazioni fisiologiche di zinco (microM 25) non hanno alterato significativamente l'aspetto morfologico delle cellule IEC-6. Tuttavia, una dose elevata di 10 volte di zinco (microM 250) ha indotto l'arrotondamento epiteliale delle cellule, la perdita di aderenza e le caratteristiche apoptotiche. Mentre le concentrazioni fisiologiche nello zinco (< microM 100) non hanno indotto gli apoptosi, le concentrazioni supraphysiological nello zinco (> microM 100) hanno causato gli apoptosi. Le concentrazioni fisiologiche di zinco (microM 6.25-50) non hanno avute effetto significativo su proliferazione intestinale delle cellule epiteliali. Al contrario, le concentrazioni fisiologiche di zinco (microM 12.5-50) hanno migliorato significativamente la restituzione delle cellule epiteliali con una crescita di trasformazione fattore-beta (TGFbeta) - meccanismo indipendente. L'aggiunta simultanea di TGFbeta e di zinco ha provocato una stimolazione additiva della restituzione delle cellule IEC-6.

CONCLUSIONE: Lo zinco può promuovere la guarigione arrotolata epiteliale intestinale dal potenziamento della restituzione delle cellule epiteliali, il passo iniziale di guarigione arrotolata epiteliale. Il completamento dello zinco può migliorare la riparazione epiteliale; tuttavia, gli importi eccessivi di zinco possono provocare ferite del tessuto ed alterare la guarigione arrotolata epiteliale.

modulazione del tipo di insulina di crescita factor-1 di restituzione intestinale delle cellule epiteliali.

Chen K, Nezu R, Wasa m., Sando K, Kamata S, Takagi Y, Okada A. Department di biochimica e di biofisica, università di centro medico di Rochester, New York, U.S.A.

JPEN J Parenter Nutr enterale 1999 settembre-ottobre; 23 (5 supplementi): S89-92

Dopo la lesione intestinale superficiale, l'integrità mucosa è ristabilita tramite migrazione rapida delle cellule epiteliali dall'area adiacente in un processo chiamato la restituzione. Il nostro studio precedente ha suggerito che l'ormone della crescita migliorasse la guarigione intestinale in un'ulcerazione piccola sperimentale dell'intestino, mediata tramite la crescita del tipo di insulina factor-1 (IGF-1). Lo scopo dello studio presente era di valutare il ruolo di IGF-1 nella restituzione epiteliale mucosa facendo uso di un modello arrotolato epiteliale in vitro. Le ferite sono state stabilite in strati monomolecolari confluenti della linea cellulare intestinale, IEC-6. La migrazione è stata quantificata in presenza o assenza di IGF-1 come il numero delle cellule che migrano attraverso il bordo arrotolato. La proliferazione è stata valutata dall'incorporazione della timidina. Migrazione delle cellule epiteliali di IGF-1-enhanced da 2 - alla volta 2,5 dopo 12 - e trattamento di 24 ore, rispettivamente, il primo punto in questione nella guarigione arrotolata gastrointestinale. La proliferazione delle cellule è stata stimolata significativamente da IGF-1 pure. Inoltre, l'espressione della crescita di trasformazione fattore-beta (TGF-beta) mRNA è stata migliorata significativamente negli strati monomolecolari feriti trattati con IGF-1. IGF-1 il ricevitore mRNA è risultato rilevabile in tutto la mucosa gastrointestinale e nelle cellule epiteliali intestinali. In conclusione, questi risultati suggeriscono che IGF-1 svolga un ruolo importante nella ricostituzione di integrità epiteliale intestinale dopo la lesione mucosa.

Influenza di aloe vera sulle caratteristiche del collagene nella guarigione delle ferite cutanee in ratti.

Chithra P, Sajithlal GB, Chandrakasan G. Department di biochimica, istituto di ricerca di cuoio centrale, Adyar, Madras, India.

Mol Cell Biochem 1998 aprile; 181 (1-2): 71-6

La guarigione arrotolata è una risposta fondamentale alla lesione del tessuto quella risultati nel ripristino di integrità del tessuto. Questo scopo è raggiunto pricipalmente dalla sintesi della matrice del tessuto connettivo. Il collagene è la proteina principale della matrice extracellulare ed è la componente che infine contribuisce a forza arrotolata. In questo lavoro, riferiamo l'influenza di aloe vera sul contenuto del collagene e sulle sue caratteristiche in una ferita curativa. È stato osservato che l'aloe vera ha aumentato il contenuto del collagene del tessuto di granulazione come pure il suo grado di reticolazione come visto dal contenuto aumentato dell'aldeide e la solubilità acida in diminuzione. Il tipo rapporto del collagene di I/type III dei gruppi curati era più basso di quello dei comandi non trattati, indicando i livelli migliorati di tipo collagene di III. Le ferite sono state trattate o dall'applicazione topica o la somministrazione orale di aloe vera ai ratti e ad entrambi i trattamenti è stata trovata per provocare i simili effetti.

Miglioramento di conservazione dell'azoto dal completamento della glicina e dell'arginina e la sua relazione alla sintesi del collagene in ratti maturi ed invecchiati traumatizzati.

Chyun JH, Griminger P.

J Nutr 1984 settembre; 114(9): 1697-704

L'effetto del completamento della glicina e dell'arginina sulla riduzione delle perdite della proteina del corpo e sul miglioramento della guarigione arrotolata dopo il trauma è stato studiato in due fasce d'età. Maturi (4 mesi) e (24 mesi) Fischer invecchiato 344 ratti maschii è stato alimentato una dieta che contiene la caseina di 25% e 0,4% metionine con o senza il completamento con arginina 2,4%. HCl e glicina 1,0% per 7 giorni prima e dopo laparotomia. Studi dell'equilibrio dell'azoto (n) (assunzione di N - N) urinaria è stata effettuata durante gli ultimi tre giorni di pretrauma ed i sette giorni di posttrauma. I ratti completati hanno conservato significantly more N che i comandi ed i ratti maturi sensibilmente più dei ratti invecchiati. Le spugne dell'alcool polivinilico, impiantate durante la chirurgia e rimosse dai ratti i giorni 3 o 7 dopo chirurgia, sono state analizzate per il contenuto dell'idrossiprolina e per i rapporti di tipo collagene di III/type I sintetizzati. Le spugne ottenute dai ratti completati e maturi hanno avute più idrossiprolina e più alti rapporti di tipo collagene di III/type I che quelli dal controllo e dai ratti invecchiati. L'effetto benefico del completamento della glicina e dell'arginina sul miglioramento della conservazione di N in ratti traumatizzati sembra essere dovuto, almeno in parte, alla sintesi aumentata del collagene in ferite.

Nutrizione enterale durante la terapia di multimodality in malati di cancro gastrointestinali superiori.

Daly JM, Weintraub F-N, Shou J, Rosato E-F, Lucia M. Department di chirurgia, scuola di medicina dell'università della Pennsylvania, Filadelfia, U.S.A.

Ann Surg 1995 aprile; 221(4): 327-38

OBIETTIVO: L'obiettivo di questo studio era di valutare il supporto enterale a lungo termine di nutrizione in malati di cancro postoperatori.

FONDO: La terapia di Multimodality per i pazienti chirurgici con le malignità gastrointestinali superiori può migliorare la sopravvivenza, ma spesso provoca la malnutrizione, l'immunosoppressione e la morbosità sostanziali. I benefici di alimentazione enterale combinata del paziente esterno e del ricoverato con le diete di norma o le diete completati con arginina, RNA + gli acidi grassi omega-3 sono poco chiari.

