Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Cancro al seno

Fattori di rischio

Un'ampia varietà di fattori può influenzare la probabilità di un individuo di sviluppare il cancro al seno; questi fattori si riferiscono a come fattori di rischio. I fattori di rischio stabiliti per cancro al seno includono: genere femminile, età, cancro al seno precedente, malattia benigna del seno, fattori ereditari (storia della famiglia di cancro al seno), età giovane a menarca (primo periodo mestruale), età recente a menopausa, età recente alla prima gravidanza a termine, obesità, attività fisica bassa, uso di terapia ormonale sostitutiva postmenopausale, uso dei contraccettivi orali, esposizione alla metà della vita in- a basse dosi di radiazione ionizzante ed esposizione a radiazione ionizzante ad alta dose presto nella vita.

I fattori di rischio correlati per cancro al seno includono mai non essere incinti, avendo soltanto una gravidanza piuttosto che molti, non allattando dopo la gravidanza, il dietilstilbestrolo (DES), determinate pratiche dietetiche (alta assunzione delle assunzioni grasse e basse di fibra, della frutta e delle verdure), il tabacco, il fumo, l'aborto, il trauma del seno, l'aumento del seno, la grande dimensione del seno, gli estrogeni sintetici, i campi elettromagnetici ed il consumo dell'alcool. L'alcool è conosciuto per aumentare i livelli dell'estrogeno. L'uso dell'alcool sembra essere associato più forte con il rischio di carcinoma lobulari e di tumori ricevitore-positivi dell'ormone che è con altri tipi di cancri al seno (Li et al. 2003).

Un inibitore della crescita novello recentemente identificato come gene giù-regolato estrogeno 1 (EDG1) è stato trovato per essere spento (giù-regolato) dagli estrogeni. L'espressione d'inibizione EDG1 in cellule del seno ha provocato la crescita aumentata delle cellule del seno, mentre la sovraespressione di proteina EDG1 in cellule del seno ha provocato la crescita in diminuzione delle cellule ed ha fatto diminuire la crescita dell'ancoraggio-indipendente, sostenente il ruolo di EDG1 nel cancro al seno (Wittmann et al. 2003).