Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Disintossicazione di metalli pesanti

I metalli pesanti con gli effetti sulla salute avversi nel metabolismo umano (piombo compreso, cadmio e mercurio) presentano le preoccupazioni ovvie dovuto la loro persistenza nell'ambiente ed il potenziale documentato per le conseguenze gravi di salute (ATSDR 2000; ATSDR 2004; ATSDR 2007a; ATSDR 2007b; ATSDR 2008a; ATSDR 2008b; ATSDR 2011).

Le intossicazioni di metalli pesanti acute possono danneggiare la funzione nervosa centrale, i sistemi cardiovascolari e gastrointestinali (di GI), i polmoni, i reni, il fegato, ghiandole endocrine ed ossa (Jang 2011; Adal 2013). L'esposizione di metalli pesanti cronica è stata implicata in parecchie malattie degeneranti di questi stessi sistemi e può aumentare il rischio di alcuni cancri (Galanis 2009; Wu 2012). 

I metalli pesanti sono onnipresenti nell'ambiente (Pohl 2011). Sovresposizione di rischio degli esseri umani dalle concentrazioni ambientali che accadono naturalmente (per esempio, di giacimenti minerari ricchi d'arsenico) o attività umane (per esempio, rilascio del mercurio o del cavo come conseguenza di inquinamento industriale) (Orloff 2009; Hutton 1986).

Non è possibile completamente evitare l'esposizione ai metalli tossici (Singh 2011). Anche la gente che non è esposta professionale porta determinati metalli nel loro corpo come conseguenza dell'esposizione da altre fonti, quali alimento, le bevande, o l'aria (Washam 2011; Satarug 2010). È, tuttavia, possibile ridurre il rischio della tossicità del metallo con le scelte di stile di vita che diminuiscono la probabilità dell'assorbimento di metalli pesanti nocivo, quali le misure dietetiche che possono promuovere il metabolismo o l'escrezione sicuro dei metalli pesanti ingeriti (Peraza 1998).

Questo protocollo discuterà le caratteristiche generali della tossicità di metalli pesanti, con l'enfasi sui tre metalli che presentano l'elevato rischio per l'esposizione ambientale ed il più delle volte sono implicati nelle tossicità acute: cavo, mercurio e cadmio come pure l'arsenico tossico del metalloide. Inoltre presenteremo le strategie per la minimizzazione del rischio di tossicità.