METODI: Sessanta pazienti adulti con (22) le lesioni esofagee (22), gastriche (16) e pancreatiche sono stati stratificati dal sito di malattia e dalle percentuali di peso usuale e sono stati randomizzati per ricevere la dieta supplementare o standard via l'inizio di jejunostomy il primo giorno postoperatorio (scopo = 25 kcal/kg/giorno) fino a scarico dell'ospedale. I pazienti inoltre sono stati randomizzati per ricevere (n = 37) o per non ricevere (n = 23) le alimentazioni enterali di jejunostomy (1000 kcal/giorno durante la notte) per i 12 - ai periodi di recupero e di radiazione/chemioterapia di 16 settimane. Il plasma ed i globuli bianchi periferici sono stati ottenuti per i livelli dell'acido grasso e le misure di produzione PGE2.

RISULTATI: Il plasma medio ed i livelli cellulari dell'acido grasso di Omega 3/omega 6 (composizione nelle percentuali) hanno aumentato significativamente (p < 0,05) di gruppo dell'acido grasso omega-3 + dell'arginina del giorno postoperatorio 7 (0,30 contro 0,13) e (0,29 contro 0,14) ed hanno continuato ad aumentare col passare del tempo. La produzione media PGE2 ha fatto diminuire significativamente (p < 0,05) 2760 - 1600 NG 10(6) cells/mL al giorno 7 nel gruppo dell'acido grasso omega-3 + dell'arginina, mentre nessun cambiamento significativo è stato notato col passare del tempo nel gruppo standard. Le complicazioni ferita/contagiose si sono presentate in 10% del gruppo completato rispetto a 43% del gruppo standard (p < 0,05); la lunghezza media della degenza in ospedale era 16 contro i 22 (p < 0,05) giorni, rispettivamente. Dei pazienti che hanno ricevuto la terapia postoperatoria di chemoradiation, solo 1 (6%) dei 18 pazienti randomizzati per ricevere l'alimentazione di tubo non è continuato, mentre 8 (61%) dei 13 pazienti non randomizzati alle alimentazioni del tubo hanno richiesto l'incrocio al supporto nutrizionale di jejunostomy.

CONCLUSIONI: Enterale supplementare alimentando il plasma significativamente aumentato e rapporti bianchi periferici di Omega 3/omega 6 del globulo e produzione significativamente in diminuzione PGE2 e complicazioni postoperatorie ferita/contagiose ha paragonato all'alimentazione enterale standard. Per i pazienti esterni che ricevono la terapia adiuvante, quelli inizialmente hanno randomizzato alle alimentazioni orali da solo hanno richiesto il rehospitalization frequentemente e 61% ha attraversato alle alimentazioni enterali supplementari.

L'uso di ossigeno iperbarico ausiliario nel trattamento del piede diabetico.

Davis JC.

Clin Podiatr Med Surg. 1987 aprile; 4(2): 429-37.

L'ipossia nel piede diabetico relativamente ischemico altera l'uccisione del leucocita ed il contributo batterici del fibroblasto-collagene all'angiogenesi capillare. L'infezione anche nel diabetico caldo-piede “e relativamente giovani„ con microangiopathy, nella neuropatia e nell'infezione conduce ad ipossia dovuto alto consumo di ossigeno locale. I 1100 - 1300 Hg PO2 arterioso di millimetro realizzabili con ossigeno iperbarico provoca l'elevazione della ferita PO2. La correzione periodica di ipossia arrotolata migliora l'uccisione ed il contributo batterici del leucocita all'angiogenesi capillare. L'ossigeno iperbarico è solitamente inutile nel diabetico anziano con l'occlusione significativa e generalizzata della gran-nave.

Inversione degli effetti nocivi di malnutrizione cronica della proteina sulla frattura lunga che guarisce.

Giorno MP, DH di DeHeer. Programma della residenza dell'ortopedia di Grand Rapids, Grand Rapids, Michigan, U.S.A.

Trauma 2001 di J Orthop gennaio; 15(1): 47-53

OBIETTIVO: per determinare se l'intervento dietetico nel periodo immediato di postfracture invertirà l'influenza nociva della privazione della proteina sulla frattura che guarisce nel ratto. PROGETTAZIONE: I topi Sprague Dawley adulti sono stati mantenuti su una dieta che contiene un normale o hanno ridotto la concentrazione nella proteina. Dopo cinque settimane, entrambi i femori di ogni ratto sono stati appuntati con un K-cavo intramidollare da 0,625 millimetri. Una frattura chiusa del femore giusto è stata creata una settimana dopo, per mezzo di un dispositivo tenuto in mano. I gruppi di ratti sono stati uccisi ed i femori sono stati raccolti ai 14 giorni per lo studio istologico ed ai ventotto e cinquantasei giorni per prova meccanica.

INTERVENTO: Controlli i ratti (gruppo I) è stato mantenuto su una dieta della percentuale di proteine 20. Senza alimenti (animali del gruppo II) è stato mantenuto su una dieta della percentuale di proteine 6 durante il periodo di sei settimane di prefracture e durante il periodo cinquanta sei giorno di postfracture. La malnutrizione è stata confermata tramite la misura delle concentrazioni nel siero di transferrina, dell'immunoglobulina e dell'albumina. Renourished (animali del gruppo III) è stato iniziato sulla dieta della percentuale di proteine 6 ma è stato alimentato una dieta della percentuale di proteine 20 nel periodo cinquanta sei giorno di postfracture.

RISULTATI: In paragone a controllo, i ratti ben-nutriti, animali senza alimenti hanno avuti callo composto soprattutto di tessuto fibroso tipo ed avevano fatto diminuire il callo periosteal ed esterno come pure la forza del callo. Il callo dagli animali renourished istologicamente ha somigliato a quello dagli animali ben-nutriti con un gran numero di callo periosteal ed esterno. Sulla base dei risultati della prova meccanici, il callo dagli animali senza alimenti indicati ha ridotto la forza e la rigidezza rispetto a controllo renourished gli animali. In animali renourished, la sezione trasversale del callo di frattura come pure rigidezza e forza del callo, era maggior di quelle in animali senza alimenti e ben-nutriti.

CONCLUSIONE: La privazione della proteina ha un effetto nocivo profondo sulla guarigione di frattura. L'identificazione di uno stato proteina-riduttore e della sua inversione ha potuto provocare la guarigione migliore di frattura e presumibilmente un risultato clinico migliore in pazienti senza alimenti.

Nutrizione farmacologica dopo la lesione da ustione.

Il DA de--Souza, Greene LJ. Centro de Quimica de Proteinas, Faculdade de Medicina de Ribeirao Preto, Universidade de Sao Paulo, Ribeirao Preto, 14049-900, S.P., Brasile.

