Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Ripristino maschio dell'ormone

Il significato di testosterone per la funzione sessuale maschio è evidente alla maggior parte dei membri del prolungamento della vita. Le nuove comprensioni, tuttavia, sottolineano i giochi critici del testosterone di ruolo nel mantenimento della struttura neurologica giovanile, nell'alleviazione della depressione come pure nell'induzione della perdita grassa in coloro che non può ridurre il peso corporeo indipendentemente dalla dieta e dall'esercizio.

Gli studi recenti hanno dimostrato che il testosterone basso negli uomini è associato forte con la sindrome metabolica, il diabete di tipo 2, malattia cardiovascolare (minatore e Seftel 2007) e un aumento di quasi 50% nella mortalità su un periodo di sette anni (Malkin ed altri 2010).

Ristabilendo il testosterone alle gamme giovanili in uomini di mezza età e obesi ha provocato un aumento nella sensibilità dell'insulina come pure una riduzione di colesterolo totale, della massa del grasso, della circonferenza della vita e di citochine pro-infiammatorie connessi con aterosclerosi, il diabete e la sindrome metabolica (Kapoor ed altri 2006, Malkin ed altri 2004, Heufelder ed altri 2009). La terapia del testosterone inoltre ha migliorato significativamente la funzione erettile (Fukui 2007) ed ha migliorato la capacità funzionale, o la capacità di eseguire l'attività fisica senza coercizione severa, negli uomini con infarto (Malkin ed altri 2007).

Fattori che colpiscono i livelli del testosterone negli uomini

DHEA: Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un ormone prodotto da colesterolo che poi segue una di due vie, entrambe le conversioni enzimatiche in due tappe di coinvoluzione, per rendere gli estrogeni o il testosterone. Quindi, i livelli di DHEA possono avere un ruolo nella determinazione dei livelli di estrogeno e di testosterone, sebbene DHEA da solo sia abbastanza raramente sufficientemente di ristabilire i livelli del testosterone negli uomini di invecchiamento.

Aromatasi: Uno della maggior parte dei fattori importanti che colpiscono i livelli del testosterone ed il rapporto fra testosterone ed estrogeno è l'enzima di aromatasi. L'aromatasi converte il testosterone in estrogeno, in ulteriori livelli liberi di svuotamento del testosterone ed in livelli aumentanti dell'estrogeno.

Obesità: L'obesità e il hyperinsulinemia collegato sopprimono l'azione dell'ormone luteinizzante (LH) nel testicolo, che può ridurrsi significativamente fare circolare i livelli del testosterone (Mah e Wittert 2010), anche negli uomini sotto l'età di 40 (Goncharov ed altri 2009). Inoltre, la massa aumentata del grasso della pancia è stata correlata con i livelli aumentati di aromatasi (Kalyani e Dobs 2007).

Il circolo vizioso di testosterone basso e dell'obesità è stato descritto come il ciclo obesità/di ipogonadismo. In questo ciclo un basso livello del testosterone provoca grasso addominale aumentato, che a sua volta conduce ad attività aumentata di aromatasi. Ciò migliora la conversione di testosterone agli estrogeni, che più ulteriormente riduce il testosterone ed aumenta la tendenza verso grasso addominale (Cohen 1999, Tishova e Kalinchenko 2009).

Globulina ormone-legante del sesso (SHBG): La maggior parte del testosterone che circola nella circolazione sanguigna è limitato alla globulina ormone-legante del sesso (SHBG) (60%) o all'albumina (38%). Soltanto una piccola frazione (2%) è non legata, o “libera„. (Morales ed altri 2010).

Il testosterone lega più strettamente a SHBG che all'albumina (Henry ed altri 2002). Di conseguenza, soltanto a testosterone diretto a albumina ed il testosterone libero costituiscono le forme bioavailable di testosterone, che sono accessibili ai tessuti dell'obiettivo ed effettuano le azioni dell'ormone essenziale (Morales ed altri 2010). Così la biodisponibilità di testosterone è influenzata dal livello di SHBG.

Gli uomini di invecchiamento avvertono sia un aumento nell'attività di aromatasi che un'elevazione nella produzione di SHBG. Il risultato netto è un aumento nel rapporto di estrogeno a testosterone ed in una diminuzione nei livelli totali e liberi del testosterone (Lapauw ed altri 2008). Come sarà discusso qui sotto, è cruciale che questo rapporto obliquo è equilibrato.

