Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Riferimenti

1. La morfometria del campo di deformazione di Piperhoff P et al. rivela le differenze strutturali relative all'età fra i cervelli degli adulti fino a 51 anno. J Neurosci. 23 gennaio 2008; 28(4): 828-42.

2. Variazione neuroanatomical normale di Allen Js et al. dovuta invecchiare: i lobi principali e un parcellation della regione temporale. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 ottobre; 26(9): 1245-60; discussione 1279-82.

3. Stime normative di Fotenos AF et al. del declino a sezione trasversale e longitudinale del volume del cervello nell'invecchiamento ed in ANNUNCIO. Neurologia. 22 marzo 2005; 64(6): 1032-9.

4. A volumetria basata a RMI di Kruggel F. dei compartimenti capi: valori normativi degli adulti in buona salute. Neuroimage. 2006 marzo; 30(1): 1-11.

5. Sowell ER et al. che traccia cambiamento corticale attraverso la portata di vita umana. Nat Neurosci. 2003 marzo; 6(3): 309-15.

6. Differenze di genere di Hsu JL et al. e cambiamenti relativi all'età della materia bianca del cervello umano: uno studio di rappresentazione del tensore di diffusione. Neuroimage. 15 gennaio 2008; 39(2): 566-77.

7. Rappresentazione e invecchiamento del tensore di Sullivan EV e di Pfefferbaum A. Diffusion. Rev. 2006 di Neurosci Biobehav; 30(6): 749-61.

8. Misura quantitativa di Magnotta VA et al. in vivo del gyrification nel cervello umano: cambiamenti connessi con invecchiamento. Corteccia di Cereb. 1999 marzo; 9(2): 151-60.

9. Assottigliamento del DH di Salat et al. della corteccia cerebrale nell'invecchiamento. Corteccia di Cereb. 2004 luglio; 14(7): 721-30.

10. Maggior perdita di Sheline YI et al. di metà della vita in- dei ricevitori 5-HT (2A) che nella vita tarda. Psichiatria di J. 2002 marzo; 159(3): 430-5.

11. Erixon-Lindroth N et al. Il ruolo del trasportatore striatal della dopamina nell'invecchiamento conoscitivo. Ricerca di psichiatria. 30 gennaio 2005; 138(1): 1-12.

12. Associazione del ND di Volkow et al. fra il declino relativo all'età nell'attività della dopamina del cervello ed il danno in frontale e nel metabolismo del cingulate. Psichiatria di J. 2000 gennaio; 157(1): 75-80.

13. Del Arco et al. una corteccia prefrontale, una restrizione calorica e uno sforzo durante l'invecchiamento: gli studi su dopamina e su acetilcolina liberano, BDNF e memoria di lavoro. Behav Brain Res. 1° gennaio 2011; 216(1): 136-45.

14. I cambiamenti di Del Tredici K e di Braak H. Neurofibrillary del Alzheimer scrivono dentro gli individui a macchina molto anziani: nè inevitabile nè benigno: Commento “su nessuna malattia nel cervello di una donna di 115 anni„. Invecchiamento di Neurobiol. 2008 agosto; 29(8): 1133-6.

15. Sviluppo di Kadota T et al. e invecchiamento del cervello: valutazione con SIG. spettroscopia del protone. AJNR J Neuroradiol. 2001 gennaio; 22(1): 128-35.

16. Lovell mA e Markesbery WR. Danno ossidativo del DNA nel danno e nel morbo di Alzheimer conoscitivi delicati della tardi-fase. Ricerca degli acidi nucleici. 2007;35(22):7497-504.

17. Identificazione di proteomics di Butterfield DA e di Uva sultanina R. Redox delle proteine oxidatively modificate del cervello nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: visioni della progressione di questo disordine dementing. J Alzheimers DIS. 2007 agosto; 12(1): 61-72.

18. Il danneggiamento ossidativo di Mecocci P et al. di DNA mitocondriale è aumentato di morbo di Alzheimer. Ann Neurol. 1994 novembre; 36(5): 747-51.

19. Indicatori sistemici della TA di Schram et al. di infiammazione e del declino conoscitivo nella vecchiaia. Soc di J Geriatr. 2007 maggio; 55(5): 708-16.

20. Livelli di ormone sessuale di Yaffe K et al. e rischio endogeni di declino conoscitivo in un più vecchio gruppo biraziale. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 febbraio; 28(2): 171-8.

21. La TA di Rizzo e licenziato della scuola media ha. Morte endoteliale delle cellule del cervello: modi, segnalando le vie e rilevanza a sviluppo, ad omeostasi ed alla malattia neurali. Mol Neurobiol. 2010 agosto; 42(1): 52-63.

22. Il grasso viscerale di Debette S et al. è associato con il volume più basso del cervello in adulti di mezza età in buona salute. Ann Neurol. 2010 agosto; 68(2): 136-44.

23. Dieta Mediterranea di Scarmeas N et al. e danno conoscitivo delicato. Arco Neurol. 2009 febbraio; 66(2): 216-25.

24. Stine-giorno dopo ea et al. Gli effetti di uno stile di vita impegnato sulla vitalità conoscitiva: una prova in campo. Invecchiamento di Psychol. 2008 dicembre; 23(4): 778-86.

25. Danno conoscitivo di Atti AR et al. dopo l'età 60: Componenti del sociale e cliniche “nel progetto„ J Alzheimers DIS Faenza. 6 agosto 2010.

26. Prevalenza di Whitson E et al. e modelli di danno conoscitivo del comorbid nella riabilitazione bassa di visione per la malattia maculare. Arco Gerontol Geriatr. 2010 marzo-aprile; 50(2): 209-12.

27. Biomarcatori del plasma di canzone F et al. per danno ed il morbo di Alzheimer conoscitivi delicati. Brain Res Rev. 2009 ottobre; 61(2): 69-80.

28. L'elasticità della membrana di Horie H et al. dei neuroni del ganglio di radice dorsale del topo diminuisce con invecchiamento. FEBS Lett. 20 agosto 1990; 269(1): 23-5.

29. Sato y e Endo T. Alteration delle glicoproteine del cervello durante l'invecchiamento. Geriatr Gerontol Int. 2010 luglio; 10 supplementi 1: S32-40.

30. Solsona-Sancho C e Blasi-Cabus JM. [Membrana di un neurone e invecchiamento. Rev elettrofisiologico Neurol di aspetti]. 1999 1-15 dicembre; 29(11): 1083-8.

31. Hoekzema E ad Al gli effetti di invecchiamento su neurotrasmissione dopaminergica: uno studio del microPET di [11C] - raclopride che lega nel cervello invecchiato del roditore. Neuroscienza. 29 dicembre 2010; 171(4): 1283-6.

32. Backman L et al. che collega invecchiamento conoscitivo alle alterazioni nel funzionamento del neurotrasmettitore della dopamina: viali recenti di futuro e di dati. Rev. 2010 di Neurosci Biobehav aprile; 34(5): 670-7.

33. Putrefazione Dzh. [Cambiamenti nell'azione del neurotrasmettitore e dell'ormone con invecchiamento] Fiziol Zh. 1990 settembre-ottobre; 36(5): 82-9.

34. Chen S e Hillman DE. Morte-indietro dei dendrites delle cellule di Purkinje con perdita della sinapsi nei ratti di invecchiamento. J Neurocytol. 1999 marzo; 28(3): 187-96.

35. Forza sinaptica di Sametsky ea et al. e sinapsi postsynaptically silenziose con invecchiamento avanzato in neuroni piramidali hippocampal CA1 del ratto. Invecchiamento di Neurobiol. 2010 maggio; 31(5): 813-25.

36. Prove e modelli frontali di Rabbitt P et al. per il dente invecchiante conoscitivo Psy di EUR J. 2001; 13(1-2):5-28.

37. Fjell che et al. un cervello strutturale cambia nell'invecchiamento: corsi, cause e conseguenze conoscitive. Revs Neurosci. 2010; 21(3):182-221.

38. Fjell che et al. un cervello strutturale cambia nell'invecchiamento: corsi, cause e conseguenze conoscitive. Revs Neurosci. 2010; 21(3):182-221.

39. Fjell che et al. un cervello strutturale cambia nell'invecchiamento: corsi, cause e conseguenze conoscitive. Revs Neurosci. 2010; 21(3):182-221.

40. Indicatori di infiammazione del CE di Teuissen et al. relativamente a cognizione in una popolazione di invecchiamento in buona salute. J Neuroimmunol. 2003 gennaio; 134 (1-2): 142-50.

41. Se di Harris et al. Un'analisi genetica di associazione di abilità conoscitiva e di invecchiamento conoscitivo facendo uso di 325 indicatori per 109 geni si è associata con lo sforzo o la cognizione ossidativo. BMC Genet. 2 luglio 2007; 8:43.

42. Insulina di digiuno del plasma di Okereke OI et al., peptide C e cambiamento conoscitivo in uomini più anziani senza diabete: risultati dallo studio II. della salute dei medici. Neuroepidemiology. 2010;34(4):200-7.

43. Livelli di ormone di Ryan J et al. e funzione conoscitiva nelle donne postmenopausali di metà della vita. Invecchiamento di Neurobiol. 14 dicembre 2010.

44. Atrofia e cognizione del cervello del Muller m. et al.: Interazione con patologia cerebrovascolare? Invecchiamento di Neurobiol. Invecchiamento di Neurobiol. 2011 maggio; 32(5): 885-93.

45. Lovell mA e Markesbery WR. Danno ossidativo del DNA nel danno e nel morbo di Alzheimer conoscitivi delicati della tardi-fase. Ricerca degli acidi nucleici. 2007;35(22):7497-504.

