Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Gestione del colesterolo

La ricerca emergente sugli aspetti poco apprezzati della biochimica del colesterolo ha rivelato che i livelli di colesterolo rappresentano soltanto una parte del profilo di rischio cardiovascolare, mentre le proprietà delle molecole responsabili del trasporto del colesterolo attraverso il sangue, chiamato lipoproteine, offrono le comprensioni importanti nello sviluppo di aterosclerosi.

Infatti, la dimensione e la densità delle lipoproteine sono fattori importanti per il rischio cardiovascolare – per esempio, le grandi, particelle capaci di galleggiare di LDL (“cattivo colesterolo ") sono molto meno pericolose che le piccole, particelle dense di LDL; inoltre le grandi, particelle capaci di galleggiare di HDL (“buon colesterolo ") offrono la maggior protezione vascolare che più piccolo, HDL più denso. Lo sviluppo delle strategie avanzate di prova del lipido che prendono l'importanza della dimensione delle particelle della lipoproteina in considerazione, quali il profilo automatico verticale (VAP) o (le prove RMN a risonanza magnetica nucleare ), permette una valutazione ben più profonda del rischio cardiovascolare che un profilo convenzionale del lipido utilizzato dalla maggior parte dei medici della corrente principale.

Ancora, i processi metabolici, quali l'ossidazione e il glycation, modificano la funzionalità delle lipoproteine, trasformante li dai veicoli di trasporto del colesterolo nelle molecole altamente reattive capaci di nuocere alle cellule endoteliali delicate che allineano le nostre pareti arteriose. Questo danno endoteliale sia inizia che promuove il atherogenesis. Gli interventi naturali scientifico di sostegno possono mirare alla formazione di queste lipoproteine modificate e contribuire ad evitare le malattie cardiovascolari micidiali quali attacco di cuore ed il colpo.

L'industria farmaceutica è riuscita molto nella promozione della riduzione del colesterolo con le droghe di statina come essenzialmente la strategia più importante per la riduzione del rischio cardiovascolare. Tuttavia, sebbene l'uso del trattamento farmaceutico avesse conservato le vite, il prolungamento della vita lungamente ha riconosciuto che la protezione cardiovascolare ottimale comprende una strategia multifattoriale che comprende almeno 17 fattori differenti responsabili della malattia vascolare.

Il prolungamento della vita crede che le strategie innovarici per fare diminuire il rischio vascolare dovrebbero comprendere la prova accurata della lipoproteina e del colesterolo come pure intervento farmaceutico strategico e dell'elemento nutritivo, per gli effetti sulla salute ottimali ed il supporto vascolare.

I lipidi del sangue: Colesterolo e trigliceridi

Il COLESTEROLO è una molecola steroide del tipo di cera che svolge un ruolo critico nel metabolismo. È una componente importante delle membrane cellulari, in cui la sua concentrazione varia secondo la funzione della cellula particolare. Per esempio, la membrana delle cellule di fegato contiene le frazioni ragionevolmente grandi di colesterolo (~30%).1

Il colesterolo in membrane cellulari serve due funzioni primarie. In primo luogo, modula la fluidità delle membrane, permettendoli di mantenere la loro funzione sopra una vasta gamma di temperature. In secondo luogo, impedisce la perdita degli ioni (molecole usate dalla cellula per interagire con il suo ambiente) fungendo da isolante cellulare.2 questo effetto sono critici per la funzione adeguata delle cellule di un neurone, perché della la guaina di mielina ricca di colesterolo isola i neuroni e li permette di trasmettere gli impulsi elettrici rapidamente sopra le distanze.

Il colesterolo ha altri ruoli importanti nel metabolismo umano. Il colesterolo serve da precursore alle ormoni steroidei, che include le ormoni sessuali (androgeni ed estrogeni), minerale-corticoidi, che controllano l'equilibrio dell'acqua e minerali nel rene e glucocorticoidi, che controllano la proteina e metabolismo dei carboidrati, soppressione immune ed infiammazione. Il colesterolo è inoltre il precursore alla vitamina D. Per concludere, il colesterolo fornisce la struttura per la sintesi degli acidi biliari, che emulsionano i grassi dietetici per assorbimento.