Funzione epatica: Il fegato è responsabile dell'eliminazione l'estrogeno in eccesso e dello SHBG e tutta la diminuzione nella funzione epatica potrebbe esacerbare gli squilibri ormonali e compromettere i livelli sani del testosterone. Così è importante che gli uomini invecchianti inoltre tentano d'ottenere la funzione epatica ottimale.

Effetti del declino relativo all'età nei livelli del testosterone e nella terapia del testosterone

La causa esatta della riduzione relativa all'età dei livelli del testosterone è non nota; è probabilmente il risultato di una combinazione di fattori, includente:

  • Grasso corporeo aumentante (particolarmente grasso della pancia ed attività quindi aumentante di aromatasi)
  • Danneggiamento ossidativo dei tessuti responsabili della produzione di testosterone
  • Riduzione della sintesi testicolare del testosterone
  • Livelli diminuenti di molecole del precursore, quale DHEA
  • Stato e funzione epatica nutrizionali

Le conseguenze dei livelli diminuenti del testosterone stanno colpendo.

Composizione corporea ed infiammazione: Il testosterone colpisce il metabolismo delle cellule grasse e la perdita grassa in parecchi modi: lo stoccaggio grasso d'inibizione bloccando un enzima chiave ha chiamato la lipoproteina lipasi che è necessaria per l'assorbimento di grasso nelle cellule grasse del corpo; la combustione grassa di stimolazione aumentando il numero dei ricevitori specifici sulla membrana della grasso-cellula che liberano ha immagazzinato il grasso; sensibilità aumentante dell'insulina; miglioramento della crescita delle fibre muscolari; e depositi grassi diminuenti. Tutti questi effetti promuovono la massa magra del corpo e riducono la massa del grasso (Naharci ed altri 2007, Saad ed altri 2007). Le prove controllate con placebo hanno dimostrato entrambi gli importante crescite in massa magra del corpo e le diminuzioni in grasso si ammassano dopo la variazione dei corsi del trattamento del testosterone in uomini più anziani. In questi studi, i più grandi cambiamenti favorevoli in composizione corporea sono stati veduti in partecipanti con i bassi livelli del testosterone della linea di base che hanno ricevuto la terapia del testosterone per 12 mesi o più lungamente (Allen ed altri 2007).

La prova emergente suggerisce che quello i livelli giovanili di mantenimento del testosterone possano aiutare invecchiare gli uomini per evitare varia malattia infiammazione-mediata, quali aterosclerosi e l'artrite. Potente sopprimendo l'attività un enzima chiamato 5-lipoxygenase, testosterone calma una via pro-infiammatoria fondamentale in questione nella sintesi delle molecole di segnalazione conosciute come i leucotrieni (pergola 2011). I leucotrieni sono derivati dell'acido arachadonic pro-infiammatorio dell'acido grasso omega-6; queste molecole sono alla base di gran parte dello sviluppo infiammatorio di asma e della bronchite e svolgono un ruolo in patologia della malattia cardiovascolare e del diabete pure (Parlapiano 1999; Riccioni 2010).

In uno studio che fa partecipare 184 uomini con i bassi livelli del testosterone, 18 settimane di terapia sostitutiva del testosterone hanno soppresso gli indicatori di infiammazione compreso IL-1β, TNF-α e proteina C-reattiva. Inoltre, una volta confrontati agli uomini che hanno ricevuto un controllo del placebo, gli uomini che ricevono la sostituzione del testosterone hanno esibito le diminuzioni significative nel peso corporeo e BMI e circonferenza della vita (Kalinchenko 2010). La riduzione della circonferenza della vita indica che il testosterone riduce l'accumulazione grassa intorno al tronco del corpo; ciò è particolarmente importante poiché massa centrale del grasso e forte è associata con suscettibilità aumentata alle malattie infiammatorie ed alla mortalità (Coutinho 2011).

Sistema osteomuscolare: Disossi i resti di integrità sopra un equilibrio fra formazione dell'osso e riassorbimento dell'osso, che è controllato dai fattori multipli - compreso i livelli di estrogeno e di testosterone (Tok ed altri 2004, Valimaki ed altri 2004). In un test clinico, il testosterone ha aumentato la densità minerale ossea in uomini anziani (Kenny ed altri 2010). Il completamento del testosterone inoltre ha un effetto positivo sul metabolismo del muscolo e sulla forza (Herbst 2004). Questo effetto positivo è undiminished con l'età.

