Che cosa è caldo

I flash di notizie sono inviati frequentemente qui per tenervi aggiornato con gli ultimi avanzamenti nella salute e nella longevità. Abbiamo un registro ineguagliabile delle storie di rottura circa gli avanzamenti del prolungamento della vita.

 

 

 

Che cosa è archivio caldo

 

26 febbraio 2010

Combinato nutriente riduce l'infiammazione e lo sforzo ossidativo

Combinato nutriente riduce l'infiammazione e lo sforzo ossidativoUn articolo ha pubblicato online il 24 febbraio 2010 nel giornale americano dei rapporti clinici di nutrizione un risultato positivo per una combinazione di sostanze nutrienti nella riduzione l'infiammazione e dello sforzo ossidativo e nel miglioramento del metabolismo nei soggetti umani di peso eccessivo. L'infiammazione aumentata è creduta per partecipare alla maggior incidenza della malattia osservata in individui di peso eccessivo.

In un doppio accecato in, lo studio dell'incrocio, ricercatori olandesi ha dato un placebo o una miscela dietetica antinfiammatoria delle sostanze nutrienti conosciute ad infiammazione di influenza a 36 uomini di peso eccessivo di cui i livelli C-reattivi leggermente elevati della proteina del plasma hanno indicato uno stato di infiammazione. La miscela ha incluso 6,3 resveratroli di milligrammi, l'estratto del tè verde da 94,5 milligrammi, un alfa-tocoferolo da 90,7 milligrammi (vitamina E), una vitamina C da 125 milligrammi, acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce ed estratto del pomodoro. Gli oggetti hanno ricevuto le capsule dietetiche antinfiammatorie del placebo o della miscela durante i quattro periodi di cinque settimane, dopo di che il plasma ed i campioni di urina sono stati analizzati per gli indicatori di infiammazione e della difesa ossidativa di sforzo. Inoltre, 120 proteine del plasma, 274 metaboliti del plasma e i transcriptomes (parte dei genoma) delle cellule mononucleari del sangue periferico e del tessuto adiposo sono stati valutati.

Mentre la proteina C-reattiva livella rimanente identicamente, una serie di altri fattori migliori dopo 5 settimane della miscela dietetica antinfiammatoria, compreso un aumento di 7 per cento in adiponectin del plasma, un adipokine antinfiammatorio hanno secernuto dalle cellule grasse. I cambiamenti in altre misure hanno indicato i miglioramenti nell'infiammazione del tessuto adiposo, nella funzione endoteliale e nei livelli di sforzo ossidativi ed hanno aumentato l'ossidazione dell'acido grasso del fegato.

“I cambiamenti nelle concentrazioni di geni, proteine ed i metaboliti indotti dalla miscela dietetica antinfiammatoria sono sembrato essere coerenti,„ gli autori scrivono. “Contrariamente ai biomarcatori accettati, all'applicazione delle tecniche di nutrigenomics per il delineamento su grande scala dei geni, alle proteine ed ai metaboliti ha indicato che la miscela dietetica antinfiammatoria poteva influenzare i processi di infiammazione, dello sforzo ossidativo e del metabolismo in esseri umani.„

— Tintura di D

24 febbraio 2010

La niacina può contribuire a migliorare la funzione del cervello dopo il colpo

La niacina può contribuire a migliorare la funzione del cervello dopo il colpoLa conferenza internazionale del colpo, tenuta 23-26 febbraio 2010 a San Antonio, era il sito di una presentazione da direttore scientifico Michael Chopp di Henry Ford Neuroscience Institute, il PhD riguardo alla sua scoperta di un effetto protettivo ha conferito dalla vitamina B3, o dalla niacina, sulla funzione neurologica che segue un colpo.

La niacina è raccomandata comunemente per la gente con l'alto colesterolo nel siero, che è associato con la malattia cardiovascolare. La capacità di niacina di aumentare la lipoproteina ad alta densità (HDL), una forma protettiva di colesterolo, aiuti riduce il rischio di attacco di cuore e di colpo.

