Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Sinusite

La sinusite è infiammazione dei seni, che sono piccole cavità piene d'aria all'interno delle ossa del fronte che circonda il naso (NIH 2012; NIAID 2012; MedlinePlus 2011; Mayo Clinic 2012a). I sintomi della sinusite comprendono la congestione, lo scarico del muco ed il dolore facciale. La circostanza colpisce ogni anno un 16% stimato della popolazione adulta degli Stati Uniti, con conseguente milioni di visite dell'ufficio di pronto intervento (Leung 2008; Smith 2012).

La sinusite non dovrebbe essere confusa con rinite, che è caratterizzata da infiammazione connessa con la superficie mucosa della cavità nasale (Hytonen 2012). Tuttavia, poiché la maggior parte delle casse di sinusite inoltre comprendono i sintomi di rinite, il rhinosinusitis di termine è usato spesso (Fokkens 2005; NIH 2012).

La sinusite può essere acutoacuto , sub-acuto, cronico, o ricorrente; il ategorizationdi c dipende dalla durata e dalla frequenza dei sintomi (Leung 2008; Radojicic 2010). La sinusite acuta causa tipicamente i sintomi delicati che risolvono da sè, ma può progredire molto raramente nelle complicazioni severe o persino pericolose, quale un ascesso cerebrale (Onisor-Gligor 2012; Boto 2011; Suhaili 2010; Ferri 2012). La sinusite cronica causa i sintomi persistenti ed è spesso difficile da trattare (Leung 2008).

Le opzioni farmaceutiche convenzionali per ridurre l'infiammazione nei seni e nei passaggi nasali includono i corticosteroidi ed i decongestionante, sebbene qualche gente ricevi limitato, o minimo, sollievo di sintomo (Rossberg 2005). Inoltre, gli antibiotici spesso overprescribed inutilmente poiché la maggior parte delle casse di sinusite acuta sono causate dai virus, che non rispondono agli antibiotici e la sinusite cronica può essere causata da infiammazione cronica o dalle irregolarità anatomiche (Leung 2008; Mayo Clinic 2012c; Salute di PubMed 2012). L'uso inadeguato degli antibiotici può condurre agli organismi resistenti agli antibiotici e ad un aumento inutile negli eventi avversi in relazione con l'antibiotico quale diarrea (Smith 2012; Guarch Ibanez 2011).

Questo protocollo descriverà i seni umani come pure le cause, i fattori di rischio ed i sintomi di sinusite. Le opzioni convenzionali del trattamento saranno esaminate con un metodo senza droga poco usato per l'alleviamento dei sintomi della sinusite. Inoltre, varie terapie naturali scientifico studiate della sinusite saranno esaminate.

I seni umani

I seni paranasali sono 4 paia delle cavità foderate di membrana collegate e mucose che vuotano nella cavità nasale e sono formati all'interno delle ossa del cranio che circondano il naso (occhieggi 2012; NIAID 2012; AAFP 2011). Ciascuna delle cavità del seno è nominata dopo le ossa facciali particolari che forme loro, includendo (NIAID 2012):

  Nome   Posizione
Seni frontali Sopra gli occhi nell'area della fronte
Seni mascellari Dentro ogni zigomo
Seni Ethmoid Dietro il ponte del naso e fra gli occhi
Seni sfenoidali Più profondo dietro i ethmoids, sopra il naso e dietro gli occhi

I seni fanno circolare l'aria e sono allineati con le cellule specializzate che producono il muco e le cellule che possiedono i capelli minuscoli chiamati ciglia (DeMuri 2009). I seni contengono uno strato sottile di muco acquoso che intrappola e filtra gli agenti patogeni ed altre particelle nocive da aria inalata, mentre le ciglia palpitano ritmico o “battito„, spazzante il muco stagnante dai seni e nella cavità nasale (AAFP 2008; NIAID 2012). Oltre a materiale indesiderato di cattura prima che raggiunga i polmoni, il muco e le ciglia inoltre funzionano insieme per riscaldare ed umidificare i seni e le cavità nasali in modo da rimangono umidi e non si asciugano durante la respirazione (NIAID 2012; Jurkiewicz 2011). I seni inoltre generano le alte concentrazioni di ossido di azoto, di radicale libero e di immune-mediatore, che possono servire a mantenere la sterilità, rinforzare la difesa immune contro i virus ed i batteri e migliorare l'efficienza delle ciglia in muco in eccesso di schiarimento (DeMuri 2009; Keir 2009).