Sistema nervoso centrale (SNC): La chiave ad invecchiare bene è una prospettiva ottimista su vita e sulla capacità impegnarsi in sociale e nell'attività fisica. Tuttavia, i bassi livelli di testosterone sono stati associati con la depressione ed altri disturbi psicologici (Almeida ed altri 2008). Per rendere gli argomenti peggiori per gli uomini invecchianti, molti farmaci antidepressivi convenzionali sopprimono la libido. Alcuni esperti suggeriscono che la terapia del testosterone potrebbe ridurre l'esigenza dei farmaci antidepressivi interamente (Morley 2003, Carnhan e sidro di pere 2004). Ancora, il trattamento del testosterone aumenta spesso le sensazioni di benessere (Orengo ed altri 2004).

La cognizione e la vigilanza inoltre sono governate, in parte, dagli effetti del testosterone sullo SNC (Cherrier ed altri 2004). I bassi livelli del testosterone sono stati indicati per correlare con i punteggi più bassi sui vari test psicometrici (Moffat ed altri 2002) ed i simili effetti sono stati riferiti negli uomini che subiscono l'androgeno (ormone maschio) - terapia della privazione per carcinoma della prostata (Salminen ed altri 2004).

Il testosterone inoltre funge da agente neuroprotective endogeno, capace di sostenere l'integrità del neurone contro vari insulti della sostanza tossica, compreso lo sforzo ossidativo (Ahlbom ed altri 2001, Pike ed altri 2009). Inoltre, il testosterone è stato indicato per ridurre l'accumulazione dell'β-amiloide, un fattore patofisiologico importante nel morbo di Alzheimer (Zhang ed altri 2004, Rosario e luccio 2008).

Il testosterone migliora la sopravvivenza del neurone nelle regioni del cervello vulnerabili alla malattia neurodegenerative. Ciò può spiegare l'associazione di bassi livelli del testosterone negli uomini con le malattie neurodegenerative (Hogervorst ed altri 2004, aspettano ed altri 2004). Gli studi dimostrano la perdita del testosterone hanno accaduto 5 - 10 anni prima della diagnosi del morbo di Alzheimer. Ciò suggerisce che il testosterone basso sia un fattore di rischio importante per il morbo di Alzheimer (Moffat ed altri 2004; Rosario ed altri 2004). In uno studio clinico di 36 uomini recentemente diagnosticati con il morbo di Alzheimer, il trattamento intramuscolare del testosterone con 200mg ogni due settimane per fino a un anno è stato associato con miglioramento sia nell'abilità conoscitiva globale come pure nella funzione visivo-spaziale critica (Tan che unità di elaborazione 2003).

Glucosio e metabolismo dei lipidi: Il testosterone inoltre è stato collegato alla funzione metabolica nel corpo. Specificamente, gli studi hanno trovato le associazioni inverse fra la severità della sindrome metabolica, una circostanza caratterizzata da grasso addominale in eccesso, ricca in colesterolo e da ipertensione che predispone uno per la malattia cardiovascolare ed il testosterone basso del plasma (Allan ed altri 2007, Saad ed altri 2008). Uno studio clinico ha dimostrato che gli uomini con i bassi livelli del testosterone sono due volte come insulina resistente come loro controparti con i livelli normali del testosterone e 90% ha risposto ai criteri per la sindrome metabolica (Pitteloud ed altri 2005).

Inoltre sembra essere una relazione inversa fra i livelli del testosterone ed il diabete bassi negli uomini (Saad e Gooren 2009). Gli uomini con il diabete hanno più bassi livelli del testosterone confrontati agli uomini senza una storia del diabete (Stanworth e Jones 2009). La terza indagine nazionale di nutrizione e di salute di 1.413 uomini ha indicato che gli uomini inizialmente allineati in un terzo più basso riguardo a testosterone libero o bioavailable erano circa quattro volte più probabilmente avere diabete prevalente confrontato a quelli allineato in un terzo principale, dopo i ricercatori ha registrato i risultati per ottenere l'età, la corsa/l'etnia e l'adiposità (Selvin ed altri 2007).

