Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Disfunzione erettile

 

Cause di disfunzione erettile

Il raggiungimento della costruzione richiede la coordinazione fra molti sistemi del corpo, così là è parecchi modi che il processo può andare male (Ritchie 2011). La causa di disfunzione erettile può essere biologica, psicologica, o entrambe (Heidelbaugh 2010).
Le cause biologiche di disfunzione erettile comprendono i disordini ormonali, vascolari e neurologici (McVary 2007).

  • La malattia cardiovascolare rappresenta fino a 80% delle casse di disfunzione erettile (Paroni 2012). L'aterosclerosi, la malattia vascolare più comune, impedisce il flusso sanguigno al pene (Ginsberg 2010). La malattia cardiovascolare e l'ipertensione contribuiscono a disfunzione endoteliale, che è il meccanismo di contributo più comune al camice di disfunzione erettile (Kolodny 2011; Sadeghi-Nejad 2007).
  • Il declino relativo all'età nei livelli di ormone (per esempio, testosterone e deidroepiandrosterone [DHEA]) è associato con disfunzione erettile (Morales 2011; Kolodny 2011; Mackay 2004). (Vedi “la disfunzione erettile e gli ormoni„, sotto.)
  • Il diabete può interferire con i nervi del pene di danno e del flusso sanguigno nel pene, conducente alla disfunzione erettile (Ginsberg 2010).
  • Il declino relativo all'età in fibre elastiche del pene inoltre contribuisce a disfunzione erettile (Sadeghi-Nejad 2007).
  • da disfunzione erettile indotta da farmaco può accadere da parecchie droghe compreso gli antistaminici, le benzodiazepine, gli antidepressivi triciclic ed altri (Heidelbaugh 2010; Fortney 2012).

Le cause psicologiche quali la depressione, l'ansia, lo sforzo, l'autostima bassa e le varie circostanze possono contribuire a disfunzione erettile pure (Ginsberg 2010; NIH 1992). I problemi psicologici sono spesso di incolpare di disfunzione erettile intermittente fra i giovani, mentre gli uomini più anziani con disfunzione erettile hanno frequentemente una miscela sia delle cause psicologiche che biologiche (Sadeghi-Nejad 2007).

È importante per gli uomini che soffrono dalla disfunzione erettile per discutere i loro sintomi con il loro medico (Hackett 2009). Oltre a raccomandare un efficace trattamento per il reclamo primario di disfunzione erettile, i medici dovrebbero anche schermare per la malattia cardiovascolare (CVD) (Nehra 2012; Sadeghi-Nejad 2007; NIH 1992). Ciò è perché la disfunzione erettile ed il CVD dividono i simili fattori di rischio, compreso invecchiamento, ipertensione, l'obesità e uno stile di vita sedentario (Hannan 2009; Ewane 2012; Nunes 2012). Ancora, la disfunzione erettile stessa è stata indicata per aumentare indipendente il rischio di CVD, di colpo e di morte per tutte le cause (Kolodny 2011; Heidelbaugh 2010). Poiché la disfunzione erettile precede spesso alcuni eventi cardiovascolari entro 2-5 anni (Nehra 2012), la disfunzione erettile è osservata come segno potenziale di allarme immediato per CVD (Meldrum 2011). L'individuazione tempestiva è critica poiché il CVD è una causa importante dell'inabilità e della morte (Ewane 2012). L'abbreviazione “ED„ può contribuire a rendere questa edizione facile da capire ed a ricordarsi. Per esempio, “ED„ corrisponde non solo “a disfunzione erettile„, ma anche “disfunzione endoteliale„, “esercizio & dieta„ (per la prevenzione) e “individuazione tempestiva„ dei fattori di rischio, che possono contribuire ad evitare “la morte prematura„ dovuto CVD (Jackson 2006).

Il collegamento fra disfunzione erettile e la malattia cardiovascolare

È importante per gli uomini che soffrono dalla disfunzione erettile per discutere i loro sintomi con il loro medico (Hackett 2009). Oltre a raccomandare un efficace trattamento per il reclamo primario di disfunzione erettile, i medici dovrebbero anche schermare per la malattia cardiovascolare (CVD) (Nehra 2012; Sadeghi-Nejad 2007; NIH 1992). Ciò è perché la disfunzione erettile ed il CVD dividono i simili fattori di rischio, compreso invecchiamento, ipertensione, l'obesità e uno stile di vita sedentario (Hannan 2009; Ewane 2012; Nunes 2012). Ancora, la disfunzione erettile stessa è stata indicata per aumentare indipendente il rischio di CVD, di colpo e di morte per tutte le cause (Kolodny 2011; Heidelbaugh 2010).
Poiché la disfunzione erettile precede spesso alcuni eventi cardiovascolari entro 2-5 anni (Nehra 2012), la disfunzione erettile è osservata come segno potenziale di allarme immediato per CVD (Meldrum 2011). L'individuazione tempestiva è critica poiché il CVD è una causa importante dell'inabilità e della morte (Ewane 2012).
L'abbreviazione “ED„ può contribuire a rendere questa edizione facile da capire ed a ricordarsi. Per esempio, “ED„ corrisponde non solo “a disfunzione erettile„, ma anche “disfunzione endoteliale„, “esercizio & dieta„ (per la prevenzione) e “individuazione tempestiva„ dei fattori di rischio, che possono contribuire ad evitare “la morte prematura„ dovuto CVD (Jackson 2006). 

