Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD)

Diagnosi

I medici considerano tipicamente COPD in pazienti con la tosse cronica, la produzione dell'espettorato, la dispnea, la tolleranza in diminuzione di esercizio e una storia dell'esposizione al fumo di tabacco (ORO 2011).

Presto nella malattia, gli esami fisici possono essere normali. Più successivamente nella malattia, tuttavia, “il torace a botte„ classico può accadere dovuto aria residua bloccata nei polmoni, conducenti alla loro iperinflazione. Inoltre, lo sforzo aumentato richiesto di esalare può produrre ansare, mentre le labbra increspate o le respirazioni grunting possono segnalare gli sforzi per tenere le vie aeree aperte aumentando la pressione all'inizio della scadenza (Crawford 2008; ORO 2011; ICSI 2011). Inoltre, severo a COPD molto severo provoca comunemente l'affaticamento, la perdita di peso e l'anoressia (ORO 2011).

La spirometria è la parità aurea per la diagnostica ed il controllo della progressione di COPD. Questa prova respirante comprende il volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1) - il più grande volume di aria che possa essere espiratoe nel primo secondo di grande respiro e della capacità vitale forzata (FVC) - il più grande volume di aria che possa essere espiratoe in un intero grande respiro. In gente in buona salute, almeno 70% del FVC esce nel primo secondo (cioè, il rapporto di FEV1/FVC è >70%). Infatti, il rapporto <70% di FEV1/FVC è una caratteristica diagnostica di COPD (Nathell 2007; ORO 2011).

Altre prove (per esempio, raggi x, tomografia computerizzata e imaging a risonanza magnetica) possono essere eseguite se le complicazioni quale polmonite sono sospettate.

Il livello dell'alfa-1-antitripsina del siero può anche essere misurato per individuare la carenza dell'alfa-1-antitripsina. Questa prova può essere considerata particolarmente per gli individui di origine europea nordica con una storia personale di COPD prima dell'età 50, della storia della famiglia di COPD o dell'enfisema e dell'esposizione limitata ai inhalants o agli irritanti (Serapinas 2012; Americano Lung Assc. 2011; Manuale di Merck 2008).

Le esacerbazioni di COPD sviluppano spesso quanto segue un'infezione respiratoria o tracheale superiore virale. La valutazione delle esacerbazioni di COPD è basata sopra il grado di limitazione, la durata o il peggioramento dei sintomi nuovi e numero del flusso d'aria degli episodi precedenti. Le prove cliniche (per esempio, elettrocardiografia, conteggio dei globuli e presenza di infezioni) possono anche essere eseguite per valutare la severità di un'esacerbazione (ORO 2011).