Salute cardiovascolare: Mentre il pensiero convenzionale è stato che perché più uomini muoiono dagli attacchi di cuore che le donne, la disparità deve avere qualcosa fare con testosterone. Tuttavia, la ricerca sta precisando che, infatti, l'opposto può essere vero. I bassi livelli di testosterone sembrano essere correlati con parecchi fattori di rischio cardiovascolari, compreso i profili atherogenic del lipido, l'insulino-resistenza, l'obesità e una tendenza coagularsi (Jones ed altri 2005). Inoltre, la ricerca recente sta mostrando una chiara relazione fra i bassi livelli del testosterone e l'incidenza della malattia cardiovascolare aumentata e la mortalità negli uomini (Malkin ed altri 2010).

Salute della prostata: Confrontato ai giovani, i maschi più anziani hanno liberamente molto più estradiolo (una forma potente di estrogeno) che il testosterone che circola nel corpo. Questi estrogeno aumentante e livelli diminuenti dell'androgeno sono ancora di più definiti acutamente nella ghiandola di prostata.

I livelli dell'estrogeno aumentano significativamente di prostata con l'età ed i livelli dell'estrogeno nei tessuti della ghiandola di prostata aumentano ancora più su negli uomini che hanno BPH (Shibata Y ed altri 2000; Gann PH ed altri 1995; Krieg M ed altri 1993).

Uno studio importante indica che il testosterone è utile per la ghiandola di prostata nella vasta maggioranza dei casi. In questo studio ricercatori hanno esaminato i parametri multipli, compreso il volume della prostata, i livelli prostatico specifici dell'antigene (PSA) ed i sintomi più bassi dell'apparato urinario in un gruppo di uomini con i bassi o livelli basso normali del testosterone (Pechersky ed altri 2002). Dei 207 uomini studiati, 187 risposti favorevole al trattamento del testosterone.

L'importanza di prova dell'ormone

Milioni di uomini di invecchiamento hanno gli stati doppi di testosterone basso e ricchi in colesterolo. I medici convenzionali prescrivono colesterolo-abbassare le droghe per ridurre il colesterolo, quando, infatti, l'aumento relativo all'età in colesterolo potrebbe semplicemente essere il modo del corpo di aumento dei livelli di ormone assicurando le materie prime necessarie per fare gli ormoni (Dzugan ed altri 2002). I ricercatori al fondamento del prolungamento della vita hanno trattato con successo i livelli ricchi in colesterolo con un programma di terapia ormonale sostitutiva del bioidentical.

Il prolungamento della vita crede che le prove complete, con un esame fisico attento, siano essenziali nella rilevazione degli squilibri ormonali negli uomini di invecchiamento.

I cosiddetti livelli “normali„ di testosterone in uomini più anziani riflettono le medie della popolazione. Il fondamento del prolungamento della vita crede che la maggior parte dei uomini di invecchiamento abbiano preferito non accettare la perdita di vigore giovanile come normale. Invece, suggeriamo che un livello ottimale più valido per tutti gli uomini sia stato in un terzo superiore del campo di riferimento usato per gli uomini invecchiati 21 - 49 anni e che tutto il completamento dovrebbe mirare a ristabilire i livelli di ormone a quella gamma. Il livello ottimale del prolungamento della vita corrente di testosterone libero è 20-25pg/mL.

Quando il testosterone di misurazione livella, è critico determinare i livelli sia di testosterone libero che totale di capire la causa di tutti i sintomi osservati della carenza (Khosla ed altri 2008).

A causa delle difficoltà con la normalizzazione dell'attrezzatura e la variabilità tra laboratori diversi, è raccomandato che i medici usino coerente gli stessi laboratori locali e guadagnino la familiarità con l'accuratezza, la precisione e la definizione dei valori normali per le analisi offerte nelle loro comunità (Morales ed altri 2010).

È inoltre importante ricordarsi che i livelli ematici sia di testosterone libero che totale variano ampiamente fra gli individui, rendente lo difficile stabilire una linea di base generale su cui prescrivere un tipo di terapia standardizzato. Tuttavia, i livelli sono abbastanza coerenti presso gli individui ed è così importante che gli uomini hanno col passare del tempo prove multiple per determinare le tendenze e le diverse soglie per il trattamento.

Per concludere, durante la prova iniziale, è inoltre di importanza fondamentale da verificare i livelli dell'estrogeno. Molti degli effetti indesiderati dello squilibrio maschio dell'ormone realmente sono causati livelli relativi elevati dell'estrogeno di un testosterone del livello ai dai bassi (il rapporto dell'estrogeno/testosterone). Il livello ottimale del prolungamento della vita di estrogeno (misurato come estradiolo) per gli uomini invecchianti è 20-30pg/mL.