I TRIGLICERIDI sono lipidi di stoccaggio che hanno un ruolo critico nel metabolismo e nella produzione di energia. Sono complessi molecolari di glicerolo (glicerina) e di tre acidi grassi.

Mentre il glucosio è la fonte di energia preferita per la maggior parte delle cellule, è una molecola ingombrante che contiene poca energia per la quantità di spazio che occupa. Il glucosio soprattutto è immagazzinato nel fegato e nei muscoli come glicogeno. Gli acidi grassi, d'altra parte, una volta imballati come trigliceridi, sono fonti di energia più dense che i carboidrati, che li rendono superiori per immagazzinamento dell'energia a lungo termine (l'essere umano medio può immagazzinare soltanto abbastanza glucosio nel fegato per circa 12 ore di valore di energia senza alimento, ma può immagazzinare abbastanza grasso per alimentare il corpo per significativamente più lungamente).

Lipoproteine: Trasportatori del lipido del sangue

I lipidi (colesterolo ed acidi grassi) non possono muoversi indipendente attraverso la circolazione sanguigna ed in modo da devono essere trasportati in tutto il corpo come particelle del lipido. Le particelle del lipido che trasportano il colesterolo nella circolazione sono chiamate lipoproteine. Sono contenute all'interno di queste lipoproteine una o più proteine, chiamate apolipoproteine, che fungono da “segnali„ molecolari facilitare il movimento delle lipoproteine ripiene di lipido in tutto il corpo. Le lipoproteine possono anche portare gli antiossidanti solubili nel grasso, come CoQ10, la vitamina E ed i carotenoidi, che proteggono i lipidi trasportati da danno ossidativo. Ecco perché la vitamina E e CoQ10 ha eseguito così bene negli studi cardiovascolari – perché impediscono la modifica ossidativa delle particelle di LDL, che a sua volta protegge il rivestimento del vaso sanguigno da danno. Ciò sarà discussa più nei particolari nelle prossime sezioni in questo protocollo.

Quattro classi principali di lipoproteine esistono e ciascuna ha una funzione differente e importante:

  • I chilomicroni (CMs) sono prodotti negli intestini tenui e consegnano dei i grassi dietetici ricchi d'energia ai muscoli (per energia) o alle cellule grasse (per stoccaggio). Inoltre consegnano il colesterolo dietetico dagli intestini al fegato.
  • Le lipoproteine di densità molto bassa (VLDLs) prendono i trigliceridi, fosfolipidi e colesterolo, dal fegato e li trasportano alle cellule grasse.
  • Le lipoproteine di densità bassa (LDLs) portano il colesterolo dal fegato alle cellule che lo richiedono. Nella gente di invecchiamento, LDL trasporta spesso il colesterolo ai rivestimenti delle loro arterie in cui non può essere necessario.
  • Le lipoproteine ad alta densità (HDLs) trasportano il colesterolo in eccesso (dalle cellule, o da altre lipoproteine come il CMs o VLDLs) di nuovo al fegato, in cui può essere ritrattato e/o espulso dal corpo come sali biliari. HDL elimina il colesterolo in eccesso dalla parete arteriosa.

Fra la sua miriade delle funzioni, il fegato ha un ruolo centrale nella distribuzione di combustibile cellulare in tutto il corpo. A seguito di un pasto e dopo che i suoi propri requisiti di glucosio sono stati soddisfatti, il fegato converte il glucosio in eccesso e gli acidi grassi in trigliceridi per stoccaggio e li imballa nelle particelle di VLDL per transito alle cellule grasse. Viaggio di VLDLs dal fegato alle cellule grasse, in cui trasferiscono i trigliceridi/acidi grassi alla cellula per stoccaggio. VLDLs porta fra 10 e 15% del colesterolo totale ha trovato normalmente nel sangue.3

Come rilascio di VLDLs i loro trigliceridi alle cellule grasse, il loro contenuto del colesterolo diventa proporzionalmente più alti (che inoltre induce la particella di VLDL a diventare più piccola e più densa). La perdita di trigliceridi causa il VLDL alla transizione ad una lipoproteina a bassa densità (LDL). La particella di LDL, che fa la media il colesterolo di circa 45%, è la particella primaria per il trasporto di colesterolo dal fegato ad altre cellule del corpo; circa 60-70% del colesterolo nel siero è portato da LDL.4

