Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Ansia

Ansia ed ormoni

I disturbi di ansia colpiscono due volte altrettante donne come uomini. Più ulteriormente, le donne avvertono più ansia quando sono incinte, successive al parto, premestruali e della menopausa che altre volte nella vita. Questa osservazione generale ha scienziati principali per studiare un collegamento di ormone-ansia.

Ormai, è ben noto che la maggior parte delle ormoni steroidei (per esempio, pregnenolone, estrogeno, progesterone, testosterone e DHEA) sono neurologico attive. Infatti, un gran quantità di DHEA, di estrogeno, di progesterone e di ricevitori del testosterone sono trovati nel cervello. Questi ormoni colpiscono il cervello in vari modi, compreso il regolamento dell'umore.

Una serie di studi hanno collegato le anomalie nei livelli di ormone ai vari disturbi di ansia (Cunningham 2009; Parcells 2010; Bloch 2011; Sundermann 2010). Gli studi suggeriscono che i livelli di estrogeno e di serotonina possano essere collegati, entrambi che colpiscono un umore positivo durante la mestruazione in giovani donne (Kikuchi 2010). Inoltre, il calo in estrogeno durante la menopausa, connessa con produzione riduttrice della serotonina, ha un impatto negativo sull'umore e sulla funzione conoscitiva.

Il progesterone inoltre svolge un ruolo nell'ansia. In uno studio sugli animali che confronta un gruppo di controllo ai topi che mancano di un ricevitore del progesterone, i ricercatori hanno trovato il comportamento di ansia in diminuzione progesterone attraverso un meccanismo simile a quello delle benzodiazepine – agendo sui ricevitori di GABA (Frye 2006). Un altro studio ha trovato che mentre un d'una sola dose di progesterone dato agli animali ha fatto diminuire gli indicatori di ansia durante le prove di sforzo, la cessazione brusca della terapia del progesterone ha aumentato le misure di ansia (Saavedra 2006).

In una prova controllata con placebo che fa partecipare le donne in post-menopausa, la terapia ormonale sostitutiva facendo uso sia dell'estrogeno che del progesterone ha causato una profonda riduzione dell'ansia come pure ha migliorato la qualità di sonno e migliora la prestazione conoscitiva (Hachul 2008).

La terapia ormonale sostitutiva del Bioidentical (BHRT) è un metodo ideale per ristabilire i livelli di ormone giovanili per gli individui invecchianti. BHRT comprende il completamento (solitamente) con le preparazioni transcutanee (attuale) o orali degli ormoni ottenuti da una farmacia di composto. BHRT differisce da terapia ormonale sostitutiva sintetica convenzionale (terapia ormonale sostitutiva) in quanto conta sull'uso degli ormoni naturali di cui la struttura molecolare abbina esattamente quelle degli ormoni prodotti all'interno del corpo umano.

In un test clinico condotto all'università del Texas, quasi 300 donne con un'età media di 52 anni sono state curate con il progesterone e/o l'estrogeno del bioidentical. Dopo sei mesi di BHRT, le donne hanno invecchiato 40 – 70 anni hanno avvertito i forti progressi nell'umore, compreso un rapporto di riproduzione di 31% dell'abilità emozionale, rapporto di riproduzione dell'irritabilità, rapporto di riproduzione di 37% di 33% dell'ansia ed il sollievo significativo a partire dalla notte suda e vampate di calore. Inoltre, delle donne schermate per attacco di cuore o cancro al seno un una media di 1,9 anni dopo avere cominciato BHRT (21% del gruppo), nessuno di loro hanno avuti l'uno o l'altro (Ruiz 2011).

Coloro che vorrebbe imparare più circa i benefici di BHRT sono incoraggiati a leggere l'articolo di rivista del prolungamento della vita autorizzano “gli ormoni del Bioidentical: Perché sono ancora discutibili?

