Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rafforzamento del sistema immunitario

Il sistema immunitario: Come funziona

Il sistema immunitario è un insieme elegante e complesso delle componenti che si combinano per combattere la malattia, le infezioni ed i vari agenti patogeni. Un sistema immunitario sano distingue gli organismi nel corpo come “l'auto„ o “non auto.„ Una risposta immunitaria intatta identifica gli agenti patogeni come “non auto„ e rapidamente li distrugge. Un sistema immunitario depresso, al contrario, concederà invadere gli organismi per fiorire.

Quando il sistema immunitario riconosce erroneamente una cellula “di auto„ come “non auto„ e monta una risposta immunitaria, può provocare un disordine autoimmune (per esempio, artrite reumatoide).

Il corpo ha generalmente due meccanismi di difesa primari: immunità naturale e immunità acquisita. L'immunità naturale è “il primo radar-risponditore„ da attaccare. La risposta immunitaria naturale conta sui vari globuli bianchi e sulle barriere fisiche per bloccare o immediatamente attaccare tutto l'invasore straniero e per tentare di distruggerlo.

L'immunità acquisita, d'altra parte, comprende gli anticorpi creati in risposta agli antigeni stranieri specifici. Questa specie della risposta richiede alcuni giorni affinchè il corpo riconosca l'invasore e per fabbricare gli anticorpi contro di. Una volta che il corpo ha fabbricato un anticorpo particolare per un invasore specifico, la risposta di sistema immunitario sarà più veloce e più efficace la prossima volta che l'invasore sembra (Janeway 1999; Birre 2004).

Il sistema immunitario naturale conta su una miriade di armi per proteggere il corpo, compreso i vari generi di globuli bianchi (vedi la tabella 1). Queste difese naturali comprendono i seguenti organi, prodotti chimici e processi:

Barriere fisiche e chimiche. Le prime linee di difesa del corpo sono la pelle e le mucose, che impediscono l'entrata di molti agenti patogeni. Ci sono inoltre molte barriere secondarie. Per esempio, strappi, sudore e combattimento della saliva alcuni batteri; anche, l'acido cloridrico come pure proteina-digerendo gli enzimi secernuti dallo stomaco è letale molti, ma a non tutti gli agenti patogeni (Janeway 1999; Birre 2004).

Infiammazione e febbre. L'infiammazione è una risposta non specifica all'infezione o alla lesione del tessuto. I quattro segni della risposta infiammatoria sono il rossore, il gonfiamento, il calore e dolore. L'infiammazione comincia quando cellule libera determinate citochine, compreso l'interleuchina (IL) - 1, IL-6 e fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-α) (Janeway 1999; Birre 2004).

Cellule fagocitiche. Le cellule fagocitiche inghiottono e distruggono le cellule straniere. Le cellule fagocitiche sono globuli bianchi ed includono i neutrofili, gli eosinofilo ed i macrofagi; hanno brevi vite e devono essere riempiti continuamente dall'ente. I neutrofili ed i macrofagi sono aspetti molto importanti delle difese innate del corpo (Janeway 1999; Birre 2004).

Cellule di uccisore naturali. Le cellule di uccisore naturali distruggono le cellule tumorali sicure e vari agenti patogeni. Le cellule dell'uccisore sono secretori attivi di interferone, di una proteina importante e potente. Le cellule di uccisore naturali attaccano direttamente alle superfici delle cellule infettate e le inducono a scoppiare. Possono anche uccidere un agente patogeno facendo la sua perdita esterna della membrana (Janeway 1999; Birre 2004).

Proteine antimicrobiche. Le cellule immuni infettate producono l'interferone, che induce le cellule sane a produrre le proteine antivirali. Ci sono più di 30 proteine antivirali distinte. Quando una singola proteina del complemento (sistema immunitario) è attivata infettando gli organismi, avvia una cascata che attiva altre proteine di complemento. Le proteine attivate possono distruggere i batteri mentre cellule ospiti con parsimonia o inducono le cellule infettate ad essere inghiottite dalle cellule fagocitiche (Janeway 1999; Birre 2004).

Citochine. Messaggeri chimici di uso delle cellule (IE, citochine) per comunicare e dividere informazioni; ogni prodotto chimico invia un messaggio differente ad altre cellule. Le citochine regolano l'immunità, l'infiammazione e la produzione dei globuli bianchi. Ci sono dozzine di citochine; ciascuno esegue un insieme specifico delle attività contro le cellule bersaglio specifiche. Possono agire di concerto o nell'opposizione. Le citochine sono prodotte spesso in una cascata; cioè una citochina stimola le sue cellule bersaglio fare le citochine supplementari. TNF-α, IL-1, IL-6 ed il tipo interferone di I sono citochine importanti nel regolamento di immunità naturale.

proteine di Acuto-fase. la risposta di Acuto-fase è attivata durante la malattia critica. Quando le cellule fagocitiche legano gli agenti patogeni, liberano le citochine pro-infiammatorie. Questa risposta permette al corpo di riconoscere gli invasori prima che le risposte immunitarie completamente siano state attivate. le proteine di Acuto-fase promuovono l'infiammazione e stimolano i fagociti muoversi dove sono necessarie.

Tabella 1. Major Cells del sistema immunitario (Janeway 1999; Nairm 2000)

Cellula

Attività

Linfociti

Cellule di uccisore naturali

Distrugga varie cellule del tumore e cellule bersaglio anticorpo-rivestite; non antigene specifico.

