Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Estratti

Disordine ossessivo

ESTRATTI

immagine

Amministrazione sequenziale delle strategie di aumento nel disordine ossessivo trattamento-resistente: risultati preliminari.

Blier P, unità di Bergeron R. Neurobiological Psychiatry, università McGill, Montreal, Quebec, Canada.

Int Clin Psychopharmacol 1996 marzo; 11(1): 37-44

Poichè una percentuale importante di pazienti con venire a mancare ossessivo di disordine (disturbo ossessivo compulsivo) da rispondere adeguatamente agli inibitori di ricaptazione della serotonina (5-HT) (SRI), strategie di aumento puntate su migliorando ulteriore trasmissione 5-HT dai meccanismi differenti è stata tentata in sequenza in 13 pazienti SRI-resistenti. L'aggiunta del 5-HT1A l pindolol beta adrenergico dell'antagonista non ha alterato la sintomatologia di disturbo ossessivo compulsivo ma ha prodotto un miglioramento rapido dei sintomi depressivi. Il buspirone dell'agonista 5-HT1A come pure 5 il hydroxytryptophan, il precursore immediato di 5-HT, aggiunto al regime di SRI-pindolol, non erano efficaci nell'attenuazione dell'intensità del disturbo ossessivo compulsivo. Il triptofano, aggiunto al regime di SRI-pindolol, ha prodotto un miglioramento significativo dopo 4 settimane, con ulteriore miglioramento dopo 6 settimane (diminuzione di 36% del punteggio ossessivo di Yale-Brown), che è stato mantenuto con prolungamento del trattamento.

Confronto di un estratto di iperico (LI 160) e di sertralina nel trattamento della depressione: una prova alla cieca, studio pilota randomizzato.

Brennero R, Azbel V, Madhusoodanan S, ospedale episcopale di Pawlowska M. St John, Rockaway lontano, New York 11691, U.S.A.

Clin Ther 2000 aprile; 22(4): 411-9

FONDO: L'iperico (il mosto di malto di St John) è stato indicato per essere efficace e bene è stato tollerato quanto gli antidepressivi standard nel trattamento della depressione ma non è stato paragonato agli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRI).

OBIETTIVO: Questo studio ha confrontato l'iperico e la sertralina di SSRI nel trattamento della depressione.

METODI: In una prova alla cieca, negli studi randomizzati intrapresi in un ospedale, nei 30 maschii e nei pazienti esterni femminili (19 donne, 11 uomo; l'età media, 45,5 anni) con delicato per moderare la depressione hanno ricevuto 600 mg/d di un estratto standardizzato di iperico (LI 160) o di sertralina di 50 mg/d per la settimana di I, seguita dall'iperico 900 mg/d o la sertralina 75 mg/d per 6 settimane.

RISULTATI: La severità dei sintomi, come valutata dai punteggi su Hamilton Rating Scale per la depressione (HAM-D) e la scala globale clinica dell'impressione, è stata ridotta significativamente in entrambi i gruppi del trattamento (< 0,01). La risposta clinica (definita come a < o rapporto di riproduzione di =50% dei punteggi di HAM-D) è stata notata in 47% dei pazienti che ricevono l'iperico e in 40% di quelli che ricevono la sertralina. La differenza non era statisticamente significativa. Entrambi gli agenti sono stati tollerati bene. Post hoc un'analisi di potere ha indicato che l'omissione di raggiungere il significato statistico fra i trattamenti è derivato soprattutto da un'assenza di differenze cliniche piuttosto che la piccola dimensione del campione.

CONCLUSIONE: L'estratto di iperico era almeno efficace quanto la sertralina nel trattamento di delicato moderare la depressione in un piccolo gruppo di pazienti esterni.

terapia conoscitiva Fede-assistita di disordine ossessivo.

Gangdev PS. Servizio medico-sanitario di salute mentale della Comunità, ospedale di Tokoroa, Nuova Zelanda.

Psichiatria 1998 di Aust N Z J agosto; 32(4): 575-8

OBIETTIVO: Lo scopo di questa carta è di riferire la risoluzione rapida delle ossessioni quando il paziente ha invocato Cristo per trattare le sue ossessioni.

QUADRO CLINICO: Una femmina di 25 anni presentata con le ossessioni (dubbi) quello: (i) mentre guida abbatterà un pedone; e (ii) sarà incaricata di aggressione sessuale.

TRATTAMENTO E RISULTATO: La terapia conoscitiva (ristrutturazione conoscitiva e pensiero-fermarsi) è stata offerta. Dopo una singola sessione una remissione completa è stata riferita quando la ha sostituita dubbi con le convinzioni costanti che “Cristo mi aiuterà a determinare sicuro„ e “Cristo non mi lascerà fare qualche cosa sbagliato„. È stata riferita per rimanere bene alla fine di 5 mesi quando ha riassegnato e poi è stata persa per continuare.

CONCLUSIONE: La fede nella religione può avere un effetto curativo e la terapia conoscitiva non è incompatibile con la religione. Sebbene insolito nella pratica clinica standard, la risoluzione rapida delle ossessioni sia possibile.

Terapia comportamentistica del gruppo di disordine ossessivo: sette contro i risultati di dodici-settimana.