Durante il VLDL alla transizione di LDL, un'apolipoproteina sepolta appena sotto la superficie del ApoB-100 chiamato VLDL, è esposta. ApoB-100 identifica la lipoproteina come particella di LDL ad altre cellule. Le cellule che richiedono il colesterolo riconoscono ApoB-100 e catturano il LDL, di modo che il colesterolo che contiene può essere introdotto nella cellula. Ogni particella di LDL esprime esattamente una molecola ApoB-100, in modo dalla misura dei servire dei livelli Apo-B100 come indicatore molto più accurato del numero di LDL che il livello di LDL-C (colesterolo di LDL).

A causa della correlazione fra i livelli ematici elevati di colesterolo ha portato dentro LDL ed il rischio di malattia cardiaca, LDL si riferisce a comunemente come “il cattivo colesterolo„. LDL è, tuttavia, più appena il colesterolo ed il suo contributo al rischio di malattia comprende più appena il colesterolo che porta.

Tutte le particelle di LDL non sono uguale creato. Infatti, i subfractions di LDL sono divisi in parecchie classi basate sulla dimensione (diametro) e sulla densità e generalmente sono rappresentati da più grande a più piccolo nell'ordine numerico a cominciare da 1. Le classi numerate più basse sono più grandi e più capaci di galleggiare (meno denso); la dimensione diminuisce gradualmente e la densità aumenta mentre i numeri progrediscono. Più piccolo, LDLs più denso è sensibilmente più atherogenic per due ragioni; sono molto più suscettibili dell'ossidazione,5,6,7 e passano molto più efficientemente dalla circolazione sanguigna nella parete del vaso sanguigno di grandi particelle capaci di galleggiare di LDL.8 una prova più completa del lipido, quale la prova automatica di profilo di Verticle (VAP) o RMN (a risonanza magnetica nucleare), tengono conto la valutazione della dimensione e la densità delle particelle di LDL, una caratteristica che aumenta drammaticamente il valore prognostico e mette queste prove avanzate oltre al lipido convenzionale prova. Se un individuo è trovato per avere un maggior numero di piccolo LDLs denso sono detti per esprimere il modello B di LDL e sono al maggior rischio per la malattia cardiaca che un individuo con le particelle capaci di galleggiare più grandi di LDL, che si riferisce a come modello A.

HDLs sono piccole, particelle dense della lipoproteina che sono montate nel fegato e portano circa 20-30% del colesterolo nel siero totale.Il colesterolo 9 ha portato dentro la particella di HDL è chiamato “buon colesterolo,„ in riferimento alle particelle protettive di effetto HDL può avere sul rischio della malattia cardiovascolare. Le particelle di HDL possono prendere il colesterolo da altri tessuti e trasportarla di nuovo al fegato per il ritrattamento e/o la disposizione come sali biliari. HDL può anche trasportare il colesterolo ai testicoli, alle ovaie ed alle ghiandole surrenali per servire da precursori alle ormoni steroidei. HDLs è identificato dalle loro apolipoproteine ApoA-I e ApoA-II, che permettono che le particelle interagiscano con i ricevitori della superficie delle cellule ed altri enzimi.

Il movimento di colesterolo dai tessuti al fegato per spazio, mediato da HDLs, è chiamato il trasporto inverso del colesterolo. Se il processo di trasporto inverso del colesterolo non sta funzionando efficientemente, i lipidi possono accumularsi in tessuti quale la parete arteriosa. Quindi, il trasporto inverso del colesterolo è critico per la prevenzione dell'aterosclerosi. Interessante, un collegamento fra il testosterone maschio dell'ormone ed il trasporto inverso del colesterolo è stato scoperto – il testosterone migliora il trasporto inverso del colesterolo.10 sebbene sia conosciuto che il testosterone fa diminuire i livelli di HDL, inoltre migliora la funzione di HDL. Questo effetto è mediato da una proteina nel fegato chiamato ricevitore B1 dell'organismo saprofago che agisce per stimolare l'assorbimento del colesterolo per l'elaborazione e la disposizione. Il testosterone aumenta favorevolmente il ricevitore B1 dell'organismo saprofago.Il testosterone 11 inoltre aumenta l'attività di un enzima chiamato lipasi epatica, un altro agevolatore del trasporto inverso del colesterolo.12