Il Dott. Chopp ed i suoi colleghi ha verificato l'effetto della niacina del esteso-rilascio in un modello del ratto del colpo. Gli animali sono stati dati 40 milligrammi/niacina di chilogrammo quotidiana per due settimane, cominciando 24 ore dopo un periodo di due ore di occlusione media dell'arteria cerebrale. Un gruppo di controllo degli animali non ha ricevuto la vitamina. Quando i cervelli degli animali sono stati esaminati, i ricercatori hanno trovato i nuovi vasi sanguigni e le cellule nervose che germogliano nei ratti che hanno ricevuto la niacina, indicanti il risultato neurologico migliore.

La ricerca più iniziale condotta a Henry Ford Hospital ha rivelato i bassi livelli di colesterolo di HDL nei pazienti del colpo ai tempi dell'ammissione. Il Dott. Chopp ha determinato che l'elevazione di HDL da niacina aumenta la crescita del cervello degli assoni e dei dendrites. “La niacina essenzialmente riavvolge il cervello che ha potenziale molto emozionante per uso in esseri umani,„ il Dott. Chopp ha dichiarato. “I risultati di questo studio possono anche porte aperte in altre aree di medicina neurologica, compreso il trauma cranico.„

Henry Ford Hospital è attualmente il solo sito negli Stati Uniti che stanno valutando l'effetto di niacina nei pazienti umani del colpo. “Se questo risulta anche lavorare bene nelle nostre prove umane, poi avremo il beneficio di un a basso costo, trattamento facile-tollerabile per una delle circostanze il più neurologico devastanti,„ il Dott. Chopp ha detto.

— Tintura di D

22 febbraio 2010

Il progesterone mostra la promessa per il trauma cranico traumatico

Il progesterone mostra la promessa per il trauma cranico traumaticoDurante una tavola rotonda sull'argomento del trauma cranico che ha avuto luogo all'associazione americana per l'avanzamento della riunione annuale di scienza (AAAS) a San Diego il 19 febbraio 2010, David Wright, MD di Emory University ha riferito il progresso che è fatto facendo uso del progesterone nei pazienti traumatici del trauma cranico (TBI).

Il progesterone è presente nei cervelli di entrambi i maschi e femmine ed il tessuto di cervello umano contiene i numerosi ricevitori del progesterone. La ricerca suggerisce che il progesterone sia necessario per lo sviluppo normale del neurone ed aiuti protegge dal trauma cranico.

Un nuovo test clinico di fase III della prova alla cieca conosciuto come protegge III (progesterone per il trauma cranico traumatico – trattamento clinico sperimentale) seguirà il triennale protegge una prova di I di 100 pazienti di trauma del cervello che hanno concluso che il progesterone era sicuro e potrebbe ridurre il rischio di inabilità e di morte a lungo termine. I pazienti di trauma del cervello hanno trattato con progesterone nella prova di protezione I erano mezzi come probabilmente morire delle loro lesioni confrontate a coloro che non ha ricevuto l'ormone.

La prova corrente iscriverà 1.140 pazienti sugli anni 3 - 6 che cominciano a marzo di questo anno. Grady Memorial Hospital a Atlanta servirà da centro di cavo fra 17 centri medici in tutto gli Stati Uniti che stanno partecipando.

“Nessun nuovo trattamento per TBI severo è stato approvato dentro in 30 anni,„ il Dott. indicato Wright, che è un professore associato della medicina di emergenza ad Emory University School di medicina. “Con tale successo di promessa nella prova di laboratorio e nel nostro test clinico precedente, speriamo di concludere in questa prova nazionale che progesterone-lungo con i cura-lavori medici standard di trauma migliorano che l'assistenza medica standard da solo nella riduzione della lesione cerebrale causata da un TBI.„

— Tintura di D

19 febbraio 2010

La meta-analisi conferma la correlazione dei livelli elevati di vitamina D con un'incidenza più bassa del diabete e della malattia cardiaca

La meta-analisi conferma la correlazione dei livelli elevati di vitamina D con un'incidenza più bassa del diabete e della malattia cardiacaUna meta-analisi che compare nell'edizione del marzo 2010 del giornale Maturitas associa i livelli elevati di vitamina D con una riduzione del rischio di disordini cardiometabolic fra tantissimi uomini invecchiati e più anziani del mezzo e le donne.

Nell'introduzione al loro articolo, gli autori notano che i disordini cardiometabolic, compreso la malattia cardiovascolare, diabete di tipo 2 e sindrome metabolica sono cause importanti della malattia e della morte e che la carenza di vitamina D è inoltre mondiale altamente prevalente.