J Nutr 1998 maggio; 128(5): 797-803

I pazienti dell'ustione sviluppano le alterazioni patofisiologiche, che comprendono l'estesa perdita dell'azoto, la malnutrizione, il tasso metabolico contrassegnato aumentato e la carenza immunologica. Ciò predispone i pazienti dell'ustione per frequentare le infezioni, guarigione arrotolata del povero, aumentata lunghezza dell'ospedalizzazione e la mortalità aumentata. Il supporto nutrizionale richiede le diete di alta energia ed ad alta percentuale proteica amministrate preferibilmente per via enterale presto dopo la lesione. Gli effetti delle componenti dietetiche aumentate quali glutamina, arginina e (n-3) acidi grassi ed i composti riferiti sono stati valutati nelle vittime dell'ustione. Queste componenti, una volta fornite nelle quantità due - sette volte di quelle nelle diete normali delle persone in buona salute, sembrano avere effetti farmacologici benefici sulle alterazioni patofisiologiche connesse con le ustioni. Tuttavia, l'efficacia delle diete dimiglioramento resta indicare in modo convincente.

Il superossido dismutasi (ZOLLA) per l'ipsite brucia.

Eldad A, Ben Meir P, Breiterman S, Chaouat m., Shafran A, Ben-Bassat H. L'unità dell'ustione, il dipartimento di chirurgia plastica, scuola di farmacologia, l'università ebraica, Gerusalemme, Israele.

Ustioni 1998 marzo; 24(2): 114-9

L'ipsite (ms) è stata utilizzata nella guerra chimica dalla prima guerra mondiale. Le lesioni cutanee di vescica sono lente guarire. L'infiammazione secondaria ha potuto accadere come pure danneggiamento degli organi distanti dalla ferita originale. Attualmente non c'è antidoto specifico per le ustioni e l'avvelenamento da sig.ra. Le modalità di questo trattamento esaminate studio con gli organismi saprofagi dell'ossigeno libero, lo rame-zinco ed il superossido dismutasi del manganese (ZOLLA), dato che la pelle radicali del ms brucia in un modello sperimentale della cavia. Ciascuno dei composti della ZOLLA riduttori drammaticamente brucia l'area della lesione quando intraperitonealmente amministrato/intralesionally (i.p. /i.l.) prima di imposicio'n arrotolata. L'azione protettiva delle zolle era inoltre evidente nel punteggio istopatologico significativamente più alto delle biopsie ottenute il giorno 7 dal tessuto locale, causato con la dose più bassa di sig.ra. Quando i composti della ZOLLA erano i.p amministrati. 1 ora dopo imposicio'n dell'ustione e quotidiano ripetuto per i 7 giorni, nessun effetto protettivo ha potuto essere individuato nelle circostanze sperimentali attuali.

Ferita che guarisce dopo keratectomy photorefractive.

Ospedale dell'occhio della st Eriks di Fagerholm P., Karolinska Institutet, Stoccolma, Svezia.

La cataratta di J rifrange Surg. 2000 marzo; 26(3): 432-47.

Per più di 15 anni, il laser a eccimeri è stato utilizzato come strumento chirurgico sulla cornea. Keratotomy radiale seguito keratectomy di Photorefractive (PRK) come i ricercatori hanno cercato una tecnica più precisa. In PRK, la precisione è risultato dipendere dalla tecnica chirurgica come pure dal processo ferita-curativo, con i 2 fattori interdipendenti. La tecnica di PRK si è evoluta verso un grande diametro, le curvature piane di ablazione ed anche un di superficie. Il ruolo di tali fattori come le citochine e le interleuchine è diventato più chiaro durante i 10 anni scorsi. Tuttavia, capire il processo ferita-curativo diventa più complicata con l'aumento di conosce il bordo. L'apprendimento dei fattori di contributo ed eseguire le prove con le nuovi droghe ed anticorpi per modulare la guarigione arrotolata hanno indicato i risultati positivi al livello sperimentale. La selezione paziente basata sulla concentrazione di fattore di crescita epidermico in lacrime può essere un altro modo aumentare la precisione di PRK s. La tecnica di PRK ha insegnato a molto circa la guarigione arrotolata. Affinchè la tecnica sia precisione competitiva e aumentata, specialmente in occhi con l'alta miopia, è necessario. Altri due fattori sono di importanza fondamentale: dolore postoperatorio di controllo e tempo visivo diminuente di riabilitazione.

Beneficio delle lesioni da ustione dalla terapia di massaggio.

Campo T; Bacetto m.; Krugman S; Tuchel T; Schanberg S; Kuhn C; Istituto di ricerca di tocco di Burman I, scuola di medicina dell'university of miami, Florida 33101, U.S.A.

J brucia maggio-giugno 1998 la cura Rehabil (STATI UNITI), 19 (3) p241-4

Ventotto pazienti adulti con le ustioni sono stati assegnati a caso prima di sbrigliamento ad un gruppo di terapia di massaggio o ad un gruppo di controllo standard del trattamento. I livelli di ansia e del cortisolo di stato sono diminuito e valutazioni di comportamento dello stato, dell'attività, delle vocalizzazioni e dell'ansia migliore dopo le sessioni di terapia di massaggio sul prime e gli ultimi giorni del trattamento. Gli effetti più a lungo termine erano inoltre significativamente migliori per il gruppo di terapia di massaggio compreso le diminuzioni nella depressione ed irritano e dolore in diminuzione sul questionario di dolore di McGill, sulla scala attuale dell'intensità di dolore e sulla scala di analogo visivo. Sebbene i meccanismi di fondo siano non noti, questi dati suggeriscono che le sessioni di sbrigliamento siano state meno dolorose dopo le sessioni di terapia di massaggio dovuto una riduzione dell'ansia e che il decorso clinico probabilmente è stato migliorato come risultato di una riduzione del dolore, della rabbia e della depressione.

Il trattamento Interleukin-6 aumenta la guarigione arrotolata cutanea nei topi immunodepressi.

RM di Gallucci, Sugawara T, Yucesoy B, Berryann K, Simeonova pp, Matheson JM, lustro MI. Ramo di biologia molecolare e di tossicologia, divisione del laboratorio di effetti sulla salute, NIOSH/CDCP, 1095 strada di Willowdale, Morgantown, WV 26505-2888, U.S.A.

Ricerca 2001 di citochina dell'interferone di J agosto; 21(8): 603-9

È stato postulato che la risposta infiammatoria che accade ferita aftercutaneous è un requisito indispensabile per la guarigione e che inflammatorycytokines, quale Interleukin-6 (IL-6) è compreso in questo processo. Abbiamo indicato precedentemente che l'esposizione dei topi di IL-6-deficient ha ritardato la guarigione arrotolata, che potrebbe essere invertita tramite l'amministrazione IL-6 di un plasmide murino di espressione o IL-6 murino recombinante (rMuIL-6). Nello studio presente, abbiamo osservato che la guarigione arrotolata cutanea in ritardo, che si presenta come conseguenza da di immunosoppressione indotta da glucocorticoide, può anche essere invertita da rMuIL-6, come provato dal epithelialization, dalla formazione del tessuto di granulazione e dalla chiusura arrotolata. Nei topi di controllo del veicolo, rMuIL-6 non ha aumentato la guarigione ma piuttosto ha ritardato il processo. Gli studi immunochimici hanno indicato che l'espressione della matrice metalloproteinase-10 (MMP-10) è stata aumentata di topi desametasone-trattati e che il trattamento rMuIL-6 ha ridotto la sua espressione, indicante che IL-6 può influenzare la formazione della matrice e, specificamente, la sintesi cutanee del collagene. Questi risultati dimostrano che IL-6 può ristabilire la riparazione arrotolata anormale che si presenta nell'immunodeficienza e suggerisce il suo uso come terapia potenziale.

Effetti del fattore di crescita epidermico in lacrime artificiali sui livelli della vitamina C di tessuti feriti corneali dell'occhio.

