Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Herpes ed assicelle

Biologia e patofisiologia

La famiglia di Herpesviridae include i virus che infettano gli animali e gli esseri umani (Siakallis 2009). Fra questi virus, otto membri sono conosciuti per infettare gli esseri umani e sono clinicamente importanti (Siakallis 2009). Questi virus sono tipi 1 e 2 (HSV-1 e HSV-2), virus del virus Herpes simplex di varicella-zoster, citomegalovirus, virus di Epstein-Barr e herpesvirus 6, 7 e 8 (Siakallis 2009; Odom 2012; Wolz 2012). I membri di questa famiglia dei virus possono causare varie malattie, compreso herpes genitale ed orale (HSV-1 e HSV-2), la varicella/assicelle (virus di varicella-zoster), la mononucleosi (citomegalovirus umano) e la sesta malattia (virus di herpes umano 6) (Roizman 2001; Siakallis 2009; Odom 2012). Il fuoco di questo protocollo è manifestazioni tipiche di HSV-1 e di -2 come pure assicelle (zoster della varicella).

L'infezione con tutto il membro della famiglia di Herpesviridae comprende i punti multipli. In primo luogo, il virus interagisce con i ricevitori sulla superficie esterna delle cellule umane per guadagnare l'entrata nella cellula (Jennsen 2005; Schnitzler 2010). Una volta dentro la cellula umana, il virus usa la cellula per fare molte copie di se stesso (replica) (Mell 2008; Kinchington 2012). Questa fase è conosciuta come l'infezione primariae mentre può essere accompagnata da un periodo di malattia, pazienti può anche essere completamente asintomatica e rimanere ignara che sono stati infettati.

Oltre a usando la cellula per ripiegare, i virus di Herpesviridae rendono certa classe dei prodotti del gene nota come trascrizioni latenza-collegate (LATs), che rimangono nel corpo e possono riattivare il processo della replicazione virale (blocco 1997; Risonanza 2003; Mell 2008; Kinchington 2012).

I membri di Herpesviridae della famiglia dei nervi sensoriali della traversata tipicamente finché non raggiungano grande nervo ragruppa i gangli chiamati, in cui ripiegano inosservato dall'ospite (Mell 2008; Kinchington 2012; Zwaagstra 1990, 1991; Mercato dell'informazione e innovazione 2009; Collina 1990).

Assicelle

Il virus di varicella-zoster, che causa la varicella in bambini, inoltre causa le assicelle (herpes zoster), una malattia che si presenta generalmente nell'età adulta come conseguenza della riattivazione del virus (Wallmann 2011; Chisholm 2011).

L'infezione primaria – varicella – è una malattia infettiva di infanzia che causa quasi sempre i sintomi. Durante questo tempo, i pazienti sono estremamente contagiosi (Wallmann 2011). Anche la gente che ha indisposizione può spargere l'infezione ad altre (Kaneshiro 2011). La varicella causa un'eruzione caratteristica che accade solitamente il 10 - 21 giorno dopo avere entrato in contatto con qualcuno che abbia avuto la malattia e tipicamente in presente come 250 - 500 piccoli, bolle ripiene di fluida e che prude sopra il corpo (Kaneshiro 2011). La varicella colpisce solitamente i pazienti per i 5 - 10 giorni (CDC 2011). La varicella è altamente contagiosa e può essere sparsa via il contatto diretto o nell'aria se una persona infettata tossisce o starnutisce. Una persona con la varicella è 1 in genere contagioso – i 2 giorni prima che sviluppino le bolle e rimanga così finché tutte le loro bolle non non crust più (A.D.A.M. 2011; CDC 2012). La vaccinazione di infanzia contro zoster della varicella (Varivax®) può contribuire a proteggere da varicella ed è raccomandata dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) per la maggior parte dei bambini (CDC 2008).

Una volta che il virus stabilisce un'infezione dormiente o latente, i pazienti non sono più contagiosi e non avvertono i sintomi. Tuttavia, il virus può essere riattivato più successivamente nella vita, conducente alle assicelle (Mayo Clinic 2011; Wallmann 2011; Gharibo 2011).

Il virus di zoster della varicella può essere sparso da una persona con le assicelle attive ad una persona che non ha avuta mai varicella. In tali casi, la persona esposta al virus potrebbe sviluppare la varicella (piuttosto che le assicelle). Il virus è sparso attraverso il contatto diretto con liquido dalle bolle impetuose.

Una persona con le assicelle può spargere il virus quando l'eruzione ha luogo nella bolla-fase. Una persona non è contagiosa prima che le bolle compaiano. Una volta che l'eruzione ha sviluppato le croste, la persona non è più contagiosa. Le assicelle è meno contagiose che la varicella ed il rischio di persona con le assicelle che spargono il virus è bassi se l'eruzione è coperta (Wallmann 2011).

Sebbene le assicelle possano accadere a quasi in qualunque momento, è più comune negli anziani ed in quelli con i sistemi immunitari indeboliti. Ciò suggerisce che la riattivazione possa essere avviata da immunità alterata al virus, che si presenta con l'età d'avanzamento (Sampathkumar 2009; Harpaz 2008).

Herpes

Le infezioni di herpes possono essere causate tramite un'infezione con HSV-1 o HSV-2 (UMM 2011; Mell 2008; Urbano 2009). Le manifestazioni di herpes includono: herpes orale (herpes labialis), o “febbri„, cheratite del herpes simplex, che induce le ferite a comparire sulle cornee degli occhi e herpes genitale. Un altro, meno comune, manifestazione è multiforme del eritema, che induce le lesioni a forma di barilotto a comparire sulla pelle e può anche causare le lesioni nella zona della bocca (Kamala 2011; Sokumbi 2012).

HSV-1 è la causa usuale della cheratite del herpes simplex e di herpes orale, mentre HSV-2 è associato solitamente con herpes genitale. Tuttavia, HSV-1 può anche causare il herpes genitale, ma HSV-2 è associato con gli scoppi più severi (2009 urbano; Ehrlic 2011a; Mell 2008; Chirshom 2011; Chentoufi 2012).

HSV-1 è sparso solitamente tramite il contatto della pelle--pelle con un adulto che è stato infettato con il virus. Molta gente inizialmente contratta questo virus come un infante o bambino (accademia americana di dermatologia 2012). HSV-2, d'altra parte, è sparso solitamente via il contatto sessuale (accademia americana di dermatologia 2012). In entrambi i casi, il virus accede al corpo tramite le mucose o irrompe la pelle (Ehrlic 2011a).

L'infezione con HSV-1 o HSV-2 può inizialmente manifestarsi come piccole di bolle ripiene di fluida sulla pelle (Mell 2008; 2009 urbano; Chrisholm 2011). Una volta che l'infezione iniziale si abbassa, il virus si sparge alle cellule nervose in cui resta dormiente fino a riattivarlo (accademia americana di dermatologia 2012).

I fattori quali lo sforzo, l'affaticamento, l'esposizione del sole, la chirurgia, la febbre ed i periodi mestruali possono avviare la riattivazione dei virus di HSV. La frequenza di questi scoppi ricorrenti varia da personale; alcuni individui non avvertono mai alcuni scoppi (e sono definiti “portatori asintomatici "), mentre altri possono avere scoppi mensili (Centoufi 2012). È non noto perché alcuni individui rimangono asintomatici mentre altri hanno scoppi, ma sia i pazienti asintomatici che sintomatici possono infettare altri (Centoufi 2012).