Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Terapie alternative complementari del Cancro

L'importanza di nutrizione durante il trattamento del cancro

Lo stato nutrizionale dei malati di cancro è compromesso spesso come sintomo del cancro o come effetto collaterale del trattamento convenzionale (Usharani K ed altri 2004). Effettivamente, un numero significativo dei pazienti che recuperano dal cancro è senza alimenti (Guo Y ed altri 2005) o ha sofferto la considerevole perdita di peso (Colasanto JM ed altri 2005). Lo stato nutrizionale dei malati di cancro ha un impatto su vari fattori importanti, includenti:

L'intervento nutrizionale come parte integrante di trattamento del cancro può essere implementatoe mangiando gli alimenti sani e prendendo i supplementi o tramite l'amministrazione delle formule arricchite attraverso un'alimentazione gastrica direttamente nel tratto gastrointestinale (enterale) o nell'iniezione nelle vene (parenterali) (Hyltander A ed altri 2005). La nutrizione enterale è sempre il metodo preferito di alimentazione dei malati di cancro quando il tratto gastrointestinale è funzionale ma la via orale è compromessa; la nutrizione parenterale dovrebbe essere fornita soltanto ai pazienti selezionati, poichè è di poco beneficio alla maggior parte dei malati di cancro.

Tuttavia, la nutrizione parenterale può essere amministrata nella comodità della casa del paziente e migliora la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con la malattia avanzata incurabile (Hoda D ed altri 2005). In particolare, questo tipo di alimentazione artificiale può essere utile nei pazienti di tumore del colon e ginecologici che soffrono spesso dall'ostruzione intestinale del tratto (McKinlay aw 2004). In uno studio recente che confronta i tipi differenti di interventi nutrizionali durante il trattamento del cancro, la nutrizione orale normale era superiore all'alimentazione enterale e parenterale soltanto quando è stata sostenuta dal consiglio nutrizionale da un dietista (Hyltander A ed altri 2005).

Tolleranza di trattamento. L'intervento nutrizionale durante il trattamento del cancro può aiutare i pazienti a tollerare meglio il trattamento del cancro, con gli effetti collaterali avversi meno frequenti (Bahl M ed altri 2004; Capra S ed altri 2001; Legga JA ed altri 2004). In particolare, i pazienti con cancro rinofaringeo, una volta alimentati artificialmente attraverso un tubo prima del trattamento, hanno avuti meno perdita di peso ed il recupero superiore ha confrontato ai pazienti che hanno avuti l'intervento nutrizionale solo dopo il trattamento (Bahl M ed altri 2004).

Sopravvivenza e risultato globale. I malati di cancro senza alimenti sono più probabili avere periodi più lunghi di ospedalizzazione, di tassi di sopravvivenza più bassi e di più alta frequenza di complicazioni mediche (Colasanto JM ed altri 2005; Guo Y ed altri 2005). Uno studio dei pazienti di tumore dello stomaco recentemente ha mostrato che quello stato nutrizionale ha colpito la qualità della vita dei pazienti e gli autori hanno raccomandato di aumentare il numero di ad alta percentuale proteica, pasti di alto-caloria consumati ogni giorno come modo migliorare lo stato nutrizionale (Tian J ed altri 2005).

Gli studi dei malati di cancro colorettali e capi e del collo hanno indicato l'effetto benefico di nutrizione sulla sopravvivenza e sulla qualità della vita (Ravasco P ed altri 2005b; Ravasco P ed altri 2005a). Questi studi inoltre hanno evidenziato l'importanza dei malati di cancro che hanno accesso al consiglio e l'orientamento da un dietista. Infatti, questi studi hanno indicato che gli alimenti regolari di sostegno dal consiglio dietetico erano più utili di quanto i supplementi nutrizionali arricchiti contenuti l'assenza di orientamento qualificato (Ravasco P ed altri 2005b; Ravasco P ed altri 2005a).

Funzione immune. Lo stato nutrizionale alterato in malati di cancro è associato con i numeri riduttori dei globuli bianchi (il più spesso neutropenia) e dei conteggi di globulo rosso bassi, o l'anemia (Usharani K ed altri 2004). Amministrazione di una formula specializzata arricchita con le sostanze nutrienti (arginina compresa ed acidi grassi omega-3) ai malati di cancro prima che l'ambulatorio riduca l'avvenimento delle infezioni e del tempo passati nell'ospedale (Moskovitz DN ed altri 2004). A causa delle sue proprietà immunomodulatorie, l'arginina contribuisce a ristabilire l'equilibrio di sistema immunitario in malati di cancro dopo chirurgia (Ates E ed altri 2004); tuttavia, ulteriore ricerca è necessaria da definire il suo ruolo nella cura nutrizionale dei malati di cancro

I ritardi nella guarigione di chirurgico ferita-o in un'omissione completa delle ferite per guarire-spesso complica la riabilitazione dei malati di cancro senza alimenti dopo chirurgia (Farreras N ed altri 2005). Nutrizione artificiale dei malati di cancro gastrici dopo che l'ambulatorio con una formula destinata per amplificare il sistema immunitario migliora la guarigione arrotolata ed il recupero (Farreras N ed altri 2005).

Sviluppo e progressione del Cancro. Uno studio dei pazienti con gli alti livelli dell'antigene prostatico specifico (PSA), un indicatore ampiamente accettato del rischio di sviluppare carcinoma della prostata, indicato che una dieta del contenuto proteico a bassa percentuale di grassi ed elevato della soia ha indotto un significativo, sebbene temporanea, riduzione dei livelli di PSA (Tsutsumi M ed altri 2004).