46. Il danneggiamento ossidativo di Mecocci P et al. di DNA mitocondriale mostra i profondi aumenti età-dipendenti in cervello umano. Ann Neurol. 1993 ottobre; 34(4): 609-16.

47. Lovell mA e Markesbery WR. Danno ossidativo del DNA nel danno e nel morbo di Alzheimer conoscitivi delicati della tardi-fase. Ricerca degli acidi nucleici. 2007;35(22):7497-504.

48. Identificazione di proteomics di Butterfield DA e di Uva sultanina R. Redox delle proteine oxidatively modificate del cervello nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: visioni della progressione di questo disordine dementing. J Alzheimers DIS. 2007 agosto; 12(1): 61-72.

49. Il danneggiamento ossidativo di Mecocci P et al. di DNA mitocondriale è aumentato di morbo di Alzheimer. Ann Neurol. 1994 novembre; 36(5): 747-51.

50. Lo sforzo ossidativo sistemico di Serra JA et al. si è associato con le malattie neurologiche di invecchiamento. Ricerca di Neurochem. 2009 dicembre; 34(12): 2122-32.

51. Livelli periferici di Bermejo P et al. di ossidazione della proteina e del glutatione come indicatori nello sviluppo del morbo di Alzheimer da danno conoscitivo delicato. Ricerca libera di Radic. 2008 febbraio; 42(2): 162-70.

52. Danno ossidativo di Di Domenico F et al. nel cervello del ratto durante l'invecchiamento: interazione fra energia e proteine bersaglio chiave metaboliche. Ricerca di Neurochem. 2010 dicembre; 35(12): 2184-92.

53. Danno ossidativo di Di Domenico F et al. nel cervello del ratto durante l'invecchiamento: interazione fra energia e proteine bersaglio chiave metaboliche. Ricerca di Neurochem. 2010 dicembre; 35(12): 2184-92.

54. Succhiotto WF. Traffico del leucocita nel sistema nervoso centrale: i partecipanti ed i loro ruoli. Semin Immunol. 1999 aprile; 11(2): 125-37.

55. L'infiammazione di Whitney NP et al. media gli effetti varianti in neurogenesis: rilevanza alla patogenesi del trauma cranico e dei disordini neurodegenerative. J Neurochem. 2009 marzo; 108(6): 1343-59.

56. Peng H et al. HIV-1-infected e/o TNF-alfa macrofago-secernuta immune-attivata colpisce la proliferazione e la differenziazione neurali corticali fetali umane delle cellule del progenitore. Glia. 2008 giugno; 56(8): 903-16.

57. L'fattore-alfa di necrosi del tumore del YP di Liu et al. e interleukin-18 modulano il destino di un neurone delle cellule nella cultura neurale embrionale del progenitore. Brain Res. 30 agosto 2005; 1054(2): 152-8.

58. Il blocco infiammatorio di Monje ml et al. ristabilisce il neurogenesis hippocampal adulto. Scienza. 5 dicembre 2003; 302(5651): 1760-5.

59. Vallieres L et al. ha ridotto il neurogenesis hippocampal in topi transgenici adulti con produzione astrocytic cronica di interleukin-6. J Neurosci. 15 gennaio 2002; 22(2): 486-92.

60. Effetti di citochina del CE di Marx et al. sul immunoreactivity corticale del neurone MAP-2: implicazioni per schizofrenia. Psichiatria di biol. 15 novembre 2001; 50(10): 743-9.

61. Regolamento di citochina di Jarskog LF et al. della sopravvivenza di un neurone embrionale della dopamina e della serotonina del ratto in vitro. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1997 ottobre; 15(6): 711-6.

62. Weaver Jd et al. Interleukin-6 e rischio del declino conoscitivo: Studi di MacArthur su riuscito invecchiamento. Neurologia. 13 agosto 2002; 59(3): 371-8.

63. Proteina C-reattiva di alta sensibilità del siero di Komulainen P et al. e funzione conoscitiva in donne anziane. Invecchiamento di età. 2007 luglio; 36(4): 443-8.

64. Indicatori sistemici della TA di Schram et al. di infiammazione e del declino conoscitivo nella vecchiaia. Soc di J Geriatr. 2007 maggio; 55(5): 708-16.

65. Indicatori di infiammazione del CE di Teuissen et al. relativamente a cognizione in una popolazione di invecchiamento in buona salute. J Neuroimmunol. 2003 gennaio; 134 (1-2): 142-50.

66. CE di Teunissen et al. [indicatori del siero relativamente al funzionamento conoscitivo in una popolazione di invecchiamento: risultati dello studio di invecchiamento di Maastricht (MOSA)]. Tijdschr Gerontol Geriatr. 2003 febbraio; 34(1): 6-12.

67. Brydon L et al. infiammazione periferica è associato con attività alterata del nigra di substantia ed il rallentamento psicomotorio negli esseri umani. Psichiatria di biol. 1° giugno 2008; 63(11): 1022-9.

68. Azione dell'ormone steroide di Mani SK et al. nel cervello: diafonia fra la segnalazione delle vie. J Neuroendocrinol. 2009 marzo; 21(4): 243-7.

69. Balthazart J et al. È l'estradiolo del cervello un ormone o un neurotrasmettitore? Tendenze Neurosci. 2006 maggio; 29(5): 241-9.

70. Livelli di ormone sessuale di Yaffe K et al. e rischio endogeni di declino conoscitivo in un più vecchio gruppo biraziale. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 febbraio; 28(2): 171-8.

71. Livelli di ormone di Ryan J et al. e funzione conoscitiva nelle donne postmenopausali di metà della vita. Invecchiamento di Neurobiol. 14 dicembre 2010.

72. Effetti di RM di Marinho et al. dell'estradiolo sulla funzione conoscitiva delle donne postmenopausali. Maturitas. 2008 luglio-agosto; 60 (3-4): 230-4.

73. Hogervorst E et al. I livelli ottimali di testosterone sono associati con la migliore funzione conoscitiva in donne più anziane ed in uomini in buona salute? Acta di Biochim Biophys. 2010 ottobre; 1800(10): 1145-52.

74. La valutazione longitudinale di deviazione standard di Moffat et al. di concentrazione libera nel testosterone del siero predice la prestazione di memoria e lo stato conoscitivo in uomini anziani. J Clin Endocrinol Metab. 2002 novembre; 87(11): 5001-7.

75. Ormoni sessuali endogene di Barrett-Connor E et al. e funzione conoscitiva in uomini più anziani. J Clin Endocrinol Metab. 1999 ottobre; 84(10): 3681-5.

76. Il completamento del testosterone di Cherrier millimetro et al. migliora la memoria spaziale e verbale in uomini più anziani in buona salute. Neurologia. 10 luglio 2001; 57(1): 80-8.

77. Il testosterone di Cherrier millimetro et al. migliora la memoria spaziale negli uomini con il morbo di Aalzheimer ed il danno conoscitivo delicato. Neurologia. 28 giugno 2005; 64(12): 2063-8.

78. La densità bassa della sinapsi della spina dorsale CA1 di Leranth C et al. più ulteriormente è ridotta tramite la castrazione in primati non umani maschii. Corteccia di Cereb. 2004 maggio; 14(5): 503-10.

79. Modulazione dell'androgeno di Maclusky NJ et al. di plasticità sinaptica hippocampal. Neuroscienza. 2006;138(3):957-65.

80. La stimolazione del ricevitore Sigma-1 di Moriguchi S et al. dal deidroepiandrosterone migliora il danno conoscitivo con l'attivazione della chinasi II della camma, della chinasi proteica C e della chinasi segnale-regolata extracellulare in topi bulbectomized olfattivi. J Neurochem. 2011 giugno; 117(5): 879-91.

81. Deidroepiandrosterone di Sorwell chilogrammo et al. e declino conoscitivo relativo all'età. Età (Dordr). 2010 marzo; 32(1): 61-7.

82. Solfato del deidroepiandrosterone di Valenti G et al. e funzione conoscitiva negli anziani: Lo studio di InCHIANTI. J Endocrinol investe. 2009 ottobre; 32(9): 766-72.

83. I livelli del solfato del deidroepiandrosterone dello SR di Davis et al. sono associati con la funzione conoscitiva più favorevole in donne. J Clin Endocrinol Metab. 2008 marzo; 93(3): 801-8.

84. Effetti di Yamada S et al. del completamento del deidroepiandrosterone sulla funzione e sulle attività conoscitive della vita quotidiana nelle donne più anziane con delicato per moderare danno conoscitivo. Geriatr Gerontol Int. 2010 ottobre; 10(4): 280-7.

85. Sliwinski et al. un solfato di Pregnenolone migliora il potenziamento a lungo termine in CA1 nelle fette dell'ippocampo del ratto con la modulazione dei ricevitori dell'N-metilico-D-aspartato. Ricerca di J Neurosci. 1° dicembre 2004; 78(5): 691-701.

86. Il potenziamento di Irwin RP et al. e l'inibizione steroidi di N-metilico-D-aspartato ricevitore-hanno mediato le risposte intracellulari di Ca++: studi di struttura-attività. J Pharmacol Exp Ther. 1994 novembre; 271(2): 677-82.

87. Prova del proof of concept del CE di Marx et al. con il pregnenolone del neurosteroid che mira ai sintomi conoscitivi e negativi nella schizofrenia. Neuropsicofarmacologia. 2009 luglio; 34(8): 1885-903.

88. CE di Marx et al. Il allopregnanolone del neurosteroid è ridotto in corteccia prefrontale nel morbo di Alzheimer. Psichiatria di biol. 15 dicembre 2006; 60(12): 1287-94.

89. Il solfato del deidroepiandrosterone di Chend ZX et al. Neurosteroid inibisce le correnti persistenti del sodio in corteccia prefrontale mediale del ratto via l'attivazione dei ricevitori sigma-1. Exp Neurol. 2008 marzo; 210(1): 128-36.

