Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Sinusite

Diagnosi e trattamento convenzionale

La sinusite solitamente è diagnosticata basata sopra la valutazione di un medico dei sintomi e dell'anamnesi di un paziente. In alcuni casi, quando un paziente presenta con una storia dell'infezione superiore e dei sintomi respiratori che durano i 7 - 10 giorni, una cultura batterica può essere ottenuta. Alcune altre procedure possono aiutare la diagnosi dell'aiuto, ma tipicamente non sono richieste in casi semplici; questi comprendono la radiografia, la tomografia computerizzata, la visualizzazione endoscopica delle secrezioni di ostia e la puntura del seno in casi che hanno venuto a mancare altri trattamenti (fortificazione 2012).

Le raccomandazioni convenzionali del trattamento per sinusite acuta dipendono in gran parte dalla causa fondamentale dell'infezione (Mayo Clinic 2012b). La maggior parte delle casse della sinusite è causata tramite l'infezione virale e gli antibiotici non sono necessari generalmente in questi casi (AAFP 2011; Mayo Clinic 2012b; Smith 2012). Poiché i sintomi di sinusite virale sono delicato--moderato e tipicamente risolvono da sè all'interno dei 10 giorni o di di meno, possono essere diretti spesso via le tecniche di autosufficienza e/o i rimedi domestici (Leung 2008; Mayo Clinic 2012b; Smith 2012; Puhakka 1998).

Le seguenti strategie di autosufficienza possono fornire il sollievo dai sintomi della sinusite:

  • Resto adeguato per aiutare l'infezione di lotta del corpo e per accelerare recupero (AAFP 2008; Mayo Clinic 2012b).
  • Elevi la testa mentre dormono usando un cuscino extra per ridurre la congestione e tenere i seni vuotare correttamente (AAFP 2008; Mayo Clinic 2012b).
  • Resti idratato con acqua, come questo contribuisce a diluire le secrezioni del muco ed a promuovere il drenaggio (Mayo Clinic 2012b; NIH 2012). Le bevande calde sorseggianti possono anche aiutare, poiché possono dilatare i vasi sanguigni e promuovere il drenaggio (AAFP 2008; Merck 2008).
  • Eviti il consumo della caffeina e dell'alcool, poiché possono causare la disidratazione e contribuire al gonfiamento del seno e nasale (AAFP 2008; Mayo Clinic 2012b).
  • Mangi una dieta sana e ben equilibrata, che comprende l'abbondanza della frutta e delle verdure; i ricchi di una dieta in antiossidanti possono amplificare l'infezione immune di lotta di aiuto e di funzione (NIH 2012).
  • Provi l'inalazione del vapore 3-4 volte aprire giornalmente i passaggi del seno, che possono ridurre il dolore ed aiutare il chiaro muco (AAFP 2011). Ciò può essere fatta coprendo un asciugamano sopra la testa ed inalando il vapore in aumento da una ciotola di acqua calda (Mayo Clinic 2012b). Inspirando il caldo, l'aria umida di una doccia calda o l'uso di un umidificatore può anche essere utile (AAFP 2011; Mayo Clinic 2012b; NIH 2012).
  • Applichi un asciugamano caldo e umido alle aree dolorose del seno parecchie volte un il giorno (AAFP 2008; Mayo Clinic 2012b; NIH 2012).
  • Risciacqui fuori i passaggi nasali con uno spray nasale salino parecchie volte un il giorno. Ciò contribuisce a ridurre la congestione allentando il muco e ripulendo i seni ed i passaggi nasali (AAFP 2008, 2011; Balkissoon 2010; Mayo Clinic 2012b; NIH 2012). Questa tecnica può anche avere un effetto d'idratazione, che può ridurre crusting delle secrezioni nasali (Balkissoon 2010). L'irrigazione nasale con una soluzione salina di sale marino sembra essere efficace quanto il lavaggio nasale salino e gli steroidi nasali attuali per la gestione del rhinosinusitis cronico (Friedman 2006, 2012).

Il trattamento con uno o più di seguenti farmaci può anche aiutare:

  • Decongestionante – inoltre conosciuti come gli agonisti α-adrenergici, riduzione del vaso sanguigno di causa dei decongestionante, quindi riducente resistenza delle vie aeree aumentando la dimensione del lume della via aerea (Balkissoon 2010; DeMuri 2009; Corboz 2008). I decongestionante orali quale pseudoefedrina (per esempio, Sudafed™) sono meno potenti che gli spruzzi nasali attuali del decongestionante quali il oxymetazoline (per esempio, Afrin™) e la fenilefrina (per esempio, neo-Synephrine™) (Balkissoon 2010). A differenza dei decongestionante nasali attuali, i decongestionante orali sono associati con gli effetti collaterali sistemici, compreso pressione sanguigna, irrequietezza, insonnia e ritenzione urinaria aumentate (Balkissoon 2010; DeMuri 2009). Sebbene i decongestionante nasali attuali siano preferiti per queste ragioni, il loro uso dovrebbe essere limitato ai non non più di 3-5 giorni consecutivi. Ciò è perché inducono rapidamente la tolleranza, in modo da significa che le più alte e dosi elevate saranno necessarie raggiungere lo stesso effetto (Balkissoon 2010). Ancora, se uno spruzzo nasale del decongestionante è esagerato e poi bruscamente è fermato, un aumento estremo nella congestione nasale (IE, congestione di rimbalzo) può essere sperimentato (Mayo Clinic 2012b; Balkissoon 2010). Similmente, continuato esageri di causa nasale della latta di spruzzi del decongestionante un fenomeno conosciuto come il medicamentosa della rinite, in cui la congestione peggiora malgrado uso continuato o persino aumentato del farmaco (Doshi 2009).

