Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Malattie autoimmuni

Vie di base di disfunzione autoimmune

Le malattie autoimmuni tendono ad essere osservate come entità separate. Una più vasta prospettiva, tuttavia, può rivelare che i meccanismi comuni sono la causa della malattia, piuttosto che appena il suo sottoprodotto. Se questa prospettiva fosse applicata, i pazienti trarrebbero giovamento (prima che lo sviluppo di danno di tessuto irreversibile) dalle terapie migliori e dall'intervento iniziale. Il Dott. Majid Ali lungamente ha considerato che ci dovesse essere una singola via comune iniziale a tutta la malattia, compreso disfunzione immune.

Una considerazione è l'esposizione continuata ai metalli pesanti e inquinamento ambientale che sovraccaricano il sistema immunitario. Su base giornaliera, combattiamo con gli antiparassitari, i diserbanti, i fertilizzanti chimici, i rifiuti industriali, il fumo della sigaretta e lo scarico di automobile. La nostri aria, acqua ed alimento (in particolare) sono pieni delle sostanze tossiche. C'è senza dubbio che queste tossine svolgono un ruolo nella disfunzione immune. Anche le sostanze considerate dalla maggior parte della gente come cassaforte alterano la funzione immune. Il consumo dello zucchero in tutte le forme (glucosio, fruttosio e saccarosio) altererà la capacità dei globuli bianchi di distruggere gli agenti biologici. Questo effetto comincia in una mezza ora di consumo e dura 5 ore. Dopo 2 ore, la funzione immune è ridotta di 50% (Sanchez 1973; Bernstein 1977).

Lo sforzo ossidativo svolge un ruolo nelle malattie autoimmuni. Può essere confrontato ad un pezzo di arrugginimento del metallo ed ai risultati dall'azione delle molecole offensive (IE, radicali liberi), che sono un sottoprodotto naturale del metabolismo del corpo. I radicali liberi elettricamente fatti pagare attaccano le cellule sane, inducente li a perdere la loro struttura e funzione e finalmente distruggente li. I radicali liberi non solo sono prodotti dai nostri enti, ma inoltre sono ingeriti dalle tossine e dall'inquinamento nell'aria che respiriamo.

L'infiammazione sistemica cronica è collegata con parecchi disordini autoimmuni, quali lupus, l'artrite reumatoide, la sindrome di Sjogren e la fibromialgia (vedi i protocolli separati relativo a questi argomenti). L'infiammazione può essere rintracciata ai prodotti chimici distruttivi di cellula-segnalazione conosciuti come le citochine, che contribuiscono a molte malattie degeneranti (Brod 2000). Nell'artrite reumatoide, livelli in eccesso di citochine pro-infiammatorie, quale l'fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-α), interleukin-6 (IL-6), interleuchina 1 (b) (IL-1b) e/o il leucotriene B4 (LTB4), è conosciuto per causare o contribuire alla sindrome infiammatoria che infine distrugge la cartilagine unita ed il liquido sinoviale. Determinati supplementi nutrizionali ed i farmaci a basso costo di prescrizione spesso abbasseranno i livelli di citochina e controlleranno lo stato infiammatorio.