90. Il solfato steroide di pregnenolone di Sabeti J et al. migliora il potenziamento a lungo termine dell'NMDA-ricevitore-indipendente alle sinapsi hippocampal CA1: ruolo per i canali ed i sigma-ricevitori L tipi del calcio. Ippocampo. 2007;17(5):349-69.

91. Horn S ed azione dell'ormone tiroideo di Heuer H. durante lo sviluppo del cervello: più domande che le risposte. Mol Cell Endocrinol. 5 febbraio 2010; 315 (1-2): 19-26.

92. Samuels MH. Funzione conoscitiva nell'ipotiroidismo e nell'ipertiroidismo non trattati. Diabete Obes di Curr Opin Endocrinol. 2008 ottobre; 15(5): 429-33.

93 il colesterolo basso di mA et al. HDL del reparto è associato con Gray Matter Volume più basso in adulti conoscitivo in buona salute. Front Aging Neurosci. 15 luglio 2010; 2. pii: 29.

94. I livelli del plasma HDL di Atzmon G et al. altamente correlano con la funzione conoscitiva nella longevità eccezionale. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2002 novembre; 57(11): M712-5.

95. L'esposizione cronica dell'omocisteina di Alkhoury K et al. aumenta le molecole endoteliali di adesione e media il leucocita: Interazioni endoteliali delle cellule nelle circostanze di flusso. EUR J Vasc Endovasc Surg. 2011 marzo; 41(3): 429-35.

96. L'omocisteina di Kumar m. et al. fa diminuire il flusso sanguigno al cervello dovuto la resistenza vascolare in arteria carotica. Neurochem Int. 2008 dicembre; 53 (6-8): 214-9.

97. L'amministrazione acuta opaca dell'omocisteina di C et al. altera il consolidamento di memoria sul compito inibitorio dell'evitare e fa diminuire il fattore neurotrophic cervello-derivato hippocampal immunocontent: prevenzione dal trattamento acido folico. Neuroscienza. 10 novembre 2009; 163(4): 1039-45.

98. Siuda J et al. Da danno conoscitivo delicato al morbo di Alzheimer - influenza di omocisteina, del vitamina b12 e del folato su cognizione col passare del tempo: risultati da seguito di un anno. Politico di Neurol Neurochir. 2009 luglio-agosto; 43(4): 321-9.

99. L'associazione di Seshadri S et al. dell'omocisteina di totale del plasma livella con il trauma cranico infraclinico: i volumi cerebrali, il hyperintensity della materia bianca e gli infarti silenziosi del cervello ad imaging a risonanza magnetica volumetrico nella prole di Framingham studiano. Arco Neurol. 2008 maggio; 65(5): 642-9.

100. L'associazione di Seshadri S et al. dell'omocisteina di totale del plasma livella con il trauma cranico infraclinico: i volumi cerebrali, il hyperintensity della materia bianca e gli infarti silenziosi del cervello ad imaging a risonanza magnetica volumetrico nella prole di Framingham studiano. Arco Neurol. 2008 maggio; 65(5): 642-9.

101. Saposnik G et al. cheabbassa rischio del colpo e di terapia, severità ed inabilità: risultati supplementari dalla prova di SPERANZA 2. Colpo. 2009 aprile; 40(4): 1365-72.

102. L'ANNUNCIO di Smith et al. chesi abbassa dalle vitamine di B rallenta il tasso di atrofia accelerata del cervello nel danno conoscitivo delicato: una prova controllata randomizzata. PLoS uno. 8 settembre 2010; 5(9): e12244.

103. Simile ripartizione ultrastrutturale di Farkas E et al. dei capillari cerebrocorticali nel morbo di Alzheimer, nella malattia del Parkinson e nell'ipertensione sperimentale. Che cosa è il collegamento funzionale? Ann N Y Acad Sci. 2000 aprile; 903:72-82.

104. L'ipertensione di Bellew chilometro et al. ed il tasso di declino conoscitivo in pazienti con demenza del Alzheimer scrivono. Alzheimer DIS Assoc Disord. 2004 ottobre-dicembre; 18(4): 208-13.

105. L'avvenimento di Guo Z et al. e la progressione di demenza in una popolazione della comunità hanno invecchiato 75 anni e più vecchio: relazione di uso del farmaco antipertensivo. Arco Neurol. 1999 agosto; 56(8): 991-6.

Pressione sanguigna sistolica di GE di 106 cigni et al. che segue oltre 25 - 30 anni e la prestazione conoscitiva in adulti più anziani. Colpo. 1998 novembre; 29(11): 2334-40.

107 Chobanian avoirdupois et al. Il settimo rapporto del comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione: il rapporto di JNC 7. JAMA. 21 maggio 2003; 289(19): 2560-72.

108. Ruolo di Pedsen BK et al. di produzione neurotrophic cervello-derivata indotta dall'esercizio di fattore nel regolamento di omeostasi di energia in mammiferi. Exp Physiol. 2009 dicembre; 94(12): 1153-60.

109. Anomalie del volume del cervello di McIntyre RS et al. e deficit neurocognitivi in diabeti melliti: punti del ercommonality patofisiologico con i disturbi dell'umore? Adv Ther. 2010 febbraio; 27(2): 63-80.

110. Rischio di Biessels GJ et al. di demenza in diabete mellito: una rassegna sistematica. Lancetta Neurol. 2006 gennaio; 5(1): 64-74.

111. Insulino-resistenza di LD del panettiere et al. e riduzioni Alzheimer del tipo di del metabolismo cerebrale regionale del glucosio per gli adulti conoscitivo normali con i prediabetes o il diabete di tipo 2 in anticipo. Arco Neurol. 2011 gennaio; 68(1): 51-7.

112. progressione di van Elderen et al. di atrofia del cervello e del declino conoscitivo in diabete mellito: seguito di tre anni. Neurologia. 14 settembre 2010; 75(11): 997-1002.

113. Insulina di digiuno del plasma di Okereke OI et al., peptide C e cambiamento conoscitivo in uomini più anziani senza diabete: risultati dallo studio II. della salute dei medici. Neuroepidemiology. 2010;34(4):200-7.

114... Penicaud L. Il ciclo di risposte neurale fra il cervello ed i tessuti adiposi. Sviluppatore di Endocr. 2010;19:84-92.

115. Interazione del Dott di Kerwin et al. fra l'indice di massa corporea e l'adiposità ed il rischio centrali di danno e di demenza conoscitivi di incidente: risultati dallo studio di memoria di iniziativa della salute delle donne. Soc di J Geriatr. 2011 gennaio; 59(1): 107-12.

116] L'adiposità di Abbatecola et al. predice il declino conoscitivo in persone più anziane con il diabete: seguito di due anni. PLoS uno. 23 aprile 2010; 5(4): e10333.

117. Differenze strutturali del cervello di Walther K et al. e funzionare conoscitivo relativi all'indice di massa corporea in femmine più anziane. Ronzio Brain Mapp. 2010 luglio; 31(7): 1052-64.

118. Il DJ schiavo et al. L'associazione dell'indice di massa corporea elevato con Brain Volumes riduttore nella mania di Primo episodio. Psichiatria di biol. 15 aprile 2011.

119. Il grasso viscerale di Debette S et al. è associato con il volume più basso del cervello in adulti di mezza età in buona salute. Ann Neurol. 2010 agosto; 68(2): 136-44.

120. Et al. l'obesità AJ noiosa è collegata con il volume più basso del cervello in 700 pazienti del MCI e dell'ANNUNCIO. Invecchiamento di Neurobiol. 2010 agosto; 31(8): 1326-39.

121. Relazioni interattive dello SR di Waldstein et al. della centrale contro obesità e pressione sanguigna totali alla funzione conoscitiva. Int J Obes (Lond). 2006 gennaio; 30(1): 201-7.

122. Obesità centrale del RA di Whitmer et al. e rischio aumentato di demenza più di tre decenni più tardi. Neurologia. 30 settembre 2008; 71(14): 1057-64.

123. Noia-inclinazione di RM di Conroy et al., solitudine, impegno sociale e depressione e la loro associazione con la funzione conoscitiva in gente più anziana: uno studio di popolazione. Med di salute di Psychol. 2010 agosto; 15(4): 463-73.

124. Influenza verde di AF et al. delle caratteristiche della rete sociale su cognizione e su stato funzionale con invecchiamento. Psichiatria di Int J Geriatr. 2008 settembre; 23(9): 972-8.

125. Interazione di Peters JL et al. dello sforzo, del carico del cavo e dell'età su cognizione in uomini più anziani: lo studio normativo di invecchiamento di VA. Circondi la salute Perspect. 2010 aprile; 118(4): 505-10.

126. Ansari TL et al. Le componenti neurali di sforzo conoscitivo nell'ansia: Effetti sull'elaborazione dell'efficienza. Biol Psychol. 2011 marzo; 86(3): 337-48.

127. Ansia di Gallagher D et al. e perturbazione comportamentistica come indicatori del morbo di Alzheimer prodromico in pazienti con danno conoscitivo delicato. Psichiatria di Int J Geriatr. 2011 febbraio; 26(2): 166-72.

128. Disturbi di ansia di Potvin O et al., episodi depressivi e danno conoscitivo nessuna demenza negli uomini più anziani e nelle donne dell'comunità-abitazione. Psichiatria di Int J Geriatr. 7 dicembre 2010.

129. Sandstrom et al. deficit conoscitivi relativamente al tipo di personalità ed alla disfunzione ipotalamico-ipofisi-adrenale di asse (HPA) in donne con esaurimento in relazione con lo sforzo. Scand J Psychol. 2011 febbraio; 52(1): 71-82.