  • Analgesici delicati – gli analgesici non quotati in borsa quali aspirin, acetaminofene (Tylenol™), o ibuprofene (Advil™ o Motrin™) possono essere utili per temporaneamente l'alleviamento il dolore del seno e dell'emicrania (Mayo Clinic 2012b; AAFP 2008). Riferisca al protocollo della tossicità di NSAID e dell'acetaminofene particolarmente quando usando l'acetaminofene su un periodo esteso.

  • Corticosteroidi intranasali – sebbene gli steroidi nasali possano fare diminuire la risposta infiammatoria connessa con sinusite, i test clinici hanno indicato i risultati contraddittori (DeMuri 2009). Food and Drug Administration (FDA) non ha approvato il loro uso per il trattamento di sinusite acuta (Leung 2008). Tuttavia, gli steroidi nasali possono ancora essere del beneficio, poiché possono fare diminuire il gonfiamento dei passaggi del seno connessi con le allergie e permettere che i seni vuotino (NIAID 2012). Di conseguenza, gli steroidi nasali possono essere del beneficio agli individui di cui allergie nasali (per esempio, raffreddore da fieno) predispongali a sinusite di sviluppo (DeMuri 2009).

  • Antibiotici – sebbene la sinusite batterica sia meno comune e più severa della sinusite virale, può risolvere senza l'esigenza degli antibiotici (Mayo Clinic 2012b). Di conseguenza, le linee guida del trattamento della sinusite non raccomandano di prendere gli antibiotici nella prima settimana della malattia, a meno che i sintomi siano particolarmente severi (per esempio, febbre alta o dolore estremo). L'uso prudente degli antibiotici per il trattamento di sinusite è autorizzato perché non sono solitamente utili ed inoltre è associato con gli effetti collaterali negativi, la resistenza a antibiotici ed i costi medici aumentati (Smith 2012). Se ritenuto necessari, gli antibiotici che possono essere prescritti includono l'amoxicillina, la doxiciclina ed il trimetoprim-sulfametossazolo (Mayo Clinic 2012b). Un corso tipico del trattamento antibiotico per sinusite batterica severa dura i 10-14 giorni e non dovrebbe essere cessato presto solo perché i sintomi ha risolto (Balkissoon 2010).

L'intervento chirurgico è solitamente un'ultima località di soggiorno e riservato così alle casse di sinusite cronica che non hanno risposto alla terapia farmacologica (DeMuri 2009; NIAID 2012). Per esempio, la sinusite fungosa allergica rappresenta fino a 9% di tutte le casse della sinusite che richiedono la chirurgia (Schubert 2009). Lo scopo di chirurgia è di migliorare il drenaggio rimuovendo o riducendo l'ostruzione del seno (NIAID 2012). La maggior parte delle procedure chirurgiche per sinusite si aiutano da visualizzazione endoscopica (DeMuri 2009). L'ambulatorio può essere eseguito per ingrandire le aperture del seno, rimuovere i polipi nasali e le anomalie anatomiche corrette (per esempio, setto deviato) (DeMuri 2009; NIAID 2012; NIH 2012). Per la maggior parte dei pazienti, l'ambulatorio provoca il miglioramento durevole di sintomo e una qualità della vita aumentata (DeMuri 2009; NIAID 2012); tuttavia, i sintomi possono riprodurre (NIAID 2012).

sollievo senza droga della sinusite con l'ultrasuono terapeutico

La sinusite cronica è notoriamente difficile da trattare e sofferenza significativa di cause per quelle che affligge. Gli antibiotici e/o le terapie del corticosteroide possono non riuscire a fornire in alcuni casi il sollievo, lasciando la chirurgia come ultima località di soggiorno (Leung 2008).

L'ultrasuono terapeutico, in cui l'ultrasuono a bassa frequenza ondeggia si applica ai seni, sembra essere un efficace trattamento senza droga per sinusite cronica e come pure acuta, con poco potenziale per gli effetti collaterali (Patel 2012).

In uno studio 2010 su 22 oggetti con una storia del rhinosinusitis cronico che aveva venuto a mancare la gestione medica aggressiva, l'ultrasuono terapeutico i 3 giorni alla settimana per 6 sessioni conduce ad un miglioramento di 34% su una valutazione standardizzata dei sintomi della sinusite (giovani 2010). Uno studio 2012 su 30 pazienti cronici di rhinosinusitis che hanno ricevuto l'ultrasuono terapeutico i 3 giorni alla settimana per 10 sessioni ha rivelato una riduzione dei sintomi della sinusite di fino a 65% (Ansari 2012). Un rapporto di 2010 casi ha indicato che questo stesso regime terapeutico sintomi risolti della sinusite in un paziente che stava soffrendo dalla sinusite cronica per un anno. Dopo il trattamento il paziente ha avvertito soltanto l'ostruzione nasale delicata (Ansari 2010). Nei più grandi 2010 di prova comprendendo 42 oggetti con la sinusite acuta, ultrasuono terapeutico amministrato per 4 giorni consecutivi forniti tan sollievo dai sintomi quanto l'amoxicillina antibiotica (Hosoien 2010).

L'ultrasuono terapeutico è stato indicato per interrompere i biofilm (Karosi 2012). Un biofilm è uno strato del film del tipo di muco secernuto da alcuni agenti patogeni che gli organismi contagiosi di aiuti colonizzano una superficie. Gli organismi inclusi in un biofilm sono molto difficili da sradicare. Nelle cavità del seno, i biofilm sembrano contribuire all'infezione persistente e sono associati con sinusite (Biel 2011; Bezerra 2009). L'ultrasuono terapeutico sembra interrompere il biofilm, che può contribuire alla sua efficacia nell'alleviamento dei sintomi della sinusite (Karosi 2012; Patel 2012; Giovane 2010).