Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Spreco catabolico - cachessia e Sarcopenia

Interventi integranti

Aminoacidi e supplementi della proteina

Completando con parecchi aminoacidi sembra più efficace di con un singolo aminoacido. Leucina ed il suo derivato HMB (hydoxy-methylbutyrate) con i ruoli chiave del gioco della glutamina e dell'arginina di aminoacidi nell'impedire e nel trattamento dello spreco del muscolo. Una miscela di supplemento dell'aminoacido utilizzata in parecchi studi pubblicati della gente con lo spreco del muscolo consiste di 3 il g HMB, della L-glutamina di 14 g e dell'L-arginina di 14 g al giorno arreso due dosi divise. In uno studio della gente con HIV/AIDS-related muscle sprecando, 8 settimane del completamento con questa miscela di HMB/glutamine/arginine è stato associato con un'obesità (magra) senza grasso media di 5,6 libbre confrontate ad una perdita di 1,5 libbre di peso magro in pazienti dati il placebo (Clark 2000). Negli oggetti cachectic del cancro, 12 settimane del completamento con una miscela di HMB/glutamine/arginine sono state associate con un'obesità magra media di 4,4 libbre confrontate ad una perdita di circa 0,3 libbre di peso magro in pazienti dati il placebo (maggio 2002). Un altro studio sugli anni degli adulti ≥65 ha riferito che il completamento quotidiano con 2-3 il g HMB, l'arginina di 5-7.5 g e la lisina di 1.5-2.25 g è stato associato con gli aumenti significativi della massa della magra confrontata agli oggetti che ricevono una miscela degli aminoacidi non indispensabili (Baier 2009).

Proteina del siero. La proteina/aminoacidi in alimento e supplementi è più utile se dosi arrese almeno di 20-30 g per pasto con almeno 3 o più pasti confrontasse giornalmente giornalmente ad uno o due grande pasto della proteina (Paddon-Jones 2009). La sintesi delle proteine del muscolo è ridotta quando meno circa 20 g di proteina per pasto sono consumati da un adulto più anziano graduato media. Tuttavia, consumare i gran quantità di proteina in un pasto non sembra aumentare la sintesi delle proteine. Uno studio sia di giovani che adulti in buona salute più anziani ha riferito che la sintesi delle proteine del muscolo non è stata aumentata di individui che mangiano un pasto con la libbra del ¾ di manzo magro (proteina di 90 g) confrontata alla libbra del ¼ di manzo magro (proteina) di 30 g (Paddon-Jones 2009).

Il proteina del siero (dalla porzione della non cagliata o del liquido di latte) è stato utilizzato in parecchi studi per impedire o invertire la perdita del muscolo. Il siero di latte è creduto per avere uno di migliori profili dell'aminoacido di tutta la proteina naturale; è una fonte ricca di molti aminoacidi vitali per la costruzione del muscolo, compreso la leucina, l'isoleucina e la valina a catena ramificate di aminoacidi (Hayes 2008; "phillips" 2009). Una serie di studi hanno riferito che il proteina del siero supplementare aumenta significativamente la sintesi delle proteine e gli aumenti nella sintesi delle proteine sono maggiori di quelli ottenuti da caseina supplementare (cagliata di latte) o dalla proteina di soia (Pennings 2011; "phillips" 2009; Katsanos 2008; Gryson 2013). Gli studi fanno spesso partecipare agli oggetti ad un programma di esercizio mentre ricevono il trattamento nutrizionale o il placebo. Parecchi studi con i giovani adulti hanno riferito che il completamento con siero di latte è stato associato con gli aumenti significativi della massa del muscolo (Hayes 2008; Philips 2009).

Il completamento con la proteina di soia inoltre è stato riferito significativamente a sintesi delle proteine del muscolo di aumento in adulti, sebbene gli aumenti fossero stati generalmente più piccoli di quelli veduti con il completamento delle proteine del latte o del siero di latte ("phillips" 2009). La maggior parte di questa ricerca del completamento della soia è stata con i giovani, adulti in buona salute. Gli studi con il completamento della proteina di soia in adulti più anziani hanno dato i risultati misti. Uno studio ha riferito che un consumo di 40 g della proteina di soia supplementare è stato associato con un piccolo ma un importante crescita in massa della magra dell'anca, mentre un secondo studio delle donne postmenopausali ha riferito che 25 g della proteina di soia supplementare non hanno aumentato il peso magro (Moeller 2003; Maesta 2007). Le uova cucinate ed i supplementi in polvere dell'uovo intero hanno un equilibrio eccellente dell'aminoacido e sono una buona scelta per gli individui anziani delicati. Il completamento con la proteina di 5-20 g da una bevanda in polvere dell'uovo intero (presa dopo l'esercizio) è stato associato con sintesi delle proteine significativamente aumentata del muscolo nei giovani (Moore 2009). A supplementi basati a uovo della proteina o della soia sono una scelta ragionevole per la gente con lo spreco del muscolo chi sono allergici mungere o siero di latte.