130. Interazione di Peters JL et al. dello sforzo, del carico del cavo e dell'età su cognizione in uomini più anziani: lo studio normativo di invecchiamento di VA. Circondi la salute Perspect. 2010 aprile; 118(4): 505-10.

131. Barriere DW e Woon FL. Le stime Premorbid del volume del cervello ed il volume totale riduttore del cervello in adulti hanno esposto al trauma con o senza disordine post - traumatico di sforzo: una meta-analisi. Cogn Behav Neurol. 2010 giugno; 23(2): 124-9.

132. La durata di Felmingham K et al. di disordine post - traumatico di sforzo predice la perdita hippocampal della materia grigia. Neuroreport. 28 ottobre 2009; 20(16): 1402-6.

133. Effetti di meditazione di Newberg ab et al. sulla funzione conoscitiva e sul flusso sanguigno cerebrale negli oggetti con perdita di memoria: uno studio preliminare. J Alzheimers DIS. 2010;20(2):517-26.

134. Depressione di Tardi-vita di Panza F et al., danno conoscitivo delicato e demenza: continuum possibile? Psichiatria di J Geriatr. 2010 febbraio; 18(2): 98-116.

135. Burri mA et al. La natura ed i fattori determinanti di funzionamento neuropsicologico nella depressione di tardi-vita. Arco Gen Psychiatry. 2004 giugno; 61(6): 587-95.

136. Alexopoulos GS et al. Il corso della depressione geriatrica con “demenza reversibile„: uno studio controllato. Psichiatria di J. 1993 novembre; 150(11): 1693-9.

137. Crocco ea et al. Come la depressione di tardi-vita colpisce la cognizione: meccanismi neurali. Rappresentante di psichiatria di Curr. 2010 febbraio; 12(1): 34-8.

138. volume regionale del cervello di van Tol MJ et al. nella depressione e nei disturbi di ansia. Arco Gen Psychiatry. 2010 ottobre; 67(10): 1002-11.

139. L'impegno di Tardi-vita di Wang HX et al. in sociale e nelle attività di svago è associato con un rischio in diminuzione di demenza: uno studio longitudinale dal progetto Kungsholmen. J Epidemiol. 15 giugno 2002; 155(12): 1081-7.

140. Rete sociale dei truffatori VC et al., funzione conoscitiva ed incidenza di demenza fra le donne anziane. Salute pubblica di J. 2008 luglio; 98(7): 1221-7.

141. Disimpegno sociale di Bassuk ss et al. e declino conoscitivo di incidente nelle persone degli anziani dell'comunità-abitazione. Ann Intern Med. 3 agosto 1999; 131(3): 165-73.

142. Rete sociale dei truffatori VC et al., funzione conoscitiva ed incidenza di demenza fra le donne anziane. Salute pubblica di J. 2008 luglio; 98(7): 1221-7.

143. Karp A et al. che stimola mentalmente le attività sul lavoro durante il rischio di demenza e di metà della vita dopo l'età 75: studio di approfondimento dal progetto Kungsholmen. Psichiatria di J Geriatr. 2009 marzo; 17(3): 227-36.

<144. Mini esame dello stato mentale di Freidl W et al.: influenza dei fattori sociodemografici, ambientali e comportamentistici e dei fattori di rischio vascolari. J Clin Epidemiol. 1996 gennaio; 49(1): 73-8.

145. Danno conoscitivo di Atti AR et al. dopo l'età 60: Componenti del sociale e cliniche “nel progetto„ J Alzheimers DIS Faenza. 2010;21(4):1325-34.

146. KA di Ertel et al. Effetti di integrazione sociale sulla conservazione della funzione di memoria in una popolazione nazionalmente rappresentativa degli anziani degli Stati Uniti. Salute pubblica di J. 2008 luglio; 98(7): 1215-20.

147. I numeri dell'uguale di Azevedo FA et al. delle cellule di nonneuronal e di un neurone rendono al cervello umano un cervello isometrico portato su scala industriale del primate. Comp. Neurol di J. 10 aprile 2009; 513(5): 532-41.

.148. Calibro FH. Neurogenesis nel cervello adulto. J Neurosci 2002. 22:612-613.

149. Zoladz JA et al. L'effetto di attività fisica sul cervello ha derivato il fattore neurotrophic: dall'animale agli studi umani. J Physiol Pharmacol. 2010 ottobre; 61(5): 533-41.

150. Da struttura indotta da addestramento del cervello di Boyke J et al. cambia negli anziani. J Neurosci. 9 luglio 2008; 28(28): 7031-5.

151. Bekinschtein P et al. BDNF è essenziale per promuovere la persistenza di stoccaggio di memoria a lungo termine. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 19 febbraio 2008; 105(7): 2711-6.

152. Yamada K e Nabeshima T. Cervello-hanno derivato il fattore/segnalazione neurotrophic di TrkB nei processi di memoria. J Pharmacol Sci. 2003 aprile; 91(4): 267-70.

153. Huang EJ et al. Neurotrophins: ruoli nello sviluppo e nella funzione di un neurone. Annu Rev Neurosci. 2001;24:677-736.

154. Zuccato C e Cattaneo E. Cervello-hanno derivato il fattore neurotrophic nelle malattie neurodegenerative. Nat Rev Neurol. 2009 giugno; 5(6): 311-22.

155 Arancio O e Chao sistemi MV. Neurotrophins, plasticità sinaptica e demenza. Curr Opin Neurobiol. 2007 giugno; 17(3): 325-30.

156. Cunha C et al. Un ruolo semplice per BDNF nell'apprendimento e nella memoria? Front Mol Neurosci. 9 febbraio 2010; 3: 1.

157. Effetti differenziali di Liu Y et al. di funzionamento della pedana mobile e funzionamento della ruota sull'apprendimento e sulla memoria spaziali o che ha avversione: ruoli del fattore e dello synaptotagmin neurotrophic cervello-derivati amygdalar I.J Physiol. 1° luglio 2009; 587 (pinta 13): 3221-31.

158. Cotman CW e Berchtold NC. Esercizio: un intervento comportamentistico per migliorare salute e plasticità del cervello. Tendenze Neurosci. 2002 giugno; 25(6): 295-301.

159. LT di Ferris et al. L'effetto dell'esercizio acuto sul siero cervello-ha derivato i livelli di fattore neurotrophic e la funzione conoscitiva. Med Sci Sports Exerc. 2007 aprile; 39(4): 728-34.

160. Il millefoglio JF et al. che si prepara aumenta l'elevazione indotta di esercizio di resistenza del fattore neurotrophic derivato cervello di circolazione (BDNF). Neurosci Lett. 26 luglio 2010; 479(2): 161-5.

161. Livelli del siero dell'oro MP et al. e reattività basali di fattore di crescita del nervo e di fattore neurotrophic cervello-derivato all'esercizio acuto standardizzato nella sclerosi a placche e nei comandi. J Neuroimmunol. 2003 maggio; 138 (1-2): 99-105.

l'influenza dell'interruttore 162.Tang et al. dell'esercizio sul siero cervello-ha derivato le concentrazioni neurotrophic di fattore nei soggetti umani in buona salute. Neurosci Lett. 24 gennaio 2008; 431(1): 62-5.

163. L'alto funzionamento di impatto dell'inverno B et al. migliora l'apprendimento. Neurobiol impara Mem. 2007 maggio; 87(4): 597-609.

164. L'alto funzionamento di impatto dell'inverno B et al. migliora l'apprendimento. Neurobiol impara Mem. 2007 maggio; 87(4): 597-609.

165. Effetti differenziali di Liu Y et al. di funzionamento della pedana mobile e funzionamento della ruota sull'apprendimento e sulla memoria spaziali o che ha avversione: ruoli del fattore e dello synaptotagmin neurotrophic cervello-derivati amygdalar I.J Physiol. 1° luglio 2009; 587 (pinta 13): 3221-31.

166. Regolamento indotto dall'esercizio di Oliff HS et al. delle trascrizioni neurotrophic cervello-derivate di fattore (BDNF) nell'ippocampo del ratto. Brain Res Mol Brain Res. 30 ottobre 1998; 61 (1-2): 147-53.

167. Attività fisica di Sofi F et al. e rischio di declino conoscitivo: una meta-analisi degli studi prospettivi. Med dell'interno di J. 2011 gennaio; 269(1): 107-17.

168. Il corpo striato dei BU di Forstmann et al. e pre--SMA facilitano il processo decisionale sotto pressione di tempo. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 11 novembre 2008; 105(45): 17538-42.

169. L'addestramento di Bedard m. e di Weaver B. Cognitive per i più vecchi autisti può ridurre la frequenza della partecipazione alle collisioni dell'autoveicolo. Evid ha basato la salute di Ment. 2011 maggio; 14(2): 52.

170. Rami L et al. [questionario conoscitivo della riserva. Punteggi ottenuti in popolazione anziana in buona salute e in uno con il morbo di Alzheimer]. Rev Neurol. 16 febbraio 2011; 52(4): 195-201.

171. Serra L et al. componenti Neuroanatomical della riserva conoscitiva nel morbo di Aalzheimer. Ricerca di ringiovanimento. 4 gennaio 2011.

172. Le funzioni ed i tratti del lavoratore del KA di Smyth et al. si sono associati con le occupazioni e lo sviluppo dell'ANNUNCIO. Neurologia. 10 agosto 2004; 63(3): 498-503.

173. Tucker e Y. Cognitive Reserve severo nell'invecchiamento. Ricerca di Curr Alzheimer. 11 gennaio 2011.

174. Miglioramento di EM di Zelinski et al. nella memoria con ad addestramento conoscitivo adattabile basato a plasticità: risultati di seguito di tre mesi. Soc di J Geriatr. 2011 febbraio; 59(2): 258-65.

