Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Lung Cancer

Che cosa è Lung Cancer?

Il cancro polmonare è una malattia in cui le cellule nei polmoni cominciano a svilupparsi fuori controllo ed interferire con le funzioni polmonari normali come respirazione. La vasta maggioranza dei casi del cancro polmonare cade in una di due categorie: non piccolo cancro polmonare delle cellule (NSCLC) e piccolo cancro polmonare delle cellule (SCLC).

NSCLC. NSCLC è il tipo più comune di cancro polmonare, componente quasi 80 per cento di tutte le casse. Questo tipo di cancro polmonare si sviluppa più lentamente e si sparge dell'altro tipo principale ed è quindi più trattabile. NSCLC è diviso in tre sottotipi: carcinoma a cellule squamose, adenocarcinoma e grande carcinoma delle cellule. Il tasso di sopravvivenza quinquennale per i pazienti con NSCLC è di meno di 25 per cento (Jemal A ed altri 2006).

SCLC. SCLC rappresenta 20 per cento di tutte le casse del cancro polmonare. Le sue piccole cellule possono rapidamente riprodurrsi per formare i grandi tumori che si spargono rapidamente ai linfonodi e ad altre parti del corpo. Questo tipo di cancro polmonare è causato quasi sempre dal fumo o dal fumo di seconda mano. SCLC reagisce bene inizialmente al trattamento della radioterapia e della chemioterapia. Tuttavia, meno di 5 per cento dei pazienti di SCLC sopravvivono a cinque anni dopo la diagnosi; un paziente con SCLC non trattato ha un tempo di sopravvivenza medio di due - tre mesi (Toyooka S ed altri 2001).

Mesotelioma. Il mesotelioma è diagnosticato quando le cellule tumorali sono trovate in liquido o in tessuto pleurico. È associato con l'esposizione dell'amianto (70 per cento dei casi) ed i lavoratori dell'amianto hanno un rischio di vita di 8 per cento; i tumori sorgono 20 - 40 anni dopo l'esposizione dell'amianto. Il mesotelioma ha una prognosi difficile, con 75 per cento dei pazienti che muoiono all'interno di un anno e della sopravvivenza quinquennale che sono circa 5 per cento. La sopravvivenza a lungo termine è stata riferita in 50 per cento dei pazienti che ricevono una combinazione di rimozione chirurgica di cancro seguita dalla chemioterapia durante la chirurgia e dalla chemioterapia intraperitoneale presto dopo chirurgia.