Gonul B, Kaplan B, Bilgihan K, la TA di Budak Dipartimento di fisiologia, facoltà dell'università di Gazi di medicina, Ankara, Turchia. hbcgonul@turk.net

Occhio 2001 aprile; 15 (pinta 2): 213-6

SCOPO: per studiare l'effetto della soluzione delle lacrime artificiali (A) e del trattamento epidermico di fattore di crescita (EGF) sui livelli di umore acquoso dell'acido ascorbico e della cornea (aa) di occhi feriti corneali a tutto spessore.

METODI: L'effetto di EGF ai livelli di aa di umore acquoso e di tessuto arrotolato corneale è stato determinato negli occhi feriti corneali a tutto spessore del coniglio sul settimo giorno postoperatorio. C'erano tre gruppi: i comandi non trattati, i comandi -trattati e un EGF hanno curato il gruppo sperimentale (n = 6 in ogni gruppo). Gli occhi feriti corneali attuale sono stati trattati con 5 il microlitro o 5 microlitro EGF a dentro (1 mg/l EGF dentro alla preparazione che ha contenuto 3,0% il carbopol 940) a due volte al giorno per i 6 giorni dopo l'operazione. Le forze arrotolate inoltre sono state misurate il settimo giorno postoperatorio come misura di guarigione arrotolata. L'analisi statistica è stata effettuata facendo uso della U-prova di Mann-Whitney dal programma di Statview.

RISULTATI: Le forze arrotolate delle cornee e livelli di aa di tessuti arrotolati ed umore acquoso, significativamente seguente aumentato A e trattamento di EGF (p < 0,05).

CONCLUSIONE: Nell'occhio ferito corneale, i servire di umore acquoso da fonte di vitamina C e là possono essere una relazione fra i livelli del trattamento di EGF dentro A e di aa di tessuti feriti corneali dell'occhio.

Insulina attuale nella guarigione arrotolata: un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo.

Se del Greenway, riempitore LE, Greenway FL. Dipartimento di chirurgia, Porto-UCLA centro medico, Torrance, U.S.A.

Cura 1999 della ferita di J novembre; 8(10): 526-8

Due studi sono stati effettuati per valutare i ruoli relativi di insulina e di zinco nell'accelerazione di guarigione arrotolata. Nel primo studio, sei volontari umani diabetici e cinque non-diabetico hanno fatti due creare tagli uniformi, uno su ogni avambraccio. Un avambraccio arrotolato è stato trattato con insulina regolare attuale (Iletin-II) e l'altra con quattro volte saline normali un il giorno fino al curativo a. Il trattamento era prova alla cieca e gli avambraccia sono stati assegnati a caso. Le ferite trattate con insulina hanno guarito i 2,4 0,8 giorni più velocemente delle ferite trattate con salino (P <0.001 dal test t accoppiato). Lo zinco è usato per cristallizzare l'insulina. Quando le ferite sono trattate con insulina, quindi inoltre stanno trattande con zinco. Se l'insulina accelera la guarigione arrotolata, non è chiaro se l'aumento nel tasso di guarigione fosse dovuto insulina (un fattore di crescita conosciuto), lo zinco che contenga, o una combinazione dei due. Il secondo studio ha utilizzato un randomizzato, una prova alla cieca, progettazione controllata con placebo per paragonare l'efficacia di insulina a quella di una soluzione che contiene la stessa quantità di zinco nell'accelerazione della guarigione delle ferite standardizzate in ratti ed in esseri umani. Sebbene queste indagini pilota non abbiano il potere di definire i ruoli relativi di insulina e di zinco con accuratezza, i risultati indicano che lo zinco svolge un ruolo nel processo di guarigione arrotolato. È concluso che l'insulina attuale accelera la guarigione arrotolata negli esseri umani. Più d'importanza, tuttavia, questo studio descrive un metodo di creare le ferite uniformi in esseri umani accettabili ad un comitato d'esame istituzionale, così risolvendo uno degli impedimenti principali alla valutazione scientifica di guarigione della ferita dell'essere umano.

L'arginina dietetica supplementare accelera la rigenerazione mucosa intestinale e migliora lo spazio batterico dopo l'enterite di radiazione in ratti.

Gurbuz A, Kunzelman J, Ratzer EE. Dipartimento di chirurgia, san Joseph Hospital Medical Center, Denver, Colorado, U.S.A. tayfun@netten.net

J Surg ricerca 1998 1° febbraio; 74(2): 149-54 FONDO: L'arginina è un aminoacido bibasico con metabolico ed immunologico significativi, gli effetti particolarmente nel trauma e le situazioni di sforzo. Il completamento dell'arginina è stato indicato per promuovere la guarigione arrotolata e per migliorare il sistema immunitario. Abbiamo progettato uno studio per valutare gli effetti di arginina dietetica supplementare sul recupero mucoso intestinale e sullo spazio batterico batterico e dello spostamento dopo induzione della lesione da radiazioni in ratti.

METODI: Ventuno topo Sprague Dawley maschio è stato sottoposto ad un d'una sola dose di 1100 rad di radiazione addominale di X. I ratti sono stati divisi in tre gruppi; il primo gruppo ha ricevuto la dieta arricchita con l'arginina di 2%, il secondo gruppo con l'arginina di 4% ed il terzo gruppo con la glicina isoazotato di 4%. I ratti sono stati sacrificati i 7 giorni dopo la radiazione. Il sangue è stato cavato per i livelli dell'arginina ed i linfonodi mesenterici sono stati raccolti per le culture aerobiche ed anaerobiche quantitative. I segmenti dell'ileo e del digiuno sono stati valutati per altezza villous, il numero dei villi per centimetro dell'intestino ed il numero delle cellule mucose per villous.

RISULTATI E CONCLUSIONI: L'arginina è assorbita attendibilmente dall'intestino dopo la somministrazione orale. Il completamento dietetico dell'arginina di 4% ha migliorato lo spazio batterico dai linfonodi mesenterici confrontati all'arginina di 2% ed alla dieta completata glicina di 4% dopo l'enterite di radiazione in ratti. Quattro per cento dell'arginina hanno provocato il chiaro miglioramento nel recupero mucoso intestinale una volta confrontati all'arginina di 2% ed alla glicina di 4% dopo irradiamento addominale in ratti.

Gli acidi grassi Omega-3 migliorano la formazione del collagene del fibroblasto del legamento in collaborazione con i cambiamenti nella produzione Interleukin-6.

Hankenson KD, SEDERE di Watkins, Schoenlein IA, Allen chilogrammo, Turek JJ. Dipartimento delle scienze mediche di base, laboratorio di chimica dei lipidi, università di Purdue, Lafayette ad ovest, Indiana 47907, U.S.A.