Himle JA, Rassi S, Haghighatgou H, corona scandinava KP, RM di Nesse, Abelson J. Department di psichiatria, università del Michigan, Ann Arbor, Michigan 48109-0840, U.S.A. himlej@imich.edu

Diminuisca l'ansia 2001; 13(4): 161-5

La ricerca precedente ha dimostrato che l'esposizione e la terapia comportamentistiche individualizzate di prevenzione di risposta è un efficace trattamento per disordine ossessivo. Nel nostro rapporto preliminare priore, l'esposizione del gruppo e la terapia di sette settimane di prevenzione di risposta inoltre sono state trovate efficace nella riduzione le ossessioni e delle costrizioni. Il rapporto presente descrive un più grande campione (N=113) dei ossessivo-compulsives di ricerca del trattamento che hanno ricevuto la terapia comportamentistica del gruppo. Come prima, l'esposizione del gruppo e la prevenzione di risposta hanno migliorato significativamente le valutazioni delle ossessioni, delle costrizioni e della depressione. Questi miglioramenti sono stati mantenuti a seguito di tre mesi ed a lungo termine. Un sottocampione di pazienti che hanno ricevuto 12 settimane del trattamento ha avuto risultati alla fine del gruppo ed a seguito che non ha differito significativamente da coloro che ha ricevuto 7 settimane del trattamento. Questi risultati confermano l'efficacia di un programma di trattamento comportamentistico di sette settimane amministrato in un formato del gruppo. Copyright Wiley-Liss 2001, Inc.

Ricada il programma di prevenzione per il trattamento di disordine ossessivo.

Sibilo H, FOA eb, Kozak MJ. Dipartimento di psichiatria, università di Amburgo, Germania.

J consulta Clin Psychol 1994 agosto; 62(4): 801-8

Diciotto partecipanti con disordine ossessivo hanno ricevuto 3 settimane del trattamento intensivo dalla prevenzione di risposta e dell'esposizione, che sono state seguite da un programma di prevenzione di ricaduta (RP) o dalla terapia associativa (A; un programma di attenzione-control). Gli stimatori indipendenti hanno condotto le valutazioni dei sintomi, dell'ansia e della depressione ossessivi, prima e dopo la terapia di comportamento intensiva, dopo la settimana del RP intensivo o A ed a seguito di 6 mesi. I risultati hanno indicato che il programma di RP era efficace nell'impedire la ricaduta: Entrambi i gruppi del trattamento migliori subito dopo del trattamento intensivo, ma il gruppo di RP sono rimanere migliorati a seguito, mentre al gruppo ha mostrato un certo ritorno dei sintomi.

La prova di svuotamento del triptofano. Urti su sonno negli individui sani ed in pazienti con disordine ossessivo.

Huwig-Poppe C, Voderholzer U, Backhaus J, Riemann D, Konig A, Hohagen F. Department di psichiatria e di psicoterapia, università di Friburgo, Germania.

Adv Exp Med Biol 1999; 467:35-42

La prova di svuotamento del triptofano è uno strumento della ricerca per studiare le conseguenze funzionali di fare diminuire il metabolismo della serotonina del cervello. Poiché la serotonina è compresa nel regolamento di sonno ed è presupposta per essere di alta importanza in eziologia dei disturbi psichiatrici, gli effetti polysomnographic acuti di svuotamento del triptofano sono stati studiati negli individui sani ed in pazienti con disordine ossessivo (disturbo ossessivo compulsivo). Secondo il modello reciproco di interazione del regolamento di Rem-sonno e non-rem abbiamo preveduto che lo svuotamento del triptofano nei comandi sani dovrebbe provocare le alterazioni di sonno simili alla depressione, mentre abbiamo supposto che questi effetti sarebbero stati più pronunciati in pazienti con il disturbo ossessivo compulsivo.

METODI: 12 individui sani con un'età media di 34 anni e di 12 pazienti che soffrono dal disturbo ossessivo compulsivo con un'età media di 30 anni hanno avuti 4 indagini polysomnographic. Dopo 1 adattamento e 1 notte della linea di base gli oggetti hanno ricevuto una dieta povera in proteine i giorni 3 e 4 fino al mezzogiorno. Il giorno 4 a 18,00 oggetti di h hanno ingerito una miscela dell'aminoacido priva di triptofano. Questa procedura ha provocato una diminuzione di 85% negli individui sani e di 80% nei pazienti di disturbo ossessivo compulsivo a 22,00 H.

RISULTATI: Lo svuotamento del triptofano ha condotto alle perturbazioni più pronunciate di continuità di sonno nei pazienti di disturbo ossessivo compulsivo che negli individui sani in termini di aumento di tempo di risveglio e diminuzione di tempo totale di sonno. In entrambi gruppi una diminuzione della fase 2 di sonno ha potuto essere osservata. Gli individui sani hanno mostrato le alterazioni significative dei parametri di una frase di rem come densità di rem e numero totale dei movimenti oculari rapidi, che cosa non era il caso per i pazienti di disturbo ossessivo compulsivo.

CONCLUSIONI: I nostri risultati indicano che il ruolo importante del sistema serotonergic per manutenzione di sonno e gli aspetti di una frase del rem dormono. Ancora i nostri dati dimostrano che la prova di svuotamento del triptofano è uno strumento utile per valutare l'ipotesi di una partecipazione serotonergic al regolamento di sonno e dell'eziologia dei disturbi psichiatrici.