175. Il colore di Kwok V et al. che impara nuovi i nomi produce l'aumento rapido nella materia grigia nella corteccia umana adulta intatta. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 19 aprile 2011; 108(16): 6686-8.2011

176. Pensiero del movimento del cavaliere di Archer ha et al.? Danno conoscitivo delicato in un giocatore di scacchi. Neurocase. 2005 febbraio; 11(1): 26-31.

177. Craik FI et al. che ritarda l'inizio del morbo di Aalzheimer: bilinguismo come forma di riserva conoscitiva. Neurologia. 9 novembre 2010; 75(19): 1726-9.

178. Mozolic JL et al. Un intervento conoscitivo di addestramento aumenta il flusso sanguigno cerebrale di riposo in adulti più anziani in buona salute. Front Hum Neurosci. 12 marzo 2010; 4:16.

179. Istituti nazionali di Daviglus ml et al. della dichiarazione di conferenza di Stato-de--scienza di salute: impedire morbo di Aalzheimer e declino conoscitivo. Ann Intern Med. 3 agosto 2010; 153(3): 176-81.

180. Malyka AG et al. Piracetam e droghe del tipo di piracetam: da scienza di base alle applicazioni cliniche novelle ai disordini dello SNC. Droghe. 12 febbraio 2010; 70(3): 287-312.

181. Muller NOI et al. effetti di piracetam su fluidità della membrana nel topo, nel ratto e nel cervello umano invecchiati. Biochimica Pharmacol. 24 gennaio 1997; 53(2): 135-40.

182. Efficacia clinica di Waegemans T et al. di piracetam nel danno conoscitivo: una meta-analisi. Geriatr demente Cogn Disord. 2002;13(4):217-24.

183. Nagasawa H, Kogure K, et al. effetti del mesilato co--dergocrine (Hydergine) nella demenza di multi-infarto come valutata tramite tomografia a emissione di positroni. Med di Tohoku J Exp. Del 1990 novembre; 162(3): 225-33.

184. Imperato et al. un co--dergocrine (Hydergine) regola il rilascio striatal e hippocampal dell'acetilcolina tramite i ricevitori D2. Neuroreport. 24 febbraio 1994; 5(6): 674-6.

185. Effetto di Amenta F et al. del trattamento a lungo termine di hydergine sulla perdita età-dipendente delle fibre muscose e di cellule del granello nell'ippocampo del ratto. Arco Gerontol Geriatr. 1990 maggio-giugno; 10(3): 287-96.

186. Schneider LS e Olin JT. Panoramica dei test clinici del hydergine nella demenza. Arco Neurol. 1994 agosto; 51(8): 787-98.

187. Engberg G et al. Deprenyl (selegilina), un inibitore selettivo di MAO-B con i metaboliti attivi; effetti su attività locomotrice, su neurotrasmissione dopaminergica e sulla portata del riscaldamento dei neuroni nigral della dopamina. J Pharmacol Exp Ther. 1991 novembre; 259(2): 841-7.

188. Subramanian sistemi MV e James TJ. Il completamento del deprenyl attenua le alterazioni associate l'età in cervelletto del ratto. Mol Biol Rep. 2010 dicembre; 37(8): 3653-61.

189. [Nessun autori elencati] A randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo del deprenyl e acido tioctico nel danno conoscitivo virus-collegato di immunodeficienza umana. Dana Consortium sulla terapia di demenza di HIV e di disordini conoscitivi riferiti. Neurologia. 1998 marzo; 50(3): 645-51.

190. La partecipazione di VP di Georgiev et al. dei meccanismi adrenergici nel rilascio dell'acetilcolina del cervello ha prodotto dal centrophenoxine. Acta Physiol Pharmacol Bulg. 1979;5(4):21-6.

191. Marcer D e Hopkins MP. Gli effetti differenziali di meclofenoxate su perdita di memoria negli anziani. Invecchiamento di età. 1977 maggio; 6(2): 123-31.

192. Effetti del Jr. di Fulop T et al. del centrophenoxine su composizione corporea ed alcuni parametri biochimici degli anziani pazzi come rivelatore in un test clinico della prova alla cieca. Arco Gerontol Geriatr. 1990 maggio-giugno; 10(3): 239-51.

193. Verma R e Nehru B. Effect del centrophenoxine contro dallo lo sforzo ossidativo indotto da rotenone in un modello animale della malattia del Parkinson. Neurochem Int. 2009 novembre; 55(6): 369-75.

194. Eskelinen MH ad elettrico. Consumo di grassi alla metà della vita e danno conoscitivo più successivamente nella vita: uno studio basato sulla popolazione di CAIDE. Psichiatria di Int J Geriatr. 2008 luglio; 23(7): 741-7.

195. Benton D. et al. L'influenza del carico glicemico della prima colazione sul comportamento dei bambini a scuola. Physiol Behav. 23 novembre 2007; 92(4): 717-24.

196. Papanikolaou Y et al. migliora la prestazione conoscitiva dopo un basso glicemico indice rispetto ad un pasto del carboidrato di alto-glicemico-indice in adulti con il diabete di tipo 2. Diabetologia. 2006 maggio; 49(5): 855-62.

197. La restrizione calorica di Witte avoirdupois et al. migliora la memoria in esseri umani anziani. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 27 gennaio 2009; 106(4): 1255-60.

198. Kemnitz JW. Restrizione e invecchiamento di caloria nei primati non umani. ILAR J. 2011 8 febbraio; 52(1): 66-77.

199. Effetti di Smith PJ et al. degli approcci dietetici per fermare dieta di ipertensione, esercizio e restrizione calorica sul neurocognition in adulti di peso eccessivo con ipertensione. Ipertensione. 2010 giugno; 55(6): 1331-8.

200. Restrizione di Qiu G et al. e salute dietetiche del cervello. Toro di Neurosci. 2010 febbraio; 26(1): 55-65.

201. Le implicazioni di salute del WC di Willett et al. del Mediterraneo è a dieta alla luce di conoscenza contemporanea. 1. Alimenti vegetali e prodotti lattier-caseario. J Clin Nutr. 1995 giugno; 61 (6 supplementi): 1407S-1415S.

202. Le implicazioni di salute del WC di Willett et al. del Mediterraneo è a dieta alla luce di conoscenza contemporanea. 1. Alimenti vegetali e prodotti lattier-caseario. J Clin Nutr. 1995 giugno; 61 (6 supplementi): 1407S-1415S.

203. Livelli Mediterranei di sensibilità di dieta e dell'insulina di Tzima N et al., di profilo del lipido e di pressione sanguigna, in gente di peso eccessivo ed obesa; lo studio di Attica. Salute DIS dei lipidi. 19 settembre 2007; 6:22.

204. L'effetto di MB del Bos et al. degli acidi grassi monoinsaturi di un livello è a dieta e una dieta Mediterranea sulla sensibilità dei lipidi e dell'insulina del siero in adulti con l'obesità addominale delicata. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2010 ottobre; 20(8): 591-8.

205. Influenze dietetiche di Kokkinos P et al. su pressione sanguigna: l'effetto della dieta Mediterranea sulla prevalenza di ipertensione. J Clin Hypertens (Greenwich). 2005 marzo; 7(3): 165-70; quiz 171-2.

206. Aderenza di Sofi F et al. alla dieta Mediterranea ed allo stato di salute: meta-analisi. BMJ. 11 settembre 2008; 337: a1344. doi: 10.1136/bmj.a1344.

207. Kastorini cm et al. L'effetto della dieta mediterranea sulla sindrome metabolica e sulle sue componenti una meta-analisi di 50 studi e di 534.906 individui. J Coll Cardiol. 15 marzo 2011; 57(11): 1299-313.

208. Trichopoulou et al. una dieta e una sopravvivenza dei Greci anziani: un collegamento al passato. J Clin Nutr. 1995 giugno; 61 (6 supplementi): 1346S-1350S.

209. Trichopoulou et al. un'aderenza ad una dieta Mediterranea e sopravvivenza in una popolazione greca. Med di N Inghilterra J. 26 giugno 2003; 348(26): 2599-608.

210. Fattori collegati allo stile di vita di Solfrizzi V et al. nelle sindromi di demenza e di predementia. Rev esperto Neurother. 2008 gennaio; 8(1): 133-58.

211. Dieta Mediterranea di Feart C et al. e funzione conoscitiva in adulti più anziani. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2010 gennaio; 13(1): 14-8.

212. Dieta Mediterranea di Scarmeas N et al. e danno conoscitivo delicato. Arco Neurol. 2009 febbraio; 66(2): 216-25.

213. Attività fisica, dieta e rischio di Scarmeas N et al. di morbo di Aalzheimer. JAMA. 12 agosto 2009; 302(6): 627-37.

214. McMillan L et al. effetti comportamentistici di una dieta Mediterranea di dieci giorni. Risultati da un umore di valutazione di studio pilota e da una prestazione conoscitiva. Appetito. 2011 febbraio; 56(1): 143-7.

215. Verdure del RO di Roberts et al., grassi insaturi, ingestione di alcol moderata e danno conoscitivo delicato. Geriatr demente Cogn Disord. 2010;29(5):413-23.

216. Consumo dell'alcool di Anstey kJ et al. come fattore di rischio per demenza ed il declino conoscitivo: meta-analisi degli studi prospettivi. Psichiatria di J Geriatr. 2009 luglio; 17(7): 542-55.

217. Consumo dell'alcool di metà della vita di Virtaa JJ et al. e rischio successivo di danno conoscitivo: uno studio di approfondimento gemellato. J Alzheimers DIS. 1° gennaio 2010; 22(3): 939-48.

218. La L noiosa et al. eterogeneità nei contenuti polifenolici del vino rosso differenziale influenza la neuropatologia malattia tipa ed il deterioramento conoscitivo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;16(1):59-72.

