Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Acne

Terapie integranti

La natura multifattoriale di acne suggerisce che ci siano opportunità multiple di intervenire nel suo sviluppo. Parecchi composti naturali hanno il potenziale di eccellere in gestione dell'acne mirando ai vari aspetti durante lo sviluppo dell'acne. Per esempio, alcuni composti naturali possiedono l'attività antimicrobica o battericida, mentre altri esercitano l'azione antinfiammatoria potente.

Olio di pesce

La spiegazione razionale per il completamento dell'olio di pesce come trattamento per acne proviene dall'osservazione che la gente che abituale consuma una dieta pricipalmente che consiste del pesce oleoso ha un'incidenza globale più bassa di acne (Khayef 2012; Skroza 2012).

Uno studio di 93 pazienti dell'acne ha indicato che gli individui che consumano una dieta Mediterranea, che è a ricchi basati a pianta di una dieta in omega-3s, sono meno ad acne incline quella coloro che segue altri modelli dietetici (Skroza 2012).

In un test clinico, 13 pazienti con acne infiammatoria sono stati dati giornalmente 930 mg dell'acido eicosapentanoico dell'acido grasso omega-3 (EPA) per dodici settimane. Alcuno sottopone i miglioramenti modesti con esperienza nella severità dell'acne dopo il trattamento (Khayef 2012). Una prova su scala ridotta su 5 oggetti con delicato per moderare l'acne ha indicato che il trattamento con il quotidiano 1000 di mg EPA per due mesi ha condotto ad una riduzione in infiammazione e numero totale delle lesioni dell'acne (Rubin 2008).  

Zinco

Lo zinco è un minerale con parecchie proprietà che potrebbero potenzialmente alleviare l'acne. Per esempio, esercita antinfiammatorio e le azioni antiossidanti, effetti antibatterici contro le acni del P., modula il sistema immunitario e riduce la produzione di sebo (brocardo 2011; Brandt 2013; Iinuma 2011). Lo zinco inoltre sembra complementare alcuni antibiotici nel trattamento di acne (Iinuma 2011). I livelli dello zinco del plasma sono stati trovati per essere ridotti significativamente nelle vittime severe dell'acne rispetto a quelle all'acne del delicato--moderato in uno studio su 94 oggetti (Ozuguz 2013).

Uno studio in doppio cieco su 37 oggetti con acne moderata e severa ha confrontato lo zinco ad un antibiotico della tetraciclina; entrambi i trattamenti hanno ridotto la severità dell'acne di circa 70% (Michaelsson, Juhlin, Ljunghall 1977). Un altro controllato con placebo, studio in doppio cieco su 56 vittime dell'acne ha dimostrato un effetto significativo di zinco sui conteggi della lesione dell'acne. In questa prova, 29 oggetti che ricevono il solfato di zinco di mg 600 hanno raggiunto giornalmente le riduzioni significative dei conteggi della lesione dell'acne dopo 12 settimane del trattamento confrontate a 27 oggetti che prendono un placebo (Verma 1980).

In una prova futura dell'aperto etichetta, 48 delicati moderare le vittime dell'acne sono stati dati tre dosi ad un di un complesso diretto a metionina dello zinco di mg 75 (che contiene 15 mg di zinco elementare) insieme agli antiossidanti per tre mesi. I ricercatori hanno notato una diminuzione significativa della lesione includono 79% degli oggetti (Sardana 2010). In un'altra prova dell'aperto etichetta, trenta oggetti con acne infiammatoria hanno preso 30 mg di quotidiano elementare dello zinco per i 60 giorni. Le lesioni hanno fatto diminuire significativamente di giorno 30 della prova e questa riduzione era ancor più pronunciata alla conclusione della prova. Come componente dello stesso studio, lo zinco è stato trovato per fare diminuire la resistenza delle acni del P. all'eritromicina nella coltura cellulare (Dreno 2005).

Lo zinco è inoltre efficace una volta aggiunto alle soluzioni attuali per acne. Una soluzione di acetato dello zinco 1,2% e di eritromicina di 4% applicati ha provocato due volte al giorno più di rapporto di riproduzione di 64% dei conteggi della lesione dell'acne dopo 12 settimane (Langner 2007). Un randomizzato, nella prova osservatore-cieca di efficacia su 246 pazienti dell'acne del delicato--moderato, gel della clindamicine nei 1%/zinco applicati una volta o è stato indicato due volte al giorno per essere ugualmente sicuri ed efficaci come lozione della clindamicine di 1%. Entrambi erano applicati per 16 settimane (Cunliffe 2005). L'aggiunta di zinco ad una formulazione attuale inoltre sembra fare diminuire l'assorbimento sistemico di altri composti attivi che possono essere inclusi, quali gli antibiotici. Ciò può ridurre il rischio di effetti collaterali sistemici ed aumentare la disponibilità locale delle molecole antibiotiche (Chassard 2006).