Diciannove a sezione trasversale, il caso-control 3 e 9 studi di gruppo, compreso complessivamente 99.745 partecipanti, sono stati selezionati per l'esame. Quattordici studi hanno avuto luogo negli Stati Uniti ed il resto è stato condotto Europa, in Iran, in Australasia ed in India.

L'analisi riunita dei dati ha rivelato quella che ha un ad alto livello del hydroxyvitamin D del siero 25 è stata associata con una riduzione 43 del rischio di disordini cardiometabolic confrontati ai bassi livelli. L'associazione era significativa attraverso tutti i tipi di studio. Quando la malattia cardiovascolare, la sindrome metabolica ed il diabete sono stati valutati individualmente, i livelli elevati di vitamina D sono stati collegati ai rischi di 33, 51 e 55 per cento più in basso.

“A nostra conoscenza, questa è la prima meta-analisi su questo argomento che fornisce un'immagine completa del ruolo potenzialmente utile che gli alti livelli 25 del hydroxyvitamin D possono assicurare su salute cardiometabolic,„ gli autori annuncia.

“Abbiamo trovato che gli alti livelli della vitamina D fra il medio evo e le popolazioni anziane sono associati con una diminuzione sostanziale nella malattia cardiovascolare, nel diabete di tipo 2 e nella sindrome metabolica,„ il ricercatore conclusivo Dr Oscar H. Franco del cavo, dell'università di istituto di ricerca di scienze della salute di Warwick Medical School a Coventry, l'Inghilterra. “Mirare alla carenza di vitamina D in popolazioni adulte potrebbe potenzialmente lento le epidemie correnti dei disordini cardiometabolic.„

— Tintura di D

17 febbraio 2010

La glucosamina più la camminata migliora i sintomi di artrite

La glucosamina più la camminata migliora i sintomi di artriteI risultati di un test clinico pubblicato online il 12 febbraio 2010 nella ricerca & nella terapia di artrite del giornale indicano che completare con la glucosamina ed impegnarsi in un programma di camminata potrebbero migliorare il dolore, la funzione fisica ed i livelli di attività in adulti con l'artrite.

Il Dott. Kristiann Heesch e colleghi all'università di Queensland in Australia ha randomizzato 36 uomini e donne con delicato per moderare l'osteoartrite del ginocchio o dell'anca ad un giorno 3 o 5 per programma di camminata di settimana. I partecipanti hanno ricevuto il quotidiano del solfato della glucosamina da 1500 milligrammi, 6 settimane prima di e durante il programma di camminata di 12 settimane. Con l'aiuto di un pedometro, gli oggetti sono stati chiesti di aumentare la loro camminata dal 1500 a 3000 punti al giorno durante le prime 6 settimane oltre affatto alla camminata attualmente impegnata dentro. Poi sono stati chiesti di aumentare i loro punti a 6000 al giorno durante le 6 settimane successive. I livelli di attività fisica e la funzione fisica sono stati valutati ed i sintomi di artrite erano stimati sopra l'iscrizione ed a 6, 12, 18 e 24 settimane.

Dopo 6 settimane del completamento, dell'attività fisica, della rigidezza e della funzione della glucosamina migliori. Fra l'inizio del programma di camminata e le 24 visite di seguito di settimana, i miglioramenti significativi nell'attività fisica e la funzione come pure il dolore hanno accaduto e c'era una tendenza per miglioramento nella rigidezza. Nessuna differenza significativa è stata osservata fra i partecipanti che hanno partecipato al giorno 3 e 5 per programmi di settimana. “Questi risultati non sono sorprendente poichè i gruppi di camminata di tre giorni e di cinque giorni non hanno differito significativamente nel numero medio dei giorni realmente hanno camminato alla settimana, il numero medio dei punti quotidiani hanno camminato, né i loro minuti settimanali di attività fisica,„ il Dott. Heesch ha notato. “Forniscono la prova preliminare che le vittime di osteoartrite possono trarre giovamento da una combinazione di solfato e di camminata della glucosamina 3000 punti al giorno per l'esercizio, nei periodi almeno di 1500 punti ciascuno, almeno tre giorni alla settimana„.

