Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Linfoma

Diagnosi

Se un medico sospetta il linfoma basato sopra la presentazione paziente iniziale, una valutazione più approfondita può contribuire a confermare la diagnosi ed identificare il tipo di linfoma che il paziente ha. Una storia completa ed esame fisico è necessaria da determinare la presenza di indolore, linfonodi gonfiati (che è una caratteristica prominente in molti casi di linfoma) e dimensioni della malattia (vetro 2008; Sisson 2013).

Il raggiungimento della diagnosi accurata è cruciale perché appena come le proprietà biologiche dei sottotipi differenti del NHL differisca, così fa gli approcci del trattamento che sono probabili riuscire la maggior parte del (Kobrinsky 2012; Società 2011a di linfoma & di leucemia).

La diagnosi di linfoma può comprendere una serie di prove di laboratorio e cliniche, includenti (Kobrinsky 2012; Società 2011a di linfoma & di leucemia; Uguale-Sapir 2003):

  • una valutazione accurata di anamnesi
  • esame fisico
  • la rappresentazione studia (per esempio, tomografia computerizzata [CT] e tomografia a emissione di positroni [PET] e ricerche del gallio)
  • biopsia del tessuto
  • analisi del sangue quali l'emocromo (CBC), pannello di chimica e velocità di eritrosedimentazione (esr), lattato deidrogenasi del siero e beta microglobulina 2
  • tecniche di laboratorio quali l'esame immuno-istochimico, la citometria a flusso e l'analisi genetica
  • valutazione per l'infezione (per esempio, pilori del H. nel linfoma gastrico sospettato del MALTO)

La differenziazione del tumore benigno (di noncanceroso) da un tumore cancerogeno può essere complessa perché le cellule cancerogene in molti linfomi somigliano molto attentamente alle cellule benigne. Ogni volta che una diagnosi di linfoma è sospettata, una biopsia di più grande e linfonodo implicato più accessibile dovrebbe essere eseguita (Kobrinksy 2012; Portlock 2012). Una biopsia comprende prelevare un campione del linfonodo colpito ed inviarla per la valutazione microscopica da un patologo. Ciò permette che le tecniche molecolari siano eseguite per determinare la cellula dell'origine e per delineare il migliore approccio del trattamento (Ramsay 2013; Troxell 2005).