Appena mentre il cervello femminile dipende ai livelli sani di estrogeno e di progesterone per funzionare normalmente, il cervello maschio dipende da testosterone sufficiente. I bassi livelli del testosterone possono causare le carenze del testosterone nel cervello, quindi alterando il cervello funzione-principale alla depressione ed all'ansia.

Negli studi sugli animali, i topi con i livelli più bassi di testosterone visualizzati hanno aumentato l'ansia, sostenente l'idea che l'amministrazione del testosterone riduce l'ansia (Khonicheva 2008; Aikey 2002). In esseri umani, gli aumenti nei livelli del testosterone veduti durante la terapia di DHEA sono stati collegati ad ansia riduttrice (Strous 2005). Le ricerche di laboratorio indicano che l'attivazione del ricevitore dell'androgeno da testosterone può ridurre l'ansia con interazione con i ricevitori di GABA (ndez-Guasti2005del á della felce).

La normalizzazione dei livelli di ormone può essere una parte integrante di disturbi di ansia in carico. Naturalmente, è inoltre importante indirizzare i fattori che causano gli squilibri ormonali in primo luogo. Questi comprendono i disturbi della fisioregolazione della glicemia, lo sforzo ossidativo, l'infiammazione ed altre rotture nella funzione metabolica che conduce allo sforzo cronico, una circostanza che provoca frequentemente entrambi gli squilibri e disturbi di ansia ormonali.

Oltre a dirigere gli squilibri ormonali, è importante esaminare la relazione fra il cortisolo dell'ormone di sforzo e il DHEA (una particella elementare per le ormoni steroidei di sesso). Durante i periodi dello sforzo prolungato, una maggior proporzione di cortisolo è fatta confrontato a DHEA, ad un alto cortisolo al rapporto di DHEA che è un indicatore connesso con disturbo di ansia (Jezova 2008). DHEA neutralizza alcuno dell'impatto negativo di cortisolo nel corpo. In un grande studio di approfondimento dei veterani dell'esercito di Stati Uniti di Vietnam-era, il rapporto di cortisolo aDHEA-solfato era un forte preannunciatore della mortalità per tutte le cause ("phillips" 2010). Avendo i livelli elevati di cortisolo e livelli più bassi di DHEA-solfato sono stati collegati con un rischio aumentato di morte dovuto tutta la causa sugli anni 15.

Gli studi clinici hanno trovato il completamento di DHEA per essere particolarmente utili nell'alleviamento dell'ansia sia in schizophrenics che in femmine con i bassi livelli dell'ormone (raccoglitore 2009; Strous 2005). Il prolungamento della vita suggerisce che i maschi mantengano i livelli ematici di DHEA di 350 – 490 µg/dL, mentre le femmine mantengono i livelli 275 – 400 µg/dL.

È importante notare che tutte le ormoni sessuali principali sono correlate. Quindi, la gente con ansia può trarre giovamento da prova completa dell'ormone e se necessario, un programma della sostituzione dell'ormone del bioidentical. Quelli interessati ad imparare più circa terapia ormonale sostitutiva dovrebbero leggere il protocollo femminile di ripristino dell'ormone del prolungamento della vita e/o il protocollo di ripristino dell'ormone del maschio.

Herbals ansiolitico per il supporto della menopausa

Mentre il mosto di malto di St John può essere preso da entrambi gli uomini e donne, sembra essere molto efficace nell'alleviamento dei sintomi connessi con le fluttuazioni ormonali delle donne. Ricercatori trovati in una prova alla cieca, prova randomizzata e controllata con placebo che il mosto di malto di St John riduce la durata e la severità delle vampate di calore in donne premenopausa (Abdali 2010). In un altro studio, il mosto di malto di St John ha migliorato la qualità della vita ed ha attenuato i problemi di sonno in donne perimenopausal sintomatiche invecchiate 60 – 65 (Al-Akoum 2009).