Effetti inibitori della teanina su stimolazione della caffeina valutata dall'elettroencefalogramma nel ratto.

Kakuda T, Nozawa A, Unno T, Okamura N, istituto di ricerca di Okai O. Central, Itoen srl, Shizuoka, Giappone. ITN00527@nifty.ne.jp

Biochimica di Biosci Biotechnol. 2000 febbraio; 64(2): 287-93.

In questo studio, l'azione d'inibizione della teanina sull'eccitazione da caffeina alla concentrazione connessa regolarmente con tè bevente è stata studiata facendo uso dell'elettroencefalografia (elettroencefalogramma) in ratti. In primo luogo, l'azione stimolatore da caffeina i.v. amministrazione ai più superiore 5 micromol/kg livellato (0,970 mg/kg) b.w. è stato indicato per mezzo di analisi di onde cerebrali e questo livello è stato suggerito come la dose minima di caffeina come stimolante. Dopo, gli effetti stimolatori di caffeina sono stati inibiti da un i.v. l'amministrazione della teanina ai più superiore 5 micromol/kg livellato (0,781 mg/kg) b.w. ed i risultati hanno suggerito che la teanina avesse un effetto antagonistico sull'azione stimolatore della caffeina ad una concentrazione molare quasi equivalente. D'altra parte, gli effetti eccitanti sono stati indicati nel ratto i.v. 1 e 2 micromol/kg amministrato (0,174 e 0,348 mg/kg) b.w. della teanina sola. Questi risultati hanno indicato due effetti della teanina, secondo la sua concentrazione.

Elettroshockterapia nel disordine ossessivo.

Khanna S, BN di Gangadhar, Sinha V, Rajendra PN, Channabasavanna MP. Dipartimento di psichiatria, istituto della salute mentale nazionale e neuroscienze, Bangalore, India.

Convuls Ther 1988; 4(4): 314-320

Una prova aperta di elettroshockterapia è stata condotta in nove oggetti che hanno risposto ai criteri di DSM-III per disordine ossessivo. C'era una riduzione iniziale di sintomatologia che ha durato 1 - 4 mesi. Gli oggetti che hanno avuti tratti (anankastic) meno ossessivi di personalità hanno risposto meglio. C'era inoltre post hoc l'osservazione che gli oggetti che sono stati agitati hanno migliorato. Abbiamo osservato le correlazioni fra la depressione e gli spartiti di interferenza, ma non con il sintomo segniamo, suggerendo che ECT avesse attività anti-ossessiva.

[Terapia di comportamento dei disordini ossessivi] [Articolo in francese]

Legeron P, Wajsgros A. Service Hospitalo-Universitaire de Sante Mentale et Therapeutique, centro Hospitalier Sainte-Anne, Parigi.

Encephale. 1989 maggio-giugno; 15(3): 343-50.

I disordini ossessivi (disturbo ossessivo compulsivo) una volta sono stati considerati uno stato relativamente raro ed altamente refrattari al trattamento. I trattamenti comportamentistici che consistono soprattutto dai vari metodi di prevenzione di risposta e dell'esposizione sono riferiti per essere circa 70% efficaci nel trattamento della questa circostanza che può colpire 2 - 3% della popolazione e, in molti casi, l'efficacia di questi interventi persiste in una serie di anni. Tuttavia molto resta fare nel raffinamento delle queste strategie e nella determinazione quali pazienti sono più probabili da rispondere a questi interventi.

Prove controllate di inositolo in psichiatria.

Ministero della sanità di Levine J. il centro di salute mentale, facoltà delle scienze di salute, Ben Gurion University del Negev, Beersheva, Israele.