L'equilibrio dell'estrogeno è critico agli uomini invecchianti

Uno studio pubblicato nel giornale di American Medical Association (JAMA) ha misurato l'estradiolo del sangue in 501 uomo con infarto cronico. Confrontato agli uomini nell'estrogeno equilibrato quintile, gli uomini nell'più alto quintile (i livelli di estradiolo del siero di 37,40 pg/mL o maggior) dovevano significativamente (133%) più probabilmente morire. Quelli nell'estradiolo più basso quintile (l'estradiolo del siero livella sotto 12,90 pg/mL) hanno avuti un tasso di mortalità aumentato 317% confrontato al gruppo equilibrato. Gli uomini nell'equilibrato quintile-con il minor n3umero morte-hanno avuti i livelli di estradiolo del siero fra 21,80 e 30,11 pg/mL (Ewa ed altri 2009). Ciò è la gamma ideale che il prolungamento della vita lungamente ha raccomandato i membri maschii tenta d'ottenere.

Un problema che epidemico a prolungamento della vita osserviamo nell'invecchiamento i membri maschii è testosterone libero insufficiente, cioè, meno di 20 - 25 pg/mL del siero. Una volta accompagnato dall'estradiolo in eccesso (oltre 30 pg/mL del siero), questo può segnalare l'attività enzimatica in eccesso di aromatasi.

Terapie sostitutive del testosterone

Il trattamento ottimale del testosterone richiede solitamente la prescrizione di un medico. I medici integranti prescrivono tipicamente il testosterone del bioidentical screma (disponibile dal composto delle farmacie). I medici convenzionali sono più probabili prescrivere toppe del testosterone e preimballato e/o gel dalle ditte farmaceutiche che hanno cercato l'approvazione di FDA per la commercializzazione di massa dei loro prodotti.

Tutte le forme di testosterone del bioidentical hanno la stessa struttura molecolare ed aumenteranno il testosterone libero e totale nel sangue. La differenza principale è che le versioni preimballate potrebbero costare a fino a 10 volte più per dose di quanto le versioni composte. Ancora, i gel preimballati del testosterone sono venduti soltanto in un numero limitato delle dosi, mentre il testosterone composto può essere formulato a virtualmente tutta la dose che il medico ritiene è clinicamente necessario ed utile.

Facendo uso della sostituzione dell'ormone saggiamente

Se un uomo opta per la terapia del testosterone (disponibile oralmente o come un'iniezione, un impianto sottocutaneo, una crema attuale, un gel, o toppa della pelle), dovrebbe tenere parecchi fatti e precauzioni presente (Schaeffer ed altri 2004, Cunningham e Toma 2010):

  • La sostituzione dell'ormone non dovrebbe essere iniziata senza prova completa.
  • I modelli e le tendenze col passare del tempo dei livelli di ormone multipli, (per esempio testosterone libero, testosterone totale ed estrogeno), determinano le sostituzioni specifiche dell'ormone richieste.
  • Non può essere sicuro utilizzare un gran numero di testosterone in alcuna forma senza anche facendo uso dei supplementi d'inibizione o dei farmaci.
  • A causa del rischio di peggioramento del carcinoma della prostata, la selezione attenta, compreso una selezione specifica rettale digitale dell'antigene della prostata e dell'esame (PSA), deve essere fatta prima di iniziare qualsiasi programma della sostituzione dell'ormone. Tuttavia, la ricerca recente indica che i bassi livelli endogeni del testosterone possono presentare un maggior rischio per carcinoma della prostata che i livelli elevati (Morgantaler 2006, Rodman ed altri 2008). Se un uomo già ha carcinoma della prostata, tuttavia, la sostituzione del testosterone dovrebbe essere ritardata fino a sradicare il cancro di fondo.
  • Un uomo che contempla la sostituzione dell'ormone, se con una prescrizione o i supplementi, dovrebbe lavorare molto attentamente con un medico qualificato per progettare un approccio razionale del trattamento che comprende il controllo e la schermatura continuati.
  • Non ci sono “misure di una dimensione tutto il„ trattamento. Gli individui variano e la sostituzione dell'ormone può essere un processo semplice o complesso e spesso richiede l'attenzione attenta ai segni ed ai sintomi come pure la prova di laboratorio.
Compri la quinta edizione del trattamento e di prevenzione delle malattie
Ottenga la vostra guida nutrizionale LIBERA di supplemento