219. Effetto protettivo di Montilla P et al. di vino rosso sullo sforzo ossidativo e sulle attività enzimatiche antiossidanti nel cervello e del rene indotto alimentandosi ricca in colesterolo in ratti. Clin Nutr. 2006 febbraio; 25(1): 146-53.

220. Il consumo del vino del moderato del KA di Arntzen et al. è associato con i migliori risultati dei test conoscitivi: seguito di 7 anni di 5033 oggetti nello studio di Tromsø. Supplemento di Neurol Scand di acta. 2010;(190):23-9.

l'assunzione di 221.] Nurk E et al. didi vino, di didi tè e di didi cioccolato ricchi di flavonoide dagli uomini e dalle donne anziani è associata con la migliore prestazione conoscitiva della prova. J Nutr. 2009 gennaio; 139(1): 120-7.

222. Chung BH et al. Alcool-ha mediato il potenziamento del lipemia postprandiale: un fattore di contributo ad un aumento in plasma HDL e ad una diminuzione nel rischio di malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2003 settembre; 78(3): 391-9.

223. Schafer C et al. Oltre aumento del HDL-colesterolo: arricchimento e spostamento nel fosfolipide da HDL3 a HDL2 nei consumatori dell'alcool. Ricerca del lipido di J. 2007 luglio; 48(7): 1550-8.

224. Da aumento indotto da alcool di Kralova Lesna I et al. maggio di HDL è considerato come atheroprotective? Ricerca di Physiol. 2010;59(3):407-13.

225. Alcool di Collins mA et al. nella moderazione, in cardioprotezione e in neuroprotection: considerazioni epidemiologiche e studi meccanicistici. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 2009 febbraio; 33(2): 206-19.

226. Di caffè ricco d'antiossidante di Bakuradze T et al. riduce il danno del DNA, eleva lo stato del glutatione e contribuisce a controllo del peso: Risultati da uno studio di intervento. Mol Nutr Food Res. 2011 maggio; 55(5): 793-7.

227. Moura-Nunes N et al. L'aumento nella capacità antiossidante del plasma umano dopo l'assunzione acuta del caffè non è associato con le componenti antiossidanti non enzimatiche endogene. Alimento Sci Nutr di Int J. 11 settembre 2009: 1-9.

228. Attenuazione di Cho es et al. della morte di un neurone ossidativa delle cellule dai phytochemicals fenolici del caffè. Ricerca di Mutat. 10 febbraio 2009; 661 (1-2): 18-24.

229. YP di Hwang e HG di Jeong. Il kahweol del diterpene del caffè induce il heme oxygenase-1 via il PI3K e la via p38/Nrf2 per proteggere i neuroni dopaminergici umani da 6 idrossidopamina-ha derivato lo sforzo ossidativo. FEBS Lett. 23 luglio 2008; 582(17): 2655-62.

230. La caffeina del cao C et al. potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: Legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 18 marzo 2011.

231. Il consumo del caffè del BM di Van Gelder et al. è associato inversamente con il declino conoscitivo in uomini europei anziani: lo studio FINE. EUR J Clin Nutr. 2007 febbraio; 61(2): 226-32.

232. Consumo della caffeina di Corley J et al. e funzione conoscitiva all'età 70: lo studio del gruppo 1936 di nascita di Lothian. Med di Psychosom. 2010 febbraio; 72(2): 206-14.

233. Il rallentamento conoscitivo di Nebes RD et al. connesso con attività anticolinergica elevata del siero in individui più anziani è diminuito tramite uso della caffeina. Psichiatria di J Geriatr. 2011 febbraio; 19(2): 169-75.

234. L'assunzione della caffeina di Santos C et al. è associata con un più a basso rischio del declino conoscitivo: uno studio di gruppo dal Portogallo. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S175-85.

235. Caffeina di Al di Ritchie Ke t, funzionamento conoscitivo e lesioni della materia bianca negli anziani: instaurazione della causalità da prova epidemiologica. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S161-6.

236. Foskett et al. una caffeina migliora la prestazione conoscitiva di abilità e di funzione durante l'attività simulata di calcio. Sport Nutr Exerc Metab di Int J. 2009 agosto; 19(4): 410-23.

237. La caffeina di Chen X et al. protegge dalle rotture della barriera ematomeningea nei modelli animali di Alzheimer e delle malattie del Parkinson. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S127-41.

238. La caffeina del cao C et al. sopprime i amiloide-beta livelli in plasma ed in cervello dei topi transgenici del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):681-97.

239. La caffeina di Arendash GW et al. inverte il danno conoscitivo e fa diminuire i amiloide-beta livelli del cervello nei topi invecchiati del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):661-80.

240. Prova di L. Epidemiologic dell'arabo su caffè e su cancro. Cancro di Nutr. 2010;62(3):271-83.

241. Goto et al. un consumo della caffeina e del caffè relativamente alla globulina ormone-legante del sesso ed al rischio di diabete di tipo 2 in donne postmenopausali. Diabete. 2011 gennaio; 60(1): 269-75.

242. La scrematrice non casearia di Renouf m. et al., ma non il latte, ritarda l'aspetto degli equivalenti acidi fenolici del caffè in plasma umano. J Nutr. 2010 febbraio; 140(2): 259-63.

243. Simopoulos AP. Aspetti evolutivi della dieta: Il rapporto Omega-6/Omega-3 ed il cervello. Mol Neurobiol. 29 gennaio 2011.

244. Alterazioni del ricevitore della dopamina di Davis PF et al. in ratti femminili con dall'l'acido docosaesaenoico in diminuzione indotto da dieta del cervello (DHA): interazioni con stato riproduttivo. Nutr Neurosci. 2010 agosto; 13(4): 161-9.

245. Liu C e Cai WX. [Progresso sulla relazione fra gli acidi grassi polinsaturi omega-3 ed il comportamento violento-aggressivo]. Fa Yi Xue Za Zhi. 2010 dicembre; 26(6): 454-9.

246. Sc di Heinrichs Completamento dietetico dell'acido grasso omega-3 per l'ottimizzazione struttura e della funzione di un neurone. Mol Nutr Food Res. 2010 aprile; 54(4): 447-56.

247. Simopoulos AP. Aspetti evolutivi del omega-6 dietetico: rapporto dell'acido grasso omega-3: implicazioni mediche. Rev Nutr Diet del mondo. 2009;100:1-21.

248. Chiu cc et al. Gli effetti di monoterapia degli acidi grassi omega-3 nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata preliminare. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 1° agosto 2008; 32(6): 1538-44.

249. Supplementi poli-insaturi dell'acido grasso Omega-3 di Gao Q et al. e declino conoscitivo: Studi longitudinali di invecchiamento di Singapore. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2011;15(1):32-5.

250. Consumo di pesce dell'ANNUNCIO di Dangour et al. e funzione conoscitiva fra la gente più anziana nel Regno Unito: dati della linea di base dallo studio OPALINO. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2009 marzo; 13(3): 198-202.

251. Prestazione conoscitiva di Nurke E et al. fra l'assunzione anziana e dietetica del pesce: lo studio di salute di Hordaland. J Clin Nutr. 2007 novembre; 86(5): 1470-8.

252. L'acido docosahexaenonic del fosfolipide del siero di Muldoon MF et al. è associato con il funzionamento conoscitivo durante l'età adulta media. J Nutr. 2010 aprile; 140(4): 848-53.

253. Avanzamenti recenti di Willis LM et al. nel completamento della bacca e nel declino conoscitivo relativo all'età. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2009 gennaio; 12(1): 91-4.

254. Identificazione di Kalt W et al. degli antociani nel fegato, nell'occhio e nel cervello di maiali di mirtillo-federazione. Alimento chim. di J Agric. 13 febbraio 2008; 56(3): 705-12.

255. Metabolismo dell'antociano di Talavera S et al. in ratti e la loro distribuzione ad area digestiva, al rene ed al cervello. Alimento chim. di J Agric. 18 maggio 2005; 53(10): 3902-8.

256. Le catechine del tè verde di Mandel S et al. come chelatori cervello-permeabili e non tossici del ferro “rivestono di ferro fuori il ferro„ dal cervello.Supplemento neurale del trasmettitore di J. 2006;(71):249-57.

257. Effetto di Mokni m. et al. dei resveratroli sulle attività enzimatiche antiossidanti nel cervello del ratto sano. Ricerca di Neurochem. 2007 giugno; 32(6): 981-7.

258. Effetto di Papandreou mA et al. di un di un estratto selvaggio ricco di polifenolo del mirtillo sulla prestazione conoscitiva dei topi, degli indicatori antiossidanti del cervello e dell'attività dell'acetilcolinesterasi. Behav Brain Res. 17 marzo 2009; 198(2): 352-8.

259. Modulazione di Casadesus G. et al. di plasticità hippocampal e di comportamento conoscitivo dal completamento a breve termine del mirtillo in ratti invecchiati. Nutr Neurosci. 2004 ottobre-dicembre; 7 (5-6): 309-16.

260. PE di Milbury e trasporto flavonoide del metabolismo e della bacca di Kalt W. Xenobiotic attraverso la barriera ematomeningea. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 3950-6.

261. Il completamento del mirtillo di Krikorian R et al. migliora la memoria in adulti più anziani. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 3996-4000.

262. Inversioni di Joseph JA et al. dei declini relativi all'età nei deficit comportamentistici conoscitivi e e del motore di un neurone di trasduzione, del segnale con il mirtillo, gli spinaci, o il completamento dietetico della fragola. J Neurosci. 15 settembre 1999; 19(18): 8114-21.

263. La dieta mirtillo-arricchita a breve termine del DH di Malin et al. impedisce ed inverte la perdita di memoria di riconoscimento degli oggetti nei ratti di invecchiamento. Nutrizione. 2011 marzo; 27(3): 338-42.