I ricercatori hanno trovato negli studi controllati con placebo che completare con 80 mg di isoflavoni del trifoglio al giorno per i 90 giorni ha ridotto l'ansia in donne postmenopausali (Lipovac 2010). Interessante, i phytoestrogens del trifoglio sono stati indicati per abbassare sia il totale che colesterolo di LDL (il cattivo), i trigliceridi e colesterolo di spinta HDL (il buon) in 40 donne postmenopausali. In questo studio, non c'erano effetti collaterali riferiti degli isoflavoni del trifoglio (Terzic 2009).

Il agnus-castus di Vitex (albero del pepe/bacca), una volta assunto la direzione di un periodo di 16 settimane congiuntamente al mosto di malto di St John, ansia riduttrice si è associato con la sindrome premestruale e la menopausa (van Die 2009). Un metabolita della daidzeina dell'isoflavone da soia inoltre è stato indicato per ridurre l'ansia in donne premenopausa, perimenopausal e postmenopausali (Ishiwata 2009). In donne in buona salute dell'età riproduttiva, una preparazione che combina la magnolia e Philondendron che la corteccia è stata indicata per ridurre l'ansia, in parte aiutando il cortisolo di controllo livella (Kalman 2008).

Cambiamenti di stile di vita

La gente con i disturbi di ansia può intraprendere una serie di azione per ridurre i loro sintomi. Per esempio, i programmi che comprendono agli gli interventi basati a telefono di esercizio sono stati indicati per ridurre l'ansia in donne incinte e successive al parto (Lewis 2011).

Il fumo, il consumo della caffeina e dell'alcool, la mancanza di esercizio e un indice di massa corporea aumentato (BMI) possono tutto avere un impatto negativo su del grado a cui gli individui di invecchiamento avvertono l'ansia (Xu 2010). Ottenere abbastanza sonno ed esercizio, mantenere un peso corporeo sano e moderare il consumo della caffeina d'altra parte sono raccomandati per ridurre l'ansia (Rogers 2010; Carek 2011).

I test clinici recenti dimostrano il beneficio di yoga e di Tai Chi. Il più coercitivo era uno studio facendo uso delle scansioni del cervello che mostrano un importante crescita nell'attività thalamic di GABA, che ha correlato ad un migliore umore dopo la pratica di yoga (Streeter 2010). Tai Chi e l'yoga sono stati indicati per ridurre l'ansia e la frequenza cardiaca dopo ogni 20 sessione minuta (campo 2010). In uno studio, i due-mesi delle classi di yoga ridutrici sollecitano i sintomi in donne con disturbo di ansia (Javnbakht 2009).

La terapia di massaggio e di musica sembra essere particolarmente utile nella riduzione dell'ansia connessa con lo sforzo ed il trattamento postoperatori per cancro (McRee 2003; Deng 2004; Pellino 2005).

La cottura sana e una dieta nutriente sono centrali ad ansia di controllo (Lakhan 2008). In uno studio che comprende sopra 10,000 persone, seguenti una dieta Mediterranea conduca alle riduzioni dei disturbi dell'umore (Sanchez-Villegas 2009). Quando non è sempre possibile avere una dieta ben equilibrata, il completamento nutrizionale può essere un fattore importante di stile di vita nella lotta contro ansia.

Terapie naturali per equilibrare Brain Chemistry

Una dieta sana è generalmente abbondante in omega-3 acidi grassi, frutta fresca organica e verdure, l'acqua e privo filtrati del livello degli alimenti in grassi saturi e carboidrati raffinati. Questo modello dietetico somiglia alla dieta Mediterranea.

Inoltre, le seguenti sostanze nutrienti possono sostenere la risposta sana di sforzo ed aiutare naturalmente la chimica del cervello dell'equilibrio:

Aminoacidi

Quando il cervello produce un neurotrasmettitore, inizia con un ingrediente-usuale crudo un aminoacido dalla dieta o un altro prodotto chimico già presente nel cervello. Gli enzimi poi sono usati per convertire l'aminoacido in prodotto chimico necessario del cervello. Capendo questo processo dettagliatamente, possiamo approntare le misure per assicurare un ampio rifornimento degli ingredienti crudi e per migliorare l'attività degli enzimi. Ci sono vari cofattori che aiutano il lavoro degli enzimi più velocemente; B-vitamine, per esempio.