EUR Neuropsychopharmacol 1997 maggio; 7(2): 147-55

L'inositolo è un precursore semplice del poliolo in un secondo sistema del messaggero importante nel cervello. L'inositolo del liquido cerebrospinale è stato riferito come in diminuzione nella depressione. Una prova controllata prova alla cieca del quotidiano di 12 g di inositolo in 28 pazienti deprimenti per quattro settimane è stata eseguita. Il beneficio globale significativo per inositolo confrontato a placebo è stato trovato alla settimana 4 su Hamilton Depression Scale. Nessun cambiamento è stato notato nell'ematologia, in rene o nella funzione epatica. Poiché molti antidepressivi sono efficaci nel disordine di panico, ventuno paziente con disordine di panico con o senza agorafobia ha completato una prova alla cieca, controllato con placebo, di quattro settimane, prova del trattamento dell'incrocio di casuale-assegnazione di inositolo 12 g al giorno. La frequenza e la severità degli attacchi di panico e la severità di agorafobia sono diminuito significativamente con inositolo confrontato a placebo. Gli effetti collaterali erano minimi. Poiché gli inibitori di ricaptazione della serotonina avvantaggiano il disordine ossessivo (disturbo ossessivo compulsivo) e l'inositolo è riferito a desensibilizzazione inversa dei ricevitori della serotonina, tredici pazienti con il disturbo ossessivo compulsivo hanno completato una prova dell'incrocio controllata prova alla cieca dell'inositolo di 18 g o del placebo per sei settimane ciascuno. I punteggi significativamente riduttori dell'inositolo dei sintomi di disturbo ossessivo compulsivo hanno paragonato a placebo. Una prova controllata dell'incrocio della prova alla cieca del quotidiano di 12 g di inositolo per un mese in dodici pazienti schizofrenici anergic, non ha mostrato alcuni effetti benefici. Una prova dell'incrocio controllata prova alla cieca di 6 g del quotidiano dell'inositolo contro glucosio per un mese ciascuno è stata effettuata in undici pazienti di Alzheimer, con gli effetti terapeutici fuori chiaro significativi. Le droghe antidepressive sono state riferite per migliorare il disturbo da deficit di attenzione (ADDH) con la sintomatologia dell'iperattività. Abbiamo studiato l'inositolo orale in bambini con ADDH in una prova alla cieca, incrocio, modo controllato con placebo. Undici bambini, l'età media 8,9 3,6 anni sono stati iscritti ad una prova di otto settimane di inositolo o di placebo ad una dose di 200 mg/kg del peso corporeo. I risultati mostrano una tendenza per aggravamento della sindrome con myo-inositolo rispetto a placebo. Gli studi recenti suggeriscono che gli inibitori di ricaptazione della serotonina siano utili almeno in alcuni sintomi di autismo. Tuttavia una prova controllata dell'incrocio della prova alla cieca di inositolo 200 mg/kg al giorno non ha mostrato beneficio in nove bambini con autismo. Gli agonisti colinergici sono stati riferiti per migliorare il danno indotto di memoria di elettroshockterapia (ECT). Il metabolismo dell'inositolo è compreso nel secondo sistema del messaggero per parecchi ricevitori colinergici muscarinic. Il quotidiano di g dell'inositolo 6 si è arreso un modo incrocio-doppio-cieco per i cinque giorni prima del quinto o sesto ECT ad una serie di dodici pazienti, senza effetto. Questi risultati indicano che l'inositolo ha effetti terapeutici nello spettro della malattia rispondente agli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina, compreso la depressione, panico e disturbo ossessivo compulsivo e non è utili nella schizofrenia, nel ADDH di Alzheimer, nell'autismo o dal nel danno conoscitivo indotto ECT.

Disordine ossessivo refrattario e ECT.

Maletzky B, McFarland B, Burt A. Department di psichiatria, scienze università, Portland 97201 di salute dell'Oregon.

Convuls Ther 1994 marzo; 10(1): 34-42

Gli autori esaminano la loro esperienza con elettroshockterapia (ECT) in 32 pazienti che rispondono ai criteri di DSM-IIIR per disordine ossessivo. Tutti i pazienti avevano ricevuto l'estesa terapia e la farmacoterapia comportamentistiche e conoscitive prima dell'inizio di ECT senza beneficio evidente. A seguito di ECT, la maggior parte dei oggetti hanno mostrato il considerevole miglioramento nei sintomi ossessivi e sono rimanere migliorati fino a 1 anno dopo la terapia. Alcuni pazienti inoltre hanno mostrato i miglioramenti a breve termine su parecchie misure della depressione. Il cambiamento nei sintomi ossessivi, tuttavia, è sembrato essere indipendente dai cambiamenti nelle misure della depressione. Disordine ossessivo

Mayo Clinic.

25 giugno 2001. Rochester, NY: Mayo Clinic/Mayo Foundation per istruzione e ricerca mediche (MFMER).

Disordine ossessivo (disturbo ossessivo compulsivo)

Manica di salute mentale.

16 gennaio 2002. Northampton, mA: Healthcommunities.com (http://www.mentalhealthchannel.net/ocd/index.shtml).

Fatti circa disordine ossessivo 1990.

Istituto della salute mentale nazionale.

Pubblicazione no OM-99 4154 (riveduto), stampata settembre 1999, aggiornato il 21 febbraio 2003. Bethesda, MD: Istituto nazionale della salute mentale/istituti della sanità nazionali (http://www.nimh.nih.gov/anxiety/ocdfacts.cfm).

Trattamento del disordine ossessivo.

Nemeth, A.

Lege artis. Med. 1998; 8(4) 236-45.

Disponibile non astratto.

Disordine ossessivo: una rassegna di trattamento.

Perse T. Department di psichiatria, università dell'Arizona, Tucson 85724.

Psichiatria di J Clin. 1988 febbraio; 49(2): 48-55.

Il disordine ossessivo, che può colpire 2% - 3% della popolazione degli Stati Uniti, può essere severamente disattivare, permeante una vita personale, sociale e del lavoro dell'individuo. Soltanto nelle 2 decadi scorse gli efficaci trattamenti sono stati proposti e provato stati. Le terapie di comportamento specifiche quali l'esposizione in vivo e la prevenzione di risposta hanno provato riuscito nel fare diminuire i rituali compulsivi in 70% - 80% dei pazienti che accettano ed aderiscono al trattamento. Per quei pazienti che non rispondono alla terapia di comportamento, i farmaci dovrebbero essere usati. Fin qui la clomipramina triciclica è il solo farmaco che è stato coerente efficace negli studi controllati. Tuttavia, dato che pazienti sicuri altri farmaci possono essere del beneficio. Per la minoranza dei pazienti che non rispondono alla terapia o al farmaco di comportamento, psychosurgery--leucotomy limbico specificamente stereotassic--dovrebbe essere considerato un opzione realizzabile.