L-carnitina. la L-carnitina, un derivato dell'aminoacido trovato in carne, può essere sintetizzata nelle piccole quantità nel corpo. La carnitina svolge un ruolo critico nella produzione di energia in 2 modi: 1) i composti della carnitina trasportano i grassi attraverso la membrana mitocondriale in cui possono essere bruciati per energia e 2) la carnitina aumenta parecchie reazioni di produttore d'energia. L'affaticamento è una frequente manifestazione in malati di cancro e l'affaticamento significativo è presente in 60-96% dei pazienti che ricevono la chemioterapia o la radioterapia (Silverio 2011). Parecchi studi pubblicati hanno riferito che molti pazienti con cachessia legata al cancro sono spesso bassi in carnitina ed il completamento con 2-6 g del quotidiano della carnitina è associato con affaticamento riduttore e la massa magra aumentata del corpo (Silverio 2011). Uno studio di 12 pazienti con cancro avanzato ha riferito che 4 settimane del trattamento con la L-carnitina di 2 g tre volte che il quotidiano (6 grammi al giorno) è stato associato con un'obesità significativa della magra di media di 4,4 libbre, significativamente meno affaticamento e significativamente più di alta qualità di vita segna (Gramignano 2006). Un altro studio ha curato 50 malati di cancro che hanno avuti carnitina libera bassa livellano (<30 µmol/L) con la L-carnitina di 2 g due volte al giorno per 7 giorni. Dopo i 7 giorni del trattamento, i livelli liberi della carnitina hanno superato 30 µmol/L in tutti e 50 gli pazienti ed affaticamenti migliori significativamente in 45 (90%) dei pazienti (Graziano 2002). Un grande studio di 376 malati di cancro ha riferito che il trattamento con il quotidiano della L-carnitina di 2 g per 4 settimane non è stato associato con un miglioramento significativo nell'affaticamento confrontato ai pazienti dati il placebo. Tuttavia, in un sottoinsieme dei pazienti con i bassi livelli liberi della carnitina del sangue (livelli <25 µmol/L per le donne e <35 µmol/L della linea di base per gli uomini), il completamento della carnitina per 4 settimane è stato associato con un miglioramento significativo nell'affaticamento (Cruciani 2012).

Creatina

La creatina, un composto del tipo di acido amminico usato comunemente dai culturisti, può anche essere utile nel trattamento dello spreco del muscolo. La creatina è trovata in carni ed in pesce e circa 1-2 g di creatina è prodotto ogni giorno dall'ente dalla glicina, dall'arginina e dalla metionina di aminoacidi. Molti studi hanno riferito che i livelli della creatina del muscolo sono più bassi in adulti più anziani che i più giovani adulti; tuttavia, il completamento quotidiano con la creatina di 5-20 g può aumentare significativamente i livelli della creatinina del muscolo negli anziani. In un esame 2011, 4 su 7 (57%) studi pubblicati hanno riferito che fra 5 e quotidiano di circa 20 g (arreso solitamente 3 dosi uguali durante il giorno) di maggior robustezza significativamente del completamento della creatina in adulti più anziani che subiscono un programma di formazione del peso (Rawson 2011). Uno studio di 35 uomini più anziani in un programma di formazione di dieci settimane del peso ha riferito che lo spessore medio del muscolo ha aumentato 10,4% in un gruppo dato la creatina bassa della dose (0,1 g/kg quotidiani) confrontata ad un aumento di spessore di 5,5% muscoli del gruppo del placebo (Candow 2008).