Med 2000 di biol di Proc Soc Exp gennaio; 223(1): 88-95

L'alterazione dei rapporti dietetici n-3 e n-6 degli acidi grassi polinsaturi (PUFA) rappresenta gli efficaci mezzi nonpharmaceutical per migliorare le circostanze infiammatorie sistemiche. Un effetto di PUFA su formazione dell'osso e della cartilagine è stato dimostrato e lo scopo di questo studio era di determinare il potenziale di modulazione di PUFA di migliorare la guarigione del legamento. Gli effetti di n-3 e di n-6 PUFA sulla risposta curativa in vitro dei fibroblasti collaterali mediali del legamento (MCL) sono stati studiati studiando la copertura cellulare di una ferita in vitro e la produzione di collagene, di PGE2, di IL-1, di IL-6 e di TNF. Le cellule sono state esposte ad un controllo dell'albumina di siero bovino (BSA) o o acido eicosapentanoico (EPA, 20:5n-3) o l'acido arachidonico (aa, 20:4n-6) sotto forma di saponi caricati su BSA per i 4 giorni e feriti il giorno 5. aa e EPA ha migliorato la guarigione di una ferita in vitro oltre 72 ore. EPA ha aumentato la sintesi del collagene e la percentuale globale di collagene prodotta, ma l'aa ha ridotto la produzione del collagene e la proteina totale. La produzione PGE2 è stata aumentata di gruppo Aa-trattato ed è diminuito nel gruppo EPA-trattato, ma non è stata colpita ferendo. IL-1 non è stato prodotto quando il punto valutato, ma TNF e IL-6 entrambi sono stati prodotti ed i loro livelli hanno variato riguardante il PUFA o il trattamento di ferita. C'era una correlazione lineare significativa (r2 = 0,57, P = 0,0045) fra il livello IL-6 e la produzione del collagene. Questi risultati dimostrano che l'influenza di n-3 PUFA (rappresentato da EPA in questo studio) positivamente le caratteristiche curative delle cellule di MCL e quindi può rappresentare un trattamento non invadente possibile per migliorare la guarigione del legamento. Ulteriormente, questi risultati indicano che i fibroblasti di MCL producono PGE2, IL-6 e TNF e che la produzione IL-6 è collegata con la sintesi del collagene di MCL.

Acido ascorbico nella prevenzione e nel trattamento di cancro.

KA capo. Rassegna della medicina alternativa. P.O. Box 25, Dover, identificazione 83825, U.S.A. kathi@thorne.com

Altern Med Rev 1998 giugno; 3(3): 174-86

I meccanismi proposti di azione per acido ascorbico (ascorbato, vitamina C) nella prevenzione e nel trattamento di cancro comprendono il potenziamento del sistema immunitario, stimolazione di formazione del collagene necessaria per “separar con murie„ i tumori, inibizione di ialuronidasi che tiene la sostanza a terra intorno al tumore intatta ed impedisce la metastasi, la prevenzione dei virus oncogeni, la correzione di una carenza dell'ascorbato veduta spesso in malati di cancro, la spedizione di guarigione arrotolata dopo la chirurgia del cancro, il potenziamento dell'effetto di determinate droghe della chemioterapia, la riduzione della tossicità di altri agenti chemioterapeutici quale l'adriamicina, la prevenzione di danno del radicale libero e neutralizzazione delle sostanze cancerogene. Gli Scottish come pure gli studi giapponesi hanno indicato il beneficio potenziale della vitamina C della dose elevata per il trattamento di cancro “terminale„. Gli studi di Mayo Clinic, tuttavia, hanno contraddetto i risultati scozzesi e giapponesi, con conseguente accuse dei difetti metodologici da entrambi i lati. I numerosi studi epidemiologici hanno indicato l'importanza dell'ascorbato dietetico e supplementare nella prevenzione di vari tipi di cancri compreso la vescica, il seno, cervicale, colorettale, esofageo, polmone, pancreatico, prostata, ghiandola salivare, stomaco, leucemia e linfoma non-Hodgkin.

Effetto della combinazione di aloe vera, di nitroglicerina e di L-NAME sulla guarigione arrotolata nel modello di excisional del ratto.

Heggers JP, Elzaim H, Garfield R, Goodheart R, Listengarten D, Zhao J, "phillips" LG. Università di Texas Medical Branch, Galveston, U.S.A.

Estate del Med 1997 del complemento di J Altern; 3(2): 149-53

SCOPO: Molti agenti terapeutici sistemici ed attuali quali l'ormone della crescita, il fattore di crescita piastrina-derivato (PDGF), il fattore di crescita del fibroblasto (FGF), il fattore di crescita epidermico (EGF) ed il fattore di crescita del tipo di insulina (IGF) sono stati usati come agenti del vulnerary. Tuttavia, il ruolo di ossido di azoto (NO) come stimolante ferita-curativo è stato ricevuto con gli esami misti. NESSUN è un vasodilatatore potente che è probabilmente un fattore di rilassamento dipendente dall'endotelio e un regolatore di pressione sanguigna e di flusso sanguigno regionale. Colpisce la proliferazione vascolare del muscolo liscio ed inibisce l'aggregazione della piastrina e l'adesione del leucocita. Di conseguenza abbiamo confrontato gli effetti di parecchie sostanze attuali che hanno simili o proprietà inverse.

METODI: Facendo uso del modello della ferita del ratto di excisional, abbiamo valutato gli effetti attuali dell'aloe di Dermaide (D-Aloe, Dermaide Research Corp, Palos Heights, IL), della nitroglicerina, Aquaphor (Beuersdorf, Inc., Norwalk, CT) da solo, con D-aloe con nitroglicerina, 2% e L-NAME (NESSUN inibitore) con Aquaphor e L-NAME con Aquaphor e D-aloe per un periodo del 21 giorno. Tutte le ferite sono state misurate da planimetria al 1, 7, 10, 13, 16, 18 e 21 giorno.

RISULTATI: Al giorno 1, tutte le ferite hanno avute una dimensione arrotolata media di 2,27 cm2 (deviazione standard 0,372) senza la differenza significativa nella dimensione arrotolata fra i gruppi. L'D-aloe attuale applicato è sembrato promuovere la guarigione arrotolata più velocemente del rimanere altri topicals (p <.05, Studente-Newman-Keuls ed il metodo di Dunn) durante il periodo di studio. Tuttavia, i topicals combinati con D-aloe, il veicolo Aquaphor e L-NAME hanno migliorato il processo di guarigione arrotolato in paragone a nitroglicerina da solo (p < .05).

CONCLUSIONI: L'D-aloe sembra avere un fattore ferita-curativo dell'avanzamento che può invertire gli effetti ai dei prodotti basati a nitroglicerina e della vaselina come osservati nei gruppi restanti in paragone a nitroglicerina da solo. Sembra che l'effetto degli D-aloe di impedire l'ischemia cutanea invertendo gli effetti della sintetasi del trombossano (TxA2) possa agire sinergico senza o potrebbe essere un organismo saprofago del radicale dell'ossigeno.

Terapia iperbarica attuale per le ferite della pelle di problema

Heng M.C.Y. Division di dermatologia, CTR medico dell'amministrazione di veterani., scuola di medicina del UCLA, via di 16111 Plummer, Sepulveda, CA i 91343 Stati Uniti

Giornale di ambulatorio e di oncologia dermatologici (Stati Uniti) 1993, 19/8 FONDI (di 784-793). L'ossigeno iperbarico rimane il solo trattamento capace dell'induzione della crescita di nuovi vasi sanguigni. Tuttavia, l'ossigenoterapia iperbarica sistemica rischia il sistema nervoso centrale e la tossicità polmonare.

OBIETTIVO. Per descrivere l'ossigenoterapia iperbarica attuale per il trattamento di recelcitrant apra le ferite.

METODI. I trattamenti iperbarici attuali e sistemici dell'ossigeno sono descritti e contrapposti l'uno dall'altro. Le applicazioni dell'ossigenoterapia iperbarica attuale sono descritte.

