Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Sindrome cronica di affaticamento

La sindrome cronica di affaticamento (CFS), anche conosciuta come affaticamento cronico e la sindrome immune di disfunzione, è una condizione medica misteriosa che colpisce circa 500.000 Americani (CDC 2005a). La malattia non ha causa conosciuta e non c'è prova che può misurare per.

Piuttosto, il CFS è definito come insieme dei sintomi che includono prolungato, dell'affaticamento in modo schiacciante che comincia sopra il risveglio e dura durante tutta la giornata. L'affaticamento può peggiorare con l'esercizio o l'attività fisica. Altri sintomi connessi con CFS comprendono le oscillazioni di umore, gli spasmi del muscolo, il dolore, l'emicrania, i disturbi del sonno e la perdita di appetito (Afari 2003; Balch 2000). Non c'è tipicamente prova della debolezza di muscolo, del giunto o delle anomalie del nervo. Inoltre, il CFS non è considerato un disturbo psicologico primario, sebbene possa avere elementi psicologici (per esempio, depressione) (CFIDS 2005).

La sindrome cronica di affaticamento soprattutto colpisce le età 25 - 45 delle donne, ma può colpire chiunque. Mentre la causa di CFS è sconosciuta, può essere avviata da una serie di fattori, compresi gli agenti infettante, sforzo mentale o fisico, sottoalimentazioni, le anomalie o allergie del sistema immunitario, le anomalie ormonali e ipotensione. Tende a funzionare in famiglie, in modo da alcuni ricercatori hanno supposto là possono essere una predisposizione genetica. Lo sforzo ossidativo può anche svolgere un ruolo nella malattia (Afari 2003; Borish 1998).

Parecchi mazzi famosi dei casi si sono presentati, quale uno scoppio nell'ospedale della contea di Los Angeles nel 1934, ma la causa ambientale o contagiosa non comune è stata scoperta mai (Kasper 2005). Negli ultimi anni, poichè i ricercatori hanno imparato più circa la malattia, alcuni clinici hanno cominciato richiedere il CFS da classificare nei sottogruppi differenti, secondo altri fattori presenti (per esempio, storia della famiglia, stato virale e fattori sociodemografici) (Jason 2005). Ciò che pensa riflette l'idea che il CFS possa avere le cause o inneschi multipli e di collegamenti, compreso quanto segue:

  • Malattia infettiva. Fin qui non c'è correlazione specifica fra tutti gli agente infettante e CFS (Kasper 2005). Anecdotally, molte vittime di CFS credono che il loro stato abbia cominciato con una malattia simil-influenzale, sebbene per altre la malattia sorga spontaneamente (CFIDS 2005).
  • Disturbi immunitari. Molti pazienti con CFS hanno alterato la funzione immune, come indicato da produzione aumentata delle citochine, delle cellule di uccisore naturali in diminuzione, delle alterazioni nell'espressione a cellula T, o delle allergie aumentate o autoimmune malattia-sebbene fosse poco chiara se queste circostanze sono state causate da CFS stesso (Gerrity 2004; Patarca 2001; Tirelli 1994; Tomoda 2005; Ur 1992; Vernon 2005; Visser 1998; Vollmer-Conna 1998).
  • Tossicità dell'amalgama dentaria. Una certa ricerca mostra una correlazione possibile fra l'amalgama dentaria, la tossicità del metallo ed i sintomi di CFS. In uno studio, 83 pazienti (76 per cento) hanno riferito il miglioramento a lungo termine di salute che segue la rimozione di metallo dentario. Questo effetto è creduto per essere collegato con una risposta allergica ipersensibile (Stejskal 1999).
  • Sforzo ossidativo. Gli studi suggeriscono che lo sforzo ossidativo possa svolgere un ruolo nello sviluppo di CFS (Fulle 2000; Logan 2001; Richards 2000).
  • Disordini del sistema endocrino. Lo sforzo, sia fisico che emozionale, può condurre ai livelli aumentati di cortisolo e di altri ormoni. Un articolo nel giornale dei disordini affettivi ha concluso che il CFS può essere associato con i bassi livelli del cortisolo e la funzione aumentata della serotonina (Cleare 1995). L'alluminio è aumentato di CFS, mentre DHEA ed il ferro sono ridotti in pazienti femminili (van Rensburg 2001; Scott 1999a).
  • Ipotensione. L'ipotensione è un'individuazione comune nel CFS. In uno studio, l'ipotensione neurale-mediata è stata documentata in 96 per cento dei pazienti di CFS (Bou-Holaigah 1995). I farmaci per il trattamento di ipotensione neurale-mediata hanno provocato il miglioramento in due terzi dei pazienti (ramponi 1998). L'ipotensione ortostatica (ipotensione che si presenta quando va da una menzogne ad una posizione diritta) è inoltre un sintomo comune nei pazienti cronici di affaticamento (Streeten 1998).