Lattoferrina

La lattoferrina, una proteina con gli effetti antimicrobici ed antinfiammatori, è una componente del sistema immunitario innato e trovata in prodotti naturali quale latte. In una prova di 39 oggetti con acne, le compresse della lattoferrina oltre 8 settimane hanno provocato due volte al giorno una diminuzione significativa nel numero delle lesioni dell'acne in quasi 77% degli oggetti (Mueller 2011). In una prova controllata con placebo e randomizzata, 18 oggetti hanno ricevuto 200 mg di quotidiano della lattoferrina; le lesioni dell'acne sono diminuito significativamente nel gruppo della lattoferrina soltanto. Interessante, i livelli del sebo inoltre sono diminuito da 31% nel gruppo della lattoferrina confrontato al gruppo del placebo (Kim 2010).

Olio dell'albero del tè

L'olio dell'albero del tè è derivato dalla pianta di melaleuca alternifolia e contiene i terpenoidi, che hanno proprietà antimicrobiche ed antinfiammatorie (Pazyar 2013). I terpenoidi modulano la segnalazione del N-F-kappaB, un mediatore importante di segnalazione infiammatoria (de las Heras 2009). In una prova randomizzata di 60 vittime dell'acne del delicato--moderato, il gruppo del trattamento (30 individui) ha applicato un gel attuale dell'olio dell'albero del tè di 5% per i 45 giorni ed ha avvertito una riduzione significativa dei conteggi totali della lesione e la severità dell'acne confrontata al gruppo del placebo (Enshaieh 2007). Un'altra prova a singolo-cieco in cui 124 oggetti con delicato per moderare l'acne sono stati assegnati a caso o al gel attuale dell'olio dell'albero del tè di 5% o perossido di benzolo di 5% ha indicato che entrambe le formulazioni hanno ridotto significativamente il conteggio totale della lesione e la formulazione dell'albero del tè hanno causato leggermente meno effetti collaterali (bassotto 1990).

Niacinamide

Niacinamide (anche conosciuto come nicotinammide) è un composto derivato da niacina (vitamina B3) (Surjana 2011). È stato indicato per esercitare l'azione antinfiammatoria all'interno della pelle. In un test clinico randomizzato e controllato di 65 oggetti, nicotinammide di 5% ha eseguito in modo paragonabile alla clindamicine di 2% (entrambe come formulazioni attuali) nella riduzione dei punteggi della severità dell'acne (Shahmoradi 2013). Come integratore alimentare di 600 mg una - quattro volte quotidiane (congiuntamente ad acido azelaico, a rame, ad acido folico, a piridossina ed a zinco), ha ridotto i sintomi vicino più di 80% dopo 8 settimane del trattamento in un test clinico di 235 oggetti. Ciò era una prova dell'aperto etichetta in cui il supplemento della nicotinammide è stato confrontato al farmaco di acne attuale degli oggetti. La nicotinammide è riuscito significativamente a riduzione dei conteggi della lesione dell'acne ed a migliorare l'aspetto come riferito dagli oggetti (Shalita 2012).

In una prova alla cieca giapponese, la produzione d'esame del sebo di prova controllata con placebo, cinquanta oggetti ha ricevuto un idratante attuale della nicotinammide di 2% quotidiano e cinquanta oggetti hanno ricevuto un placebo. Dopo due settimane del trattamento, la produzione del sebo del gruppo della nicotinammide è stata ridotta significativamente rispetto al gruppo del placebo (Draelos 2006). Un randomizzato separato, prova multicentrata della prova alla cieca ha confrontato un'emulsione della nicotinammide di 4% ad una formulazione della clindamicine di 1%, entrambe quotidiano applicato come formulazioni attuali. La formulazione della nicotinammide è risultata superiore in termini di sicurezza, tollerabilità ed efficacia (Morganti 2011).