L-triptofano, L-tirosina e L-fenilalanina. Le assunzioni insufficienti di L-triptofano, di L-fenilalanina, o di L-tirosina sono associate con i sintomi aumentati di ansia (cappuccio 2010; Toker 2010; Beacher 2010; Roiser 2008). Il completamento con L-triptofano o 5 hydroxytryptophan (5-HTP) è stato indicato per elevare i livelli della serotonina del cervello e per migliorare sia l'umore che il suo senso di benessere (cappuccio 2010; Toker 2010; Feurte 2001).

La vitamina b6, il magnesio e la vitamina C, sostanze nutrienti già prese dalla maggior parte della gente salute consapevole, sono cofattori che facilitano la conversione di triptofano a serotonina nel cervello. Mentre la gente invecchia producono più di un enzima che degrada il triptofano, anche se prendere il triptofano completa. La lisina, il niacinamidee le sostanze nutrienti antinfiammatorie quale i rosmarini sono stati indicati per neutralizzare gli effetti di questo enzima e l'aiuto conserva la sintesi di serotonina da triptofano.

La D, la L-fenilalanina e la L-tirosina prese con un pasto ricco in carboidrati possono aumentare la sintesi di dopamina e di norepinefrina (Lakhan e Vieira 2008). Non ci sono effetti contrari riferiti, ma le dosi elevate dovrebbero essere evitate dalle donne incinte e dagli individui che prendono l'IMAO selettivo.

L-lisina e L-arginina. Una carenza della L-lisina è stata indicata per aumentare l'ansia indotta da stress in esseri umani (Ghosh 2010; Smriga 2004). la L-lisina lega ad un ricevitore della serotonina, fungente da antagonista della serotonina inibendo la ricaptazione della serotonina nella sinapsi (Smriga 2003). Una volta presentato con una situazione stressante, il completamento con L-lisina e l'ansia riduttrice L-arginina nei soggetti umani (Jezova 2005; Lakhan 2008; Smriga 2007).

Teanina. La teanina, un aminoacido trovato in tè verde, produce un effetto calmante sul cervello (settimane 2009; Heese 2009; Rogers 2008). La teanina attraversa facilmente la barriera ematomeningea. Aumenta la produzione di GABA e di dopamina e protegge le cellule dell'ippocampo, del sedile dell'apprendimento e della memoria nel cervello da danno (Kakuda 2011; Cho 2008).

In uno studio di otto settimane che fa partecipare 60 pazienti schizofrenici, 400 mg di teanina si sono aggiunti alla terapia antipsicotica standard. L'aggiunta della teanina ha ridotto significativamente l'ansia ed ha migliorato parecchie altre misure dell'umore oltre che cosa era realizzabile con i prodotti farmaceutici soli (Ritsner 2011).

S-Adenosylmethionine (stesso). Stesso si presenta naturalmente nel corpo. È concentrato nel fegato e nel cervello ed è un donatore metilico importante nella sintesi degli ormoni, degli acidi nucleici, delle proteine, dei fosfolipidi e dei neurotrasmettitori della catecolamina quali dopamina e serotonina (Mischoulon 2002). Stesso facilita l'uso del glutatione e mantiene i livelli dell'acetilcolina, contribuenti a conservare la funzione conoscitiva mentre invecchia e possibilmente attenuando il neurodegeneration.

In uno studio clinico di otto settimane che fa partecipare gli individui depressi con il HIV/AIDS, il completamento con fino a 1.600 mg di stessa disposizione considerevolmente migliore sul multiplo ha standardizzato le valutazioni. Gli effetti del trattamento con stessi sono diventato evidenti solo in una settimana (Shippy 2004).

