Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Terapie alternative complementari del Cancro

Strategie naturali per l'alleviazione dei sintomi del Cancro

Una gamma di strategie complementari è conosciuta per migliorare i sintomi sperimentati dai malati di cancro.

Ansia, depressione e sforzo. L'uso dell'aromaterapia e del massaggio è efficace nell'alleviazione la depressione, l'ansia e dello sforzo in malati di cancro ed ha un effetto positivo su qualità della vita (Cassileth BR ed altri 2004; Soden K ed altri 2004). Subire 30 sessioni minute di massaggio tre volte un la settimana per cinque settimane riduce l'ostilità e la rabbia in malati di cancro (Hernandez-Reif M ed altri 2004). Oltre al massaggio, il rilassamento progressivo del muscolo allevia la depressione e l'ansia in malati di cancro (Hernandez-Reif M ed altri 2005).

L'uso di agopuntura, dell'ipnosi e dell'esercizio riduce lo sforzo e l'ansia (Samuels N 2002; Stalpers LJ ed altri 2005; Thorsen L ed altri 2005).

La risata e l'umore inoltre sono conosciuti per migliorare l'umore e combattere la depressione in malati di cancro (Bennett MP ed altri 2003; Christie W ed altri 2005; Takahashi K ed altri 2001). Questo miglioramento nell'umore è accompagnato dai miglioramenti quantificabili nel sistema immunitario e nei fattori ormonali che influenzano il benessere globale (Berk LS ed altri 2001; Christie W ed altri 2005; Takahashi K ed altri 2001).

Il supporto emozionale da un coniuge riduce la depressione e migliora la qualità della vita in malati di cancro (Ohara-Hirano Y ed altri 2004). Il completamento dietetico con la L-carnitina dell'aminoacido in malati di cancro è stato efficace nel trattamento della depressione (Cruciani RA ed altri 2004).

Nausea e vomitare. L'agopuntura e l'agopressione del dito sono efficaci nel superamento della nausea indotta da trattamento e nel vomito (Collins KB ed altri 2004; Klein J ed altri 2004; Shin YH ed altri 2004). La stimolazione e l'ipnoterapia dell'elettrotipia-acupoint inoltre riducono la frequenza e l'intensità della nausea in malati di cancro (Gan TJ ed altri 2004; Deng G ed altri 2004).

Appetito difficile o cachessia. Il cancro avanzato è accompagnato spesso da uno stato del muscolo che spreca citato come cachessia o spreco catabolico (MD 2001 del barbiere; Brown TT ed altri 2003). Gli squilibri metabolici causati dalla malattia, che comprendono la sovrapproduzione dei fattori infiammatori, conducono alla perdita di appetito ed all'eccessivo guasto a grasso ed al muscolo (Barber MD ed altri 2001). Questa circostanza di spreco è associata con qualità della vita diminuita e la più breve sopravvivenza (MD 2001 del barbiere; Brown TT ed altri 2003).

Il completamento dietetico con gli oli di pesce (acidi grassi omega-3) neutralizza i fattori infiammatori ed inverte la perdita di peso connessa con cachessia (MD 2001 del barbiere; Brown TT ed altri 2003; Fearon KC ed altri 2003). La stabilizzazione di questo termine con i supplementi dell'olio di pesce inoltre conduce a qualità della vita migliorata (Bruera E ed altri 2003; Ustioni CP ed altri 2004; Fearon KC ed altri 2003). Per più informazioni, riferisca al capitolo sullo spreco catabolico.

Lymphedema. Lymphedema, una circostanza caratterizzata dall'eccessivi gonfiamento e conservazione dell'acqua sotto la pelle, affligge spesso i malati di cancro, specialmente dopo la radioterapia e la chirurgia (Ashikaga T ed altri 2002; McNeely ML ed altri 2004).

Le strategie naturali conosciute per essere in qualche modo utili nell'alleviazione della questa circostanza comprendono la compressione che bendano, che riduce la dimensione dell'area gonfiata ed il massaggio manuale dei linfonodi di scarico, che possono alleviare i casi delicati del lymphedema (McNeely ML ed altri 2004; Mortimer PS 1997). L'uso di selenio può migliorare i benefici delle terapie fisiche quali il massaggio e la compressione (Bruns F ed altri 2003).

Disfunzione sessuale. I malati di cancro, in particolare quelli con carcinoma della prostata, avvertono spesso la disfunzione sessuale, o l'impotenza, solitamente come complicazione del loro trattamento (Burnett AL 2005; Jayne DG ed altri 2005; Turner SL ed altri 1999). La disfunzione sessuale inoltre è associata con chirurgia per la vescica ed il cancro colorettale e con gli agenti della chemioterapia che danneggiano le ovaie (Jayne DG ed altri 2005; Molina JR ed altri 2005).

La disfunzione sessuale nei pazienti di carcinoma della prostata può essere diretta con successo mediante l'uso di Viagra® (Incrocci L ed altri 2003a; Incrocci L ed altri 2003b). Tuttavia, alcune terapie alternative sono inoltre efficaci nel controllo della disfunzione sessuale.

Gli studi clinici hanno indicato che i supplementi orali di L-glutamina e dell'yohimbina, un estratto della pianta, possono migliorare la disfunzione erettile (Lebret T ed altri 2002). Un altro integratore alimentare che contiene una combinazione di ginseng, di ginkgo, di L-arginina, di multivitaminici e di minerali, migliora la disfunzione erettile (Ito T ed altri 1998, 2001). Un supplemento nutrizionale che contiene l'erba di orzo, l'erba del grano, il fuco, clorella, ha cucinato il riso sbramato e i fructooligosacharrides inoltre è stato indicato per migliorare la disfunzione sessuale (Lau BH ed altri 2003).

Perdita di capelli. Un estratto del fungo, originalmente inventato per uso come ripetitore del sistema immunitario, migliora l'alopecia (perdita di capelli), una circostanza connessa con l'uso dei trattamenti del cancro convenzionali (Ahn WS ed altri 2004). Gli studi sugli animali inoltre hanno indicato che completare con l'N-acetilcisteina antiossidante può anche proteggere da perdita di capelli durante i trattamenti del cancro convenzionali (D'Agostini F ed altri 1998).

Affaticamento. Oltre ad alleviare lo sforzo, il completamento dietetico con la L-carnitina dell'aminoacido riduce l'affaticamento, che può essere un sintomo del cancro o un effetto collaterale del trattamento convenzionale (Cruciani RA ed altri 2004). L'uso di L-carnitina durante la chemioterapia con doxorubicina è stato proposto come terapia adiuvante dal 1985 (de Leonardis V ed altri 1985).

L'agopuntura inoltre ha dimostrato l'efficacia nell'alleviazione dell'affaticamento del cancro (Cohen AJ ed altri 2005). L'affaticamento legato al cancro risponde ad un regime combinato del massaggio, al piede che si inzuppano ed alla reflessologia (Kohara H ed altri 2004). Inoltre, respirare gli esercizi, condotti con l'aiuto di un fornitore di cure mediche, migliora l'affaticamento in pazienti che recuperano dal trapianto della cellula staminale (Kim SD ed altri 2005).