264. Stull et al. Bioactives AJ in mirtilli migliora la sensibilità dell'insulina in uomini ed in donne obesi e insulina-resistenti. J Nutr. 2010 ottobre; 140(10): 1764-8.

265. Del Bo ' C et al. L'effetto temporale di un mirtillo selvaggio (vaccinium angustifolium) - dieta arricchita sul tono vasomotore nel topo Sprague Dawley. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 14 agosto 2010.

266. Consumo del tè di NG TP et al. e danno e declino conoscitivi in adulti cinesi più anziani. J Clin Nutr. 2008 luglio; 88(1): 224-31.

267. Feng L et al. consumo conoscitivo del tè e di funzione in cinese più vecchio d'abitazione della comunità a Singapore. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2010 giugno; 14(6): 433-8.

268. Tè verde di Lee JW et al. (-) - epigallocatechin-3-gallate inibisce dalla la disfunzione conoscitiva indotta da beta con modifica di attività di secretase via inibizione di vie ERK e N-F-kappaB in topi. J Nutr. 2009 ottobre; 139(10): 1987-93.

269. Manipolazione simultanea Mandel SA et al. degli obiettivi multipli del cervello dalle catechine del tè verde: una strategia neuroprotective potenziale per Alzheimer ed i morbi di parkinson. SNC Neurosci Ther. Inverno 2008; 14(4): 352-65.

270. L'ingestione quotidiana di Unno K et al. delle catechine del tè verde dall'età adulta ha soppresso la disfunzione del cervello in topi invecchiati. Biofactors. 2008;34(4):263-71.

271. Parco SK et al. Una combinazione di estratto e di l-teanina del tè verde migliora la memoria e l'attenzione negli oggetti con danno conoscitivo delicato: Uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. J Med Food. 2011 aprile; 14(4): 334-43.

272. Vertes RP. Ritmo di teta Hippocampal: un'etichetta per la memoria a breve termine. Ippocampo. 2005;15(7):923-35.

273. Oscillazioni di Buzsaki G. Theta nell'ippocampo. Neurone. 31 gennaio 2002; 33(3): 325-40.

274. I polifenoli del tè verde di Xu Y et al. inibiscono il danno conoscitivo indotto dall'ipoperfusione cerebrale cronica via la modulazione dello sforzo ossidativo. Biochimica di J Nutr. 2010 agosto; 21(8): 741-8.

275. Effetti protettivi di Chen WQ et al. dei polifenoli del tè verde sui danni conoscitivi indotti dallo stress psicologico in ratti. Behav Brain Res. 24 agosto 2009; 202(1): 71-6.

276. L'ingestione quotidiana di Unno K et al. delle catechine del tè verde dall'età adulta ha soppresso la disfunzione del cervello in topi invecchiati. Biofactors. 2008;34(4):263-71.

277. La l-teanina del TI di Kim et al., un aminoacido in tè verde, attenua da disfunzione e dalla la neurotossicità conoscitive indotte da beta: riduzione del danno e dell'inattivazione ossidativi della chinasi ERK/p38 e delle vie N-F-kappaB. Med libero di biol di Radic. 1° dicembre 2009; 47(11): 1601-10.

278. Il tè verde epigallocatechin-3-gallate (EGCG) di Rezai-Zadeh K et al. riduce il danno conoscitivo mediato beta-amiloide e modula la patologia di tau nei topi transgenici di Alzheimer. Brain Res. 12 giugno 2008; 1214:177-87.

279. Le catechine del tè verde di Haque et al. impediscono i deficit conoscitivi causati da Abeta1-40 in ratti. Biochimica di J Nutr. 2008 settembre; 19(9): 619-26.

280. Hininger-Favier cioè tal. L'estratto del tè verde fa diminuire lo sforzo ossidativo e migliora la sensibilità dell'insulina in un modello animale di insulino-resistenza, il ratto di fruttosio-federazione. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28(4): 355-61.

281. Alexopoulos N et al. L'effetto acuto del consumo del tè verde sulla funzione endoteliale in individui in buona salute. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2008 giugno; 15(3): 300-5.

282. Basu et al. un completamento del tè verde colpisce il peso corporeo, i lipidi e la perossidazione lipidica negli oggetti obesi con la sindrome metabolica. J Coll Nutr. 2010 febbraio; 29(1): 31-40.

283. Agarwall B e Baur JA. Resveratroli e prolungamento della vita. Ann N Y Acad Sci. 2011 gennaio; 1215:138-43.

284. Il resveratrolo di Harada N et al. migliora la funzione conoscitiva in topi aumentando la produzione del fattore-Io del tipo di insulina della crescita nell'ippocampo. Biochimica di J Nutr. 4 febbraio 2011.

285. Effetto di Rahvar m. et al. dei resveratroli orali sull'espressione genica di BDNF nell'ippocampo del cervello del ratto. Ricerca di Neurochem. 2011 maggio; 36(5): 761-5.

286. Chiavaroli et al. un resveratrolo inibisce la produzione del isoprostane in giovani e nel cervello invecchiato del ratto. Agenti di biol Regul Homeost di J. 2010 ottobre-dicembre; 24(4): 441-6.

287. Attività antinfiammatorie di Zhang F et al. dei resveratroli nel cervello: ruolo dei resveratroli nell'attivazione microglial. EUR J Pharmacol. 25 giugno 2010; 636 (1-3): 1-7.

288. Il resveratrolo di Lin YL et al. protegge da da rottura indotta LDL ossidata della barriera ematomeningea diminuendo la rottura delle giunzioni strette e degli insulti apoptotici alle cellule endoteliali cerebrovascolari del topo. J Nutr. 2010 dicembre; 140(12): 2187-92.

289. Gli effetti di Li la H et al. Neuroprotective dei resveratroli sulla lesione ischemica hanno mediato migliorando il metabolismo energetico del cervello ed alleviando lo sforzo ossidativo in ratti. Neurofarmacologia. 2011 febbraio-marzo; 60 (2-3): 252-8.

290. Il resveratrolo di Oomen CA et al. conserva la densità cerebrovascolare e la funzione conoscitiva nei topi di invecchiamento. Front Aging Neurosci. 9 dicembre 2009; 1: 4.

291. Il resveratrolo di RH di unico nato et al. attenua i danni comportamentistici e riduce la perdita corticale e hippocampal in un modello corticale di impatto controllato ratto del trauma cranico traumatico. J Neurotrauma. 2010 giugno; 27(6): 1091-9.

292. Kennedy FA et al. gli effetti dei resveratroli sulle variabili cerebrali del flusso sanguigno e della prestazione conoscitiva in esseri umani: una prova alla cieca, controllata con placebo, ricerca dell'incrocio. J Clin Nutr. 2010 giugno; 91(6): 1590-7.

293. La Dal-pentola et al. le prestazioni conoscitive è migliorata selettivamente durante la restrizione o il completamento calorica cronica di resveratroli in un primate. PLoS uno. 31 gennaio 2011; 6(1): e16581.

294. Vitamine di Selhub J et al. B ed il cervello di invecchiamento. Rev. 2010 di Nutr dicembre; 68 supplementi 2: S112-8.

295. L'alta omocisteina di Tucker chilolitro et al. e le vitamine basse di B predicono il declino conoscitivo negli uomini di invecchiamento: lo studio normativo di invecchiamento di affari dei veterani. J Clin Nutr. 2005 settembre; 82(3): 627-35.

296. Vitamine dell'omocisteina, di B di MN di Haan et al. e l'incidenza di demenza e di danno conoscitivo: risultati dallo studio del latino di area di Sacramento su invecchiamento. J Clin Nutr. 2007 febbraio; 85(2): 511-7.

297. Vitamine dell'omocisteina e di B di Quadri P et al. nel danno e nella demenza conoscitivi delicati. Med del laboratorio di Clin Chem. 2005;43(10):1096-100.

298. Le vitamine dell'omocisteina e di B di Scott TM et al. si riferiscono al volume del cervello e la bianco-materia cambia in pazienti geriatrici con i disturbi psichiatrici. Psichiatria di J Geriatr. 2004 novembre-dicembre; 12(6): 631-8.

299. Shoffner JM, malattie di fosforilazione di Wallace D. Oxidative. In: CR di Scriver, AL di Beaudet, Sly WS, ed altri, eds. Le basi metaboliche e molecolari della malattia ereditata. New York, NY: McGraw-Hill; 1995.

300. BN di Ames. Ritardo del decadimento mitocondriale di invecchiamento. Ann N Y Acad Sci 2004; 1019:406-411.

301. Kidd PM. Neurodegeneration da insufficienza mitocondriale: sostanze nutrienti, cellule staminali, fattori di crescita e prospettive per il cervello che ricostruisce facendo uso della gestione integrante. Altern Med Rev. 2005 dicembre; 10(4): 268-93.

302. Coenzima Q10 di Manacuso m. et al. nei disordini neuromuscolari e neurodegenerative. Obiettivi della droga di Curr. 2010 gennaio; 11(1): 111-21.

303. Galpern WR e Cudkowicz ME. Trattamento del coenzima Q delle malattie neurodegenerative di invecchiamento. Mitocondrio. 2007 giugno; 7 supplementi: S146-53.

304. Il coenzima Q10 di Yang X et al. attenua la patologia dell'beta-amiloide nei topi transgenici invecchiati con il presenilin di Alzheimer 1 mutazione. J Mol Neurosci. 2008 febbraio; 34(2): 165-71.

305. L'uso ad alta dose di statina di Traustadottier T et al. non altera la capacità aerobica o la funzionalità del muscolo scheletrica in adulti più anziani. Età (Dordr). 2008 dicembre; 30(4): 283-91.

306. Il coenzima Q10 di Hamilton SJ et al. migliora la disfunzione endoteliale nel tipo statina-trattato - 2 pazienti diabetici. Cura del diabete. 2009 maggio; 32(5): 810-2.