[Risultati di elettroshockterapia nelle indicazioni restrittive. Uno studio retrospettivo su 15 anni] [Articolo in tedesco]

Schott K, Bartels m., Heimann H, Buchkremer G. Psychiatrische Universitatsklinik, Tubinga.

Nervenarzt 1992 luglio; 63(7): 422-5

In Tubinga ECT si limita ai pazienti severamente malati che non rispondono ad altre terapie somatiche; particolarmente ai pazienti con la depressione endogena e la catatonia perniciosa. Fra 1976 e 1990, 45 pazienti sono stati curati con ECT, di cui 22 sofferti dalla depressione endogena e 10 da catatonia perniciosa. Tredici pazienti con altre diagnosi (psicosi schizofreniche e schizoaffective, schizofrenia limite e disordine ossessivo) sono stati curati con ECT per gli stati depressivi severi dopo guasto della terapia psychopharmacological. Una risposta terapeutica positiva a ECT è stata osservata in 46% dei pazienti con la depressione endogena ed in tutti e 10 le con catatonia perniciosa. Nei pazienti con la schizofrenia e la psicosi schizoaffective, la schizofrenia limite ed il disordine ossessivo, un miglioramento della sindrome di ansia o depressiva sono stati osservati soltanto in diversi casi. Gli effetti collaterali di ECT erano sindromi di transito (20%), sindromi amnestic reversibili (20%) e le aritmia cardiache (6%). Secondo i nostri risultati, ECT è altamente efficace in depressione endogena terapia-resistente e catatonia perniciosa e quindi rimane una parte necessaria della terapia psichiatrica.

Equivalenza dell'estratto di iperico (Ze 117) e della fluoxetina: uno studio randomizzato e controllato nella depressione del delicato-moderato.

Schrader E. Praxis Klinische Arzneimittelforschung, Pohlheim, Germania.

Int Clin Psychopharmacol 2000 marzo; 15(2): 61-8

Il trattamento con le compresse dell'estratto di iperico (iperico Ze 117) e la fluoxetina lenta comunemente usata dell'inibitore di ricaptazione della serotonina (SSRI) è stato paragonato in pazienti alla depressione del delicato-moderato all'entrata Hamilton Depression Scale (HAM-D) (21-item) nella gamma 16-24, in un randomizzato, prova alla cieca, confronto di gruppo parallelo in 240 oggetti; fluoxetina: 114 (48%), iperico: 126 (52%). Dopo il trattamento di 6 settimane, HAM-D medio al punto finale è diminuito a 11,54 sull'iperico e a 12,20 su fluoxetina (P < 0,09), mentre l'elemento globale clinico medio I (severità) dell'impressione (cgi) era significativamente (P < 0,03) superiore sull'iperico, come era il tasso del radar-risponditore (P = 0,005). La sicurezza di iperico era sostanzialmente superiore a fluoxetina, con l'incidenza degli eventi avversi che sono 23% su fluoxetina e 8% sull'iperico. Gli eventi più comuni su fluoxetina erano agitazione (8%), perturbazioni di GI (6%), avere conati di vomito (4%), vertigini (4%), stanchezza, ansia/nervosismo e disfunzione erettile (3% ciascuno), mentre sulle perturbazioni di GI di iperico soltanto (5%) ha avuto un'incidenza maggior di 2%. Abbiamo concluso che l'iperico e la fluoxetina sono di uguale potenza riguardo a tutti i parametri principali usati per studiare gli antidepressivi in questa popolazione. Sebbene l'iperico possa essere superiore in miglioramento del tasso del radar-risponditore, la differenza principale fra i due trattamenti è la sicurezza. L'iperico era superiore a fluoxetina nell'incidenza globale degli effetti collaterali, nel numero dei pazienti con gli effetti collaterali e nel tipo di effetto collaterale riferito.

Svuotamento del triptofano in pazienti ossessivi.

Smeraldi E, Diaferia G, Erzegovesi S, Lucca A, Bellodi L, Moja ea. Dipartimento delle scienze neuropsichiatriche, S. Raffaele Hospital, università di Milano, Italia.

Biol psichiatria 1996 1° settembre; 40(5): 398-402

Dodici pazienti con disordine ossessivo sono stati studiati dopo amministrazione di una miscela degli aminoacidi priva di triptofano (TRP) o di una miscela che contiene tutti gli aminoacidi essenziali, in una prova alla cieca, progettazione di incrocio. La miscela senza TRP ha causato un profondo svuotamento di plasma TRP. Dopo che la diminuzione di TRP, le valutazioni medie delle ossessioni e le costrizioni, misurate dalle valutazioni delle scale di analogo visivo (VAS), non hanno peggiorato. Contrariamente ad altri rapporti in letteratura, lo svuotamento di TRP inoltre non è riuscito ad alterare l'umore nei nostri oggetti.

[Elettroshockterapia nelle sindromi compulsive. Un rapporto di caso] [Articolo in tedesco]

Wohlfahrt A. Psychiatrisches Landeskrankenhaus, Weinsberg.

Nervenarzt 1996 maggio; 67(5): 397-9

Riferiamo su un caso di riuscito ECT nel disordine ossessivo resistente alla droga e psicoterapia-resistente serio. Il paziente maschio di 44 anni già aveva avuto sintomi di questo disordine per 4 anni e completamente sono scomparso dopo sette ECTS (1 Bi, 6 unilaterali). Dopo che la remissione delle ossessioni il paziente ha subito una terapia di comportamento per consolidare il successo del trattamento di ECT e per preparare il paziente per il ritorno al lavoro. Rimane esente dalle ossessioni 18 mesi più successivamente.