Disfunzione erettile ed ormoni

Testosterone

Molte sfaccettature della funzione sessuale maschio dipendono dagli ormoni maschii (androgeni) quale testosterone (Morales 2011). Gli aiuti del testosterone sostengono la produzione di ossido di azoto (Kolodny 2011), ma inoltre gli aiuti mantengono la libido (Morales 2011). Come gli uomini invecchiano il loro declino dei livelli dell'androgeno. I bassi livelli dell'androgeno sono osservati in altrettanto come un terzo degli uomini con disfunzione erettile (Burnett 2011).

La carenza dell'androgeno può direttamente contribuire a disfunzione erettile negativamente urtando la ripartizione del pene aumentare e del flusso sanguigno di cGMP (Martin 2012; Heidelbaugh 2010). Il testosterone basso è la ragione più comune affinchè l'omissione risponda agli inibitori Phosphodiesterase-5 (PDE5) (per esempio, Viagra® e Cialis®), che sono droghe quel lento la ripartizione di cGMP (Hackett 2012).

Le linee guida cliniche raccomandano la prova del livello di ormone per gli uomini invecchianti che soffrono da disfunzione sessuale. Che mantiene il testosterone i livelli ottimali è non solo importante per la funzione sessuale, ma anche per salute cardiovascolare (Cattabiani 2012). Inoltre, i bassi livelli dell'androgeno sono associati con la depressione, l'osteoporosi, l'insulino-resistenza, la massa aumentata del grasso, la massa magra in diminuzione del corpo e la disfunzione conoscitiva (Morales 2011; Kolodny 2011). Il prolungamento della vita raccomanda che gli uomini invecchianti mirino ai livelli ematici liberi ottimali del testosterone di 20 – 25 pg/mL ed i livelli totali del testosterone 700 – 900 ng/dL.

Il ripristino del testosterone può condurre alla funzione ed alla libido erettili migliori negli uomini con i bassi livelli dell'androgeno (Heidelbaugh 2010). Infatti, quando gli inibitori PDE5 vengono a mancare, l'aggiunta della terapia del testosterone è associata con miglioramento sostanziale nella funzione erettile fra gli uomini con testosterone basso e può eliminare l'esigenza degli inibitori PDE5 complessivamente (Heidelbaugh 2010; Kolodny 2011; Morales 2011; Hackett 2012). Riferisca al protocollo maschio di ripristino dell'ormone del prolungamento della vita per più informazioni. 

DHEA

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un precursore a testosterone (Oloyo 2011; Maggi 2012). Come con testosterone, invecchiante è associato con i livelli in diminuzione di DHEA. I livelli di circolazione di DHEA possono diminuire dalle età 25 - 80 di fino a 80% (Maggi 2012). I bassi livelli di DHEA sono stati collegati a disfunzione erettile (Mackay 2004; Feldman 1994). Gli studi hanno indicato che il completamento orale di DHEA può migliorare la prestazione sessuale, come misurato dalla funzione erettile, dalla funzione orgasmica, dal desiderio sessuale, dalla soddisfazione di richieste e dalla soddisfazione globale in alcuni uomini (Reiter 1999; Reiter 2001). Il prolungamento della vita raccomanda un livello ematico ottimale dell'obiettivo per un DHEA-solfato di 350 – 490 µg/dL.

Inibitori di aromatasi, ripristino del testosterone ed equilibrio dell'estrogeno del testoterone

I medici hanno messo in versi nel ripristino maschio dell'ormone sanno che l'amministrazione esogena di testosterone può aumentare i livelli dell'estrogeno (estradiolo) negli uomini di invecchiamento, in particolare invecchianti gli uomini con le quantità significative di grasso viscerale. La conversione di testosterone in estrogeno è chiamata aromatizzazione ed è mediata da un enzima chiamato aromatasi (Traish 2007). Gli inibitori di aromatasi (per esempio, anastrozolo [Arimidex®]) sono droghe che inibiscono l'attività dell'enzima di aromatasi, quindi riducenti la quantità di testosterone convertita in estradiolo.

Una volta usati contemporaneamente al completamento del testosterone, gli inibitori di aromatasi permettono che i livelli del testosterone aumentino senza essere convertita in estrogeno in eccesso. I rapporti suggeriscono che la terapia dell'inibitore di aromatasi possa migliorare la funzione sessuale negli uomini (Traish 2007).

L'equilibrio sano di mantenimento estrogeno/del testosterone ha altre implicazioni importanti per i maschi invecchianti. Per esempio, in uno studio fra gli uomini con i bassi che di estradiolo livelli elevati dell'infarto, sia sono stati associati con le probabilità significativamente aumentate della morte confrontate ai livelli “equilibrati„ (Jankowska 2009). Più circa l'equilibrio testosterone/dell'estrogeno negli uomini è disponibile nell'articolo di rivista del prolungamento della vita intitolato “perché l'equilibrio dell'estrogeno è critico agli uomini invecchianti„.
Il prolungamento della vita suggerisce un livello ottimale dell'estrogeno (misurato come estradiolo) di 20 – 30 pg/mL per gli uomini.