Minerali

Magnesio. La carenza di magnesio è stata collegata ai disturbi di ansia in parecchi studi clinici. Infatti, quando i ricercatori vogliono studiare il disturbo di ansia, usano i topi che specificamente sono stati cresciuti per essere magnesio carente. Questo modello è molto efficace ad indurre l'ansia (Sartori 2012).

Parecchie prove umane hanno sostenuto il collegamento fra la carenza di magnesio e l'ansia. Una volta preso per un mese congiuntamente ad un multivitaminico, lo zinco ed il calcio, magnesio hanno fatto diminuire drammaticamente i sintomi di emergenza e di ansia confrontate ad un placebo (Carroll 2000). Più ulteriormente, il completamento con magnesio e la vitamina b6 efficacemente hanno ridotto l'ansia in relazione con premestruale (De Souza 2000). In uno studio controllato con placebo, il completamento dietetico con magnesio riduttore ha generalizzato il disturbo di ansia (GAD) (Hanus 2004). Negli studi a livello comunitario, una piccola riduzione dei disturbi dell'umore è stata veduta di quelle con le più alte assunzioni del magnesio (Jacka 2009).

La ricerca approfondita recentemente ha fatto luce su una nuova preparazione, threonate del magnesio, che può superare un ostacolo di lunga durata nel completamento del magnesio – permeabilità della barriera ematomeningea.

I livelli elevati del magnesio nel cervello sono stati collegati con la funzione conoscitiva superiore. Tuttavia, i supplementi convenzionali del magnesio non sono efficienti nel sollevare questi livelli perché non penetrano la barriera ematomeningea. I ricercatori a Massachusetts Institute of Technology hanno indicato che il threonate del magnesio efficacemente eleva i livelli del magnesio dentro il sistema nervoso centrale. Gli scienziati inoltre hanno scoperto che il threonate del magnesio migliora la funzione conoscitiva significativamente migliore di altre forme di magnesio in animali da laboratorio (Slutsky 2010).

Selenio. Il selenio è stato indicato per ridurre l'ansia. In prova alla cieca randomizzata i test clinici, oggetti dati 100 mg di quotidiano del selenio per 5 settimane riferite hanno migliorato l'umore e meno ansia (Benton 1990; Benton, 1991). Lo stesso regime terapeutico inoltre ha ridotto la depressione successiva al parto (Mokhber, 2011). Il completamento del selenio riduce l'ansia in pazienti ospedalizzati gli anziani, in malati di cancro che subiscono la chemioterapia e nei pazienti di HIV che ricevono la terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART) (Gosney 2008; Bargellini 2003; Shor-Posner 2003).

Il ruolo di selenio nell'appoggio dell'umore positivo è abbastanza complesso. Il selenio è una componente critica in vari enzimi importanti di cui l'azione può urtare significativamente la salute globale. Per esempio, gli enzimi che contribuiscono a sintetizzare gli ormoni tiroidei. In uno stato carente del selenio, la sintesi dell'ormone tiroideo può deteriorarsi, che può condurre all'umore difficile ed a molti altri stati della negazione (Duntas 2010).

Acidi grassi

Acidi grassi Omega-3. L'acido eicosapentanoico degli acidi grassi omega-3 (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) sono necessario per la funzione adeguata del cervello. La dieta occidentale tipica ha un rapporto eccessivamente alto degli acidi grassi infiammatori omega-6 agli acidi grassi antinfiammatori omega-3. Gli acidi grassi Omega-3 sono stati indicati per avere varie indennità-malattia, recentemente essendo l'umore migliore ed ansia riduttrice (Perica 2011; Ross 2009; Appleton 2008).