Trattamenti naturali

Piper methysticum (kava-kava di kava-kava).

Anon [nessun autori elencati]

Altern Med Rev. 1998 dicembre; 3(6): 458-60.

Il piper methysticum (kava-kava di kava-kava) è un nativo della pianta alla regione dell'isola del Pacifico ed è stato ceremonial usato per le migliaia di anni. I principi attivi sono un gruppo di sostanze sanno come lattoni di kava-kava (AKA pironi di kava-kava). I quattro lattoni in kava-kava sono stati trovati per avere effetti significativi dell'anestetico e dell'analgesico via le vie non-oppiaceo. L'applicazione più popolare della kava-kava è come ansiolitico naturale, confrontante favorevole in parecchi studi ai farmaci di una prescrizione di numero, compreso le benzodiazepine. Gli effetti dello SNC sembrano essere mediati da parecchi meccanismi. Gli studi sono stati contrastanti per quanto riguarda la sua capacità GABA-ricevitore-legante, sebbene questo fosse stato trovato per accadere in alcuni studi. La kava-kava in vitro è stata trovata per bloccare l'assorbimento della norepinefrina. Inoltre ha alcune capacità dell'anticonvulsivo, che sembrano essere mediate dai recettori del canale di Na+. Il dosaggio terapeutico è nell'ordine dei 50-70 lattoni di kava-kava di mg tre volte quotidiane. L'effetto collaterale più comune, visto solitamente soltanto con uso a lungo termine e pesante dell'erba, è le chiazze cutanee squamose chiamate “kava-kava dermopathy.„ Inoltre è stato sa per rafforzare altri farmaci quali i barbiturati e Xanax.

Trattamento dell'inositolo di disordine ossessivo.

Fux m.; Levine J; Aviv A; Ministero della sanità di RH di Belmaker il centro di salute mentale, facoltà delle scienze di salute, Ben Gurion University del Negev, Beersheva, Israele.

J psichiatria (Stati Uniti) settembre 1996, 153 (9) p1219-21

OBIETTIVO: Gli studi più iniziali hanno riferito quell'inositolo, un precursore semplice del messaggero del poliolo secondo, erano efficaci nelle prove controllate per i pazienti con la depressione ed il panico. In questo studio la sua efficacia nel disordine ossessivo è stata studiata.

METODO: Tredici pazienti con disordine ossessivo hanno completato una prova alla cieca, una prova controllata dell'incrocio del g/giorno 18 di inositolo o un placebo per 6 settimane ciascuno.

RISULTATI: Gli oggetti hanno avuti punteggi significativamente più bassi sulla scala ossessiva di Yale-Brown quando prende l'inositolo che quando prende il placebo.

ONCLUSIONS: Gli autori concludono che l'inositolo è efficace nella depressione, nel panico e nel disordine ossessivo, una gamma di disordini rispondenti agli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina.

Psicotropi non quotati in borsa: Una rassegna di melatonina, dell'iperico, della valeriana e della kava-kava-kava-kava

Heiligenstein E.; Guenther G. Dr. E. Heiligenstein, università di Wisconsin-Madison, scuola di medicina, Madison, WI Stati Uniti

Giornale di salute americana dell'istituto universitario (Stati Uniti) 1998, 46/6 (271-276)

L'uso e la disponibilità dei prodotti alternativi di sanità hanno fatto rivivere durante gli ultimi anni. La prevalenza di uso di supplemento negli Stati Uniti è in gran parte sconosciuta ma è probabilmente diffusa. In questo articolo, quattro delle sostanze comuni usate per trattare i problemi emozionali sono esaminati. La descrizione della sostanza o della pianta, le indicazioni cliniche, la prova di efficacia terapeutica, i meccanismi delle azioni terapeutiche, i dosaggi ed i regimi, le preparazioni disponibili nel commercio differenti e gli effetti contrari e le tossicità sono descritti per melatonina, l'iperico, la valeriana e la kava-kava-kava-kava. Che un prodotto è “naturale„ non significa che è sicuro o efficace. Molti supplementi sono droghe potenti che mancano dei dati sufficienti sulla sicurezza, sulle relazioni dose-risposta, sulle interazioni della droga e sulla purezza.

Efficacia clinica di un extrakt di kava-kava in pazienti con la sindrome di ansia. Studio controllato placebo della prova alla cieca oltre 4 settimane

Kinzler E.; Kromer J.; Pelliccia Klinische Prufungen Psychologie Haus II, Psychiatrische Universitatsklinik, Bergische Landstr di Lehmann E. Forschungsstelle. 2, W-4000 Dusseldorf Germania

Arzneimittel-Forschung/ricerca della droga (Germania) 1991, 41/6 (584-588)

In uno studio di prova alla cieca randomizzato e controllato con placebo due gruppi ogni 29 pazienti contenenti con la sindrome di ansia non causata dai disordini psicotici sono stati curati per un periodo di 4 settimane con l'estratto WS 1490 di kava-kava (mg/giorno di Laitan (R)) 3 x 100 o una preparazione del placebo. L'efficacia terapeutica è stata valutata dalla Hamilton-Ansia-scala (variabile di obiettivo principale), dalla Aggettivo-lista e dalla Globale-Impressione-scala clinica (variabili di obiettivo secondario) dopo 1, 2 e 4 settimane del trattamento. Il punteggio globale di HAMA della sintomatologia di ansia ha rivelato una riduzione significativa della droga che riceve il gruppo già dopo una settimana del trattamento. Questa differenza fra i due gruppi di pazienti è aumentato nel corso dello studio. I risultati delle variabili di obiettivo secondario erano in accordo il HAMA-punteggio e dimostrano l'efficacia della WS 1490 in pazienti con i disturbi di ansia. Nessun'esperienza avversa causata dal farmaco è stata notata durante l'amministrazione da 4 settimane della WS 14900.