Gli uomini di invecchiamento avvertono un declino nei livelli del testosterone come pure un aumento simultaneo nel rischio della malattia cardiaca, che suggerisce che questi fenomeni possano essere relativi. Effettivamente, gli studi hanno indicato che gli uomini con anche leggermente abbassano i livelli del testosterone avevano luogo oltre tre volte probabili esibire i segni della coronaropatia precoce.13 per mantenere l'efficienza inversa ottimale del trasporto del colesterolo, gli uomini invecchianti dovrebbero sforzarsi di mantenere un testosterone libero nella gamma giovanile di 20 – 25 pg/ml. Quegli uomini interessati all'apprendimento dei più circa il collegamento fra la malattia cardiaca ed a diminuire i livelli del testosterone ed i modi amplificare il testosterone dovrebbero leggere naturalmente il protocollo maschio di ripristino dell'ormone del prolungamento della vita.

Lipidi del sangue e lipoproteine e rischio di malattia

L'associazione iniziale fra colesterolo e la malattia cardiovascolare nasceva dalla rilevazione dei giacimenti del colesterolo e del lipido in lesioni aterosclerotiche durante la progressione di aterosclerosi.14 successivamente, gli studi hanno delucidato un ruolo di LDLs nello sviluppo della malattia cardiovascolare, specialmente il ruolo di LDL ossidato (bue-LDL; Particelle di LDL che contengono gli acidi grassi ossidati) nell'infiltrazione e nel danno delle pareti arteriose e condurre allo sviluppo delle lesioni e delle placche arteriose.15,16

Sopra l'esposizione delle componenti dell'acido grasso delle particelle di LDL ai radicali liberi, sono ossidati ed i cambiamenti strutturali e funzionali si presentano all'intera particella di LDL. La particella ossidata di LDL (bue-LDL) può danneggiare il rivestimento endoteliale delicato dell'interno dei vasi sanguigni.17 una volta che la particella del bue-LDL ha interrotto l'integrità dell'inondazione supplementare delle particelle della barriera endoteliale LDL nella parete arteriosa (intima). Su riconoscimento della presenza del bue-LDL all'interno del intima, le cellule immuni (macrofagi) rispondono inghiottendolo in uno sforzo per rimuoverlo. Ma, le cellule immuni poi sono stato ugualmente ingrandette (inghiottendo le particelle multiple del bue-LDL) per sfuggire a indietro con lo strato endoteliale e per essere intrappolate all'interno del intima, in cui liberano continuamente le citochine, causando le reazioni ossidative ed infiammatorie accadere, con conseguente ossidazione di particelle del nativo LDL e di assunzione supplementari delle cellule più immuni. Questo ciclo accumulativo provoca la formazione di depositi aterosclerotici della placca, che inducono la parete arteriosa a sporgere ed interrompere il flusso sanguigno, un processo citato come stenosi.

Il riconoscimento che il bue-LDL è un iniziatore di danno endoteliale tiene conto una più chiara comprensione del ruolo di LDL nel grande schema della malattia cardiaca. Sebbene un numero elevato delle particelle indigene di LDL direttamente non metta in pericolo le cellule endoteliali, significa che ci sono più particelle di LDL disponibili essere ossidati (o modificati altrimenti), che poi diventano più probabili per danneggiare le cellule endoteliali.

Abbassando il colesterolo nel siero ad una gamma “ottimale„ (colesteroli totale 160 – 180; LDL-C 50-99) è una il più delle volte delle strategie usate per la riduzione del rischio della malattia cardiaca in persone senza CHD.18 questo approccio, tuttavia, indirizzano soltanto una parte del rischio. Il potere premonitore reale di alto colesterolo di LDL per il rischio cardiovascolare è molto più complesso probabile ed è stato l'argomento di parecchie indagini. (La terapia standard per quelle al rischio aumentato per la malattia cardiaca è di tenere LDL inferiore a 70 mg/dl.)