CONCLUSIONE. L'ossigenoterapia iperbarica attuale è utile soltanto per le ferite aperte. I vantaggi dell'ossigenoterapia iperbarica attuale comprendono il basso costo, la mancanza di tossicità sistemica dell'ossigeno e l'efficacia, permettendo che questo trattamento sia prescritto presto per molti pazienti nel corso della loro malattia piuttosto che come ultima località di soggiorno.

il Su-regolamento di elastasi in ferite acute degli esseri umani invecchiati in buona salute e le ulcere venose croniche della gamba sono associati con degradazione della matrice.

Herrick S, Ashcroft G, Irlanda G, Horan m., McCollum C, Ferguson m. School delle scienze biologiche, università di Manchester, Regno Unito.

Il laboratorio investe 1997 settembre; 77(3): 281-8

Gli stati arrotolati cronici di guarigione sono associati spesso con invecchiamento e malgrado il numero aumentato dei pazienti invecchiati con le ferite nonhealing, la controversia ancora esiste riguardo agli effetti dell'età sulla riparazione arrotolata. Il nostro lavoro precedente ha indicato che sia nelle ulcere venose in esseri umani che in ferite acute in animali invecchiati, il fibronectin, una componente in anticipo nel tessuto di granulazione, è carente confrontato a pelle normale ed alle ferite acute in animali giovani sani, rispettivamente. Nello studio presente, abbiamo determinato la proteasi responsabile di degradazione di fibronectin analizzando il tessuto preso dai margini delle ulcere venose croniche ed abbiamo standardizzato le ferite cutanee acute raccolte da un grande gruppo “dei soggetti umani invecchiati definiti di stato di salute„ - (schermati secondo il protocollo di SENIEUR). Quando i campioni di tessuto sono stati sottoposti allo zymography di fibronectin, la proteasi principale ha compreso nella ripartizione del fibronectin sia nelle ulcere venose che le ferite acute degli oggetti anziani sono state trovate per essere una proteasi della serina con un peso molecolare di kd circa 30. Questa proteasi è stata identificata come elastasi del neutrofilo dall'immunoblotting. Nelle biopsie del tessuto, l'elastasi è stata localizzata ai granulociti mediante tecniche immunocytochemical ed è stata indicata per essere presente in maggiori quantità nelle ulcere venose e in Day-7 e -14 ferite acute di guarigione degli oggetti invecchiati in buona salute riguardante quelle di giovani oggetti. Le più alte quantità sono state trovate in ferite acute delle donne anziane. I nostri risultati indicano che il processo di invecchiamento nei soggetti umani in buona salute è associato con un su-regolamento di elastasi durante la guarigione arrotolata acuta e che un'anomalia nel giù-regolamento di questa proteasi potrebbe essere parzialmente responsabile della transizione agli stati arrotolati cronici di guarigione in invecchiati.

Alfa di Drotrecogin (attivata): il primo trattamento approvato dalla FDA per sepsi severa.

Hosac, DI MATTINA

BUMC Proc. 2002; 15: 224-7.

Disponibile non astratto.

Effetti e significato nutrizionali e metabolici del aciduria orotico delicato durante il completamento dietetico con arginina o i suoi sali organici dopo la lesione di trauma in ratti.

Jeevanandam m., Begay CK, Holaday NJ, SR di Petersen. Centro di trauma, l'ospedale di St Joseph e centro medico, Phoenix, AZ 85013, U.S.A.

Metabolismo 1997 luglio; 46(7): 785-92

Gli effetti di privazione di cibo acuta e di refeeding successivo con le diete liquide orali isoazotato completate con arginina (ARG), il alfa-chetoglutarato di ARG (AKG), o l'alfa-ketoisocaproate di ARG (AKIC) sono stati esaminati in un modello di trauma del topo Sprague Dawley (frattura bilaterale del femore). Sia i ratti di trauma che di controllo erano affamati per i 2 giorni e poi paio-federazioni per i 4 giorni con una di quattro diete isoazotato liquide: la dieta 1 era ad una dieta basata a caseina basale ed è a dieta 2, 3 e 4 erano la dieta basale in quale 10% dell'azoto è stato sostituito dall'azoto di ARG, di AKG, o di AKIC. I due giorni di inedia hanno provocato una perdita di 13% di peso corporeo ed anche una diminuzione di 27% nell'escrezione di acido orotico (OA) nei ratti di trauma e di controllo. Sebbene il contenuto di ARG delle diete 2, 3 e 4 sia lo stesso, i ratti AKIC-completato e di ARG- hanno espulso significativamente (P < .05) più OA che i ratti di AKG-federazione. L'a basso livello dell'escrezione di OA nei ratti di AKG-federazione indica il maggior uso di ARG per gli scopi metabolici, compreso l'operazione di ciclo efficiente dell'urea. L'adattamento metabolico e l'efficacia nutrizionale, cioè, hanno aumentato la conservazione dell'azoto, più grande obesità ed hanno alterato il metabolismo dell'aminoacido (aa), dei ratti di AKIC sembri essere migliore di nei ratti di AKG-federazione o di ARG-.

La crescita factor-2 di Keratinocyte accelera la guarigione arrotolata nelle ferite di incisional.

PA di Jimenez, Rampy mA. Genoma umano Sciences, Inc., Rockville, Maryland, 20850, U.S.A. jimenez@hgsi.com

Ricerca 1999 di J Surg febbraio; 81(2): 238-42

FONDO: Crescita factor-2 (KGF-2) di Keratinocyte anche descritta poichè la crescita factor-10 (FGF-10) del fibroblasto è un membro recentemente identificato della famiglia di fattore di crescita del fibroblasto. KGF-2 è 96% identico al ratto recentemente identificato FGF-10 e specificamente stimola la crescita dei keratinocytes epidermici umani normali. Lo studio presente è stato intrapreso per esaminare gli effetti di KGF-2 attuale applicato in un modello curativo della ferita di incisional. Il trattamento KGF-2 ha provocato un miglioramento nella ferita di incisional che guarisce come caratterizzata da un aumento nella resistenza alla rottura, nel contenuto del collagene e nello spessore epidermico.

METODI: KGF-2 attuale si è applicato alle incisioni lineari fatte nella pelle dorsale dei topi Sprague Dawley. La prova biomeccanica è stata fatta facendo uso di un tensiometro di Instron per le determinazioni di resistenza alla trazione e di rottura. Il contenuto arrotolato del collagene era risoluto facendo uso dell'analisi del collagene di Sircol. Le misure epidermiche di spessore sono state effettuate facendo uso delle sezioni trichrome-macchiate di Masson della ferita.

RISULTATI: Una singola applicazione topica di KGF-2 ai tempi della ferita provocata un aumento nella rottura della ferita e della resistenza alla trazione al giorno 5 dopo la ferita. La resistenza alla rottura delle ferite di KGF-2-treated era significativamente più alto rispetto al controllo di amplificatore (1 microgrammo, 222,1 +/- 13,5 g, P = 0,0007; 4 microgrammi, 248,7 +/- 15,4 g, P = 0,0001; 10 microgrammi, 247,2 +/- 21,9 g, P = 0,001; amplificatore, 141,0 +/- 9,7 g). Il contenuto epidermico del collagene della ferita e di spessore è stato aumentato significativamente dopo il trattamento con KGF-2.