Acidi grassi Omega-3

Il consumo di importi sufficienti degli acidi grassi omega-3 è utile nell'impedire e nel trattamento dello spreco catabolico. Gli acidi grassi Omega-3 sono trovati nelle alte concentrazioni in determinati pesce/olio di pesce ed olio grassi lino/del seme di lino. Uno studio di 16 adulti più anziani in buona salute ha riferito che il quotidiano di 4 g di un supplemento omega-3 (contenendo 1,86 g EPA e 1,5 g DHA) per 8 settimane è stato associato con i tassi significativamente maggiori di sintesi delle proteine confrontati ai comandi dati 4 g del quotidiano dell'olio di mais (Smith 2011). Uno studio britannico di 2983 adulti più anziani ha riferito che quello consumare i livelli elevati del pesce grasso è stato associato con maggior forza dell'impugnatura (Robinson 2008). In uno studio di 18 pazienti di cancro del pancreas cachectic che ricevono il quotidiano dell'olio di pesce di circa 12 g (contenendo 18% EPA e 12% DHA), gli autori hanno riferito un'obesità media di 0,7 libbre/mese. Prima del completamento, i pazienti erano severamente cachectic ed hanno perso una media di 6,4 libbre al mese (Wigmore 1996).

Acido linoleico coniugato (CLA)

L'acido linoleico coniugato (CLA) consiste di 2 tipi leggermente differenti di grassi insaturi trovati in latte, carne e lino. Una serie di studi animali ed umani hanno riferito che il consumo di CLA è associato con il più alta massa magra del corpo e/o la massa meno grassa. Uno studio ha riferito che quello che aggiunge 0,5% CLA alla dieta dei topi è stato associato con la massa magra significativamente più alta del muscolo (Rahman 2009). Uno studio controllato con placebo di 6 mesi ha curato gli adulti umani più anziani con il quotidiano del CLA di 6 g e della creatina di 5 g. Tutti gli oggetti hanno partecipato ad un programma due volte alla settimana di sollevamento pesi. Dopo 6 mesi, la CLA-creatina gruppo completato ha guadagnato significantly more peso magro (4,6 libbre contro 2,0 libbre) ed ha perso significantly more peso grasso (4,2 libbre contro 0,9 libbre) che il gruppo del placebo (Tarnopolsky 2007).

Vitamina D

La vitamina D è una sostanza nutriente critica per immunità di mantenimento come pure per la crescita e la manutenzione del muscolo e dell'osso. La carenza di vitamina D è molto comune, con uno studio su 3170 anni degli adulti ≥60 degli Stati Uniti che riferiscono i livelli di vitamina D di ng/ml <30 in circa 76% dei bianchi, in 96% dei nero e in 92% dei Messico-Americani (Ginde 2009). La vitamina D è conosciuta per aumentare la forza muscolare ed alle dosi delle UI/die 700-1200 in adulti anziani, ha fatto diminuire significativamente il tasso di cadute (Bischoff-Ferrari 2009; Dawson-Hughes 2008). Uno studio nei Paesi Bassi su 127 anziani ha trovato che i bassi livelli di vitamina D (ng/ml <20) sono stati associati con la massa riduttrice della magra ed ha alterato la prestazione fisica (Tieland 2013). In un altro studio, oltre 4000 uomini invecchiati 70-88 sono stati seguiti per una media di 5,3 anni dopo che fanno i loro livelli di vitamina D misurare alla linea di base. Fra gli uomini di cui i livelli di vitamina D erano circa 21 ng/ml o di meno, la prevalenza della debolezza alla linea di base era 96% superiore a fra gli uomini di cui i livelli di vitamina D erano maggiori di 32 ng/ml. Per quegli uomini che non erano delicati alla linea di base, il rischio di diventare delicato durante il periodo di seguito di 5,3 anni era 56% più su fra quelli con i bassi livelli di vitamina D rispetto a quelli ai livelli elevati (Wong 2013). La vita Extension® suggerisce che la maggior parte della gente mantenga i livelli ematici 25 di hydroxyvitamin D fra 50 e 80 ng/ml per salute ottimale.

Minerali

L'assunzione minerale adeguata è inoltre importante in massa di mantenimento del muscolo fra gli anziani. Molti individui anziani hanno le ingestioni dietetiche e/o livelli ematici insufficienti di parecchi minerali compreso calcio, magnesio, selenio, cromo e zinco (parco 2008; Vaquero 2002).