In una prova alla cieca, il test clinico controllato con placebo e randomizzato, studenti di medicina è stato dato 2.5g/day omega-3 degli acidi grassi polinsaturi (PUFAs) o delle capsule del placebo che contengono il profilo dell'acido grasso di una dieta americana tipica. Confrontato ai comandi, quegli studenti che ricevono le capsule omega-3 hanno mostrato un rapporto di riproduzione di 20% dell'ansia (Kiecolt-Glaser 2011). In una prova alla cieca, lo studio controllato con placebo, il completamento dell'acido grasso omega-3 per 3 mesi ha ridotto gli oltraggiatori di rabbia e di ansia fondamentalmente (Buydens-Branchey 2008). L'ansia della prova ed i livelli più bassi riduttori del cortisolo dell'ormone di sforzo inoltre sono stati associati con omega-3 il completamento (Yehuda 2005).

Il prolungamento della vita suggerisce che il omega-6 al rapporto omega-3 dovrebbe essere tenuto inferiore a 4 to1 per salute neuropsichiatrica e globale ottimale. Più informazioni su prova e sull'ottimizzazione del vostro omega-6 al rapporto omega-3 possono essere trovate nell'articolo di rivista del prolungamento della vita intitolato “ottimizzano il vostro stato Omega-3„.

Erbe e medicina botanica

Le erbe botaniche sono state indicate per dirigere molti disturbi psichiatrici, compreso ansia (settimane 2009; Lakhan 2008; Testa 2009; Sarris 2009; Chiappedi 2010; Panossian 2010; Sarris 2011; Saeed 2007). Essere quello la qualità, composizione, termini per la crescita & processi dell'estrazione dei prodotti di erbe può variare notevolmente, cura dovrebbe essere contenuto scegliendo un rimedio di erbe.

Le seguenti erbe hanno gli effetti ansiolitici o siti molecolari chiave dell'obiettivo connessi con i neurotrasmettitori nel sistema nervoso centrale:

Il mosto di malto di St John (hypericum perforatum). Il mosto di malto di St John è un nativo perenne aromatico ad Europa, le zone dell'Asia, Nord e del Sudamerica. La maggior parte degli studi controllati lo ha trovato superiore a placebo e similmente efficace come droghe antidepressive standard (Linde 2009; van der Watt 2008; Linde 2008). Il mosto di malto di St John è stato indicato ai livelli del cervello di aumento di serotonina in animali, funzionando con le vie leggermente differenti e più complesse che quelli dello SSRI di prescrizione (Tadros 2009; Ara 2009). Per esempio, le proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie combinate dell'estratto del mosto di malto di St John contribuiscono alle influenze dell'antideprimente con normalizzazione di un asse iperattivo di HPA.

Mentre il mosto di malto di St John è conosciuto per le sue influenze antidepressive, due studi recenti inoltre suggeriscono che il completamento con questa erba possa ridurre l'ansia connessa con la sindrome premestruale (PMS) (che inscatola 2010; vanDie 2009). Il mosto di malto di St John è controindicato per uso durante la gravidanza, la lattazione, l'esposizione a forte luce solare e non dovrebbe essere preso contemporaneamente al farmaco antideprimente (Mannel 2004).

Ginkgo biloba. Gli animali dati il ginkgo biloba dimostrato hanno ridotto l'ansia nelle prove conoscitive (Walesiuk 2009; Kuribara 2003). Parecchi studi controllati con placebo della prova alla cieca hanno indicato che il ginkgo biloba lega a ed attiva il ricevitore di GABA e come una benzodiazepina, riduce l'ansia in pazienti con i disturbi di ansia generalizzati senza effetti collaterali (Woelk 2007; Faustino 2010).

Valeriano (officiaonalis della valeriana). Questa erba temperata è stata usata per gli scopi medicinali dal periodo di Ippocrate. Le componenti della radice della valeriana sono state indicate nelle ricerche di laboratorio a legatura ai ricevitori di GABA, aumentano il rilascio di GABA e fanno diminuire la sua ricaptazione (Ortiz 1999; Yuan 2004; Khom 2007; Trauner 2008). Gli estratti della radice di Valeriano sono stati indicati per avere effetti ansiolitici sia in ratti che in topi (Benke 2009; Hadjikhani 2009; Hattesohl 2008). Gli estratti della radice di Valeriano inoltre sono stati indicati per attivare la decarbossilasi dell'acido glutammico, un enzima in questione nella sintesi di GABA (Awad 2007).

