Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Iperplasia prostatica benigna (BPH)

Diagnosi

I sintomi di BPH (per esempio, corrente debole, esitazione urinaria, svuotamento incompleto, ecc.) sono collegati solitamente con l'ostruzione dell'apparato urinario. La severità dei sintomi può essere misurata facendo uso dell'indice urologico americano di sintomo di associazione (AUASI), un questionario ampiamente usato che quantifica la severità dei sintomi più bassi di bloccaggio dell'apparato urinario (Sarma 2012). Il punteggio internazionale di sintomo della prostata, o IPSS (Zhang 2008), è un altro questionario usato spesso per i sintomi di misura di BPH negli studi della ricerca.

Il primo punto in pazienti di valutazione con i sintomi in relazione con BPH comprende una panoramica completa del medico generale del paziente, la storia neurologica e ed urologica come pure il loro consumo della caffeina e del liquido, per eliminare altre cause dei sintomi dell'apparato urinario. I farmaci dovrebbero anche essere esaminati, poiché il diuretico e le droghe dell'antistaminico possono causare i sintomi urinarii (Sarma 2012).

Dopo, un esame rettale digitale (DRE) è eseguito e livelli di PSA è misurato (Sarma 2012). I livelli di PSA sono importanti perché mentre BPH è associato con una certa elevazione dei livelli di PSA, molto un massimo o il livello di PSA di rapido-aumento può essere un segno di carcinoma della prostata. Per esempio, in uno studio, il valore mediano di PSA in pazienti con BPH era 1,8 ng/ml, mentre il valore mediano di PSA fra i pazienti con carcinoma della prostata era ng/ml 13,2 (Lakhey 2010). Eppure, i livelli di PSA non sono una misura perfetta poiché i livelli possono essere normali negli uomini con carcinoma della prostata. Di conseguenza, il DRE (esame rettale digitale) è inoltre importante, entrambi contribuire ad eliminare il carcinoma della prostata (una prostata liscia accessibile da esame rettale è meno probabile essere cancerogena che una con i noduli duri e le irregolarità) ed a determinare la dimensione della prostata. La classificazione della dimensione della prostata come “normale,„ “grande,„ e “molto grande„ può contribuire a determinare la terapia. Le portate di misurazione dell'urina facendo uso di uroflowmetry possono anche contribuire a valutare l'ostruzione di uscita della vescica (McNicholas 2008). La prova supplementare quale la velocità libera di PSA e di PSA inoltre contribuisce a differenziare BPH da carcinoma della prostata. Per più informazioni vedi gli avanzamenti denominati della salvavita dell'articolo di rivistadel prolungamento della vita “nella prova del carcinoma della prostata„.

La controversia di PSA

Nel maggio 2012 l'unità operativa di servizi preventivi degli Stati Uniti (USPSTF), un comitato di esperti che fa le raccomandazioni su medicina preventiva pratica ai fornitori di cure mediche negli Stati Uniti, affermati che la prova regolare di PSA non dovrebbe essere usata come strumento della selezione per carcinoma della prostata basato sopra la loro analisi (USPSTF 2012).

C'erano parecchi problemi con l'analisi di USPSTF. Il rapporto ha ridotto l'enfasi un maggiore, prova di alta qualità che ha mostrato i benefici robusti della mortalità comprendendo le prove dei poveri che poca qualità che non ha mostrato i benefici della mortalità e quindi, ha diluito l'effetto statistico globale della prova più di alta qualità sulla mortalità (beneficio) nella loro analisi.

Questa prova di alta qualità era lo studio randomizzato europeo su selezione per il carcinoma della prostata (ERSPC), che ha randomizzato 182 000 uomini invecchiati 50 - 74 da 7 paesi allo PSA che verifica ogni 2 - 7 anni (secondo il centro e l'anno) o a cura usuale. Un'analisi prespecificata di 162 243 uomini ha invecchiato 55 - 69 ha trovato che schermando è stato associato con rapporto di riproduzione di 20% della mortalità Cancro-specifica della prostata, per i 1410 uomini stimati che subiscono la selezione di PSA (Schroder 2009).

Dopo la pubblicazione dei risultati principali di ERSPC, un centro partecipante (Göteborg, Svezia) ha riferito esclusivamente i loro risultati. Questo sito ha determinato che una soglia della selezione di PSA di 2,5 - 3,0 µg/l ogni 2 anni in 20, 000 uomini invecchiati 50 - 64 anni di rischio in diminuzione per la mortalità Cancro-specifica della prostata da 44% dopo una mediana di 14 anni (Hugosson 2010).

Le prove di cattiva qualità incluse dal USPSTF nella loro analisi hanno diluito statisticamente l'effetto benefico osservato nella prova più di alta qualità di ERSPC nella loro valutazione globale della proposta. Parecchie poche prove di qualità scadente non hanno trovato differenza fra i gruppi di controllo e selezione-invitato nel rischio Cancro-specifico della mortalità della prostata (Kjellman 2009; Sandblom 2011). I difetti metodologici importanti in queste prove hanno incluso l'omissione di controllare adeguatamente per casualizzazione e/o l'abbaglio di assegnazione del povero, i tentativi del povero di catturare i punti di informazioni persi, ecc. Un di prova anche usato uno PSA esorbitante alto ha tagliato il punto – 10 µg/l – come soglia della selezione (Kjellman 2009).

Il prolungamento della vita sostiene l'uso della selezione di PSA impedire le morti del carcinoma della prostata, con i risultati importanti di uno PSA di avvertimento dovrebbe essere seguito col passare del tempo e controllato (IE, velocità di PSA) con meno enfasi che è disposta sui diversi risultati dei test. Il prolungamento della vita pubblica un advisory ammonitore ogni volta che i livelli di PSA superano 1,0 ug/L. Un livello di dice che 1,4 dovrebbero essere seguiti molto attentamente con le analisi del sangue di PSA ogni 6-12 mesi per seguire con attenzione tutto l'aumento coerente indicativo di un tumore della prostata della fase iniziale che può essere trattabile con i cambiamenti ed i farmaci di stile di vita con i profili bassi di effetto collaterale.

Il prolungamento della vita ha esaminato dettagliatamente questa edizione. Per più informazioni vedi prego la serie a più parti della rivista del prolungamento della vita intitolata “la controversia di PSA„.