La patologia multifattoriale della malattia vascolare

L'analisi del declino nei tassi di mortalità di CHD dal 1980 al 2000 dalla modellistica matematica ha evidenziato la necessità di indirizzare i fattori di rischio multipli per proteggere dal risultato finale della malattia cardiaca - la mortalità. In questo studio, la riduzione del colesterolo ha rappresentato soltanto 34% della riduzione del tasso di mortalità in individui con la malattia cardiaca. Per mettere questo nel contesto, lo stesso modello ha stimato che le riduzioni della pressione sanguigna sistolica fossero responsabili di 53% della riduzione di tasso di mortalità e la cessazione di fumo ha rappresentato 13%.19 in un'altra rassegna completa degli studi sui fattori di rischio di CHD, colesterolo non-HDL ha aumentato il rischio di CHD più di meno o della proteina C-reattiva elevata (CRP; un indicatore dei livelli sistemici di infiammazione) o di alta pressione sanguigna sistolica.20 nello studio del cuore di Copenhaghen, che ha seguito 12.000 partecipanti per 21 anno, ricco in colesterolo era il sesto fattore di rischio più pertinente per sviluppare CHD sia in uomini che in donne; il diabete, l'ipertensione, fumare, l'inattività fisica e nessun'ingestione di alcol quotidiana (il consumo leggero dell'alcool è cuore-sano) hanno presentato i più grandi rischi per la malattia.21 la prova discutibile di GIOVE, che ha esaminato la prevenzione di CHD secondo le droghe di statina in persone con LDL-C molto basso (ma il hs-CRP elevato) hanno sostenuto la conclusione che i fattori di rischio non-LDL-c (quale infiammazione) rappresentano abbastanza rischio affinchè CHD autorizzassero il trattamento, anche se i lipidi sono all'interno delle gamme a basso rischio.22

Il cervello di invecchiamento
I 17 pugnali della malattia arteriosa

per ridurre rischio, ci deve essere un approccio e una comprensione sistematici dei fattori multipli del rischio e dell'aterosclerosi cardiovascolari. La gestione ottimale del colesterolo è importante per riduzione di rischio, ma in modo da sono i fattori di rischio multipli che il prolungamento della vita lungamente ha identificato. Di conseguenza, gli sforzi per abbassare il colesterolo per attenuare il rischio cardiovascolare saranno incontrati soltanto successo ottimale se accoppiato con le misure per ridurre altri fattori di rischio quale infiammazione, l'ossidazione, l'ipertensione, il glucosio in eccesso del plasma, il peso corporeo in eccesso, il fibrinogeno, l'omocisteina in eccesso, la vitamina K bassa, la vitamina D insufficiente, squilibrio dell'ormone; ecc. La medicina della corrente principale è rapida precisare che 10-15% dei pazienti con la coronaropatia non ha fattori di rischio importanti evidenti.23

I membri del prolungamento della vita sono bene informati della necessità di indirizzare ogni fattore di rischio affinchè la malattia cardiaca migliorino il risultato. I 17 pugnali del grafico di malattia arteriosa è stato pubblicato in rivista del prolungamento della vita ed illustra i fattori di rischio che il prolungamento della vita ha identificato come essendo critico da indirizzare per mantenere la salute vascolare ottimale.


Alto sangue Sugar Increases il Atherogenicity di LDL

I livelli elevati di glicemia creano i termini ideali affinchè le reazioni di glycation accadano. Glycation è un processo tramite cui una proteina o un lipido si unisce, non-enzimatico, con uno zucchero. Il prodotto risultante è una molecola altamente reattiva che è capace di danno dei tessuti che contatta.

Glycation delle particelle di LDL è un fenomeno ben documentato che notevolmente aumenta il atherogenicity di LDL. LDL glicato è stato indicato per essere sensibilmente più suscettibile dell'ossidazione che LDL indigeno,24 e per alterare sostanzialmente la funzione endoteliale.25 inoltre, LDL glicato stimola lo sforzo e l'infiammazione ossidativi in cellule di muscolo liscio vascolari,26 che risiedono nello strato esterno della parete arteriosa; ciò esacerba l'accumulazione della placca all'interno delle pareti del vaso sanguigno. LDL glicato e ossidato causa la degradazione della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto (eNOS), di un enzima critico in questione nel mantenimento la vasodilatazione e del flusso sanguigno adeguati.27 inoltre, una volta che LDL è diventato glicato più non è riconosciuto dal ricevitore di LDL sulle superfici delle cellule, significando che rimarrà nella circolazione ed è più probabile contribuire al processo aterosclerotico.28

