Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Perdita dell'udito e tinnito

Cause di e fattori di rischio per perdita dell'udito

Una serie di fattori di rischio possono predisporre una persona a perdita dell'udito. Sebbene l'età d'avanzamento sia il fattore di rischio più importante, la gente con la malattia cardiaca, l'ipertensione, il diabete e un esteso tabagismo è più probabile sviluppare la perdita dell'udito (Helzner 2005; Bielefeld 2010). Il Otosclerosis, una circostanza che comprende la crescita anormale dell'osso all'interno dell'orecchio medio, è associato con sia perdita dell'udito conduttiva che neuro-sensoriale (Liktor 2012; Ealy 2011; Bloch 2012; Deggouj 2009). Inoltre, la perdita dell'udito è più comune negli uomini (Agrawal 2008).

Esposizione al rumore. L'esposizione ripetuta ai rumori forti dalle fonti professionali, dalle attività ricreative, o dalle armi da fuoco correla forte con un rischio aumentato di unilaterale (perdita dell'udito in un orecchio), di bilaterale (perdita dell'udito in entrambe le orecchie) e una perdita dell'udito ad alta frequenza (Agrawal 2008). Secondo un rapporto 2007, circa 30 milione Americani sono esposti ai livelli pericolosi di rumore di ogni giorno, con 10 milione adulti e 5,2 milione bambini colpiti da perdita dell'udito irreversibile dovuto eccessiva esposizione al rumore (Seidman 2010). Inoltre, la perdita dell'udito provocata dal rumore è la più grande singola categoria di malattia professionale compensativa in Europa (Mitchell 2009).

L'istituto nazionale del salute e sicurezza sul lavoro considera i livelli acustici superiore a 85 decibel come nocivi (palude 2011). Sebbene i livelli continui di rumore forte siano pericolosi, il rumore di impulso (cioè, grandi scoppi di rumore forte) può anche danneggiare l'udienza. Infatti, la ricerca suggerisce che l'esposizione di scarsità a rumore forte molto, come quella sperimentata dai soldati, possa essere più offensiva al sistema uditivo che il rumore continuo (Clifford 2009).

Non solo l'eccessivo rumore danneggia l'udienza, può anche aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, aumentare lo sforzo fisiologico e sollevare i livelli del cortisolo (Seidman 2010). I livelli elevati del cortisolo sono associati con un rischio aumentato di osteoporosi, ricco in colesterolo, di ipertensione e di insulino-resistenza (Tsigos 2002).

Droghe Ototoxic. Alcune droghe hanno il potenziale di causare la perdita dell'udito o il tinnito perché sono tossiche all'orecchio o “ototoxic„. Gli esempi delle droghe ototoxic comprendono le dosi elevate di aspirin, di alcuni antibiotici, di alcune droghe della chemioterapia e di alcuni farmaci antinfiammatori (Verdel 2008; Ligezinski 2002; Rybak 2007; Wecker 2004; Puel 2007). Per esempio, le dosi elevate di aspirin nell'ordine del quotidiano di mg 2.000 - 4.000 possono causare il tinnito e la perdita dell'udito via gli effetti periferici sulla coclea e gli effetti centrali sui nervi in questione nell'udienza. Questi effetti si abbassano solitamente entro un - tre giorni dell'interruzione dell'aspirin (Stolzberg 2012; McFadden 1984; Carlyon 1993; Giorno 1989). Il rischio di sviluppare la perdita dell'udito farmaco-indotta è maggior in quelli con i disordini di salute alterata del rene o dell'orecchio interno (Ligezinski 2002).