Negli studi clinici recenti, le scale di valutazione psichiatriche hanno indicato che una dose quotidiana di mg 400-900 di estratti dalla radice della valeriana è efficace quanto il diazepam a ridurre l'ansia (Andreatini 2002; Muller 2006; Bhattacharyya 2007; Kennedy 2006).

Melissa (melissa officinalis). La melissa è un membro della famiglia di menta, a volte usato come un'erba culinaria ed aromatizzante. La pianta inoltre ha parecchie azioni (ansiolitiche) dell'ansiolitico.

Negli studi sugli animali, gli estratti da melissa sono stati indicati per sopprimere i livelli di ormoni di sforzo (glucocorticoidi) mentre però promuovendo la crescita di nuovi neuroni, un processo chiamato neurogenesis (Yoo 2011). Inoltre, la melissa contiene i composti che sopprimono forte la ripartizione di GABA, che può prolungare gli effetti ansiolitici del neurotrasmettitore (Awad 2007).

La melissa è stata indicata per ridurre il comportamento ansioso in animali da laboratorio. In un test clinico umano, ha soppresso significativamente l'ansia una volta combinato con la radice della valeriana, un'altra erba dell'ansiolitico (Kennedy 2006; Ibarra 2010).

Rhodiola. Il rhodiola rosea è un adaptogen conosciuto, un'erba che gli aiuti migliorano la sua resistenza allo sforzo. Inoltre ha indicato la promessa nell'alleviazione del disturbo di ansia. Dieci oggetti che ricevono una dose quotidiana dell'estratto di rhodiola rosea per 10 settimane hanno dimostrato il miglioramento significativo nei sintomi di ansia (Bystritsky 2008). Un altro simile studio di dieci settimane ha trovato che una dose quotidiana di mg 340 dell'estratto di rhodiola rosea ha facilitato significativamente i sintomi di disturbo di ansia generalizzato (Bystritsky 2008). Gli studi sugli animali hanno trovato che i composti nell'aiuto di rhodiola rosea migliorano l'ansia connessa con cessazione di fumo (Mattioli 2011).

Ashwagandha (withania somnifera). Ashwagandha, o il ginseng indiano, lungamente è stato usato dai professionisti di Ayurvedic come tonico ringiovanente. L'erba ha antinfiammatorio, antitumorale, lo anti-sforzo, antiossidante, immunomodulatorio e ringiovanente le proprietà (Mishra 2000). In parecchi studi, i roditori hanno trattato con gli estratti di ansia riduttrice indicata ashwagandha una volta confrontati ad un gruppo di controllo; ed in simile misura una volta confrontato a parecchie droghe della benzodiazepina (Mohan 2011; Kulkarni 2008; Ramanathan 2011).

Ashwagandha inoltre è stato indicato per ridurre l'ansia in esseri umani (Andrade 2009; Bhattacharya 2000). In un test clinico, i pazienti con ansia significativa sono stati divisi in due gruppi e per dodici settimane aveva luogo la psicoterapia fornita o trattato con il trattamento naturopatico compreso il ashwagandha. Il gruppo curato ashwagandha ha dimostrato una maggior riduzione dei parametri di ansia (Cooley 2009).

I nostri corpi sono vero eleganti nella loro progettazione. Ciò è particolarmente evidente con la funzione del cervello. Un elemento comune di questa progettazione è i sistemi binari del cervello, in cui un prodotto chimico attiva un processo mentre il suo partner lo spegne ancora. Un esempio è glutammato e GABA, che rappresentano insieme oltre 80 per cento di attività di cervello. Il glutammato accelera l'attività di cervello (eccitante), mentre GABA mette i freni sopra (inibitorio). Insieme, tengono il cervello che ronzano avanti appena al giusto passo-non troppo veloce, non troppo lento.