— Tintura di D

15 febbraio 2010

Il conteggio di globulo bianco, livelli C-reattivi della proteina predice la morte in individui più anziani

Il conteggio di globulo bianco, livelli C-reattivi della proteina predice la morte in individui più anzianiIn un articolo pubblicato online il 27 gennaio 2010 nelle pubblicazioni delle serie A di gerontologia: Scienze biologiche e scienze mediche, ricercatori al centro medico di Leida nel rapporto olandese che gli alti conteggi di globulo bianchi ed i livelli C-reattivi della proteina predicono indipendente il rischio delle donne e degli uomini di morte durante un periodo di fino a 10 anni dopo il loro 85th compleanno. Le elevazioni in sia globuli bianchi che proteina C-reattiva (CRP) sono indicatori di infiammazione, che è associata con gli eventi vascolari ed altre preoccupazioni di salute.

Lo studio ha incluso 599 individui iscritti fra 1997 e 1999 nello studio più di Leida 85 dei residenti di Leida sopportati fra 1912 e 1914. I partecipanti sono stati seguiti fino alle loro morti, o fino a febbraio 2008. I campioni di sangue ottenuti sopra assunzione sono stati analizzati per i globuli bianchi, i livelli C-reattivi della proteina ed altri fattori.

Su un periodo medio di seguito di 5,4 anni, 169 oggetti sono morto delle cause vascolari e di 277 delle cause nonvascular. C'erano 6 morti dalle cause sconosciute. Gli più alti conteggi di globulo bianchi hanno aumentato il rischio di morte come hanno fatto i livelli più su C-reattivi della proteina. Dopo la regolazione dei dati, gli autori hanno concluso che “conteggio di entrambi i WBC ed il livello di CRP sono preannunciatori indipendenti della mortalità alla vecchiaia.„

“A nostra conoscenza, il confronto di questi preannunciatori, conteggio dei globuli bianco e livelli di CRP, in rapporto con una mortalità aumentata non è stato descritto prima,„ essi scrive. “Gli studi supplementari sono necessari determinare se gli interventi fare diminuire questi indicatori possono ridurre il rischio aumentato della mortalità. Nella pratica clinica, è necessario da prestare più attenzione al potenziale del conteggio di globulo bianco come preannunciatore per la mortalità nel più vecchio vecchio.„

— Tintura di D

12 febbraio 2010

Consumo del cioccolato collegato con il rischio più basso del colpo

Consumo del cioccolato collegato con il rischio più basso del colpoI risultati di un'analisi canadese prevista per la presentazione all'accademia americana della riunione annuale della neurologia sessantaduesima per essere tenuto a Toronto dal 10 aprile al 17 aprile 2010 indicano un'associazione fra cioccolato di consumo e un più a basso rischio del colpo e della mortalità del colpo. Il cioccolato contiene i flavonoidi del cacao a cui il più a basso rischio della malattia cardiovascolare osservata fra gli individui che includono cioccolato nella loro dieta è stato attribuito.  Tuttavia, l'impatto del consumo del cioccolato sul rischio del colpo non è stato esplorato bene.

Sarah Sahib, BScCA, del McMaster University a Hamilton, Ontario, con Gustavo Saposnik, MD, MSc, dell'ospedale di St Michael e dell'università di Toronto ha valutato 88 studi riguardo agli effetti dei flavonoidi sul colpo e sulla mortalità, a partire da cui 3 studi sono stati selezionati. Mentre uno studio ha trovato soltanto un'associazione insignificante fra assunzione flavonoide e un rischio riduttore di colpo o la mortalità quando 3 per cento dell'assunzione della catechina sono stati derivati da cioccolato, un altro studio ha rivelato una riduzione di 22 per cento del rischio di colpo in 44.489 oggetti che hanno consumato il settimanale del cioccolato confrontato al rischio associato senza assunzione settimanale. Nel terzo studio, una diminuzione di 46 per cento nel rischio di morte dal colpo è stata associata con 50 grammi di consumo settimanale del cioccolato fra 1.169 oggetti.

Il Dott. Sahib ha concluso che “il più alta assunzione flavonoide dalle fonti del cioccolato può essere associata con il rischio più basso di incidente di colpo e di mortalità in relazione con il colpo.„

“La più ricerca è necessaria determinare se il cioccolato vero riduce il rischio del colpo, o se la gente più sana è semplicemente più probabile mangiare il cioccolato che altre,„ ha notato.