Uno studio di 1339 adulti coreani sopra l'età 60 anni ha riferito che le assunzioni più su quotidiane del calcio sono state associate con la massa di massa e maggior significativamente meno grassa del muscolo ed il rischio riduttore di sarcopenia confrontato agli adulti che hanno consumato meno calcio (Seo 2013). Uno studio di 740 adulti tasmaniani sopra l'età 50 ha riferito che il più alta assunzione di ferro, il magnesio, il fosforo, il potassio e lo zinco sono stati associati con la massa magra significativamente più alta del muscolo in loro armi e gambe (Scott 2010). Gli studi sugli animali hanno riferito che le carenze in zinco possono ridurre l'appetito ed i livelli elevati di zinco dietetico e supplementare possono aumentare l'appetito (Suzuki 2011). 

Molta gente con cachessia o il sarcopenia inoltre avverte la perdita di massa dell'osso (osteoporosi o osteopenia). Alcuni ricercatori hanno precisato che il sarcopenia e l'osteoporosi postmenopausale coesistono e dividono i fattori di rischio molto simili, mostrano le similarità nello sviluppo di malattia ed interagiscono tra loro (Sirola 2011). L'osteoporosi notevolmente aumenta il rischio di rotture dell'osso, con le rotture all'anca ed alle spine dorsali che accadono spesso con poco o nessun trauma. Un'analisi di 29 studi di 63 897 adulti sopra l'età 50 ha riferito che il completamento quotidiano con il calcio di mg 800-1500 e la vitamina D di 400-800 IU è stato associato con un rapporto di riproduzione significativo di 12% delle fratture in relazione con l'osteoporosi (Tang 2007).

Phytonutrients

Nel 2013, l'adulto tipico degli Stati Uniti ha consumato una media di soltanto 2,7 servizi di a metà di tazza della frutta e delle verdure al giorno, che è molto che i 5 - 9 servizi raccomandati (CDC 2013). La frutta e le verdure contengono una vasta gamma di prodotti chimici chiamati “phytochemicals„ che possono essere utili nel controllo dello spreco catabolico.

Carotenoidi. I carotenoidi sono phytochemicals che sono trovati in verdure gialle e verdi ed in frutta. I carotenoidi hanno forte attività antinfiammatoria ed alcuni carotenoidi quale il beta-carotene possono essere convertiti dall'ente in vitamina A. Parecchi studi hanno riferito che i più bassi livelli ematici di carotenoidi sono associati significativamente con meno massa del muscolo e forza e significantly more inabilità di camminata rispetto agli anziani ai livelli elevati del carotenoide del sangue (Semba 2007). 

Resveratroli. Il resveratrolo è un fitochimico antinfiammatorio trovato in uva (particolarmente di uva colorata di scura), giapponese knotweed ed arachidi. Parecchie ricerche di laboratorio hanno riferito che il resveratrolo supplementare (12,5 o 22 mg/kg quotidiani [equivalente a circa 61 o 107 mg quotidiani per un essere umano adulto da 132 libbre]) è associato con le riduzioni significative della perdita del muscolo dovuto invecchiare o mancanza di uso in topi anziani (Jackson 2010; Baur, Pearson 2006; Reagan-Shaw 2007).

Gli studi dei roditori con cachessia legata al cancro hanno riferito i risultati contraddittori, con una segnalazione di studio che i resveratroli della dose elevata (200-500 mg/kg/giorno) hanno inibito significativamente la perdita di muscolo scheletrico e cardiaco in topi cachectic (Shadfar 2011), mentre un altro studio ha riferito che mg/kg basso/giorno di resveratroli della dose 25 (1, 5 e) non ha attenuato la perdita del muscolo in ratti ed in topi cachectic (Busquets 2007).

Gli studi preclinici hanno riferito che il resveratrolo ha effetti antinfiammatori ed anticancro, migliora il metabolismo dell'insulina, riduce la pressione sanguigna ed ha proprietà d'estensione (Poulsen 2013). Alcuni studi clinici umani sono stati intrapresi con i resveratroli. Uno studio ha riferito che un quotidiano di 150 resveratroli di mg per i 28 giorni ha migliorato significativamente il metabolismo dell'insulina ed ha ridotto la pressione sanguigna (di pompaggio) sistolica in 11 obesi ma in uomini altrimenti in buona salute (Timmers 2011). I supplementi di resveratroli sembrano essere abbastanza sicuri, con un consumo di 5000 resveratroli di mg quotidiani per i 28 giorni che non causano effetti collaterali osservabili nei volontari sani oltre ad alcuni reclami gastrointestinali delicati come la nausea ed il gas (Brown 2010).