Tollerabilità dell'estratto WS 1490 di kava-kava-kava-kava sui disturbi di ansia (studio brasiliano di Multicentric)

Neto J.T. Prof. J.T. Neto, Clinica Medica e Geriatria da Escola, Paulista de Medicina - Unifesp., Soc. Reggiseni. Geriatria Genrontologia, sao Paulo Brazil

Revista Brasileira de Medicina (Brasile) 1999, 56/4 (280-284)

L'obiettivo dello studio presente era di esaminare l'efficacia e la tollerabilità dell'estratto WS 1490 di kava-kava sui pazienti che soffrono la sindrome di ansia. Lo strumento dell'analisi utilizzato era la Hamilton-Ansia-scala modificata (HAMA). I pazienti (n=850), 192 uomini e 574 donne, hanno avuti una media degli anni delle età 42,8 +/- 13,1 e sono stati curati per un periodo di 4 settimane con l'estratto di kava-kava (Laitan (R)), 3x100 mg/giorno. Il punteggio globale di HAMA è caduto da 30 a 9 (una riduzione di 70%) dopo il trattamento, mostrante il significato statistico (< 0,0001). La tollerabilità è stata considerata buona e molto buona in 95,8% dei pazienti. Sulla base dei risultati possiamo dire che l'estratto WS 1490 di kava-kava ha mostrato i risultati positivi sul trattamento degli stati di ansia, dell'umore ansioso, della tensione, dell'insonnia e dei sintomi muscolari (per esempio dolore ed affaticamento).

Piper methysticum Forst: Nuovi agenti antianxiety

Tassi S.M.K.; Santos L.

Revista Brasileira de Farmacia (Brasile) 1997, 78/2 (44-48)

In questo lavoro un profilo d'erogazione del phytotherapeutics prodotto dagli estratti di piper methysticum a Porto Alegre e Caxias fanno Sul (RS-Brasile) sono stati effettuati nel periodo da settembre all'ottobre 1996. È stato osservato che 30-40% delle farmacie dispensa le preparazioni di preparato galenico o le specialità medicinali con il piper methysticum in sua composizione. Le indicazioni principali di terapeutica erano ai disturbi di ansia ed alla depressione. Un esame di terapeutica e farmacologico di dati inoltre è stato eseguito dopo la società americana delle raccomandazioni dei farmacisti del Salute-sistema (ASHP) per le monografie della droga. Questi dati sono stati confrontati a quelli da letteratura promozionale. I dati successivi non abbinano completamente con i dati scientifici. Manca delle informazioni sugli effetti contrari, sulle indicazioni del conter, sulla tossicità e sulle interazioni della droga. Conformemente alle raccomandazioni di ASHP, le medicine ottenute dagli estratti di methysticum del P. o dai suoi principi attivi non rappresentano un avanzamento terapeutico affidabile relativamente alle droghe antianxiety classiche. Tuttavia, hanno potuto essere usati a questo fine, come singola droga, con cura medica e farmaceutica concomitante. Il paziente deve consigliarsi circa gli effetti contrari possibili, come la rappresentazione disturba, sintomo dermopathy e extrapiramidal di kava-kava e dipendenza presunta, interazioni della droga, pricipalmente con l'alcool ed altri sedativi SNC; e termini speciali, quali gli anziani, la gravidanza e l'allattamento al seno.

estratto di Kava-kava-kava-kava nei disturbi di ansia: uno studio d'osservazione del paziente esterno.

Scherer J Bezirkskrankenhaus Haar, Germania.

Adv Ther 1998 luglio-agosto; 15(4): 261-9

Cinquantadue pazienti esterni che soffrono dall'ansia dell'origine nonpsychotic sono stati inclusi in uno studio d'osservazione su una preparazione di kava-kava-kava-kava. L'efficacia della droga era evidente sulle misure di una scala globale di miglioramento, con il trattamento di valutazione di 42 pazienti (80,8%) come “molto buona„ o “buona„. Gli eventi avversi erano rari. L'estratto di kava-kava-kava-kava di sostegno di questi risultati come efficace ed alternativa sicura agli antidepressivi ed ai tranquillanti nel disturbo di ansia senza i problemi di tolleranza si è associato con le benzodiazepine.

L'inibizione di piastrina MAO-B dalla kava-kava pirone-ha arricchito l'estratto dal piper methysticum Forster (kava-kava-kava-kava).

Uebelhack R, Franke L, dipartimento di Schewe HJ di psichiatria, zu Berlino (Charite), Germania di Humboldt-Universitat.