— Tintura di D

10 febbraio 2010

L'assunzione antiossidante aumentata della vitamina si è collegata con il rischio di cancro cervicale più basso

L'assunzione antiossidante aumentata della vitamina si è collegata con il rischio di cancro cervicale più bassoUn articolo ha pubblicato nell'ultima emissione di nutrizione ed il Cancro riferisce un'associazione fra l'assunzione del beta-carotene e vitamine A, C ed E e un più a basso rischio di cancro cervicale in donne coreane.

MI Kyung Kim del centro nazionale del Cancro della Repubblica Coreana e donne di pari età dei colleghi 144 diagnosticate con cancro cervicale con 288 oggetti di controllo senza storia della malattia. Le informazioni sociodemografiche sono state raccolte sopra l'iscrizione e le risposte di questionario dietetiche sono state analizzate per assunzione nutriente.

I ricercatori hanno scoperto le associazioni fra le più alte assunzioni delle vitamine A, C ed E dalla dieta e supplementi con significativamente un più a basso rischio di cancro cervicale. I partecipanti ai 25 per cento principali dell'assunzione della vitamina E hanno avuti i 47 per cento più a basso rischio di cancro cervicale che quelli nel quarto più basso e quelli nell'un quarto principale delle vitamine A e dell'assunzione di C hanno avuti i 65 per cento più a basso rischio. Quando l'assunzione dalla dieta da solo è stata esaminata, i partecipanti di cui vitamina A, beta-carotene e la vitamina C era nel quarto superiore degli oggetti hanno sperimentato i 64, 52 e 64 per cento più a basso rischio di quelli nel quarti più basso.

“Lo studio presente è il primo per esplorare l'associazione fra le assunzioni antiossidanti della vitamina ed il rischio di cancro cervicale in una popolazione coreana, prendente le assunzioni nutrienti totali (alimento e supplementi) in considerazione,„ gli autori annunciano. Nella loro discussione su un meccanismo possibile, notano che gli antiossidanti inducono la differenziazione cellulare e l'inibizione della crescita in cellule tumorali animali ed umane.

“I risultati sostengono un ruolo per l'assunzione antiossidante aumentata della vitamina nel fare diminuire il rischio di cancro cervicale,„ essi concludono. “Queste associazioni devono essere valutate nei grandi studi prospettivi con seguito a lungo termine.„

— Tintura di D

8 febbraio 2010

Cuore del beneficio di supplementi del potassio, osso

Cuore del beneficio di supplementi del potassio, ossoUn articolo ha pubblicato davanti alla stampa il 18 gennaio 2010 nei rapporti che di ipertensione del giornale di associazione del cuore dell'americano il beneficio di potassio completa sui fattori di rischio per perdita e la malattia cardiovascolare dell'osso.

In una prova alla cieca, la prova controllata con placebo dell'incrocio, 42 uomini e le donne con pressione sanguigna leggermente elevata hanno ricevuto il cloruro di potassio per 4 settimane, il bicarbonato di potassio per 4 settimane, o un placebo per 4 settimane nell'ordine casuale su un periodo di 12 settimane. La pressione sanguigna è stata misurata ed il sangue ed i campioni di urina sono stati analizzati all'inizio dello studio ed alla conclusione di ogni periodo di 4 settimane. La funzione endoteliale, un fattore chiave nella salute cardiovascolare, è stata valutata a ogni volta il punto dall'arteria brachiale flusso-ha mediato la dilatazione.

Entrambi i tipi di potassio urinarii elevati potassio e sono stati associati con i miglioramenti significativi nella funzione endoteliale ed hanno lasciato la funzione diastolica ventricolare come pure a massa ventricolare sinistra in diminuzione ha paragonato al placebo. Mentre il completamento del cloruro di potassio è stato associato con un piccolo miglioramento in 24 ore e nella pressione sanguigna sistolica di giorno e una riduzione in albumina urinaria di 24 ore (che, una volta elevata, è un fattore di rischio per lo sviluppo e la progressione di renale e della malattia cardiovascolare), il bicarbonato di potassio ha ridotto il calcio urinario di 24 ore, il calcio al rapporto della creatinina e il telopeptide di reticolazione del C-terminale del plasma del collagene di tipo 1, che sono indicatori del volume d'affari dell'osso.