CONCLUSIONI: Sulla base dei nostri risultati, KGF-2 è uno stimolatore potente di guarigione arrotolata come dimostrato da forza meccanica aumentata accompagnata da un aumento nel contenuto arrotolato del collagene. KGF-2 ha potuto essere un mediatore cellulare importante responsabile dell'inizio e dell'accelerazione di guarigione arrotolata e può migliorare la guarigione delle ferite chirurgiche. Copyright 1999 edizioni accademiche.

Effetto di CA-panthotenate sul metabolismo ossidativo del granulocita umano.

Kapp A, Zeck-Kapp G. Department di dermatologia, università di Friburgo.

Allerg Immunol (Leipz) 1991; 37 (3-4): 145-50

I granulociti attivati svolgono un ruolo importante nella propagazione della risposta infiammatoria da produzione delle specie reattive dell'ossigeno e dal rilascio del loro contenuto del granello. Hyperactivation di queste cellule è suggerito per provocare il deterioramento di guarigione arrotolata e, probabilmente, l'aumento del cicatrization. L'acido pantotenico ed il suo sale stabile si formano, CA-Panthotenate, sono stati indicati per migliorare significativamente la guarigione arrotolata chirurgica. Di conseguenza, nello studio presente l'effetto di modulazione di acido CA-pantotenico a stimolazione successiva con vari stimoli è stato studiato su PMN umano isolato facendo uso dei sistemi di prova funzionali: chemiluminescenza Lucigenin-dipendente (CL), rilascio del myeloperoxidase (MPO). CA-Panthotenate ha inibito significativamente la risposta del CL di PMN sopra stimolazione con il f-incontrare-leu-phe chemiotattico di petide, il promotore PMA del tumore e le citochine d'attivazione GM-CSF del granulocita e l'alfa di TNF ad una gamma di concentrazione di 5 - 50 millimetri, ma non sopra stimolazione con zymosan opsonized. Inoltre, CA-Panthotenate ha inibito significativamente il rilascio del myeloperoxidase da PMN sopra stimolazione con il f-incontrare-leu-phe ad una concentrazione di 5 millimetri. Al contrario, CA-Panthotenate direttamente non ha attivato PMN nei sistemi di prova provati. Questi risultati in vitro sostengono il concetto di un'azione antinfiammatoria di CA-Panthotenate in vivo.

Le citochine di Proinflammatory differenziale regolano le isoforme hyaluronan della sintasi in fibroblasti fetali ed adulti.

Ci di Kennedy, Diegelmann rf, Haynes JH, Dott Department di Yager di chirurgia, istituto universitario medico di Virginia Hospitals, Virginia Commonwealth University, Richmond, U.S.A.

J Pediatr Surg 2000 giugno; 35(6): 874-9

BACKGROUND/PURPOSE: La guarigione arrotolata fetale è un processo relativamente scarless che si presenta di un in un ambiente ricco hyaluronan. La comprensione del regolamento dell'espressione hyaluronan può fornire la comprensione nel processo della riparazione fetale. Di conseguenza, lo scopo di questo studio era di confrontare il regolamento delle trascrizioni hyaluronan e hyaluronan della sintasi dalle citochine proinflammatory interleukin-1beta (IL-1beta) e dall'fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-alfa) in adulto umano ed in fibroblasti fetali.

METODI: Hyaluronan ha depositato nel medium dei fibroblasti non trattati o i fibroblasti trattati con IL-1beta o l'TNF-alfa sono stati determinati mediante un'analisi che utilizza la proteina obbligatoria hyaluronan 125 dello iodio I. HA livelli della trascrizione sono stati confrontati nel usando un'analisi della protezione della ribonucleasi.

RISULTATI: IL-1beta ha indotto un aumento nell'accumulazione hyaluronan sia dai fibroblasti fetali che adulti. Al contrario, l'TNF-alfa ha indotto i livelli elevati di hyaluronan soltanto in fibroblasti fetali. I livelli della trascrizione HAS-2 e HAS-3 essenzialmente sono stati espressi sia dai fibroblasti fetali che adulti. Le citochine di Proinflammatory hanno indotto un aumento differenziale nei livelli della trascrizione HAS-1 e HAS-3.

CONCLUSIONI: Il regolamento differenziale è stato osservato nell'accumulazione hyaluronan e per HA livelli della trascrizione in fibroblasti cutanei fetali ed adulti. La risposta smorzata dei fibroblasti fetali alle citochine può essere pertinente all'infiammazione minima connessa con la riparazione fetale.

L'arginina stimola la funzione curativa ed immune arrotolata in esseri umani anziani.

Kirk SJ, Hurson m., Regan MC, Dott di Holt, HL di Wasserkrug, Barbul A. Department di chirurgia, ospedale di Sinai di Baltimora, MD 21215.

Chirurgia 1993 agosto; 114(2): 155-9; discussione 160

FONDO. Sperimentalmente, l'arginina migliora la funzione immune e promuove la guarigione arrotolata. In questo studio di prova alla cieca randomizzato abbiamo studiato l'effetto del completamento orale dell'arginina sulla guarigione arrotolata e la funzione a cellula T in esseri umani anziani (più di 65 anni).

METODI. Trenta anziani, sano, volontari dell'essere umano (15 uomini e 15 donne) hanno ricevuto i supplementi quotidiani dell'aspartato dell'arginina del gm 30 (arginina libera del gm 17). Quindici volontari (nove uomini e sei donne) hanno ricevuto uno sciroppo del placebo. Fibroplastic ferisce le risposte è stato valutato inserendo un catetere del politetrafluoroetilene sottocute nella giusta regione del deltoide. Epithelialization è stato esaminato creando una ferita spaccata di spessore di 2 x di 2 cm sull'aspetto laterale della coscia superiore. La risposta mitogenica dei linfociti periferici del sangue a concanavalina A, a phytohemagglutinin, al mitogene della fitolacca ed agli stimoli allogenici è stata analizzata all'inizio e alla fine del completamento. I cateteri del politetrafluoroetilene sono stati analizzati per azoto alfa-amminico (valutazione di accumulazione della proteina totale), l'idrossiprolina (indice della sintesi riparatrice del collagene) e l'accumulazione del DNA (indice di infiltrazione cellulare).

RISULTATI. Completamento dell'arginina per nmol/cm arrotolato significativamente migliorato di accumulazione dell'idrossiprolina del catetere da 2 settimane (26,49 +/- 2,39 contro 17,41 +/- 2,04 nmol/cm) e micrograms/cm totale del contenuto proteico (43,47 +/- 3,85 contro 21,95 +/- 2,5 micrograms/cm). L'arginina non ha influenzato il contenuto del DNA dei cateteri o il tasso di epithelialization del difetto della pelle. Le risposte periferiche del linfocita del sangue a stimolazione mitogenica ed allogenica erano maggiori nel gruppo completato arginina. I livelli del tipo di insulina della crescita factor-1 del siero sono stati elevati significativamente nel gruppo dell'arginina.

CONCLUSIONI. I dati suggeriscono che il completamento dell'arginina possa migliorare le risposte immunitarie curative e arrotolate negli anziani.