307. Kettawan et al. effetti protettivi del coenzima q (10) su resistenza ossidativa in diminuzione di sforzo indotta dalle simvastatine. Biochimica Nutr di J Clin. 2007 maggio; 40(3): 194-202.

308. Carnitina di Zammit VA et al., funzione mitocondriale e terapia. Rev. 2009 il 30 novembre di Deliv della droga di adv; 61(14): 1353-62.

309. Mynatt RL. Carnitina e diabete di tipo 2. Rev. 2009 di ricerca di Metab del diabete settembre; 25 supplementi 1: S45-9.

310. Il neuroprotection Acetile-L-CARNITINA-mediato di KB di Hota et al. durante l'ipossia è attribuito alla biosintesi mitocondriale di ERK1/2-Nrf2-regulated. Ippocampo. 3 maggio 2011. doi: 10.1002/hipo.20934.

311. Potenziamento di Ando S et al. di capacità di apprendimento e della funzione sinaptica colinergica da carnitina nei ratti di invecchiamento. Ricerca di J Neurosci. 15 ottobre 2001; 66(2): 266-71.

312. Da disattivazione indotta da ipossia di Barhwal K et al. della segnalazione NGF-mediata ERK1/2 in cellule hippocampal: neuroprotection da acetile-L-carnitina. Ricerca di J Neurosci. 2008 settembre; 86(12): 2705-21.

313. La Acetile-L-carnitina di alveo E et al. fornisce l'efficace in vivo neuroprotection oltre da neurotossicità mitocondriale indotta methylenedioximethamphetamine 3,4 nel cervello adolescente del ratto. Neuroscienza. 23 gennaio 2009; 158(2): 514-23.

314. La Acetile-L-carnitina di Taglialatela G et al. migliora la risposta delle cellule PC12 al fattore di crescita del nervo. Brain Res Dev Brain Res. 24 aprile 1991; 59(2): 221-30.

315. Conseguenza di Taglialatela G et al. Neurite in cellule PC12 stimolate dall'amide dell'arginina della acetile-L-carnitina. Ricerca di Neurochem. 1995 gennaio; 20(1): 1-9.

316. Meta-analisi Montgomery SA et al. di doppi test clinici controllati randomizzati ciechi di acetile-L-carnitina contro placebo nel trattamento di danno conoscitivo delicato e del morbo di Alzheimer delicato. Int Clin Psychopharmacol. 2003 marzo; 18(2): 61-71.

317. Kidd PM. Morbo di Alzheimer, danno conoscitivo delicato amnestic e danno età-collegato di memoria: comprensione e progresso della corrente verso la prevenzione integrante. Altern Med Rev. 2008 giugno; 13(2): 85-115.

318. Richter Y et al. L'effetto di fosfatidilserina-contenere gli acidi grassi omega-3 sulle abilità di memoria negli oggetti con i reclami soggettivi di memoria: uno studio pilota. Invecchiamento di Clin Interv. 2 novembre 2010; 5:313-6.

319. La fosfatidilserina Soia-derivata di Kato-Kataoka A et al. migliora la funzione di memoria degli oggetti giapponesi anziani con i reclami di memoria. Biochimica Nutr di J Clin. 2010 novembre; 47(3): 246-55.

320. La fosfatidilserina di Vakhapova V et al. che contiene gli acidi grassi omega-3 può migliorare le abilità di memoria negli anziani non pazzi con i reclami di memoria: una prova controllata con placebo della prova alla cieca. Geriatr demente Cogn Disord. 2010;29(5):467-74.

321. Ginkgo biloba di Birks J et al. per danno e demenza conoscitivi. Rev. 2009 il 21 gennaio del sistema della base di dati di Cochrane; (1): CD003120.

322. Mashayekh et al. effettua del ginkgo biloba su flusso sanguigno cerebrale valutato dalla rappresentazione quantitativa di aspersione di risonanza magnetica: uno studio pilota. Neuroradiologia. 2011 marzo; 53(3): 185-91.

323. Mashayekh et al. effettua del ginkgo biloba su flusso sanguigno cerebrale valutato dalla rappresentazione quantitativa di aspersione di risonanza magnetica: uno studio pilota. Neuroradiologia. 2011 marzo; 53(3): 185-91.

324. Miglioramento di Araujo JA et al. della prestazione di memoria a breve termine in cani da lepre invecchiati da un supplemento nutraceutical che contiene fosfatidilserina, ginkgo biloba, vitamina E e piridossina. Può controllare il J. 2008 aprile; 49(4): 379-85.

325. Kennedy FA et al. gli effetti conoscitivi acuti dell'estratto standardizzato del ginkgo biloba complessato con la fosfatidilserina. Ronzio Psychopharmacol. 2007 giugno; 22(4): 199-210.

326. Kennedy FA et al. gli effetti conoscitivi acuti dell'estratto standardizzato del ginkgo biloba complessato con la fosfatidilserina. Ronzio Psychopharmacol. 2007 giugno; 22(4): 199-210.

327. Meccanismi di Dhanasekaran m. et al. Neuroprotective del monniera botanico antidemenziale ayurvedic di Bacopa. Ricerca di Phytother. 2007 ottobre; 21(10): 965-9.

328. Glicoside di Bhandari P et al. Bacosterol, un nuovo glicoside di 13,14 seco-steroidi dal monnieri di Bacopa. Toro di Chem Pharm (Tokyo). 2006 febbraio; 54(2): 240-1.

329. Determinazione quantitativa di Deepak m. et al. del bacoside principale A della miscela della saponina in monnieri di Bacopa da HPLC. Phytochem anale. 2005 gennaio-febbraio; 16(1): 24-9.

330. Stough C et al. Gli effetti cronici di un estratto di monniera di Bacopa (Brahmi) sulla funzione conoscitiva nei soggetti umani in buona salute. Psicofarmacologia (Berl). 2001 agosto; 156(4): 481-4.

331. Effetti di Calabrese C et al. di un estratto standardizzato di monnieri di Bacopa sulla prestazione, sull'ansia e sulla depressione conoscitive negli anziani: un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Med del complemento di J Altern. 2008 luglio; 14(6): 707-13.

332. Stough C et al. che esamina gli effetti nootropic di un estratto speciale di monniera di Bacopa sul funzionamento conoscitivo umano: prova randomizzata controllata con placebo della prova alla cieca giorna 90. Ricerca di Phytother. 2008 dicembre; 22(12): 1629-34.

333. Legare di Kitisripanya N et al. del huperzine A e del galanthamine ad acetilcolinesterasi, in base al metodo di ONIOM. Nanomedicine. 2011 febbraio; 7(1): 60-8.

334. L'amministrazione sistemica di Myers TM et al. del huperzine potenziale di contromisure inibisce reversibilmente l'attività centrale e periferica dell'acetilcolinesterasi senza effetti conoscitivo-comportamentistici avversi. Biochimica Behav di Pharmacol. 2010 gennaio; 94(3): 477-81.

335. Le capsule di Sun QQ et al. Huperzine-A migliorano la memoria e la prestazione dell'apprendimento in 34 coppie gli studenti adolescenti abbinati. Zhongguo Yao Li Xue Bao. 1999 luglio; 20(7): 601-3.

336. Efficacia di Wang BS et al. e sicurezza del huperzine naturale A dell'inibitore dell'acetilcolinesterasi nel trattamento del morbo di Alzheimer: una meta-analisi aggiornata. Trasmettitore neurale di J. 2009 aprile; 116(4): 457-65.

337. Koistinaho m., Koistinaho J. Interactions fra il morbo di Alzheimer e l'ischemia cerebrale--fuoco su infiammazione. Brain Res Brain Res Rev. 2005 aprile; 48(2): 240-50.

338. Amenta F, Tayebati SK, et al. associazione con il alphoscerate colinergico della colina del precursore e la rivastigmina dell'inibitore del colinesterasi: Un approccio per il miglioramento della neurotrasmissione colinergica. Sviluppatore invecchiante Mech. 14 novembre 2005

339. Parnetti L, Amenta F, alphoscerate di Gallai V. Choline nel declino conoscitivo e nella malattia cerebrovascolare acuta: un'analisi dei dati clinici pubblicati. Sviluppatore invecchiante Mech. 2001 novembre; 122(16): 2041-55.

340. Molnar P, Erdo SL. Vinpocetine è potente quanto la fenitoina bloccare i canali tensione-gated di Na+ in neuroni corticali del ratto. EUR J Pharmacol 1995; 273:303-306.

341. Chiu PJ, Tetzloff G, Ahn HS, Sybertz EJ. Effetti comparativi del vinpocetine e di 8-Brcyclic GMP sulla contrazione e 45Cafluxes nell'aorta del coniglio. J Hypertens 1988; 1:262-268.

342. Derivati di Stolc S. Indole come neuroprotectants. Vita Sci 1999; 65:1943-1950.

343. Osawa m., Maruyama S. Effects di TCV-3B (vinpocetine) su viscosità del sangue nelle malattie cerebrovascolari ischemiche. Ther ha appeso 1985; 33:7-12.

344. 17. Kuzuya F. Effects del vinpocetine sul aggregability della piastrina e sulla deformabilità dell'eritrocito. Ther ha appeso 1985; 33:22-34.

345. Effetto di Feher G et al. del vinpocetine parenterale o orale sui parametri hemorheological dei pazienti con le malattie cerebrovascolari croniche. Phytomedicine. 2009 marzo; 16 (2-3): 111-7.

346. Effetti dei CF di Haskell et al. di una multi-vitamina/supplemento minerale sulla funzione conoscitiva e di un affaticamento durante l'elaborazione multitask estesa. Ronzio Psychopharmacol. 2010 agosto; 25(6): 448-61.