“L'assunzione del potassio raggiunta nel nostro studio è molto simile all'assunzione adeguata per gli adulti raccomandati dall'istituto degli Stati Uniti di medicina (120 millimoles al giorno),„ gli autori scrive. “L'assunzione corrente del potassio nella maggior parte delle popolazioni è circa 60 - 70 millimoles al giorno. L'assunzione aumentante del potassio ha potuto svolgere un ruolo importante nella prevenzione della malattia cardiovascolare e dell'osteoporosi a lungo termine.„

— Tintura di D

5 febbraio 2010

Lo stile di vita dovrebbe essere dato la stessa priorità del farmaco dopo la sindrome coronarica acuta

Lo stile di vita dovrebbe essere dato la stessa priorità del farmaco dopo la sindrome coronarica acutaUn articolo pubblicato online il 1° febbraio 2010 nella circolazione americana del giornale di associazione del cuore rivela l'importanza dei cambiamenti di stile di vita nell'impedire gli eventi cardiovascolari ricorrenti in individui con la sindrome coronarica acuta.

I ricercatori principali dal cibo di Clara K di Hamilton General Hospital a Hamilton, Ontario hanno valutato i dati da 18.809 oggetti iscritti all'organizzazione per valutare le strategie nel test clinico randomizzato 5 ischemici acuti di sindromi (OASI). I pazienti erano ammissibili per l'iscrizione se fossero invecchiati 60 e più vecchio, hanno avuti un livello elevato di isoenzima di chinasi-MB della creatina o della troponina, o l'elettrocardiogramma cambia indicativo di ischemia. Dati demografici ed altri sono stati raccolti all'inizio dello studio e le domande riguardo a stato e ad aderenza di fumo ai programmi raccomandati di esercizio e le modifiche dietetiche sono state risposte a dai partecipanti durante le visite di seguito a 1, 3 e 6 mesi. L'attacco di cuore, il colpo, la morte cardiovascolare e la mortalità da tutte le cause sono stati documentati.

Fra coloro che è sopravvissuto a ai 30 giorni dopo la presentazione con la sindrome coronarica acuta, 481 morte e 575 eventi cardiovascolari si sono presentati per la fine del periodo di seguito di 6 mesi. Trenta per cento dei partecipanti hanno riferito l'aderenza sia alle raccomandazioni di esercizio che di dieta a seguito dei 30 giorni mentre 28,5 per cento hanno aderito a nessuni. Quasi due terzi potevano smettere di fumare. La conformità with sia le raccomandazioni di esercizio che di dieta è stata associata con un rischio di attacco di cuore che era metà quello di coloro che non ha aderito. Per coloro che non è riuscito a smettere di fumare come pure ad aderire alle raccomandazioni di esercizio e di dieta, c'era un aumento di 3,8 volte nel rischio di eventi o di morte cardiovascolari rispetto a coloro che non ha fumato mai e che hanno modificato le loro abitudini di esercizio e di dieta.

“L'aderenza a consiglio comportamentistico dopo che la sindrome coronarica acuta è stata associata con sostanzialmente un più a basso rischio degli eventi cardiovascolari ricorrenti,„ gli autori conclude. “Questi risultati suggeriscono che la modifica comportamentistica dovrebbe essere data la priorità simile ad altri farmaci preventivi subito dopo della sindrome coronarica acuta.„

— Tintura di D

3 febbraio 2010

Eserciti la vostra destra ad invecchiamento più sano

Eserciti la vostra destra ad invecchiamento più sanoI rapporti pubblicati nell'emissione del 25 gennaio 2010 degli archivi di medicina interna confermano l'associazione fra attività fisica e la migliore funzione conoscitiva e di salute in individui più anziani.

In un'analisi di 13.535 donne sopra l'età di 70 chi hanno partecipato allo studio della salute degli infermieri, ricercatori alla scuola dell'università di Harvard dell'ospedale di salute pubblica e di Brigham e delle donne e della facoltà di medicina di Harvard a Boston ha determinato che coloro che si è impegnato regolarmente nell'attività fisica durante la metà della vita ha avuto meno malattie croniche o danno fisico o mentale.