Se avete sviluppato l'ansia, quindi l'equilibrio di questi due prodotti chimici è stato gettato fuori. Di conseguenza, il livello di attività del cervello è risultato troppo su, almeno in alcune aree. I supplementi d'equilibratura per glutammato e GABA includono ma non sono limitati agli aminoacidi GABA ed alla L-teanina; il NAC antiossidante; vitamine B6 e D; i minerali magnesio e zinco; ed acidi grassi omega-3.

GABA, un neurotrasmettitore fatto dal glutammato dell'aminoacido, può essere contenuto la forma di integratore alimentare. GABA è l'inibizione principale, o neurotrasmettitore calmante nel cervello, funzionante come freno sui circuiti neurali durante lo sforzo. I bassi livelli di GABA sono associati con irrequietezza, ansia, insonnia e un umore difficile. (Nemeroff 2003; Kendell 2005; Kugaya 2005). Gli studi clinici hanno indicato che l'uso di GABA come integratore alimentare allevia lo sforzo, ansia ed aumenta la produzione di alfa onde cerebrali (connesse con rilassamento) (Bazil 2005; Abdou 2006; Thorne Research, inc 2007).

La cisteina dell'N-acetile (NAC) mostra la promessa per l'alleviazione dei disturbi dell'umore attraverso vari meccanismi. Funge da precursore a glutatione, un antiossidante cellulare potente che può contribuire a facilitare lo sforzo ossidativo di un neurone. Ancora, nel contributo alla sintesi del glutatione, il NAC utilizza sui depositi in eccesso del glutammato. Ciò potrebbe diminuire la trasmissione eccitante avviata da glutammato (Berk 2009). Effettivamente, in almeno un piccolo test clinico, un completamento di 6 mesi con NAC conduce ad una remissione completa nei sintomi depressivi in 6 di 7 oggetti, mentre il trattamento del placebo conduce alla remissione in soltanto 2 di 7 (ães2011 di Magalh).

Vitamina D. L'impatto di questa vitamina del tipo di ormone sui disturbi dell'umore è complesso. Ci sono ricevitori per la vitamina D in tutto il cervello ed i dati animali indicano che la segnalazione più bassa di vitamina D conduce a comportamento ansioso aumentato (Kalueff 2004). C'è una considerevole associazione fra i livelli di vitamina D e la depressione bassi, ma il collegamento con ansia è meno chiaro (Parker 2011). Ciò nonostante, mantenendo un livello di vitamina D fra 50 – 80 ng/ml è suggerito affinchè ognuno promuovano la salute ottimale e per proteggere dalle devastazioni di invecchiamento.

Brain Chemical

Ruolo nella risposta di sforzo e di neurotrasmissione

Supporto nutrizionale

Glutammato, il prodotto chimico eccitante

Intensifica l'attività di cervello globale

NAC, tè verde, vitamina D3, magnesio, omega-3s

GABA, il prodotto chimico inibitorio

Rallenta l'attività di cervello globale

GABA, L-teanina, vitamina b6, zinco, inositolo, terapie di erbe

Norepinefrina, il prodotto chimico di risveglio

Si alza a livello della vigilanza

Tirosina, L-teanina, NAC, omega-3s, inositolo

Dopamina, il prodotto chimico della ricompensa

Concentra l'attenzione e migliora il piacere e la ricompensa

Tirosina, L-teanina, vitamine di B, omega-3s, il mosto di malto di St John, ginkgo

Serotonina, il prodotto chimico lenitivo

Calma, regola il sonno e l'appetito, protegge dallo sforzo

Tryptophan/5-HTP, DHEA, acido folico, vitamina b6, vitamina b12, vitamina D, omega-3s, il mosto di malto di St John

CRH/cortisol, l'ormone di sforzo

L'elevazione prolungata conduce a stoccaggio grasso, l'insulino-resistenza, i disordini degeneranti del cervello, la perdita di memoria, infiammazione

DHEA, vitamine di B, antiossidanti, adaptogens di erbe