Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Sindrome cronica di affaticamento

Diagnosticando e trattando CFS

La diagnostica del CFS è difficile perché i suoi sintomi sono vaghi ed il disordine imita spesso altre sindromi o malattie, quali influenza o altre infezioni virali (Aaron 2000; Borish 1998; Bruno 1998; Demitrack 1994). Le malattie che possono imitare il CFS comprendono l'ipoglicemia, l'ipotiroidismo, la depressione, la malattia ambientale, le allergie alimentari, i disordini alimentari, l'apnea nel sonno, la malattia autoimmune, le infezioni, la mononucleosi ed il cancro.

Una diagnosi di CFS può essere fatta soltanto quando il paziente ha sofferto da affaticamento persistente e non spiegato per almeno sei mesi. Oltre ad affaticamento, quattro di seguenti sintomi devono essere presenti (CDC 2005b):

  • Sonno Unrefreshing
  • Danno conoscitivo, particolarmente memoria a breve termine o concentrazione
  • Gola irritata
  • Linfonodi teneri
  • Fare male o muscoli rigidi
  • dolore del Multi-giunto senza gonfiare o rossore
  • Emicranie di un nuovo tipo, di un modello, o di una severità
  • malessere di Post-sforzo che dura più di 24 ore
  • Sensibilità persistente della malattia per almeno 24 ore dopo l'esercizio

Una serie di altri sintomi sono stati riferiti dai pazienti di CFS, compreso dolore addominale, intolleranza dell'alcool, rigonfiamento, dolore toracico, tosse cronica, diarrea, vertigini, occhi asciutti o bocca, la mal d'orecchi, il battito cardiaco irregolare, il dolore della mandibola, la rigidezza di mattina, la nausea, notte suda, dispnea, sensazione di pelle, sensazioni di formicolio e perdita di peso (CDC 2005c).

La sindrome cronica di affaticamento tende a sorgere improvvisamente in individui altrimenti attivi. In un decorso della malattia tipico, una malattia simil-influenzale altrimenti ordinaria o un certo altro fattore di sforzo lascerà esaurimento ed i sintomi insopportabili di CFS. Questo termine è confuso frequentemente una ricorrenza dell'infezione, inviante il paziente di nuovo al medico per più prove. Le prove ripetute non riveleranno le anomalie caratteristiche, eppure i sintomi peggiorano, finalmente con conseguente disturbi del sonno e depressione. Molti pazienti con il tatto di CFS le loro preoccupazioni inizialmente sono allontanati dai medici, dagli amici e dalla famiglia, che può contribuire ad un senso di isolamento.

Una volta che diagnosticato, i sintomi possono oscillare, ma il CFS non è una malattia progressiva. Invece, la maggior parte dei pazienti tendono a migliorare dai gradi ed alcuni completamente recupereranno (Kasper 2005).

Non c'è prova di laboratorio per confermare il CFS. Invece, i medici dovrebbero eseguire un'ampia varietà di sangue e di prova conoscitiva in uno sforzo per eliminare altre malattie. La ricerca recente su CFS suggerisce che ci possano essere parecchie sottoclassi della malattia, in base alle differenze nelle inabilità, nei fattori sociodemografici, nello stato virale ed in altri biomarcatori e così i modi differenti di diagnosi e di trattamento possono essere appropriati (Jason 2005).