Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Sindrome di Sjögren

Circa 4 milione Americani soffrono dalla sindrome di Sjögren, che in primo luogo è stata identificata nel 1933 dall'oftalmologo svedese Henrik Sjögren. Circa 90% delle vittime sono donne con un'età media di 50 anni, sebbene colpo della latta di Sjögren qualsiasi gruppo d'età, compreso i bambini (Talal 1987).

I sintomi principali di Sjögren sono siccità cronica degli occhi e bocca; tuttavia, inoltre è associato con siccità in genitali esterni come pure nell'area dell'orecchio, del naso e di gola. Ci possono anche essere le secrezioni in diminuzione nel tratto gastrointestinale.

Sjögren è un disordine autoimmune. I sintomi connessi con Sjögren sono causati dall'infiltrazione delle cellule di sistema immunitario (solitamente B e linfociti T) nelle ghiandole responsabili della secrezione del liquido. La malattia può accadere da solo (Sjögren primario) o insieme con altre malattie autoimmuni (Sjögren secondario). Sjögren è stato associato con l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la dermatosclerosi ed altre malattie del tessuto connettivo (Talal 1987). Inoltre è stato associato con i disordini autoimmuni nella ghiandola del timo; gli studi hanno indicato che i pazienti con Sjogren possono anche soffrire dai disordini della tiroide (Lazzaro 2005).

Il trattamento tradizionale conta sul cholinergics (IE, droghe che stimolano il sistema nervoso parasimpatico); tuttavia, possono avere effetti collaterali significativi. La terapia nutrizionale mette a fuoco sugli acidi grassi essenziali, che sono stati indicati per modulare il sistema immunitario. I cambiamenti di stile di vita sono inoltre uno strumento terapeutico importante.

Sebbene la malattia accorci raramente la durata di un paziente, Sjögren può avere effetti devastatori. La siccità oculare (dell'occhio) può condurre alla cheratocongiuntivite cronica ed alle ulcere corneali; la siccità orale può provocare il decadimento dentario severo e cronico, fenditure, le infezioni come pure la difficoltà che parla e che inghiotte. La malattia è accompagnata spesso dalla depressione, dall'affaticamento e dalla febbre. Gli enzimi elevati del fegato si presentano in 25% dei pazienti; ingrandimento del fegato in 33%; La sindrome di Raynaud in 20%; fibromialgia in 55%; e linfoma in meno di 5% (Carsons 1998).

I sintomi orali della sindrome di Sjögren includono la saliva riduttrice; una bocca asciutta e appiccicosa; e difficoltà che mastica e che inghiotte. La saliva in diminuzione rende la cavità orale più acida; il pH abbassato, con la riduzione del numero degli enzimi antibatterici normalmente presenti in saliva umana, rende a carie dentaria un problema significativo. La carie dentale è considerata un indicatore potenziale per la malattia (Lynge Pedersen 2005). La bocca asciutta può anche colpire il discorso, il gusto e la tolleranza alle protesi dentarie.

La siccità cronica dell'occhio causa le reazioni infiammatorie (Baudouin 2001), lascianti una sensibilità della sabbiosità nell'occhio e dell'intolleranza a luce. La superficie irruvidita dell'occhio causato dalla siccità induce la luce a spargere, con conseguente offuscamento della vista. L'occhio asciutto inoltre rende gli occhi più sensibili agli irritanti e suscettibili delle infezioni, che possono provocare le ulcerazioni corneali se lasciato non trattato. La dermatite della palpebra può essere un'altra manifestazione della sindrome di Sjögren primaria.

Altri sintomi connessi con Sjögren includono quanto segue:

  • La siccità nasale, le emorragie nasali, congestione, ha alterato il gusto e l'odore come pure le circostanze più serie (per esempio, bronchite e polmonite) causate da danneggiamento delle ghiandole mucose nel naso
  • Siccità in tubi eustachian, che possono condurre ad una sensibilità ostruita nell'orecchio e nell'udito compromesso
  • Pelle che prude e asciutta
  • Siccità vaginale
  • Malassorbimento nutrizionale, causato da rivestimento mucoso colpito dello stomaco
  • Pancreatite

Gli individui con Sjögren possono sviluppare i problemi neurologici, quali la memoria alterata e la concentrazione riduttrice (fondamento di sindrome di Sjögren). Uno studio francese ha collegato l'inizio di paralisi facciale che comprende i nervi cranici a Sjögren (Rousso 2005).

Poiché progredisce lentamente, la sindrome di Sjögren frequentemente è mal diagnosticata e lasciato non trattato (Derk 2004). I sintomi della sindrome-siccità di Sjögren primario, affaticamento, dolore, reclami del collo e della testa, raucedine, o udienza perdita-possono anche accadere come conseguenza di uso del farmaco, ansia e la depressione, o invecchiamento normale (Mahoney 2003; Mariette 2002). In uno studio cinese, il tempo medio fra l'inizio dei sintomi e l'istituzione della diagnosi erano di 7,8 anni, indicanti la maggior parte dei casi impropriamente sono stati diagnosticati o trascurato stati (Zhang 1993).

Sjögren è diagnosticato in base alla presenza di sintomi e di autoanticorpo specifici. Durante la diagnosi, il medico chiederà alle domande per determinare se un paziente sta soffrendo dagli occhi asciutti o dalla bocca e verificherà il funzionamento delle ghiandole salivarie ed oculari. Inoltre, le prove hanno potuto essere effettuate per individuare gli anticorpi agli antigeni di La/SS-B o di Ro/SS-A. I ricercatori inoltre hanno scoperto i livelli aumentati dell'anticorpo interleukin-18, di citochina immunoregulatory e proinflammatory in pazienti con Sjögren (Bombardieri 2004). Questa citochina interferisce con acetilcolina, il prodotto chimico del messaggero quella produzione della saliva di inneschi.