Uno studio canadese riferito nel giornale ha confrontato 155 donne invecchiate 65 - 75 assegnati ad una volta o la resistenza due volte alla settimana che si prepara a 49 oggetti di controllo ha assegnato ad addestramento settimanale del tono e dell'equilibrio per un anno. I ricercatori hanno trovato che l'addestramento della resistenza migliora le abilità della funzionalità del muscolo come pure dell'attenzione e della risoluzione del conflitto delle donne.

In un altro rapporto, 3903 partecipanti più anziani ad uno studio di gruppo futuro in Germania sono stati seguiti per due anni. I livelli elevati moderati o di attività fisica sono stati trovati per essere associati con una riduzione dello sviluppo di danno conoscitivo sopra seguito.

Uno studio tedesco supplementare riferito nel giornale ha trovato che le donne hanno invecchiato 65 o più vecchio chi ha partecipato ad un programma ad alta intensità di esercizio per 18 mesi aveva aumentato la densità ossea e un rischio riduttore di caduta una volta confrontato a coloro che è stato assegnato all'esercizio dell'intensità a bassa frequenza e bassa.

“Poiché la popolazione americana sta invecchiando rapidamente e quasi un quarto degli Americani non si impegna in alcun'attività di tempo libero, i nostri risultati sembrano sostenere le linee guida federali per quanto riguarda attività fisica per promuovere la salute fra la gente più anziana e più ulteriormente sottolineare il potenziale di attività di migliorare la salute ed il benessere globali con invecchiamento,„ scriva Jeff Williamson, il MD, il MHS e Marco Pahor, MD in un editoriale accompagnante. “La nozione che l'attività fisica può promuovere la riuscita sopravvivenza piuttosto che estende semplicemente la durata della vita può fornire specialmente la forte motivazione per l'inizio dell'attività.„

— Tintura di D

1° febbraio 2010

Gli acidi grassi Omega-3 hanno potuto essere protettivi contro i disturbi psichiatrici

Gli acidi grassi Omega-3 hanno potuto essere protettivi contro i disturbi psichiatriciDel febbraio 2010 degli archivi del giornale di American Medical Association della psichiatria generale, i ricercatori dall'Austria, la Svizzera e l'Australia riferiscono che le capsule quotidiane dell'olio di pesce che contengono omega-3 gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga (PUFAs) contribuiscono ad impedire i disordini psicotici in individui ad alto rischio.

La ricerca corrente ha incluso 81 giovane adulto con i sintomi psicotici delicati, la psicosi transitoria, o una storia della famiglia di psicosi più il funzionamento in diminuzione. In un randomizzato, la prova doppio accecata, il G. Paul Amminger, il MD dell'università medica di Vienna ed i suoi colleghi hanno dato a 81 partecipante le capsule quotidiane dell'olio di pesce che forniscono 1,2 grammi di omega-3 acidi grassi o un placebo per 12 settimane, seguito da un periodo di monitoraggio da 40 settimane.

Alla conclusione dello studio, 27,5 per cento dei partecipanti che hanno ricevuto un placebo avevano diventato un disordine psicotico, rispetto a 4,9 per cento di coloro che ha ricevuto l'olio di pesce. Gli oggetti che hanno ricevuto l'olio di pesce inoltre hanno riferito meno sintomi e più ben funzionante rispetto al gruppo del placebo.

Gli autori rilevano che il metabolismo disfunzionale dell'acido grasso potrebbe partecipare allo sviluppo della schizofrenia e che le prove degli acidi grassi omega-3 hanno dimostrato i benefici in questa popolazione. Gli acidi grassi Omega-3 possono esercitare i loro benefici protettivi via la loro incorporazione nelle membrane cellulari che colpisce le risposte della fluidità e del ricevitore della membrana, da interazione con i sistemi dopaminergici e serotonergic, o aumentando il glutatione nel cervello, che gli aiuti proteggono i neuroni.

“A nostra conoscenza, questo è in primo luogo randomizzato, prova controllata con placebo in un gruppo alla ricerca di aiuto al rischio ultraelevato di psicosi per verificare l'efficacia di omega-3 PUFAs in un ruolo preventivo,„ gli autori annunciano. “La prova attuale suggerisce forte che omega-3 PUFAs possa offrire una strategia possibile del trattamento e di prevenzione con il rischio collegato minimo in giovani al rischio ultraelevato di psicosi, che dovrebbe ulteriormente essere esplorato.„

— Tintura di D

 

Che cosa è archivio caldo