[L'approccio moderno al trattamento arrotolato]. [Articolo nel serbo-croato (romano)]

Hirurgiju di decju di za di Klinika di omladine del dece i di zastitu di zdravstvenu di za di Komarcevic A. Institut, fakultet di Medicinski, Novi Sad. komarac@Eunet.yu

Med Pregl 2000 luglio-agosto; 53 (7-8): 363-8

INTRODUZIONE: La guarigione arrotolata è un processo complesso che comprende le interazioni fra vari tipi differenti delle cellule. Il processo di riparazione arrotolato normale consiste di tre fasi--l'infiammazione, la proliferazione e ritoccare quello si presentano in serie prevedibile di eventi cellulari e biochimici. Le ferite sono classificate secondo i vari criteri: eziologia, caratteristiche duranti e morfologiche, comunicazioni con gli organi solidi o vuoti, il grado di contaminazione. Durante gli ultimi anni molti autori usano il concetto di codice colore, che classifica le ferite come ferite gialle e nere di rosso. Questa carta presenta i metodi convenzionali di trattamento della ferita del locale (pulizia meccanica, disinfezione con le soluzioni antisettiche, sbrigliamento arrotolato--chirurgico, biologico ed autolitico; chiusura arrotolata, trattamento antibiotico attuale, vestendosi) come pure misure generali (sedazione, protezione antitetanous ed antibiotica, valutazione preoperatoria e correzione di malnutrizione, vasocostrizione, iperglicemia ed uso steroide, tecnica chirurgica appropriata e prevenzione postoperatoria di vasocostrizione con sollievo dal dolore, il riscaldamento e la rianimazione adeguata del volume). IL RUOLO DEI FATTORI FISIOLOGICI E DEGLI AGENTI ANTIMICROBICI NELLA GUARIGIONE ARROTOLATA: I fattori di crescita svolgono un ruolo nella divisione cellulare, la migrazione, la differenziazione, l'espressione della proteina, produzione di enzimi ed hanno una capacità potenziale di guarire le ferite stimolando l'angiogenesi e la proliferazione cellulare, colpendo la produzione e la degradazione della matrice extracellulare ed essendo chemiotattici per le cellule ed i fibroblasti infiammatori. Ci sono sette famiglie importanti dei fattori di crescita: fattore di crescita epidermico (EGF), fattore del tipo di insulina di crescita di trasformazione fattore-beta (TGF-beta), di crescita (IGF), fattore di crescita piastrina-derivato (PDGF), fattore di crescita del fibroblasto (FGF), interleuchine (ILs) e fattore distimolazione (CSF). Le ferite acute contengono molti fattori di crescita che svolgono un ruolo cruciale nelle fasi iniziali di guarigione arrotolata. Gli eventi di guarigione arrotolata iniziale riflettono un ambiente con precisione equilibrato che conduce alla guarigione arrotolata semplice e rapida. Le ferite croniche, per molte ragioni, hanno perso questo equilibrio fine. Gli studi multipli hanno valutato l'effetto che i fattori di crescita esogenicamente applicati hanno sulla guarigione delle ferite croniche. Negli studi intrapresi da Knighton e dai colleghi, applicazione topica della miscela di varia guarigione arrotolata aumentata dimostrata di fattori di crescita (PDGF, TGF-beta, PDAF, PF4, PDEGF) sopra i comandi. Brown ed i soci hanno dimostrato una diminuzione in un tempo curativo del sito erogatore dell'innesto di pelle del 1 giorno facendo uso di EGF attuale applicato. Herndon ed Ass. l'ormone della crescita sistemica usata in bambini bruciati e la riduzione del tempo curativo hanno fatto una differenza clinica significativa permettendo la copertura arrotolata più iniziale e facendo diminuire la durata dell'ospedalizzazione. La famiglia di TGF dei fattori di crescita è creduta di essere responsabile in primo luogo per eccessiva formazione della cicatrice, particolarmente il beta 1 e le beta 2 isoforme. la TGF-beta isoforma 3 recentemente è stata descritta e può avere una funzione inibitoria su formazione della cicatrice essendo un antagonista naturale al TGF-beta 1 e TGF-beta 2 isoforme. Le citochine, particolarmente interferone alfa (INF-alfa), INF-alfa ed INF-alfa 2b, possono anche ridurre la formazione della cicatrice. Queste citochine fanno diminuire il tasso di proliferazione di fibroblasti e riducono il tasso di sintesi di fibronectin e del collagene riducendo la produzione del mRNA. L'espressione della sintasi dell'ossido di azoto (no.) e le proteine del colpo di calore (HSP) hanno un ruolo importante nella guarigione arrotolata come pure oligoelementi (zinco, rame, manganese). Applicazioni di alcune droghe (antiossidanti--asiaticoside, vitamina E ed acido ascorbico; D-pantotenato del calcio, fibronectin esogeno; droghe antileprosy--olio del hydnocarpus; l'estratto alcolico di lievito) accelera ferisce la guarigione. Il thymosin timico beta 4 del peptide (T beta 4R) attuale applicated, il deposito del collagene di aumenti e l'angiogenesi e stimola la migrazione del keratinocyte. L'alfa 1 (alfa 1R), peptide di Thymosin di T isolato dal timo, è un chemoattractant potente che accelera l'angiogenesi e la guarigione della ferita. Al contrario, le droghe steroidi, l'emorragia e la denervazione delle ferite hanno effetto negativo sul processo di guarigione.

La riparazione arrotolata fetale provoca la formazione della cicatrice nei topi di Interleukin-10-deficient in un modello murino syngeneic della riparazione arrotolata fetale scarless.

Chilowatt di Liechty, HB di Kim, Adzick NS, Crombleholme TM. L'istituto dei bambini per scienza chirurgica all'ospedale pediatrico di Filadelfia, la scuola di medicina dell'università della Pennsylvania, 19104, U.S.A.

J Pediatr Surg 2000 giugno; 35(6): 866-72; discussione 872-3

FONDO: La guarigione arrotolata cutanea fetale è caratterizzata da infiammazione minima, da ripristino dell'architettura cutanea normale e dalla riparazione scarless. Gli autori hanno indicato che citochine proinflammatory Interleukin-6 (IL-6) e Interleukin-8 (IL-8) sono diminuiti durante la riparazione arrotolata fetale. Interleukin-10 (IL-10) è una citochina antinfiammatoria che fa diminuire la produzione di IL-6 e di IL-8. Gli autori hanno supposto che IL-6 e IL-8 diminuito e l'infiammazione minima potessero essere causati da IL-10.

METODI: Per verificare questa ipotesi, gli autori hanno sviluppato un nuovo modello murino syngeneic della riparazione arrotolata fetale in cui la pelle della giorno-gestazione 15 da C57BL/6 normale o dai topi transgenici di knock-out di C57BL/6 IL-10 è stata innestata alla parte posteriore degli stessi topi dell'adulto di sforzo. Gli innesti incisionally sono stati feriti dopo i 5 giorni, sono stati raccolti a 1 settimana e sono stati analizzati per formazione infiammatoria della cicatrice e di risposta.

RISULTATI: Le ferite negli innesti di pelle fetali normali hanno mostrato l'infiammazione minima ed il modello reticolare cutaneo normale del collagene al sito della ferita, coerente con la riparazione scarless. Al contrario, le ferite negli innesti di pelle fetali di knock-out IL-10 hanno mostrato la formazione significativa della cicatrice e di infiammazione.

CONCLUSIONI: Gli innesti di pelle fetali sui topi syngeneic adulti guariscono senza infiammazione o sfregiano la formazione. L'assenza di IL-10 in pelle fetale provoca la formazione della cicatrice. La mancanza intrinseca di IL-10 può provocare l'amplificazione continuata della cascata infiammatoria di citochina, la stimolazione continuata dei fibroblasti ed il deposito anormale del collagene. IL-10 è necessario affinchè la riparazione arrotolata scarless accada.

  immagine immagine