Gli individui con il diabete sono conosciuti per essere al rischio sostanzialmente maggior per sviluppare l'aterosclerosi che il normoglycemics; LDL glicato svolge un ruolo principale nella prevalenza aumentata della malattia cardiovascolare in questa popolazione.29 Poiché la produzione di LDL glicato dipende dalle concentrazioni di zuccheri (specialmente glucosio e fruttosio) nel sangue, mantenendo postprandiale ideale (dopo il pasto; = 125 mg/dL) ed i livelli di digiuno del glucosio (70-85 mg/dL) sono un'efficace strategia per la riduzione del rischio della malattia cardiaca.

Misura del lipido del sangue

La determinazione dei livelli relativi dei lipidi del sangue e di loro trasportatori della lipoproteina è un punto importante per la valutazione della malattia cardiovascolare come pure la determinazione delle misure appropriate per l'attenuazione del questo rischio. La maggior parte dei medici conducono un pannello sistematico e di digiuno di ematochimica durante il fisico medica annuale di un paziente. Questa prova comprende il pannello del lipido o il profilo classico del lipido, che misurano il colesterolo totale, HDL ed i trigliceridi da un campione di sangue di digiuno; i livelli di LDL-C sono calcolati da questi dati.30 un profilo esteso del lipido possono anche comprendere le prove per non-HDL e VLDL.

Il riconoscimento dei rischi relativi delle sottoclassi differenti delle particelle della lipoproteina ha condotto allo sviluppo di prova avanzata del lipido, che può avere un potere prognostico migliore sopra i pannelli convenzionali del lipido nella sua capacità di valutare i fattori di rischio supplementari per CHD (tale dimensione delle particelle di LDL, resti di VLDL, lipoproteina (a), o di ApoB). La prova automatica verticale di profilo (VAP) è una prova avanzata completa del lipido che usa le tecniche avanzate per separare e quantificare le lipoproteine da un campione di sangue. Il VAP standard può direttamente misurare i livelli di LDL-C; può sottoclassificare LDLs dalla dimensione e dalla densità delle particelle e le sottoclassi di VLDL, di HDL come pure l'apolipoproteina B-100 (ApoB).

Un confronto fra le prove standard del lipido e la prova di VAP è fornito nella tavola qui sotto.

Profilo automatico verticale (VAP)
Pannello classico del lipido

Direttamente misura LDL
\{valutazione di LDL e quindi più prognostico più accurati del rischio per la malattia cardiaca}

Stime LDL facendo uso di un calcolo
I livelli calcolati perdono l'accuratezza quando i trigliceridi sono molto alti (> 400 mg/dL)

Misura ApoB-100, che è un'indicazione diretta del numero della particella di LDL \{più particelle sono associate con il più alto rischio atherogenic}

Non incluso

LP di misure (a)
\{una certa prova suggerisce che il LP (a) sia più atherogenic di LDL}

Non incluso

Identifica il modello di densità di LDL
\{un piccolo, modello denso è più atherogenic (modello B); un grande modello capace di galleggiare è meno atherogenic (modelli A)}

Non incluso

Specifica i livelli della sottoclasse della lipoproteina
\{alcune sottoclassi delle lipoproteine sono più atherogenic di altre}

Non incluso

Altre prove del lipido includono: 1) Una tecnica del gel di pendenza si è sviluppata da Berkeley HeartLab,31 che, mentre completo come la prova di VAP, può quantificare tutte e sette le sottoclassi di LDL. 2) La spettroscopia (RMN) a risonanza magnetica nucleare,32 che determina gran parte delle stesse informazioni delle altre due tecniche (VAP e Berkeley), ma è la sola una prova che può quantificare il numero della particella di LDL (comunque questo non è necessariamente un vantaggio sopra la prova di VAP, poiché questo è dal punto di vista funzionale lo stesso direttamente del quantificando ApoB-100).