Cellule citotossiche di T (CD8+)

Secerni le citochine che attirano i macrofagi ed aumentano la loro attività fagocitica; distrugga le cellule bersaglio che visualizzano lo stesso antigene che ha attivato la loro cellula del progenitore; faccia l'elettrolisi le cellule infettate liberando le tossine. Le cellule di T citotossiche combattono gli invasori stranieri distruggendo le cellule che visualizzano l'antigene che ha attivato le sue cellule del progenitore (sorveglianza immunologica).

Cellule dell'assistente T (T4+)

Stimoli l'immunità e l'infiammazione cellulari; secerni le citochine che stimolano la proliferazione dei linfociti B e di altre cellule di T; amplifichi la produzione dell'anticorpo dalle cellule di plasma.

Cellule di T del soppressore

Sopprima l'attività delle cellule dell'effettore e) non stimolato (ignare di T.

Cellule di T di memoria

Riconosca gli antigeni che hanno invaso nel passato, che tiene conto una più grande e risposta più rapida quando c'è un secondo incontro con quell'antigene.

Linfociti di B (linfociti B)

Differenzi nelle cellule di plasma producenti anticorpo; antigene trattato ed attuale alle cellule di T dell'assistente; antigeni dell'immunoglobulina e della classe II MHC dell'esposizione.

Cellule di plasma

Cellule disecrezione della conduttura.

Linfociti B di memoria

Discendenti dei linfociti B che rimangono dopo una risposta immunitaria.

Fagociti

Macrofagi

Antigeni di Phagocytize, poi trattato e presente loro alle cellule di T per distruzione; morti di attacco e globuli difettosi; secerni le citochine che inducono la proliferazione delle cellule di T e di B.

Neutrofili

Difesa principale contro i batteri; in primo luogo sulla scena per combattere infezione.

Eosinofilo

Attivo contro i parassiti ed elevato comunemente nelle allergie.

Cellule dentritiche (cellule reticolari interdigitating)

Antigeni trattati ed attuali a T ed ai linfociti B; la maggior parte dei stimolatori potenti delle risposte a cellula T.

Antigene-presentazione delle cellule

Inghiotta gli antigeni, elaborili internamente e poi visualizzi i frammenti loro sulla loro superficie; gli indicatori di superficie avvisano altre cellule immuni che c'è un invasore. Identificato antigene-presentando le cellule: cellule, macrofagi e linfociti dentritici di B.

Infiammazione, radicali liberi e citochine

Sebbene l'infiammazione acuta sia una risposta di sistema immunitario importante, l'infiammazione cronica inoltre è stata collegata a molte malattie, compreso la malattia cardiaca. Oltre all'associazione con le citochine pro-infiammatorie, l'infiammazione può essere collegata con la sovrapproduzione dei radicali liberi (Janeway 1999).

Un radicale libero è un atomo o un gruppo di atomi (IE, una molecola) con gli elettroni spaiati. I radicali liberi sono estremamente instabili e reagiscono facilmente con altre molecole, quindi cambianti la loro composizione chimica. L'ossigeno è particolarmente suscettibile di formazione di radicali liberi. I radicali liberi derivati da ossigeno sono conosciuti come le specie reattive dell'ossigeno (ROS), o ossidanti.

Quando il corpo ha aumentato i livelli di ROS (IE, quando sta avvertendo lo sforzo ossidativo), il danno diffuso può risultare. Alle alte concentrazioni, i radicali liberi possono danneggiare i grassi, le proteine e gli acidi nucleici. Possono anche causare la morte delle cellule, le mutazioni genetiche ed il cancro (Moslen 1994). Parecchie malattie possono essere il risultato di danno cellulare e genetico causato dai radicali liberi, compreso parecchi disturbi immunitari (Moslen 1994).

Per ridurre il danno causato dai radicali liberi e dalle citochine elevati (sia parte del sistema immunitario naturale), il corpo combatte indietro producendo gli antiossidanti che gli ormoni (per esempio, cortisolo) per sopprimere il sistema immunitario (Grimble 1996). Gli antiossidanti sono utili perché accoppiano con i radicali liberi instabili, quindi limitando il danno che i radicali liberi possono infliggere su altre cellule.

Che cosa avete imparato finora…

  • Il sistema immunitario diminuisce mentre invecchiamo, rendendoci più suscettibili di varie malattie e degli agenti patogeni.
  • La salute del sistema immunitario è strettamente connessa sollecitare, frequenza dell'esercizio e stato nutrizionale. L'assunzione carente delle sostanze nutrienti vitali è associata molto attentamente con la risposta immunitaria depressa ed il tasso aumentato di malattia.
  • Il sistema immunitario ha due meccanismi di difesa primari: naturale, che usa i globuli bianchi e le barriere fisiche per proteggere dalla malattia ed acquistato, in cui si è specializzato le cellule generano gli anticorpi per difendere contro gli agenti patogeni specifici.
  • L'infiammazione è causata dai fattori multipli, compreso i microrganismi, lo sforzo fisico, la morte del tessuto e la risposta immunitaria inadeguata. L'infiammazione cronica è collegata alle malattie quale la malattia cardiaca. L'infiammazione è mediata dalle citochine e dai radicali liberi. È una risposta di sistema immunitario importante, ma può anche essere pericoloso perché uno stato infiammatorio cronico è collegato alle varie malattie di invecchiamento.
  • I radicali liberi sono molecole instabili che reagiscono prontamente con altre molecole, particolarmente ossigeno, cambiare la loro composizione chimica. Gli antiossidanti sono usati dall'ente per pulire gratis i radicali e per limitare la quantità di danno che possono causare.