Vitamina A

La prova per l'efficacia della vitamina A nell'acne è mista (Melnik 2010). A sostegno del ruolo della vitamina A nel trattamento dell'acne sono i risultati che suggeriscono che possano ridurre l'infiammazione causata dalle acni del P. (Agak 2013). Inoltre, i livelli della vitamina A sono stati trovati per essere significativamente più bassi nella pelle (Rollman 1985) ed in plasma (Labadarios 1987) dei pazienti dell'acne confrontati ai comandi senza acne.

Una certa più vecchia prova ha suggerito l'efficacia per vitamina A orale nell'acne, ma ha contato sulle dosi elevate molto che non sarebbero state raccomandate tipicamente oggi (Kligman 1981; Labadarios 1987; Michaelsson, Juhlin, Vahlquist 1977). D'altra parte, una prova su 211 vittima dell'acne ha trovato che il trattamento attuale della vitamina A per 8 settimane ha condotto ai miglioramenti confrontati a placebo o alla terapia standard (Gandola 1976).

Vitamina E

La vitamina E (tocoferolo) è generalmente importante per salute della pelle e una carenza in questo antiossidante è stata correlata con l'aumento della severità di acne (Ozuguz 2013). Un effetto collaterale del trattamento di isotretinoina può essere una perdita di vitamina E; quindi, il completamento della vitamina E può essere consigliabile per quelli che ricevono questo farmaco (Akturk 2013).

Aloe Vera

Gli estratti di vera dell'aloe sono usati spesso nei trattamenti della pelle, pricipalmente alleviare le ustioni del minore o l'irritazione (Surjushe 2008). In un randomizzato, uno studio in doppio cieco di 60 pazienti con delicato per moderare l'acne, un gel attuale con l'aloe vera di 50% e 0,05% tretinoine hanno ridotto significativamente sia i comedones che le lesioni infiammatorie più efficacemente di 0,05% tretinoine da solo dopo otto settimane del trattamento. Il gel vera-contenente dell'aloe inoltre ha causato significativamente il meno rossore come effetto collaterale (Hajheydari 2013).

Estratto del crespino

Il crespino ha proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche e può ridurre la produzione del sebo. Le capsule orali quotidiane che contengono 600 mg di estratto del crespino sono state date a 25 pazienti in una prova su scala ridotta ed i cambiamenti nei loro sintomi dell'acne sono stati paragonati a 24 oggetti simile-afflitti su una pillola del placebo. Il numero medio della lesione dell'acne conta ed i punteggi della severità dell'acne degli oggetti che prendono il crespino per quattro settimane ciascuno sono stati ridotti di 44% (Fouladi 2012).

Tè verde

Il tè verde ed il suo principio attivo, catechine, sono associati con il regolamento infiammatorio di risposta con il N-F-kappaB (Yang 1998; Reuter 2010). Le applicazioni topiche dell'estratto del tè verde possono avere potenziale nel trattamento dell'acne (Pazyar 2012). In una prova a singolo-cieco e randomizzata di 20 oggetti per gruppo che confronta la lozione del tè di 2%, la preparazione del tè ha ridotto significativamente le lesioni infiammatorie negli oggetti con acne (Sharquie 2008). Un'altra prova unidirezionale di 20 oggetti che applicano una lozione del tè verde di 2% per sei settimane ha dimostrato due volte al giorno gli effetti significativi del tè sulla severità dell'acne e sul conteggio della lesione (Elsaie 2009).

Estratti dell'alga

Gli estratti dalle varie alghe recentemente hanno attirato l'interesse come trattamento della pelle. È provato che le molecole chiamate oligosaccaridi dell'alga collegati a zinco possono ridurre significativamente la produzione del sebo (Ruxton 2013). Inoltre, alcune specie hanno indicato l'attività antinfiammatoria ed antimicrobica (Choi 2011). Uno studio in doppio cieco ha paragonato trenta oggetti che usando un oligosaccaride alga-derivato attuale che contiene 0,1% pirrolidoni dello zinco ad un numero uguale facendo uso di una preparazione (non attiva) di controllo. C'era una riduzione significativa di lesioni nel gruppo 'dell'alga' soltanto (Capitanio 2012).

Gugulipid

Gugulipid, ad una molecola basata a lipido anche conosciuta come il guggulsterone, è capito per regolare la produzione di altre a sostanze basate a lipido nel corpo, che includono il sebo (Bajor 1997; Ulbricht 2005). In una prova, venti oggetti con acne sono stati assegnati 25 al guggulsterone di mg o tetraciclina di mg 500. Entrambi sono stati presi due volte al giorno per 3 mesi e le riduzioni delle lesioni dell'acne erano comparabili in entrambi i gruppi (Thappa 1994).