Approcci convenzionali ai lipidi del sangue ed alle lipoproteine in carico

La riduzione del totale e colesterolo LDL (e/o trigliceridi) tramite le terapie mediche convenzionali comprende solitamente inibire la produzione cellulare del colesterolo nel corpo, o impedire l'assorbimento/riassorbimento di colesterolo l'intestino. Riducendo la disponibilità di colesterolo alle cellule, sono costretti per tirare il colesterolo dal sangue (che è contenuto nelle particelle di LDL). Ciò ha l'effetto netto di abbassamento del LDL-C. Le terapie che aumentano la ripartizione degli acidi grassi nel fegato o abbassano la quantità di VLDL nel sangue (come le droghe di fibrato o la niacina ad alta dose)33 inoltre provocano i più bassi livelli del colesterolo nel siero. Spesso, le strategie complementari (quale la statina per abbassare produzione del colesterolo più un acido biliare sequesterant per abbassare assorbimento del colesterolo) si combinano per incontrare l'colesterolo-abbassamento degli scopi.

La riduzione di produzione cellulare del colesterolo è la strategia più frequente per la riduzione del rischio della malattia cardiovascolare, con gli inibitori della riduttasi HMG-CoA (statine) che sono prescritti il più comunemente colesterolo-abbassare i trattamenti. Le statine inibiscono l'attività della riduttasi del HMG-CoA degli enzimi, un punto regolatore chiave nella sintesi del colesterolo. Poiché i livelli di colesterolo in cellule sono ben controllati (colesterolo è critico a molte funzioni cellulari), l'arresto della sintesi cellulare del colesterolo induce la cellula a rispondere aumentando l'attività del ricevitore di LDL sulla superficie delle cellule, che ha l'effetto netto di trazione delle particelle di LDL dalla circolazione sanguigna e nella cellula. Le statine possono anche ridurre il rischio di CHD da altri meccanismi, come riducendo l'infiammazione.34

Le statine possono indurre gli effetti collaterali seri in alcuni individui; la maggior parte del essere comune dolore muscolare o debolezza (miopatia). La prevalenza di miopatia è ragionevolmente bassa nei test clinici (1.5-3.0%), ma può essere alta come 33% nella comunità basata studia e può aumentare drammaticamente negli utenti di statina che sono occasionalmente attivo (fino a 75% in atleti statina-trattati.) 35,36, statine può causare un'elevazione dell'aspartato aminotransferasi degli enzimi del fegato (AST) e dell'alanina aminotransferasi (alt). Questi enzimi possono essere controllati effettuando un'analisi del sangue sistematica del pannello di chimica. Ulteriormente, inibendo il HMG-CoA la riduttasi (un enzima non solo richiesto per la produzione di colesterolo, ma altri metaboliti pure), le statine possono anche ridurre i livelli della molecola antiossidante estremamente importante CoQ10.

L'abbassamento dell'assorbimento del colesterolo dagli intestini riduce LDL-C ad un modo differente; impedendo l'assorbimento di colesterolo intestinale, le cellule rispondono facendo più ricevitore di LDL, che tira le particelle di LDL dalla circolazione sanguigna. Ezetimibe e i sequestrants dell'acido biliare (colesevelam, colestiramina, cholestopol) sono due classi di trattamento di prescrizione che funzionano in questo modo. Ezetimibe agisce sulle cellule che allineano gli intestini (enterocytes) per ridurre la loro capacità di prendere il colesterolo dagli intestini. Mentre il ezetimibe riduce i livelli di LDL, i risultati di parecchie prove importanti37,38,39 non sono riuscito a mostrare il beneficio di ezetimibe come componente di una terapia di associazione per la riduzione del rischio di malattia cardiovascolare e può realmente aumentare il rischio di aterosclerosi se prescritto ai pazienti già sulle statine per le ragioni per cui non è chiaro.40 sequestrants dell'acido biliare legano agli acidi biliari nell'intestino, che riduce la loro capacità di emulsionare i grassi ed il colesterolo. Ciò ha l'effetto netto di impedire l'assorbimento intestinale del colesterolo. I sequestrants dell'acido biliare possono anche aumentare la produzione di HDL nel fegato, che è inibito solitamente dal riassorbimento degli acidi biliari.41