Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Deficit di attenzione/disordine di iperattività (ADHD)

Fondo

Il concetto di trattamento del comportamento aberrante di infanzia come disordine medico data fin dai 1700s e sempre è stato carico di controversia per quanto riguarda che cosa costituisce “una malattia„ rispetto a tipico, anche se difficile, comportamento di infanzia (Taylor 2011). La diagnosi ed il trattamento di ADHD, particolarmente fra i bambini, continua a rimanere un argomento caldo dibattuto oggi che altrettanti aspetti della circostanza sono soggettivi ed i sistemi differenti per classificare la malattia sono usati spesso dai medici dai paesi differenti (Parens 2009).

I progressi tecnologici nelle tecniche neuroimaging hanno permesso che gli scienziati osservassero i cervelli dei bambini diagnosticati con ADHD e li confrontassero a quelli degli adolescenti senza la circostanza. Parecchi studi hanno identificato le differenze sottili nella struttura o nella funzione del cervello fra i bambini di ADHD. Per esempio, uno studio che impiega l'imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI) ha indicato che le reti del cervello in bambini con ADHD attivano nei modelli differenti confrontati ai cervelli dei bambini in buona salute (Massat 2012). Altri studi suggeriscono che i cervelli dei bambini di ADHD visualizzino le variazioni nel volume o nella densità di varie regioni del cervello rispetto ai bambini non-ADHD (De La Fuente 2013; Pastura 2011; Tomasi 2012).

La prova suggerisce che vari aspetti della variazione nella funzione del cervello osservata in ADHD siano attenuati dalle droghe psicostimolanti quale metilfenidato. Ciò ha condotto alcuni ricercatori a speculare che la reversione della struttura e dell'attività di rete del cervello al normale può essere alla base dei benefici terapeutici delle droghe psicostimolanti (Spencer 2013; Kasparek 2013).