Pharmacopsychiatry 1998 settembre; 31(5): 187-92

la Kava-kava-kava-kava, una bevanda psicoattiva, induce il rilassamento, migliora l'interazione sociale, promuove il sonno e svolge un ruolo importante nella vita socioculturale nelle isole del Pacifico Meridionale. D'altra parte, gli estratti standardizzati di radici di kava-kava-kava-kava sono usati per la terapia di ansia, di tensione e di irrequietezza. I pironi di kava-kava, i costituenti principali della kava-kava di kava-kava, sono considerati generalmente come responsabili dell'attività farmacologica in esseri umani ed in animali. Per ottenere più informazioni sui meccanismi da cui la kava-kava-kava-kava esercita le proprietà psicotropiche noi ha studiato gli effetti in vitro dell'estratto di kava-kava-kava-kava e dei pironi sintetici puri di kava-kava sulla piastrina umana MAO-B, rispetto ad amitriptilina, ad imipramina e al brofaromine. l'estratto di Kava-kava-kava-kava è stato trovato per essere un inibitore reversibile di MAO-B in piastrine intatte (microM IC50 24) ed ha interrotto gli omogeneati della piastrina (microM IC50 1,2). Le differenze strutturali dei pironi di kava-kava hanno provocato una potenza differente di inibizione di MAO-B. L'ordine della potenza era desmethoxyyangonin & (+/-) - methysticin & yangonin & (+/-) - dihydromethysticin & (+/-) - dihydrokavain & (+/-) - kavain. I due pironi di kava-kava più potenti, desmethoxyyangonin e (+/-) - methysticin hanno visualizzato un modello competetive di inibizione con Ki medio 0,28 microM e microM 1,14 rispettivamente. L'inibizione di MAO-B dagli estratti pirone-arricchiti kava-kava ha potuto essere un meccanismo importante per la loro attività psicotropica.

Ruolo di inositolo nel trattamento dei disturbi psichiatrici. Aspetti di base e clinici

Vadnal R.; Parthasarathy L.; Dott. R. Vadnal, Hlth mentale. /Behavioural Scis di Parthasarathy R. Servizio., centro medico di VA, viale di 800 Zorn, Louisville, KY 40206 Stati Uniti

Lo SNC droga (la Nuova Zelanda) 1997, 7/1 (6-16)

l'Myo-inositolo è un carboidrato onnipresente che è presente nei grandi numeri in tessuto cerebrale ed è compreso nella segnalazione di un neurone ed in osmoregolazione. Questo zucchero è una componente essenziale del sistema di segnalazione dell'inositolo, che è un sistema di segnalazione del messaggero di postreceptor secondo trovato in molte cellule. l'Myo-inositolo è il precursore dei fosfolipidi dell'inositolo della membrana, che sono collegati criticamente ad una serie di sistemi di segnalazione del ricevitore dello SNC, compreso i sistemi muscarinic, serotonergic, adrenergici, metabotropic e histaminergic e di quelli collegati a colecistochinina, a tachykinins, al neurotensin, al fattore di attivazione di piastrina e ad altri trasmettitori. Sopra stimolazione di questi ricevitori, un segnale è trasmesso attraverso un guanosintrifosfato (GTP) - la proteina legante (G (q)), che poi attiva la fosfolipasi C. degli enzimi. Ciò provoca il rilascio di un secondo messaggero, trisphosphate dell'inositolo 1,4,5 (InsPinf 3), dai fosfolipidi dell'inositolo della membrana. InsPinf 3 poi causa il rilascio di calcio intracellulare libero nel cytosol, attivando una serie di enzimi o ricevitori. l'Myo-inositolo nel cervello è derivato da 3 fonti: (i) stimolazione del ricevitore (una via di salvataggio); (ii) sintesi de novo da glucosio; e (iii) assorbimento di myo-inositolo dietetico attraverso i trasportatori dell'myo-inositolo della membrana di plasma. La maggior parte del mioinositolo probabilmente è derivato dalle prime 2 fonti, che sono controllate con al il monophosphatase litio sensibile dell'myo-inositolo degli enzimi (IMPase). Questo enzima agisce sopra i monofosfati dell'myo-inositolo, idrolizzante li per liberare l'myo-inositolo libero. Gli studi biochimici, molecolari e cristallografici recenti hanno dimostrato che il metabolismo globale dell'inositolo del cervello è modulato molto attentamente da questo enzima. I sali di litio, che sono comunemente usati in varie circostanze psichiatriche, inibiscono questo enzima e questa azione sono stati implicati come meccanismo terapeutico di azione di litio. Un cambiamento nella disponibilità dell'inositolo dello SNC può condurre alla cellula cerebrale alterata che segnala le vie e, finalmente, allo sviluppo di un disordine neuropsichiatrico. La prova recente indica che l'myo-inositolo ha effetti psicoattivi, con gli studi iniziali che dimostrano l'efficacia nel trattamento della depressione, del disordine di panico e del disordine ossessivo. Attualmente, il meccanismo esatto di questi effetti clinici è incerto. Lo sviluppo delle droghe basate sull'esame dei sistemi del vario inositolo può condurre alle droghe psicoattive future destinate per modulare una seconda cascata del messaggero degli eventi piuttosto che un sistema di ricevitore e condurrà ad ulteriore comprensione della malattia dello SNC da una prospettiva del messaggero del post-ricevitore secondo.