Probiotici

Gli individui o la gente HIV positivi hanno trattato spesso con diarrea cronica di esperienza di radiazione o della chemioterapia del cancro, che può ridurre significativamente l'assorbimento di molte sostanze nutrienti. Parecchi studi hanno riferito che l'uso dei batteri probiotici quale il longum di Bifidobacterium e di lactobacillus acidophilus può ridurre significativamente l'incidenza del HIV/AIDS o della diarrea in relazione con la radiazione del cancro (Anukam 2008; Fuccio 2009). Uno studio delle donne con diarrea del moderato di HIV/AIDS-related ha riferito che quello mangiare 100 ml (circa 3,5 once) di yogurt completate con il quotidiano di rhamnosus GR1 del lattobacillo e di reuteri RC-14 del lattobacillo per i 15 giorni ha prodotto la risoluzione di diarrea in tutte e 12 le donne. Diarrea risolta in soltanto 2 di 12 donne (17%) che ricevono 100 ml di yogurt ordinario quotidiano. Il yogurt dato ad entrambi gli insiemi delle donne inizialmente è stato preparato con i bassi livelli di 2 batteri compreso le varietà di delbruekii del lattobacillo. bulgaricus e streptococcus thermophilus (Anukam 2008). I grandi studi della prova alla cieca sono stati intrapresi su 490 pazienti che avevano ricevuto la radioterapia per cancro colorettale o cervicale. Questi pazienti hanno ricevuto o un supplemento probiotico che contiene 450 miliardo batteri in tensione (che contengono una miscela di 8 sforzi dei batteri probiotici compreso 4 specie di lattobacillo - L. casei, L. plantarum, L. acidofiloe varietà di delbruekii del L. bulgaricus; 3 specie di Bifidobacterium - longum del B., breve del B.e B. infantis; ed uno sforzo dello streptococco varietà di salivarius. termofilo) o il placebo 3 cronometra il quotidiano per la lunghezza dei loro trattamenti radioattivi. La diarrea indotta da radiazioni si è presentata in 77 di 243 pazienti (31,6%) che ricevono i probiotici, che erano significativamente di meno che i 124 di 239 partecipanti (51,8%) che ricevono il placebo (Delia 2007).

Le miscele dei batteri probiotici possono essere più utili nell'impedire la diarrea che un singolo organismo probiotico da solo. In un esame di 16 studi pubblicati sugli effetti dei batteri probiotici su parecchie condizioni mediche (salute compresa dell'intestino, prevenzione delle infezioni respiratorie, dermatite atopica e diarrea), 12 studi hanno trovato che le miscele dei batteri probiotici erano più efficaci dell'uso di singolo sforzo probiotico (Chapman 2011).

Enzimi digestivi

La gente con lo spreco del muscolo può anche avvantaggiarsi prendendo i supplementi orali degli enzimi digestivi. Una serie di studi della ricerca hanno riferito che la gente più anziana è più probabile avere livelli più bassi degli enzimi pancreatici (IE, enzimi che digeriscono la proteina, il grasso ed i carboidrati) confrontati ai più giovani adulti (Holt 2007). Una serie di caso è stata riferita di 3 adulti (invecchiati 78 - 80 anni senza storia della malattia pancreatica) che hanno avvertito la diarrea o vomito cronico e perdita di peso severa. Sopra la presa degli enzimi digestivi, la diarrea e vomitare risolto ed i pazienti hanno guadagnato 13 - 30 libbre in 1 - 10 mesi (Coulson 2004). Un altro studio ha riferito che da un gruppo di 22 pazienti HIV positivi che stavano prendendo le droghe antivirali ed hanno avuti diarrea cronica, 8 hanno avuti bassi livelli di enzimi digestivi pancreatici. Un paziente è morto della malattia di HIV/AIDS-related durante lo studio. Gli altri 7 hanno avvertito le riduzioni significative della diarrea dopo il trattamento con 10 000 - 60 000 unità degli enzimi pancreatici giornalmente (prezzo 2005). In un altro studio di 24 pazienti di HIV/AIDS con malassorbimento grasso severo (IE, grasso in panchetti o in steatorrhea), gli oggetti sono stati trattati con 1000 unità di lipasi, 800 unità di amilasi e 60 unità della proteasi per grammo di grasso consumato. Dopo 2 settimane del trattamento enzimatico, malassorbimento grasso risolto in 8 pazienti (33%) e migliorato significativamente in altro 11 paziente (46%) (Carroccio 2001).

La riuscita gestione di spreco del muscolo richiede molte sostanze nutrienti

Lo spreco catabolico con successo in carico richiede un piano del trattamento che incorpora molte sostanze nutrienti. Così programma complesso è stato provato a 4 mesi su 39 pazienti con la cachessia del cancro e la perdita di appetito. I pazienti hanno ricevuto i seguenti interventi quotidiani: 1) i ricchi ben equilibrati di una dieta in frutta ed in verdure per fornire i phytonutrients hanno chiamato i polifenoli; 2) un quotidiano di due latte di una dieta nutriente liquida che contiene una vasta gamma di vitamine e di minerali, proteina di 16 g, 1,1 g EPA e 0,46 g DHA per latta; 3) un supplemento dell'aminoacido che contiene 2,7 g di lisina e di cisteina; 4) quotidiano di mg 200 del celocoxib del farmaco anti-infiammatorio (Celebrex®); 5) 500 mg di medrossiprogesterone; e 6) altre sostanze nutrienti compreso 300 IU dell'acido α-lipoico di mg 30 000, vitamina E (Mantovani 2006) della vitamina A, vitamina C di mg 500 e di mg 400. Dopo 4 mesi, i pazienti hanno guadagnato una media di 3,7 libbre di peso magro, hanno avuti indicatori significativamente più bassi di infiammazione nel sangue (quale IL-6) ed hanno avuti una qualità della vita contrassegnato migliore (Mantovani 2006). Il prolungamento della vita raccomanderebbe che la crema naturale del progesterone fosse usata invece della progestina sintetica (medrossiprogesterone) utilizzata in questo studio. Una dose partente per le donne sarebbe ¼ al cucchiaino del ½ della crema naturale del progesterone (2,5%) applicata due volte al giorno alle parti differenti di pelle che ha grasso sotto la sua superficie. Gli uomini potrebbero considerare la sostituzione del testosterone oltre ad una piccola dose di progesterone. Quelli con l'ormone che i cancri sensibili hanno bisogno del controllo vicino del medico quando usando l'ormone drogano.

Un altro studio ha curato i malati di cancro del collo e della testa che hanno perso più di 5% del loro peso corporeo iniziale durante i 6 mesi precedenti. Gli oggetti sono stati dati a 1500 calorie al giorno dell'uno o l'altro una formula standard di nutrizione (Isocal) contro 1500 calorie al giorno di una formula nutrizionale (Ethanwell/Ethanzyme [EE]) arricchita con i batteri probiotici, gli acidi grassi omega-3, la glutamina, l'arginina, il selenio ed il coenzima Q10. Dopo 3 mesi del trattamento, gli oggetti che ricevono la formula nutrizionale arricchita hanno guadagnato una media di 7% del peso corporeo, mentre gli oggetti che ricevono Isocal hanno perso una media di 8% del peso corporeo (Yeh 2013).

I regimi terapeutici che combinano la terapia farmacologica ed i supplementi nutrizionali possono anche essere utili per i pazienti con il sarcopenia/la cachessia. Uno studio ha curato 332 pazienti della cachessia del cancro con uno di 5 regimi:

  1. medrossiprogesterone (500 mg/giorno) o acetato di megestrol (320 mg/giorno)
  2. un quotidiano di due cartoni di un supplemento nutrizionale che contiene 2,2 g EPA, proteine del latte di 32 g e 28 vitamine e minerali
  3. quotidiano di 4 g di L-carnitina
  4. quotidiano di mg 200 di talidomide
  5. una combinazione di tutti e 4 le nutrizionali/trattamenti farmacologici

Tutti i pazienti inoltre hanno ricevuto un supplemento quotidiano che contiene 300 polifenoli di mg (phytonutrients), acido α-lipoico di mg 300, la vitamina E di carbocysteine di 2,7 g (una droga d'assottigliamento), di mg 400, 30 000 IU di vitamina A e vitamina C di mg 500.

Dopo 4 mesi del trattamento, il gruppo che riceve tutti e 4 gli interventi (gruppo 5) ha avuto massa magra significativamente più alta del corpo, significativamente meno affaticamento ed i livelli più bassi della citochina infiammatoria IL-6 hanno confrontato significativamente ai singoli gruppi del trattamento (Mantovani 2010).